Genoa, Nicola prima del Toro: “Gioco, grinta ed entusiasmo per una grande prestazione”

Conferenza / Le parole dell’ex granata alla vigilia della sfida del “Grande Torino”

di Andrea Calderoni

Davide Nicola vivrà, come sempre, una partita speciale contro il suo ex Torino. Alla città di Torino è legato e ai colori granata, se possibile, è ancor più legato. Oggi, però, deve cercare di ottenere la salvezza con il Genoa e contro la squadra di Moreno Longo sarà scontro diretto ad altissima tensione. In conferenza stampa alla vigilia della gara Nicola ha dichiarato: “Vogliamo fare una grande prestazione fatta di gioco, di grinta e di entusiasmo. Giocheremo con una voglia pazzesca di raggiungere il nostro obiettivo”. Inoltre, ha aggiunto: “L’atteggiamento non deve cambiare mai, indipendentemente dall’avversario. Dovremo scendere in campo come contro la Spal, perché l’atteggiamento è l’unica cosa che ti permette di centrare l’obiettivo”.

LEGGI ANCHE: Torino, riecco il Genoa: per i granata sarà il terzo incrocio stagionale contro il Grifone

COPPIA D’ATTACCO“Iago Falque e Pinamonti nuovamente insieme dal primo minuto? Proporremo un Genoa propositivo con la voglia di fare calcio. Questo è l’unico dato di fatto” ha evidenziato Nicola. “Un gruppo coeso e motivato fa la differenza in qualsiasi ambiente – ha continuato -. Noi crediamo di esserlo, ma a sei giornate dalla fine non c’è più da dosare ma da sprintare ogni gara. Dobbiamo renderci conto che il campionato sta entrando in una fase interessante”. Punto infortunati. “Criscito, Romero e Sturaro stanno recuperando velocemente. Oggi c’è l’ultimo allenamento prima della partenza e capiremo chi potrà essere a disposizione” ha spiegato il tecnico.

LEGGI ANCHE: Torino-Genoa, i precedenti: granata imbattuti in casa da quell’amaro 2009

PARTITA CHIAVE“Per noi la partita chiave sarà sempre la prima da affrontare in ordine di tempo, pertanto sarà quella di domani sera contro il Torino” ha affermato Nicola. “Anche il Torino dovrà lottare per la salvezza fino all’ultimo? Io guardo al Genoa, sono contento di essere l’allenatore del Genoa e sono motivato ad esserlo. Noi sappiamo che dovremo lottare fino alla fine. Non è un peso questo, ma è un privilegio. E’ nel Dna del Genoa e di Genova il fatto di doversi alzare ogni giorno sapendo di dover lottare”. Infine, sulla quota salvezza ha concluso: “Non facevo calcoli quando eravamo ultimi con 11 punti e a maggior ragione non li faccio adesso. Le statistiche le lascio a chi ha più competenza di me. Io metto tutto il mio impegno, consapevole del fatto che la salvezza sono le sei partite che mancano”. 

7 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Bacigalupo1967 - 3 mesi fa

    Aspettiamo la conferenza di Longo!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. spiritolibero - 3 mesi fa

    Io amo quest’uomo e lo vorrei con noi ma domani si deve vincere

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Bob Rokk - 3 mesi fa

    intendiamoci, è dura..
    ma se dovessi ‘barometrare’ lo stato di salute (mentale) dei nostri e del Genoa, direi che il vantaggio è loro e di Nicola..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. grammelot - 3 mesi fa

    E’ brutto a dirsi ma domani Nicola, vero Cuore Granata, ci fa un kiulo grosso come una campana.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Guevara2019 - 3 mesi fa

    Con il Genoa è uno spareggio, giocando in casa tocca vincere e cacciare loro a – 7,la sconfitta sancirebbe la retrocessione, anche un pareggio sarebbe rischiosissimo, l’unica partita facile delle prossime cinque almeno sulla carta è a Ferrara.

    Il Genoa è scarso ma hanno grinta, e questo per noi potrebbe rivelarsi un grande problema.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. TOROPERDUTO - 3 mesi fa

      Anche noi siamo scarsi e per di più non abbiamo grinta…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. SempreTORO - 3 mesi fa

        Non direi che siamo scarsi, almeno sula carta, ma grinta ed entusiasmo mi sembra che ce l’abbiamo sotto ai tacchi. FVCG

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy