Calcio integrazione guadagni

Sotto le granate / Torna l’appuntamento con la rubrica di Maria Grazia Nemour: “ È un calcio di speculazione finanziaria che non conosce passione, figuriamoci la solidarietà verso il mondo che lo sostiene come fosse un figlio o verso le serie minori”

di Maria Grazia Nemour

Assocalciatori dichiara: «Con la Figc siamo al fianco delle leghe per chiedere al governo provvedimenti speciali».

Sono d’accordo, sono necessari provvedimenti speciali, non so, tipo quelli per assicurare il buono alimentare da spendere in cene da Cannavacciuolo per i calciatori, procuratori, presidenti e dirigenti di Serie A. Di Sky, Dazn.

Che i giocatori si svalutino per la sospensione dei campionati mi può anche rattristare, magari qualcuno non è più un ragazzino, ha il contratto in scadenza, ma devo essere sincera, mi faccio uncruccio di tante ingiustizie, questa no.

Il nostro meraviglioso calcio è all’ultimo stadio del cancro di avidità, è stato capace di mettere a rischio la salute di migliaia di tifosi, oltre che dei giocatori, nelle ultime partite disputate.

I vertici del grande calcio non si sono preoccupati affatto di proteggere le migliaia di persone che a Bergamo hanno urlato felicità per l’ultima volta nella partita di Champions, ignare che poi il suono nelle orecchie sarebbe stato solo quelle delle campane, che per settimane avrebbero suonato a morto a ogni ora.

È un calcio di speculazione finanziaria che non conosce passione, figuriamoci la solidarietà verso il mondo che lo sostiene come fosse un figlio o verso le serie minori, i tanti “operai del calcio” che si reinventano ogni giorno per sopravvivere. Anche in questo tragico momento il potentato calcistico riconferma di avere un solo fine: il profitto.

Senza il minimo accenno di imbarazzo fa ventilare l’idea che il governo dovrà approvare dei provvedimenti speciali per salvarlo.

E diamogliela ‘sta cassa integrazione ai calciatori, procuratori, dirigenti. Occupiamoci di loro, che nessuno rimanga indietro in tempo di crisi, soprattutto quelli abituati a starci sopra, in testa.

Il calcio è qualcosa di profondamente diverso dalla Serie A, è fatto di bambini che vanno a dormire nascondendo il pallone sotto al letto, di persone che allenano i ragazzi sui campetti spelacchiati quando muori dal freddo o crepi dal caldo, di campionati autofinanziati per il gusto di appartenere a una squadra e giocare con quella maglia addosso. Di occhi lucidi, quando tiri fuori dalla scatola le scarpe coi tacchetti, nuove.

Io non so se l’impero del calcio sopravviverà inossidabile al passaggio della crisi sanitaria, economica e sociale che ci sta travolgendo. Se nulla cambierà nelle dinamiche mostruose che dominano il “calcio che conta” vorrà dire che anche le persone avranno compreso poco del messaggio di questo virus: cambiate tutto.


Mi sono laureata in fantascienze politiche non so più bene quando. In ufficio scrivo avvincenti relazioni a bilanci in dissesto e gozzoviglio nell’associazione “Brigate alimentari”. Collaboro con Shakespeare e ho pubblicato un paio di romanzi. I miei protagonisti sono sempre del Toro, così, tanto per complicargli un po’ la vita.

Disclaimer: gli opinionisti ospitati da Toro News esprimono il loro pensiero indipendentemente dalla linea editoriale seguita dalla Redazione del giornale online, il quale da sempre fa del pluralismo e della libera condivisione delle opinioni un proprio tratto distintivo.

5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Mimmo75 - 6 mesi fa

    Maria Grazia, un articolo così denso di buon senso e umanità, capace in poche righe di andare dritto al nocciolo della questione lasciando il re nudo, non poteva che venire da te. Ma che ci fai qui? Meriti una dimensione migliore, per quel che scrivi, per come lo scrivi. Sei la migliore, una professionista che i suoi colleghi dovrebbero ammirare, alcuni, molti, troppi, vergognandosi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Rock y Toro - 6 mesi fa

    Non ci sono solo i viziati della serie a ma ci sono anche calciatori professionisti da 30.000 euro/anno. O anche meno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Mimmo75 - 6 mesi fa

      Credo tu non abbia colto il significato dell’articolo. Se ci sono calciatori da 30.000 euro al minuto e altri da 30.000 euro l’anno qualcosa non torna, non credi? Giusto che chi ha talento e porta fatturato guadagni di più ma questa sproporzione mostruosa non deve esistere. Una sproporzione che poi si traduce anche sul campo in chi vince sempre tutto e chi non riuscirà a vincere mai niente. Quindi è un calcio che non funziona e che di etico e sportivo non ha proprio nulla. Un calcio che invece di provare a reinventarsi per il post covid, come tutti gki imprenditori stanno facendo e come ogni privato cittadino dovrà fare, si affanna e si scanna per mantenere lo status quo. E allora che vada tutto a rotoli se può servire a ridurre l’ingiusto divario tra i pochi fortunati e i tantissimi altri calciatori che giocano per passione nelle serie minori. Il calcio come azienda può accedere agli aiuti di Stato, lo faccia. Invece no, vogliono la botte piena e la moglie ubriaca. Questa crisi lascerà, purtroppo, moltaperderanno senza lavoro dopo averne lasciata troppa senza l’affetto dei propri cari. Se perder il posto l’operaio o il cameriere non vedo cosa c’è di strano se accadrà la stessa cosa al calciatore. Siamo tutti sulla stesaa barca e l’unica soluzione che può salvarci è lavorare per un futuro migliore, non pensare a non perdere lo status quo, come stanno facendo i politici del calcio mentre la gente gli muore intorno.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. maxx72 - 6 mesi fa

    Maria Grazia sei la migliore. E quelli nella foto invece sono solo dei farabutti. È incredibile come certi soggetti non riescano proprio a provare un briciolo di vergogna.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Marchese del Grillo - 6 mesi fa

      E già, caro max. E già!

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy