De Laurentiis vorrebbe vincere. E non solo lui

De Laurentiis vorrebbe vincere. E non solo lui

Loquor / Torna l’appuntamento con la rubrica di Anthony Weatherill: “Uno scudetto bisognerebbe meritarlo per tutta una serie di ragioni concrete, e tra queste ragioni non dovrebbe mai esserci il fattore fortuna”

di Anthony Weatherill

“Se non accetti di perdere,
non puoi vincere”.
Vince Lombardi

Aurelio De Laurentiis, nel disperato tentativo di crearsi dal nulla una possibilità di concorrere prima o poi allo scudetto, ha dichiarato di stare lavorando con la Federcalcio per “percorrere la strada dei playoff e dei playout per spezzare la continuità penalizzante egli ultimi anni”. Il riferimento allo strapotere della Juventus è chiaro, ma al solito nell’odierna Italia invece di affrontare il vero nodo del perché la società bianconera ha raggiunto una capacità finanziaria improponibile, al momento, per quasi tutti gli altri club, si cerca una scorciatoia improbabile illudendosi come la vita sia una finale di Coppa Italia vinta per pura casualità contro una squadra oggettivamente più forte. C’è qualcosa di vagamente comico e puerile dietro questo tipo di tentativi, perché si ritiene come rimescolare le carte sia la soluzione per ogni tipo di avversità, per ogni tipo di differenza, e fa perdere il senso della realtà. E soprattutto non sarà l’invenzione della gabola dei playoff a restituire dignità competitiva alla Serie A; non è appendersi alla fortuna che può arriderti in uno scontro unico (seppur con un’andata e un ritorno) la soluzione per tornare a ridare competitività al campionato.

LEGGI ANCHE: Enzo Bearzot, un uomo per bene

Uno scudetto bisognerebbe meritarlo per tutta una serie di ragioni concrete, e tra queste ragioni non dovrebbe mai esserci il fattore fortuna, da subire solo come porzione di casualità inevitabile. Ma De Laurentiis ormai lo si conosce, è ovvio come dal calcio stia cercando di ottenere ciò che non ha ottenuto dal cinema. Detto ciò, le preoccupazioni del presidente del Napoli non sono però campate per aria, perché in effetti il dominio finanziario della Juventus rischia di condannare ancora per anni i restanti club della massima serie italiana a concorrere per il secondo posto. Una cosa simile sta accadendo anche in Francia, dove il Paris Saint Germain del fondo sovrano del Qatar è finanziariamente irraggiungibile, in Germania, dove il Bayern di Monaco ha cannibalizzato la “Bundes”, e anche in Spagna dove Barcellona e Real Madrid proseguono il loro alternarsi su tutti i trofei in palio nella nazione iberica. Fa eccezione la Premier League, dove addirittura si è assistito alla cavalcata verso il titolo Leicester, outsider per definizione. Il Leicester nel suo magico 2016 veniva da un campionato dove aveva raggiunto la posizione occupata quest’anno da Cagliari e Udinese in Serie A. C’è però da notare un piccolo fondamentale dettaglio: la proprietà del Leicester è della King Power Group,una multinazionale leader dei “duty-free” aeroportuali e con un fatturato di oltre due miliardi di dollari. Inoltre Vichai Srivaddhanaprabha, deceduto in un incidente di elicottero, presiedeva il club delle Midlands Orientali, forte di un patrimonio personale di 5 miliardi di dollari. Si aggiunga a tutto questo una quota di circa 120 milioni di sterline, come ripartizione diritti televisivi, solo per il raggiungimento del 14 posto in Premier nella stagione 2014/15. Questa era la potenza di fuoco economica del Leicester al nastro di partenza della stagione che lo avrebbe visto laurearsi campione d’Inghilterra. E i 120 milioni di sterline frutto di un 14esimo posto in campionato, stanno li a testimoniare la ripartizione equa fra i club dei ricavi della Premier.

Questi numeri un po’ sommari, mettono in evidenza come e perché ogni club inglese ha la possibilità di compiere qualche impresa sportiva nel corso della sua esistenza, e come non abbia bisogno di inventarsi scorciatoie per provare a vincere qualcosa. Il calcio d’oltre Manica è riuscito a fare “sistema”, indicando una via funzionale per cercare di mantenere una concorrenza competitiva accettabile. Fare sistema vuol dire non rendere accettabile la soverchia finanziaria di un club verso tutti gli altri e il creare le condizioni perché un fondo sovrano, ad esempio, non possa in nessun modo possedere la proprietà di un club. Non starò qui a rievocare ancora una volta il perché il Qatar ha rilevato a suo tempo la proprietà del Paris Saint Germain, e non ripeterò ancora una volta di non illudersi troppo di un eventuale impegno finanziario arabo nel calcio italiano. Si tratta di geopolitica, e in questo contesto il calcio italiano non fa parte dell’orizzonte dei veri interessi mediorientali. Il Qatar, con l’immenso forziere del suo fondo sovrano, ormai è diventato una sorta di prezzemolino in ogni minestra; e qualcuno, attraverso la complicità della stampa, ogni tanto prova a far uscire sue fantasiose offerte fantasmagoriche per l’acquisto di qualche club italiano, come i famosi quasi 600 milioni di euro virtualmente proposti a De Laurentiis per l’acquisto del Napoli. Era una bufala, anzi una fake news, ma tutta la stampa e tifoseria napoletana si perse in settimane di entusiasmi per questo sogno ai loro occhi possibile. Montagne di soldi messi a disposizione dell’emiro qatarino per colmare il gap economico con la Juventus e mettere su una squadra da far tremare il mondo.

LEGGI ANCHE: Il fratello di Bobby

I sogni sono desideri, si sa, e quindi nessuno a chiedersi, a Napoli e dintorni, perché mai uno dei fondi sovrani più rilevanti e ricchi nello scacchiere geopolitico del mondo avrebbe dovuto acquisire la proprietà della società partenopea. Sarebbe stato facile far funzionare la logica, ma questa è notorio come possa andare a ramengo quando si tratta di confrontarla con qualcosa amata troppo, e che fatalmente finiamo per sopravvalutare. Sognare il ricco “Zio d’America” improvvisamente appalesarsi nel nostro orizzonte per risolvere ogni tipo di problema, è uno dei vizi italiani più antichi, e più duri a morire. Ma uscendo fuori dal concetto dello “Zio d’America”, tocca rilevare come tre dei cinque club che hanno raso al suolo l’ambizione di 37 avversarie nelle loro rispettive leghe, siano in mano ad un azionariato tra i tifosi e siano delle polisportive. Il Bayern di Monaco ha quasi trecentomila soci, che portano nelle casse della società bavarese 100 milioni di euro all’anno solo di merchandising. Davvero difficile per gli altri club delle Bundesliga stargli dietro, e infatti il Bayern ormai vince campionati quasi con il pilota automatico inserito. Del Real Madrid e Barcellona è quasi inutile parlare del loro generare profitti, ma vale la pena soffermarsi sul fatto come gli oltre centomila soci della “Casa Blanca” versino ogni anno una quota associativa di 150 euro, e come il valore contabile netto dello stadio e dei palazzi dello sport di sua proprietà sia di quasi 230 milioni di euro.

Sono dati, ripeto, sciorinati un po’ a spanne, perché lo scopo di quest’articolo non è fare una ricostruzione precisa della situazione finanziaria dei cinque club sopracitati e “protagonisti” della sopraffazione prima economica e poi agonistica della concorrenza, ma piuttosto far riflettere sull’urgenza da parte delle federazioni e delle Leghe di Spagna, Italia, Germania e Francia di provare a mettere fine a quella che di fatto è diventata un’oligarchia calcistica continentale. C’è anche un problema evidente del disinteresse dei grandi capitalisti e imprenditori europei verso lo sport più seguito al mondo; si assiste così ad un Amancio Ortega, padrone del gruppo “Zara” e uno degli uomini più ricchi del mondo (patrimonio personale stimato intorno ai 67milioni di dollari), con nessuna intenzione di investire capitali nel pur suo amato Deportivo La Coruna, sprofondato in una crisi sportiva ed economica senza precedenti. In Italia e Francia basterebbero gli esempi di Leonardo del Vecchio e Bernard Arnault a rinforzare l’idea di un calcio capace di attirare più gente dalla modesta forza economica di un Lotito o di un De Laurentiis, che forze economiche dal valore di miliardi di euro.

Attualmente, a questa idiosincrasia dei magnati continentali verso il calcio, fa da eccezione la famiglia Agnelli, dominus di una Juventus usata anche come chiave di volta per la diversificazione di investimenti da molti decenni stella polare dei signori FCA, che ha iniziato con il club bianconero un percorso industriale di cui, a mio avviso, ancora si possono vedere solo i primi passi. Se si continua a lasciare alla Juventus completa libertà d’azione, presto il divario con gli altri club della Serie A diventerà utopistico anche il solo pensare di colmarlo, considerando come dietro la società presieduta da Andrea Agnelli ci sia la Exor, una holding finanziaria con una capitalizzazione di 24 miliardi di dollari. Di fronte a questi numeri, fa quasi tenerezza il tentativo maldestro di De Laurentiis di trovare con la scorciatoia dei playoff un sospirato posto al sole. L’Italia del calcio, e non solo, dovrebbe finalmente interrogarsi cosa voglia veramente per il suo futuro, e soprattutto con quale regole codificarlo per far ritrovare allo scorrere del tempo una sua armonia, un suo equilibrio. Milton Friedman rilevò come “il problema dell’organizzazione sociale è di stabilire un contratto sociale in base al quale l’avidità farà il minor danno”. La saggia osservazione di Friedman, dovrebbe far capire persino a De Laurentiis, come la risoluzione di un problema socio/economico non risieda mai nel trovare un scorciatoia vincente. Si riuscirà, prima o poi, a comprendere un concetto in fondo così semplice?

(ha collaborato Carmelo Pennisi)


Anthony Weatherhill, originario di Manchester e nipote dello storico coach Matt Busby, si occupa da tempo di politica sportiva. E’ il vero ideatore della Tessera del Tifoso, poi arrivata in Italia sulla base di tutt’altri presupposti e intendimenti.

Disclaimer: gli opinionisti ospitati da Toro News esprimono il loro pensiero indipendentemente dalla linea editoriale seguita dalla Redazione del giornale online, il quale da sempre fa del pluralismo e della libera condivisione delle opinioni un proprio tratto distintivo.

18 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Hic Sunt Leones 61 (A.C. TORINO)® - 2 settimane fa

    test

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. marione - 2 settimane fa

    Nel frattempo ADL ha comprato Osimeh, il contaballe chi ha preso? Io mi chiedo, pur con il rispetto per l’autore che stimo, come diavolo si fa a criticare ADL quando uno ha in casa il peggior presidente di tutte le serie.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. bloodyhell - 2 settimane fa

      fratello marione, guarda che weatherill non ha messo in raffronto de laurentiis con cairo. a dire il vero l’articolo non parla nemmeno di de laurentiis, ma lo utilizza per provare a focalizzare un problema. un saluto

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. robros58 - 2 settimane fa

    anche il salary cap non basta, ci vorrebbe il sistema dei draft americani. Addirittura la Xfl (nuova lega di american football) ha messo in piedi un campionato dove tutte le squadre sono di proprietà dela lega stessa! Ma in questo caso, è ovvio, siamo sempre più in un ambito di puro spettacolo più che di attività sportiva come storicamente intesa, almeno in ambito europeo.
    In ogni caso, se le cose continuano ad andare così, sarà sempre di più valido il detto del Marchese del Grillo: “io sò io e voi non siete un c..zzo!”

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 2 settimane fa

      Per me bisognerebbe abolire la Bosman per i calciatori milionari e chi ha investimenti sul vivaio e produce calciatori validi ne detiene il cartellino . In tal modo per avere cammello pagare moneta ,e i procuratori se l andrebbeto a prendere nel culo , visto che sono uno dei Mali del calcio. Se non si farà questo avremo un lento declino di questo sport a livello di nazionale.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Il Giaguaro - 2 settimane fa

    La Champions ha creato una Elite con fatturati inarrivabili per chi ne è fuori. Non per niente i campionati nazionali hanno perso interesse e competitività. Sono finiti i campionati risolti all’ultima giornata, oggi si vince con 10 punti sulla seconda e con 20/30 punti sulla quarta (quella che non arriva in Champions, o ci arriva coi preliminari). Sono distacchi che rendono impossibili sorprese, vincono sempre i soliti (o, in Italia, il solito). Ed ogni anno il divario continua a crescere esponenzialmente, fossilizzando la situazione. A quando una superlega europea tipo NBA? Non sarebbe, a mio parere, così male per i campionati nazionali… Penso al seguito, persino superiore a NBA o NFL, nel basket o nel Football Americano a livello di Università e college. Da noi un campionato senza Juve significherebbe un campionato con meno furti, più equilibrato, alla fine anche senza Ronaldo e Dybala solo più divertente… Noi tutti ci divertiremo col nostro piccolo campionato nazionale, mentre loro perderebbero regolarmente nel “calcio che conta”!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Granata - 2 settimane fa

    Come stronca il borioso de laurentis, Weatherill, nessuno mai. Bravissimo !!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Donato - 2 settimane fa

    ADL è sempre molto clownesco. La Champions coi suoi introiti ha allargato il divario tra i primi della classe e gli altri. Se poi nella cerchia dei primi della classe c’è chi gode anche di sistematici favori arbitrali, il campionato è decisamente drogato. Cosa che ho sempre sostenuto.
    Basti pensare a Rube Atalanta di poco fa. Se avessero lasciato che l’Atalanta vincesse come meritato??? Come sarebbe finito il campionato?? Col 9 scudetto degli ovini?? Non sono certo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Dr Bobetti - 2 settimane fa

      Non avrebbe vinto la gobba ed il salvataggio operato a suo favore è stato scandaloso ed imbarazzante persino (termine che difficilmente è compatibile con gli ovini col pigiama).

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Donato - 2 settimane fa

        Appunto !!!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Innav (CAIRO VATTENE) - 2 settimane fa

    Stavolta se ne andrà. È uscita la mail della Console in data 29/07. Stanato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Guevara2019 - 2 settimane fa

    I play off per vincere i campionati o in alternativa i top team si organizzino il campionato europeo,mantenendo intatta la champions, così lascerebbero più equilibrio e interesse ai campionati nazionali,
    Così chi vince quest’ultimi viene promosso al campionato delle big tramite il sistema delle retrocessioni-promozioni garantendo il ricambio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. julian edelman - 2 settimane fa

    non sono d’accordo con l’articolo. Hanno voluto un calcio di super potenze economiche in cui le più grandi continuano a vincere e guadagnare allargando la forbice con il resto del mondo. Il fair play finanziario non è servito a nulla perchè di fatto ha solo penalizzato le realtà medie. Ora sono preoccupati perchè i campionati stanno diventando noiosi (ed in effetti è cosi) e che piaccia o meno l’unico modo di ridare un po di incertezza è introdurre i playoff dove anche un Atalanta o un Napoli possono sperare di vincere e non concorrere per il secondo posto. Una delle grandi distanze economiche tra la serie A e il calcio inglese sono i diritti venduti all’estero, immaginate il seguito e l’attenzione che avrebbe una finale scudetto al posto delle ultime 3-4 giornate nelle quali più della metà delle squadre non hanno nulla da giocarsi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Il_Principe_della_Zolla - 2 settimane fa

      Concordo. Il fair play finanziario è un circolo vizioso. Non puoi investire a meno che tu non generi più denaro, ma non puoi generare più denaro a meno che non acquisti i giocatori migliori, ma che non puoi comprare se non investi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. paolinux - 2 settimane fa

    Ci vuole un salary cap.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. paolinux - 2 settimane fa

      Aggiungo: oltre al salary cap, i diritti TV andrebbero divisi equamente. Se le me#de, oltre alla capacita’ finanziarie superiori a qualsiasi altro club, si beccano anche e sempre la fetta piu’ grossa dei diritti, il sistema e’ truccato in partenza

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Dr Bobetti - 2 settimane fa

        Sante parole, due fattori che sposterebbero il baricentro in mezzo dove deve stare e non a favore di pochissimi.
        Ma il calcio è la terza industria (ci dice Gravina e non solo), priva di piani di disaster recovery e senza capacità di pianificazione. Ma siccome è la terza industria serve che ci mette più soldi più soldi ne ricavi, in qualunque modo.
        Lo sport non è industria, dovremmo imparare non poco dagli USA dove il professionismo esiste e le regole sono molto chiare; ed i bilanci son seri ed attivi, non farlocchi figli dei diritti TV.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Bischero - 2 settimane fa

    Vincere é il fine. Conta il mezzo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy