Napoli, la versatilità di Di Lorenzo e l’imprevedibilità di Manolas: la difesa è di livello

Avversario / Esploriamo i reparti del prossimo avversario del Torino in campionato: focus sulla difesa del Napoli

di Andrea Marchello, @AndreaMarchell0

Continua il percorso che porterà Napoli e Torino a sfidarsi al San Paolo. I partenopei sono una squadra difficile da affrontare, specie in questo periodo di generale forma; andiamo ad analizzare meglio i singoli reparti degli avversari dei granata nei loro punti di forza e nei loro punti deboli: focus sulla difesa del Napoli.

QUATTRO – Gattuso, in difesa, ama disporre 4 uomini; il reparto arretrato è forse quello che è maturato di più nell’ultimo periodo: nelle ultime 4 gare il Napoli ha subito 6 goal, ma solo uno nelle scorse 2 partite, che peraltro hanno visto i partenopei portare a casa 6 punti su 6. Il tecnico dei prossimi avversari del Torino pare aver trovato la quadra per la linea che si dispone a protezione di Ospina, con una combinazione di uomini che sta subendo poche modifiche e che, pur gravata dall’impegno di Champions League contro il Barcelona, potrebbe essere confermata contro il Toro, al quale il Napoli non sembra disposto a far sconti per nessuna ragione.

SINGOLI – Una presenza fissa, nella difesa partenopea, è Giovanni Di Lorenzo. Il classe ’93 ha finora disputato quasi tutte le gare di campionato (24), servendo 4 assist e mettendo a segno anche una rete. Il suo ruolo naturale è quello di terzino destro, ma nei momenti di difficoltà può essere usato come jolly (come ad esempio contro la Sampdoria, contro la quale è stato disposto come centrale di difesa): la sua versatilità lo rende uno dei più pericolosi tra gli avversari. Nelle ultime 3 gare ha trovato continuità l’ex granata Maksimovic, che contro Brescia, Cagliari e Lecce è riuscito a ben figurare; occhio anche a Manolas, già a quota 2 reti malgrado sia un centrale di difesa. Particolare attenzione a Koulubaly, ormai recuperato e bisognoso di ritrovare il ritmo partita. Il Napoli è un avversario da temere, pericoloso – come abbiamo visto – già dalla difesa, piena di prospetti di qualità. Starà al Toro presentarsi al meglio.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy