Manca solo un passo

Editoriale / Il pareggio con il Verona è un discreto risultato per il Torino, che ora deve completare l’opera vincendo a Ferrara

di Gianluca Sartori, @gianluca_sarto

Il pareggio contro il Verona, in casa Torino, è da interpretare probabilmente in chiave positiva. Perchè è stato ottenuto in rimonta contro una squadra più forte come attesta inequivocabilmente la classifica. I granata hanno dimostrato ancora una volta di avere le gomme a terra dal punto di vista fisico e (a dir poco) di non essere in grado di produrre grandi trame di gioco. Due fatti che difficilmente si possono imputare a Moreno Longo.

LEGGI: Le pagelle di Verona-Torino 1-1

Per quanto riguarda l’aspetto della condizione fisica, il tecnico ha a disposizione una rosa troppo scarna. Il fatto che col Verona abbia effettuato solo due cambi di cui uno obbligato la dice lunga. Questo impedisce di alternare i giocatori come sarebbe necessario (cinque elementi della formazione iniziale sono stati titolari per 10 partite in 33 giorni). Invece, per quanto riguarda il gioco, i meccanismi vanno affinati in allenamento; ma Longo non ha mai avuto nè modo nè tempo di farlo. Quanto tempo ha impiegato Gasperini per fare giocare a memoria l’Atalanta? E De Zerbi per far girare il Sassuolo? E Pioli per fare andare a mille il Milan? L’attuale allenatore ha avuto sì e no tre settimane per lavorare con tutta la squadra dopo il lockdown e poi è iniziato il tourbillon di partite.

A Longo veniva e viene richiesto soprattutto di dare compattezza e carattere alla squadra. Pur a corrente alternata, ricordando che in campo vanno pur sempre i giocatori e questi devono fare la loro parte, il tecnico è riuscito a farlo. Contro il Verona si è vista una reazione di nervi, senza dubbio migliore di quella vista a Firenze, che ha portato al pareggio (ma il risultato avrebbe potuto anche essere migliore). Ora manca l’ultimo passo, la vittoria a Ferrara contro la Spal. Non c’è niente di scontato, basti ricordare il risultato dell’andata e il fatto che il Torino in trasferta perde da otto gare consecutive. Manca ancora uno sforzo, solo uno, per mettere un punto a una stagione tanto lunga quanto deludente, iniziata esattamente un anno fa ad Alessandria contro il Debrecen. E’ il momento dell’unità in casa Toro. Poi arriverà quello della resa dei conti.

72 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. giuseppelupotorin_14490180 - 3 mesi fa

    Al toro negli ultimi anni, è mancata gente con talento e qualità a centrocampo. Non si può iniziare la stagione con tre mediani e un incontrista buoni o scarsi che siano. Stiamo prendendo una valanga di gol, perché a centrocambo non abbiamo gioco, non abbiamo filtro, e non abbiamo nessuno che fondamentalmente sappia cosa fare con il pallone tra i piedi. La realtà è che abbiamo gente che a centrocampo, o fanno falli, oppure se si riesce a conquistare palla, 9 su 10 la passano indietro perché hanno paura di giocare e perdere il possesso. Mi auguro che ci si salvi in fretta, e che vengano aggiunti i tasselli giusti a questa squadra. E che Segre sia un talento. Almeno uno buono ce lo ritroveremo già in casa il prossimo anno. Cmq… FV♥️G

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Ciccio Graziani - 3 mesi fa

    Caro Giancarlo, rispetto per la tua opinine, ma con il non gioco di Mazzarri questa squadra l’anno scorso e’ arrivata settima. Questa stagione al settimo posto arriva il Napoli o il Milan o la Roma. Il prossimo anno credo salira’ forte la Fiorentina forse il Bolgna, il Sassuolo. Si continua a sputare sul lavoro di Mazzarri, ma io guardo la realta’. Con lui la squadra non giocava molto bene, ma non e’ mai stata nemmeno lontanamente on zona retrocessione. Li’ ci ha portato il nostro amico Longo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 3 mesi fa

      La squadra giocava molto bene? Vuoi dire che riusciva a non far giocare l avversario e con tanti passaggi al portiere per scavalcare il centrocampo inesistente. L anno scorso ci andata bene e non siamo neanche riusciti a cogliere l l’occasione per crescere davvero con 2-3 innesti seri.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Giancarlo - 3 mesi fa

        Condivido ddavide69,secondo me durante il periodo di Mazzarri la squadra ha disimparato a giocare, Si son fatti risultati, ma il gioco non entusiasmava, se non episodicamente. Poi il disastro.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Giancarlo - 3 mesi fa

    Permettetemi una provocazione. Siamo certi che la nostra rosa sia così scarsa? Io non ne sono del tutto convinto. Purtroppo abbiamo trascorso due anni con Mazzarri ed il suo non gioco al quale Longo non ha potuto porvi rimedio, ma se al posto del toscano ci fosse stato un Juric, un De Zerbi, un Pioli o un Ranieri, probabilmente avrebbero imparato schemi ed equilibri. La partita con il Verona ne è un esempio. La sua rosa è ben più scarsa della nostra, tuttavia giocavano. Palla avanti e pedalare non lo fanno nemmeno più in terza categoria, ma purtroppo è il nostro gioco con un infinità di palle gettate, perse ed il lavoro sporco fatto dalla difesa che fatalmente, sempre impegnata qualche errore lo compie. Certo ora ci aspettiamo una rifondazione, entusiasmo e risultati, ma questi non possono prescindere da una Società organizzata e, sopratutto, da un manico che sappia il suo mestiere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Héctor Belascoarán - 3 mesi fa

      Sono due anni che lo dico, certo privarsi anche del talento di alcuni giocatori ha fatto il resto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. lucapecc_908 - 3 mesi fa

    Anche io difendo Moreno Longo, ha rimesso in piedi una squadra che non esisteva più, completamente allo sbando fisicamente e psicologicamente, incapace di reagire, impoverita dal mercato di gennaio e dall’infortunio di Baselli e che senza sosta virus sarebbe retrocessa senza se e senza ma.
    Dal rientro abbiamo fatto 11 punti vincendo le partite che contavano e potevano essere ben di più se si aggiungono gli errori col Parma (compreso il rigore sbagliato da Belotti) e col Cagliari (assurdo fallo di Nkoulou mentre giocavamo solo noi), la sfiga fatta di pali e traverse e i soliti fischi contro con l’Inter (clamoroso rigore del possibile 2-0 per mano di Bastoni, l’unico fallo di mano non fischiato quest’anno), con la Fiorentina e anche ieri sera.
    Poi è un dato di fatto che la squadra sia scarsa e soprattutto assemblata male con doppioni (Zaza e Belotti) e mancati ricambi.
    Ma su questo Longo può proprio poco.
    Se vinciamo a Ferrara esulterò per la salvezza conquistata con le unghie e con i denti e che ad un certo punto della stagione francamente mi sembrava irrangiugibile.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Simone - 3 mesi fa

    “Il pareggio IN CASA col Verona è un discreto risultato”
    Meraviglioso!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Dr Bobetti - 3 mesi fa

    La ns storia ci insegna che talvolta siamo caduti su bucce di banana in modo incredibile. All’andata la Spal ci ha fatto neri grazie sia ad un’espulsione nostra che soprattutto allo stratega toscano che mandò la squadra inopinatamente in attacco senza equilbri 10 contro 11 per prendere il secondo come da regola.
    Qualche anno fa perdemmo meravigliosamente (ironico) a Carpi 1-2 fallendo la possibilità di andare in testa al campionato.
    Ovvero a Ferrara con palle quadratissime, cattivi, motivati. Conta solo vincere in qualunque modo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Héctor Belascoarán - 3 mesi fa

    Mancano 4 punti, non necessariamente i punti che faremo noi ma anche i punti che NON farà il Lecce. Se il Lecce lascia i 3 punti al Bologna a noi mancherà 1 punto ecc.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. nopainnogain - 3 mesi fa

      in effetti è ormai chiarissimo che se ci salveremo sarà solamente grazie ai NON punti fatti da chi ci sta dietro

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. oscarfc - 3 mesi fa

        E quando mai è successo il contrario?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. lucapecc_908 - 3 mesi fa

        Il gioco è anche questo, va avanti non solo chi è più forte ma anche chi è meno scarso, sennò si potrebbero togliere le retrocessioni e fare come nella NBA con la tua squadra che perde 50 partite ma sei contento lo stesso perchè hai visto del grande basket.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. nopainnogain - 3 mesi fa

    bhe, dai, la solita partita INGUARDABILE.
    Ma che soddisfazione rivedere il Real Madrid a Torino!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. miele - 3 mesi fa

    “Manca ancora uno sforzo contro la Spal” già retrocessa, cenerentola del campionato, per raggiungere quale obiettivo? La salvezza. Qualcuno si ricorda i proclami del volpone ad inizio campionato? Seguire le orme del Toro di Novo, migliorare la rosa ogni anno, puntare alla qualificazione alle coppe europee e via delirando. Ora ci ritroviamo a temere di non riuscire a battere la Spal per poter archiviare la salvezza!! Ed il futuro? Anche se non retrocederemo, cosa ci possiamo aspettare da Cairo, oltretutto in un momento problematico, non sapendo ancora se gli stadi saranno riaperti, senza campagna abbonamenti. La sola speranza è che ci sia qualcuno deciso a rilevare il Toro, ma con Cairo anche questa possibilità avrà poche chances.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Ciccio Graziani - 3 mesi fa

    A Longo non viene imputato niente, colpa di Mazzarri se il girone di ritorno e’ da serie B. E qualcuno ci crede anche….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. eurotoro - 3 mesi fa

      …ebbe’ con Mazzarri tutto faceva pensare ad una grande risalita in classifica..che peccato sia andato via la squadra aveva ripreso a macinare un gran gioco ed il gallo a segnare a raffica!….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. rza78 - 3 mesi fa

        Ti ricordo che con questa gente ha fatto il 7 posto in classifica facendo risparmiare il nano braccino e facendo li rendere al 120%. Si è visto ora quanto valgono berenguer meite Zaza ecc

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. geloofsgranaat - 3 mesi fa

          Parlami anche dei suoi record negativi, con cui ha oltraggiato la storia del Toro. Per non parlare di tutto il resto.

          Oppure sei di memoria corta ?

          Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. ddavide69 - 3 mesi fa

        Io ricordo che nelle ultime 7 partite ha fatto la bellezza di 7 punti,18 gol presi e fatti 8 fatti. questo dall alto dei suoi 2 milioni di euro , ultraziendalista mister rosa corta perche incapace di gestire i giocatori. Ma voi avete la memoria corta.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. GRANATORO - 3 mesi fa

    Bravo bloodyhell, basta con la depressione da serie b, è eccessivo così….. e sto con moreno longo, ha fatto il suo in un momento difficilissimo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. NEss - 3 mesi fa

    Ultime 5 partite.
    Bologna 2 punti; Spal 0.
    Torneranno allo stato di massimo splendore proprio con il Torino?

    Per completare: Roma 13, piu’ di chiunque altro; Udinese 5; Torino e Lecce 7, Genoa 9).

    Dalla ripresa del torneo per il Torino (10 partite), periodo in cui secondo alcuni il Toro fa schifo e merita la B mentre il Lecce e’ una buona squadra.

    Spal 4, Lecce 7, Brescia e Parma 8, Bologna 9, Cagliari e Udinese 10, Torino e Verona 11, Lazio 13, Genoa e Fiorentina 14, Sampdoria 15, Sassuolo (che incontrera’ Genoa e Udinese) 16

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. NEss - 3 mesi fa

      Aggiungo. Il Torino deve retrocedere, scrivono alcuni, perche’ e’ stato sconfitto dal Lecce.
      Beh, ma allora devono retroceder Udinese e Genoa perche’ sconfitti dal Torino, no?

      Pero’ il Genoa continua ad avere rigori a favore; 16, come la Lazio e piu’ di chiunque altro; dietro di loro il Lecce con 14.
      Al Torino leggo che viene negato un rigore evidente con il Verona (non ho visto l’episodio).

      E ciononostante si dice che il Genoa (ed il Lecce) giocano bene e sono forti, mentre il Torino fa schifo a prescindere. Udinese non se la fila nessuno, non so il perche’

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Luigi-TR - 3 mesi fa

        perchè sono bianconeri

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. eurotoro - 3 mesi fa

    venire ad allenare una rosa ridotta all’osso spremuta all’inverosimile dal suo predecessore e con grandi problemi usciti fuori dal play-off in poi significa essere un pazzo o un vero Toro!
    in entrambi i casi io sto’ col Mister!…daje Moreno!!! FVCG !!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. nopainnogain - 3 mesi fa

      significa essere DISOCCUPATI e non avere quindi nulla da perdere

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Emilianozapata - 3 mesi fa

    Il Lecce ha un calendario amico:per me vincerà contro Bologna e Parma. Spero che l’Udinese abbia la forza di vincere o pareggiare. Noi dobbiamo sperare di fare tre punti domenica, perché con Miha la vedo durissima e lo stesso dicasi della Roma. Nessuno ci farà favori. Se domenica non si dovesse vincere e con il Lecce ormai a tre punti il crollo psicofisico sarebbe totale.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. bloodyhell - 3 mesi fa

      quindi il lecce, che sta sotto di noi di sei punti e con una squadra alquanto scarsa, vince di sicuro a bologna. noi, che per tutto il campionato siamo sempre stati sopra il lecce invece a bologna perdiamo di sicuro. non capisco come molti continuino a fare questo tipo di analisi e soprattutto in base a quali dati oggettivi. chiunque abbia visto giocare il lecce e capisca un minimo di calcio, sa bene che le probabilità che la squadra salentina arrivi a salvarsi sono prossime allo zero. anche perchè, ma sembra che molti si siano dimenticati questo dettaglio, dovrà andare a giocarsi ad udine una fetta importante di salvezza, con un’altra squadra che in classifica è sotto di noi. ma il lecce,improvvisamente per alcuni diventato il real madrid, vincerà tutti gli incontri. Ovviamente se il lecce vince ad udine, l’udinese cosa fa, anche lei per magia supera il toro? la nostra squadra vincerà a ferrara, così finalmente finirà questo delirio di commenti.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Emilianozapata - 3 mesi fa

        Se la razionalità avesse una maggiore influenza sull’andamento di una partita di calcio sottoscriverei in toto ciò che esprimi. Ho qualche dubbio in merito ma la lucidità con la quale commenti questa assurda situazione mi conforta. E i forum, credo, servono anche a questo.Grazie 🙂

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Dr Bobetti - 3 mesi fa

      Vivendo a Bologna e conoscendo l’ambiente non credo proprio che il Bologna farà sconti. Sinisa viene da qualche passo falso di troppo e sta facendo la conta di chi resterà la prossima stagione, seppure ha problemi in difesa davanti sanno far gol e sanno giocare. I giocatori lo seguono e vorranno far vedere di meritare di restare.
      Io penso che il Lecce a Bologna non vince, al massimo prende 1 punto ma forse neanche quello.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. sentenza.2 - 3 mesi fa

    Ottimo pezzo. Manca solo la bastonata gratuita a Millico e poi c’è tutto per accontentare i palati degli egregi co-tifosi. Sciapò

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. christian85 - 3 mesi fa

    Torno a ripetere solo una cosa : il fatto che ci salviamo o meno ( ma ci salveremo ) non risolve sia i problemi attuali societari e in campo, sia i problemi in ottica di futuro.
    Voglio dire, dobbiamo innanzitutto ragionare come una neopromossa, in quanto senza alcuna coppa lo scenario cambia totalmente.
    Andranno via tantissimi giocatori e verrà fatta un’ennesima rivoluzione.

    Rivoluzione che in gergo calcistico non sempre significa una cosa positiva.
    Rivoluzione vuol dire soprattutto, ricominciare da zero.
    Rivoluzione vuol dire soprattutto, avere pazienza dei nuovi arrivati, sia giocatori che allenatore ( in quanto Longo difficilmente sarà il prossimo allenatore ).
    Rivoluzione vuol dire resettare tutto quello che era stato costruito per arrivare ai 63 punti dello scorso anno.

    Insomma, ci si aspettava in gran parte che mantenendo lo zoccolo duro e la conferma della rosa dello scorso anno potesse essere una strategia per iniziare un ciclo e una mentalità, poi purtroppo e ripeto, sono successe cose dentro le mura degli spogliatoi che mai verremo a sapere e che hanno di certo cambiato piani e risultati.

    Concludo : manca solo un passo, è vero, con l’ipotetica vittoria contro la Spal ( ma siamo stati capaci di perderla all’andata ) potremo mettere fine a questa stagione disastrosa, ma certo è che i preliminari di EL non aiutano di certo, anzi sono soltanto una grande seccature e di europeo hanno quasi nulla.
    Tanto valeva, come dicevo, rinunciare per prepararsi meglio al campionato.

    Non si può poi pensare di voler affrontare 3 competizioni con una rosa del genere senza centrocampisti, ma soprattutto senza tener conto degli infortuni che sono sempre in agguato.

    Quindi, di certo la società o Cairo ( come volete voi ) ha fatto un gravissimo errore nelle valutazioni, se poi vogliamo metterci anche Mazzarri, ok mettiamocelo, ma se siamo arrivati a questi livelli, è soltanto colpa dei giocatori, perchè se vedete, avessimo vinto all’andata contro la Spal, saremmo già salvi ( per non parlare poi del periodo delle 7 sconfitte consecutive ).

    Questa stagione, deve far riflettere, deve far pensare, ma soprattutto non è accettabile che un presidente non faccia nulla in una squadra che era comunque andata in EL.
    Inutile stare a dire Cairo vattene, perchè tanto non cambia nulla, ma la pura verità è questa.
    Longo ha fatto quello che poteva, di certo non è un Guardiola, ma credo che non gli si possano addossare colpe, di nessun tipo.

    Ora però, basta chiacchiere, servono 94 minuti di Toro, di concentrazione e servono fatti, vincere per chiudere definitivamente questa stagione mai esistita.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Peppe - 3 mesi fa

      Longo non è Guardiola, ma con questa rosa striminzita, neppure il buon Pep riuscirebbe a fare nulla. FVCG

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Luigi-TR - 3 mesi fa

        io sono sicuro che con Guardiola al posto di Longo eravamo già salvi

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Emilianozapata - 3 mesi fa

      Ho visto troppe discese in b e molti pessimi campionati in a.Altrettante volte ho sperato nella rifondazione e tutte le volte mi sono illuso. Ora mi sono rassegnato a un amore incondizionato per una squadra cui è capitato di nascere nella stessa città in cui ha sede una delle più potenti, ricche, dittatoriali,arroganti,tentacolari, arroganti e antisportive società calcistiche del mondo. Una presenza che scoraggerebbe qualsiasi imprenditore che avesse intenzioni costruttive e non solo speculative. Lo so che è un ritornello arcinoto.
      Questa città è Torino, dove sono nato da una madre piemontese di origini operaie e da un padre pugliese di origini contadine. Gente onesta e per questo granata e antigobba. Sono rassegnato ma non vinto. E anche se mi sarebbe difficile ora spiegare a un bambino perché si può tifare Toro “a prescindere”, io perseguo nel mio laico culto granata.
      FORZA TORO SEMPRE

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. Junior - 3 mesi fa

    Longo ha delle responsabilità limitare al periodo per cui è stato ingaggiato. Questa è una squadra costruita per l EL e non certo per lottare per non retrocedere, considerando anche i palesi limiti della difesa che, guardando anche la partita col Verona, sono imbarazzanti. I nostri difensori saltati come birilli in diverse occasioni, deconcentrati come se andassero a fare una passeggiata al parco. Credo la resa dei conti dovrà essere fatta a 360 gradi e se i nostri pezzi pregiati chiedono di andare via, non posso far loro torto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. policano1967 - 3 mesi fa

      Nn condivido ke eravamo da europa amico junior ma nemmeno ke a sto punto ci trovavamo a lottare per salvarci.so anni ke il torello nn ha centrocampisti decenti.per farti un esempio con meite lukic baselli e rincon nn gioki a calcio ma tamponi le squadre avversarie quelle poke volte ke ci riesci.mazzarri ha voluto questi?giusto.gli e andata bene un anno traendo piu del max dalla rosa ma i limiti si vedevano gia.se insistito pensando di sopperire ancora ma come vedi e andata male e i limiti li vediamo a occhio nudo.mettici poi i flop come verdi zaza e aina.per nn parla dei berenguer edera eta etc ke so giocatori da meno di dieci min a partita e ti accorgi ke era un disastro annunciato.longo nn ha cambiato niente anzi.doveva solo interveni sul morale ma anzi lo ha peggiorato.nn e colpa sua del tutto ma si vede lampante ke nn sa cosa fare nn ha la minima idea di cosa fare.ce bisogna di un repulisti generale nella rosa e in pankina.anke nella presidenza ci vorrebbe ma nn mollera.la vedo dura

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. dattero - 3 mesi fa

    l’aziendalismo è quel che è..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. FVCG80 - 3 mesi fa

    A giudicare dai pollici qualcuno si sta impegnando in un tentativo disperato di insabbiare le critiche. Ma ormai è troppo tardi, a parte qualche personaggio di dubbia origine, lo schifo è sotto gli occhi di tutti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. FVCG80 - 3 mesi fa

    Per andare dove? Siamo la controfigura di una società di calcio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. geloofsgranaat - 3 mesi fa

    Cairo, Sartori, Cairo.

    Deve avere il coraggio di sparare a zero su questo presiniente del nulla cosmico, venuto a Torino solo per fare affari con gli zebrati e per prendersi da loro la sua fetta di editoria, che in 15 anni ha solo attinto ai quattrini dei dirtti televisivi e delle plusvalenze, distruggendo sportivamente, quasi completamente, una società gloriosa, con una storia e un passato leggendari, accentrando tutti i poteri nelle sue mani e circondandosi di aziendalisti yesmen privi di spina dorsale e proni ai suoi ordini in cambio di un buon stipendio.

    Adesso Le rinfresco un po’ la memoria:

    -“Il 31 agosto (2005) si può pertanto dire che il Toro diventò proprietà di Cairo?

    Formalmente no. Divenne agli effetti di legge di proprietà Cairo il 2 settembre (2005), allorché, nell’ufficio dell’assessore Peveraro, tutti noi sedici soci del Torino f.c. procedemmo a cedere a lui, con atti a rogito della notaio Francesca Ciluffo, le nostre quote, ricevendo cadauno la somma di €625,00, con 16 assegni bancari a firma Urbano Cairo, tratti su Unicredit conto corrente n.30049854 filiale di Milano San Marco, per un totale di 10 mila euro. Questa fu la totale somma corrisposta da Cairo per l’acquisto del 100% delle quote di proprietà della società Torino f.c., con squadra regolarmente iscritta al campionato di serie B e la dotazione di cui ho parlato nei precedenti capitoli. Una somma da lui versata che mi rimborsava di quanto avevo precedentemente versato per costituire la società. Un semplice ed esclusivo rimborso; non misi quindi in tasca neppure un euro e, come me, nulla misero in saccoccia Sergio Rodda e gli altri soci. Si era lavorato per due mesi ventre a terrà esclusivamente per amore del Toro e ciò ci sarebbe bastato se… Aggiungo solo che, in quella sede e mentre il notaio stava predisponendo gli atti nel salone principale, mi recai in una stanza adiacente per un tu per tu con Cairo e gli dissi: “ora è tutto finito, il Toro è tuo e ti chiedo solo 15 abbonamenti nei distinti centrali da regalare ai soci che ti stanno cedendo le quote…solo 15 perché sia io che Rodda non ti chiediamo nulla”. Quei 15 abbonamenti non arrivarono mai, probabilmente se ne scordò.

    – Ora sei tornato un semplice tifoso e, da tifoso, c’è qualcosa che lamenta nella gestione Cairo, a partire da quel famoso 2 settembre?

    Non mi piace la mancanza di trasparenza gestionale verso i tifosi. Non posso accettare la lesione di territorialità che ha caratterizzato l’attuale gestione sin dal famoso 3 settembre 2005. Mi fa arrabbiare la scarsa attenzione posta a livello societario sulla nostra storia. In ultimo, le due situazioni che più mi fan girare i cabasisi, rendendomi furente su quanto ogni giorno tocco con mano: l’imprenditorialità gestionale sistematicamente applicata sin anche oltre la manualistica di settore e la ricerca di intesa e convivenza con l’impero zebrato e la sacra famiglia”.

    (Avv. Luigi Marengo)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 3 mesi fa

      Non aggiungo nulla, ma a parte quello che dice Marengo e di cui non ho motivi di dubitare, la situazione la vedo da me. L’ inazione, la tirchieria, l immobilismo strutturale, la scempio di valori, la mistificazione….tutto questo vedo e da 3 lustri. Sono sufficienti. CAIRO VATTENE!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. Fb - 3 mesi fa

    Facciamo sto ultimo passo, tappiamoci il naso, salviamoci, facciamo reset e ripartiamo con entusiasmo

    La rosa e’ buona, la societa’ e’ di nuovo completa, speriamo di trovare un allenatore che regga la nostra pressione (perche noi tifosi abbiamo ancora le stesse aspettative che avevamo negli anni 90…)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. geloofsgranaat - 3 mesi fa

      Mi hai fatto scompisciare dalle risate, specialmente mell’ultimo paragrafo.

      Grazie.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. FVCG80 - 3 mesi fa

      Ma su quale pianeta vivi? Rosà buona? Società completa? Stai scherzando? Quindi è colpa dei tifosi che mettono pressione? Spero che tu sia un troll della redazione perché se esisti davvero sei la testimonianza della fine del Toro

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. geloofsgranaat - 3 mesi fa

        Dev’essere Sabatini sotto mentite spoglie, visto che qualche giorno fa a Radio Sportiva, rispondendo a un fratello che voleva che Cairo se ne andasse per sempre, ha detto che siamo noi tifosi del Toro a doverci fare un esame di coscenza.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Daniele abbiamo perso l'anima - 3 mesi fa

      Se hai un po’ di entusiasmo da offrire, è arrivato il momento di distribuirlo a molti di noi ..
      non condivido molto la frase sulle aspettative, perché è sotto gli occhi di tutti la mala gestione della società che poteva e doveva quest’anno fare molto di più di una lotta per la salvezza da giocarsi forse fino all’ultima giornata di campionato.
      Vero che noi del Toro ci ostiniamo a pensare di tifare per una grande squadra ma è altrettanto vero che noi non saremo mai una piccola squadra. Parafrasando Massimo Troisi, fra i cento giorni da pecora (con la gestione Cairo) e un solo giorno da leoni, (con Borsano ) forse gradiremmo perlomeno viverne 50 da orsacchiotti con un presidente serio e una società che ambisce anche a traguardi sportivi e non solo finanziari.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. policano1967 - 3 mesi fa

      Figurati io ho ancora le aspettative del 76…cmq rosa buona e societa completa mi sento risollevato.io direi confermiamo pure longo a sto punto.se la evitiamo quest anno la b il prossimo stanne certo nn faremo nemmeno la coda per andarci

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. ddavide69 - 3 mesi fa

      La rosa è buona???? La società completa…? Boh, va tutto bene madama la marchesa. 15 anni di prese per il culo dimenticati in un amen. Complimenti!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. markmail200_96 - 3 mesi fa

    Io mi accontenterei anche di un pareggio ns a Ferrara ed una sconfitta del Lecce a Bologna. + 7 a 2 giornate dalla fine e archiviamo questa stagione fallimentare!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  24. MASSIMO64 - 3 mesi fa

    Caro Sartori, l’ articolo e’ totalmente errato.Sia aritmeticamente sia per quanto riguarda le giustifucazioni nei confronti dell’allenatore.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  25. Daniele abbiamo perso l'anima - 3 mesi fa

    A parte che salvarci sarebbe davvero il minimo indispensabile, non vedo così scontato questo “passo”. Se dovessimo anche solo pareggiare contro la Spal diventerebbe molto difficile, perché contro la Roma perderemo e l’ultima con il Bologna di Sinisa che avrà il dente avvelenato non darei scontato fare punti. Se poi tentiamo conto di come sarebbero bloccati e tesi i giocatori mi vengono i brividi al solo pensiero di dover affrontare una partita decisiva.
    La Spal credo abbia perso quasi o tutte le partite dalla ripartenza ..mi auguro non abbiano una botta di orgoglio proprio contro di noi e il loro eX DS.
    Insomma, a Ferrara dobbiamo vincere e saremo salvi ma la vittoria di questo Torello non la vedo per niente scontata. Largamente alla portata ma non sicura.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  26. CUORE GRANATA 44 - 3 mesi fa

    Caro Sartori dal Suo articolo evidenzio due incisi: 1 Manca un solo passo 2 Poi i processi.Mi consenta di non condividere entrambi in quanto anche ammettendo che si vinca a Ferrara(il che…)la situazione rimarrebbe incerta sino alla fine confrontando il ns. calendario con quello della concorrenza e quanto ai processi dopo 15 anni penso che Cairo possa considerarsi colpevole “per reiterazione dei reati”con sentenza “passata in giudicato”Ovviamente opinabili e personali opinioni.Vedo queste tre ultime partite come una sorta di “sfida all’OK corral” che ci consentirà di capire in che misura Cairo è inviso “nell’ambiente” e se quindi è arrivata l’ora della “resa dei conti”Tutto il resto sarà conseguenziale.Vi sarà ovviamente tempo e modo di analizzare la questione sotto tanti profili.L’unica cosa,a mio parere certa,riguarda l’ atteggiamento che terrà in caso di contestazione:indifferenza.D’altro canto è un raider finanziario algido e privo di empatia e qualsivoglia decisione andrà ad assumere seguirà il filo logico della “maggiore convenienza o minor danno”FVCG!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  27. LeoJunior - 3 mesi fa

    A forza di dover scrivere qualche cosa e inventarsi teorie astruse, si tende a rendere il calcio più complicato di quanto in effetti sia. Credo che molti di noi abbiano giocato a calcio e non importa a quale livello. Sappiamo che c’è una componente tecnica una fisica e una mentale. Tutte sono importanti e correlate.
    E’ di tutta evidenza che per motivi che conosciamo solo in parte ad un certo punto la squadra si è messa di traverso. Contro la società, contro l’allenatore, contro il DS, non lo sappiamo. Ma ha staccato la spina. A quel punto sono venuti meno gli obbiettivi e soprattutto una coesione interna tra i giocatori.
    La società non si è accorta (o ha fatto finta di non accorgersi) in tempo e ci ha messo troppo per sostituire WM. Poi, quando l’ha sostituito, lo ha fatto non prendendo uno in grado di rivoluzionare e cambiare le cose ma un ragazzo con zero esperienza, con un carico motivo tale da non avere il coraggio di toccare nulla.
    Di fatto si è seduto al timone e ha subito la stessa situazione.
    Incapace di incidere sull’aspetto mentale era ovvio che ogni soluzione tattica fosse inutile.
    Puoi essere anche Guardiola ma se tolleri che un giocatore come Meitè, messo in centro al campi, stia fermo (e dico fermo!!) a guardare i compagni che non sanno a chi dare la palla allora non vai da nessuna parte. E potrei continuare con difensori che si dimenticano di difendere, Zaza che non azzecca un movimento, etc.
    Quindi Longo è inadeguato non tanto perchè non ha idee o non sa mettere la squadra in campo ma perchè non ha avuto coraggio di cambiare nulla nella testa dei giocatori.
    Parlate di Gattuso: ma vi ricordate come ha approcciato la squadra? 1 ora dopo era in campo a correre e prendere a calci i giocatori. Uno come Allan (non un piciu) lo ha estromesso.
    Conclusioni:
    1) difficile poter giustificare l’atteggiamento dei giocatori che non hanno fatto nulla per riaccendere la luce al cambio di allenatore. Ma spesso, se la spegni, non la riaccendi se non c’è una scossa
    2) io andrei piano a bocciare tutti. Perchè in queste condizioni ogni giudizio tecnico rischia di non essere corretto. Se il Verona entrasse in campo con il nostro atteggiamento non vincerebbe mezza partita. Leggete la formazione e fatemi sapere. l’80% lo fa l’atteggiamento
    3) Longo non può gestire una squadra che necessariamente dovrà mantenere gran parte dei giocatori. Impensabile svendere tutto in un periodo come questo. Forse le mele marce, ma non tutte. E lui non è in grado di gestire “uonini” di questo tipo

    Dobbiamo ripartire da un allenatore vero, giusto. Con esperienza e carisma. Molto, molto difficile trovarlo. Io vedevo benissimo Pioli ma il Milan ha deciso di non suicidarsi e lo ha tenuto. Non ne vedo molti in giro. Andrei su Guidolin ma non so dove sia finito.
    Vagnati sarà determinante. Se è uno che conosce di calcio possiamo sperare. Se è il solito figlio del sistema e si attacca a procuratori e personaggi discutibili, stiamo freschi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. claudi_11649407 - 3 mesi fa

      Quoto in tutto, poi si fa per scherzare, se sei Guardiola allora Meite’ finisce a pulire le docce dopo 10 minuti del primo allenamneto, altrimenti non sei Guardiola!
      Comunque ti do’ pienamente ragione ed e’ sostanzialmente quello che ho scritto io, non capisco le tante disapprovazione, non per aver consenso ci mancherebbe, ognuno deve avere le sue idee, ma sembra che in molti vedrebbero bene ancora Longo, io credo che veramente sarebbe l’ennesimo, enorme, errore di gestione, va bene il ‘granatismo’, ma qua ci vuole carisma, competenza, carattere, esperienza. Guidolin potrebbe pure andare, però poi andrebbe visto anche mentalmente come e’ pronto dopo tanto tempo di inattivita, io vorrei tanto Ranieri mi sembra veramente la persona giusta, esperienza e risultati, crescita dei giovani, equilibrio, carisma, poi pero’ anche un DS con le palle, preparato e che abbia CARTA BIANCA altrimenti non cambiera’ niente

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. oscarfc - 3 mesi fa

      Dici bene che Allan è stato estromesso, in questo Gattuso si è rivelato molto allineato con AdD, ma guarda caso ha schierato un degno sostituto che non lo ha fatto rimpiangere.
      Ma se metti Meité in panchina con chi lo sostituisci?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  28. rb27 - 3 mesi fa

    Mah… io non parlerei di “completare l’opera”, tuttavia di svolgere quel compitino minimo per non dover affondare. Anche ad oggi il futuro é un rebus più totale che mai. Grazie uc.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  29. claudi_11649407 - 3 mesi fa

    Perche’ non si puo’ imputare a Longo il fatto che sto’ Toro non riesce a mettere insieme 2 passaggi di fila e chiunque ha palla fra i piedi si vede benissimo che non ha la minima idea di cosa farci ? Longo e’ l’allenatore del Toro cioe’ dal 2 febbraio, quasi 6 mesi, e secondo me il lockdown dovrebbe aver permesso anche una maggior preparazione della squadra se non dal lato fisico (ma perche’ poi? avrebbero dovuto continuare ad allenarsi singolarmente e se non lo hanno fatto la responsabilit’ e’ di societa’ ed allenatore) poi comunque c’e’ stato lo stesso tempo di una normale preparazione estiva prima della ripartenza del campionato, mi pare che Pioli, Gattuso, Ranieri siano riusciti eccome a cambiare la stagione delle squadre che hanno preso in corsa,
    Longo oggettivamente non solo non ha migliorato niente, ha peggiorato il rendimento in maniera evidente.
    Non ha i giocatori? sono gli stessi che hanno fatto 63 punti l’anno prima e comunque forse non si ricorda nessuno che a fine andata eravamo 8° con 27 punti? Non che rimpiango Mazzarri, sia chiaro, io per essere chiari rimpiango Miha, (a cui non e’ stato dato tempo e non so’ perche’, per un derby perso 4-0? ne abbiamo vinto 1 negli ultimi 10 anni !) pero’ e’ dato ggettivo che 27 + 27 farebbe 54 e non 38 come fate a dire che non c’e’ responsabilita’ ANCHE dell’ allenatore? ah gia’ lui li guarda negli occhi …. fondamentale per ottenere risultati in serie A.
    Poi non c’e’ l’ho con Longo sia inteso, credo solo che sia stato l’uomo sbagliato capitato nel posto sbagliato al momento sbagliato, pero’ non l’ha obbligato nessuno a prendere sta’ panchina, ha accettato per rilanciarsi e secondo me ha dimostrato che al Toro ci vuole ben altro.
    E quello che mi preoccupa e’ che iniziare a vedere la difesa a spada tratta dell’allenatore sui media societari, non vorrei anticipasse la prossima stagione, perche secondo me sara A, ma se non ripartiamo da un allenatore solido, esperto, capace e carismatico non si puo’ pensare a creare niente !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. oscarfc - 3 mesi fa

      Pioli, Gattuso ,Ranieri sono subentrati ben prima di gennaio, mese nel quale al contrario del Toro, Milan, Napoli, Sampdoria sono intervenuti sul mercato rinforzando la rosa.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. ddavide69 - 3 mesi fa

      Ripeto per la 4 volta, ma nell ultimo mese e mezzo quanti punti ha fatto MAzzarri? Non lo ricordi? 7 , ne ha fatti 7 in 7 partite !!!!! Longo ne ha fatti 11 in 13 partite. Perché siete parziali nelle critiche?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  30. Il_Principe_della_Zolla - 3 mesi fa

    (Quasi) tutto vero quanto racconta Sartori: cosa ci veda di positivo lo sa solo lui.
    Tutto estremamente triste, frustrante, indegno.
    Tutto che ricorda il dialogo tra Il Biondo e Tuco ne “Il buono, il brutto e il cattivo”: “Vedi, il mondo si divide in due categorie: chi ha la pistola carica, e chi scava. Tu scavi.”
    Noi scaviamo. E continueremo a farlo, fino a che Cairo non se ne andrà.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  31. rza78 - 3 mesi fa

    DS pescato da retrocessa ultima in classifica e quindi possiamo aspettarci 2-3 rinforzi dalla Spal. Sogno il ritorno di valdifiori e bonifazi. Con le cessioni di izzo sirigu e belotti possiamo vincere ancora lo scidetto delle plusvalenze e completare l’opera anche l’anno prossimo salvandoci all’ultima giornata

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Fb - 3 mesi fa

      Petrachi dove fu pescato?
      Tare dove fu pescato?

      Vuoi Marotta?

      Vagnati ha il profilo giusto, ora sta a lui imporsi. Altrimenti si cambiera’ di nuovo, come succede ovunque

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Marchese del Grillo - 3 mesi fa

        Una sola cosa non funziona da ben 15 anni dopo che abbiamo cambiato di tutto e di più, dai giocatori ai ds, dagli allenatori ai preparatori, c’è una sola cosa che non cambia mai. Ed è l’ unica causa di ogni male. L’ UNICA!!!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. rza78 - 3 mesi fa

        Il profilo giusto? Questa la registro…poi vedremo

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Dr Bobetti - 3 mesi fa

      Credo che il problema non sia Vagnati che è ambizioso e probabilmente capace (lo vedremo). Il manico presidenziale è il problema e lo ed è stato smascherato da tanti anni ormai.
      Ma a lui importa poco.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. rza78 - 3 mesi fa

        Esatto. Ma perché non lo contesta nessuno o quasi? Rassegnati a questo schifo?! Sta merda non ha neanche strutturato una società e ancora c’è chi dice è il minore dei mali. Perché uel pagkiaccio di Ferrero ha fatto peggio? Ci arrivano davanti 2 anni su 3…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  32. rza78 - 3 mesi fa

    Quanto tempo ha avuto Gattuso per fare più punti di Ancelotti? Quello che ha avuto Longo per farne meno di mazzarri…Longo è l’ennesima scelta deleteria e low cost di un uomo che con il calcio c’entra come boy George con la passera. Basta con questi articoli per favore

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. oscarfc - 3 mesi fa

      Suppongo allora che tu ritenga la rosa del Napoli pari a quella del Torino?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  33. rza78 - 3 mesi fa

    Completare l’opera? É una battuta? Ma scrivere un bell’articolo sul fallimento sportivo della gestione Cairo é troppo pericoloso? Quella si che sarebbe un’opera di bene

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Marchese del Grillo - 3 mesi fa

      Ti voglio bene, ma ti rendi conto che sei su un portale RCS? Sai che fine ha fatto Vincenzo Chiarizia? Sai in che posizione si trova l’ Italia nel mondo per la libertà di stampa? Sai quanta fatica costa portare a casa un piatto di pasta e fagioli? Di cosa vogliamo parlare?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. rza78 - 3 mesi fa

        Hai ragione purtroppo

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy