La probabile formazione del Torino: si va verso la conferma degli 11 anti-Parma

La probabile formazione del Torino: si va verso la conferma degli 11 anti-Parma

Probabile formazione / Longo tiene pronte comunque tre carte: Lyanco, Ola Aina e Lukic

di Roberto Ugliono, @UglionoRoberto

Moreno Longo dovrebbe confermare la formazione titolare che ha giocato contro il Parma. Gli undici giocatori scesi in campo contro i ducali hanno convinto il tecnico granata e così anche la loro disposizione in campo. Per questo motivo sembra si vada verso una totale conferma. Si dovrebbe rivedere ancora il 3-4-2-1 con Belotti molto largo e Simone Edera da trequartista che svaria su tutto il fronte offensivo. Ancora una chance per Simone Zaza in avanti come prima punta.

Toro, Cairo soddisfatto a metà: “Continuiamo così, ma ci mancano i tre punti”

DUBBI – Ci sono tre nomi che comunque restano caldi. In difesa scalpita Lyanco, che potrebbe prendere il posto di uno tra Izzo, Nkoulou e Bremer, che rimango favoriti al momento vista la buona prestazione di sabato. In mezzo al campo Lukic potrebbe insidiare uno tra Meité e Rincon (entrato in diffida con l’ammonizione presa contro i ducali), mentre sulle fasce Ola Aina, subentrato a gara in corso per Berenguer, potrebbe giocare al posto dello spagnolo. Sulla destra giocherà molto probabilmente Lorenzo De Silvestri.

TORINO-UDINESE, LA PROBABILE FORMAZIONE DEL TORINO:

TORINO (3-4-2-1): Sirigu; Izzo, Nkoulou, Bremer; De Silvestri, Rincon, Meité, Berenguer; Edera, Belotti; Zaza. ALL.: Longo.

11 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. leggendagranata - 3 mesi fa

    Credo che il tourbillon di formazioni e moduli finora fatto (da Mazzarri e poi da Longo) abbia gravemente nuociuto. Col Parma siamo stati un po’ meno peggio ed è dunque giusto dare un minimo di continuità al modulo provato. D’ altronde, paghiamo l’ errore di avere scelto un tecnico “stagionato” come Mazzarri, che ha fatto sprecare soldi e cedere giocatori preziosissimi come Ljajic e Iago Falque (e ci metterei anche il Soriano visto al Bologna). I due in coppia con Belotti fecero 48 gol nella stagione 2016 2017 e 28 in quella successiva (un calo dovuto essenzialmente ai meno gol segnati da Belotti), poi Mazzarri ha smontato il meccanismo ed i risultati sono sotto gli occhi di tutti. Tecnica e qualità si sono abbassate, manovre efficaci per andare in gol con il contagocce. Persino un giocatorino come Berenguer si permette di imbufalirsi se viene richiamato in panchina quando ormai ha finito il carburante da parecchi minuti. Insomma, speriamo di cavarcela e poi diamo una bella svecchiata alla rosa e chiamiamo un allenatore vero.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. lucapecc_908 - 3 mesi fa

    Ma Millico cosa ha fatto per non giocare mai?
    Il mio non è sarcasmo ve lo chiedo sul serio perchè magari da Torino avete percezioni e notizie diverse.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Bacigalupo1967 - 3 mesi fa

    Squadra che non perde (primo pareggio in serie A di Longo) non si cambia.
    Ps articolo basato sul nulla

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. GlennGould - 3 mesi fa

    Zaza titolare. Perfetto. Longo ha una percezione evidentemente superiore.. vede cose che noi umani non vediamo. D’altronde il professionista è lui. E la serie b è va tre punti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. user-14287754 - 3 mesi fa

    ma io non la vedo così con il Parma abbiamo avuto le occasioni per vincere se abbiamo le stesse occasioni con l’udinese la vinciamo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. petrini7_7105906 - 3 mesi fa

    squadra che pareggia non si cambia?????

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. pupi - 3 mesi fa

    La Nazione parla di petracchio alla viola…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. ToroSardo - 3 mesi fa

    ancora^? si rigioca in 9. Longo che fai?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. abatta68 - 3 mesi fa

    Davvero non capisco perché si ostini a mettere zaza, secondo me solo x provare a venderlo. Ma per il resto la formazione non sarebbe male, togliendo zaza e mettendo lukic in un 433 con gli esterni berenguer e edera e belotti centravanti, visto che quello sarebbe il suo ruolo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. InvincibiliGranata - 3 mesi fa

    Bene così: proseguire, continuare, perseverare, insistere sulla strada vecchia sino all’ultimo respiro.

    Zaza è la certezza assoluta di bracciamozze per la spasmodica ricerca della retrocessione, con Longo prestanome consenziente della premiata ditta “Cairese & C.”.

    Avanti Savoia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Héctor Belascoarán - 3 mesi fa

    Ho visto giocare bene Zaza e il Gallo insieme una sola volta (anzi due) in 2 anni: contro il Debrecen, squadra paragonabile alla nostra serie C, e nei 10 minuti finali contro il Milan all’andata, praticamente l’unica volta in cui, per problemi tecnici (assenze e infortuni), siamo stati “costretti” a giocare con il più classico dei 442.
    Mi chiedo se ha senso disinnescare l’unica punta di livello che abbiamo relegandolo largo a sx per fare posto al giocatore più indisponente della recente storia del Toro.

    Moreno, abbiamo tanta fiducia in te ma allo stesso tempo ti chiediamo più coraggio nelle scelte. Zaza non è un giocatore da Toro ma se proprio “devi” farlo giocare considera almeno il 442.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy