Toro con l’Atalanta battiti con onore e tira fuori l’orgoglio

Toro con l’Atalanta battiti con onore e tira fuori l’orgoglio

L’analisi di Gino Strippoli / Granata in difficoltà di formazione e con la paura di capitolare

di Gino Strippoli

Dopo la batosta di Reggio Emilia contro il Sassuolo, perché di disastro si è trattato al di là del buon primo tempo giocato, il Toro affronta oggi la paura di capitolare definitivamente dicendo addio ai suoi obiettivi di precampionato ovvero quel posto in Europa League mai conquistato sul campo.

Paure derivanti dalle difficoltà in cui la formazione granata si trova per via di infortuni e squalifiche, trovandosi di colpo con una coperta cortissima, alla faccia di  chi vuole ridurre l’organico con le partenze di Parigini, Falque, Millico e i già partiti Bonifazi, Buongiorno e Rauti. Se può essere vero che in alcuni ruoli il Toro è davvero ricco di giocatori, vedi la retroguardia che annovera ben 5 centrali mentre per la fase offensiva ha ben 5 attaccanti e altrettanto giusto ricordare che sia Parigini che Millico mai hanno avuto la possibilità di dimostrare il loro valore e con le prestazioni viste di altri giocatori avrebbero avuto tutte le chance di giocarsela sul campo. Con Zaza che non si riesce a sistemare in altra squadra e Falque nella stessa situazione, ad una settimana e poco meno dalla chiusura del calciomercato, anche per Millico il futuro non sembra proprio roseo; imballato in una sorta di limbo dove le prospettive non sembrano garantirgli le possibilità di giocare con continuità. Anche perché Zaza e Falque se si volessero vendere a giugno hanno bisogno di giocare e quindi per il giovane bomber granata il posto in panchina sarebbe garantito. Già in panchina, quasi senza possibilità.

E’ un dato di fatto che tutto ciò si sposa con una programmazione errata di questa stagione sin da quest’estate con l’acquisto di Verdi, un esterno che oggi Mazzarri non fa giocare da esterno, con la conferma di Millico relegato in panchina piuttosto che darlo in prestito al Chievo, con la conferma di Nkoulou che sicuramente già mesi prima aveva allertato la società granata di voler andare via, senza poi contare sul riscattare Bonifazi per non farlo giocare e fargli precludere una stagione senza senso.

Tutti questi errori e problemi si aggiungono poi agli infortuni di Lyanco e Falque.

Poi c’è la vicenda Meitè: inspiegabile il suo rendimento e non si pensi che il giocatore sia scarso, la sua sembra più una questione mentale, già annusata nella scorsa stagione dopo i primi due mesi giocati bene.

Oggi il Toro si troverà a giocare con una formazione rimaneggiata senza Rincon e Ola Aina, senza Baselli nuovamente infortunato, Ansaldi e Zaza. In panchina una marea di difensori da Lyanco a Bremer, zero centrocampisti (l’unica alternativa è Adopo) e poi Millico, Falque e Edera. Ecco che i nodi al pettine arrivano nel momento giusto: al Toro questa estate si è sbagliata campagna acquisti totalmente non andando a comprare almeno un altro centrocampista dai piedi buoni. La partita contro i bergamaschi rischia di essere il canto del cigno di questo Toro che potrebbe veder sfumare il suo obiettivo in campionato in caso di sconfitta, a meno che non ci sia una vera impennata di orgoglio capace di andare oltre le polemiche, gli infortuni e le squalifiche. Ma questo lo devono fare i giocatori in campo contro una squadra ben allenata, che ogni tanto qualche caduta la fa, come contro la Spal, ma che comunque è agli ottavi di Champions League e quinta in campionato. Belotti e compagni si troveranno una vera armata da fronteggiare. Rientrerà tra i pali Gollini con davanti a lui Toloi, Palomino e Djimsiti  mentre a centrocampo De Roon, Freuler, Gosens e Hateboer saranno la diga giusta per affidarsi poi alla fantasia  di Ilicic e Gomez o Pasalic, con al centro dell’attacco Zapata. Una forza d’urto offensiva impressionante.

Toro fuori l’orgoglio e dimostra il carattere che i tifosi vogliono vedere, poi si può anche perdere ma c’è sempre modo e modo, come quello di uscire anche sconfitti ma tra gli applausi dei tifosi per aver dato tutto. 

5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. FuriaGRANATA - 3 settimane fa

    Dimenticavo anche l’onore gli manca.INFA ME

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. FuriaGRANATA - 3 settimane fa

    Con un mister e un presidente senza orgoglio è dura

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. miele - 3 settimane fa

    Tutte le osservazioni riportate nell’articolo erano già ben note al termine dello scorso mercato condotto in modo sconsiderato da Cairo e collaboratori. Ora la situazione si è ulteriormente aggravata tra infortuni (vedi coperta corta di Mazzarri) e fallimenti ampiamente prevedibili (Verdi). Ora, dal mercato non ci si può aspettare che altre cessioni, il gioco di squadra continua a latitare, per cui è rimasta solo la speranza nellimpegno e nell’orgoglio. Sarebbe una buona cosa, ma i tifosi si meritano ben altro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Follefra Granata - 3 settimane fa

    Quanti rimpianti vedendo una società che in 10 anni è riuscita a progredire nell’elite del calcio europeo. Investendo sui giovani, lo scouting e lo stadio di proprietà. Poi oggi spero si riesca a colmare il gap tecnico con la tenacia dell’andata. Ma anche fosse noi sappiamo sarebbe un fuoco di paglia contro il falò di Percassi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. EraldoPecci - 3 settimane fa

    Con l’orgoglio del catenaccio, del gioco maschio e del contropiede. Ogni tanto si può vincere. E siccome l’Atalanta ha un gioco…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy