Toro, il Parma ha il peggior attacco del campionato: è sfida contro la peggior difesa

Focus / Le ultime due uscite della squadra emiliana hanno evidenziato i limiti di una rosa incompleta e inadatta al gioco del nuovo allenatore

di Roberto Ugliono, @UglionoRoberto

Il Parma di Fabio Liverani non è quello visto con Roberto D’Aversa. Sia per pericolosità sia per i principi di gioco che i due allenatori hanno in testa. Fino all’anno scorso i ducali erano una squadra molto solida difensivamente ed estremamente pericolosa in contropiede. Con l’arrivo di Liverani i ducali avrebbero dovuto fare il salto di qualità, tenendo il pallino del gioco e proponendo un calcio offensivo e divertente, proprio come il tecnico romano aveva fatto con il suo Lecce: da questo punto di vista, il tecnico romano aveva una missione simile a quella di Marco Giampaolo, quella di varare una rivoluzione tecnico-tattica.

PARMA, ITALY – DECEMBER 16: Gervinho of Parma Calcio in action during the Serie A match between Parma Calcio and Cagliari Calcio at Stadio Ennio Tardini on December 16, 2020 in Parma, Italy. (Photo by Alessandro Sabattini/Getty Images)

MERCATO – Come il Torino estate, anche il Parma avrebbe avuto bisogno di una rivoluzione sul mercato,  per regalare i giusti pezzi al tecnico. Invece i ducali hanno mantenuto l’ossatura della squadra di D’Aversa. Consapevoli della partenza di Dejan Kulusevski, il Parma non ha trovato nessun giocatore pronto a sostituirlo. L’ex Atalanta era stato la passata stagione uno dei migliori e al suo posto è arrivato Brunetta dal Godoy Cruz, ma l’italo-argentino fin qui ha trovato poco spazio. Di fatto gli unici acquisti che fin qui hanno giocato da titolari sono stati Osorio (preso dal Porto) e Sohm (arrivato dallo Zurigo).

PARMA, ITALY – DECEMBER 16: Simon Sohm of Parma Calcio in action during the Serie A match between Parma Calcio and Cagliari Calcio at Stadio Ennio Tardini on December 16, 2020 in Parma, Italy. (Photo by Alessandro Sabattini/Getty Images)

LEGGI ANCHE: Parma, rientrano dalle vacanze Valenti e Brunetta: in 4 lavorano a parte

DIFFICOLTÀ – Di conseguenza Liverani si è trovato a dover lavorare con una squadra che non è in grado di proporre il gioco che vorrebbe. Per questo motivo anche a Parma si sono visti diversi esperimenti in corsa. I ducali erano partiti con il 4-3-1-2, poi hanno virato provvisoriamente al 3-5-2 e ora sono tornati alla vecchia veste, ovvero al 4-3-3 degli ultimi anni di gestione. Nonostante i tanti cambi le difficoltà incontrate dai crociati sono state varie, ma – a differenza del Torino – sono riusciti a ottenere qualche successo che ha tenuto la squadra fuori dalla zona rossa. Tuttavia, il Parma al momento ha il peggior attacco del campionato, con sole 13 reti segnate in 14 partite, alla pari del Crotone. Da questo punto di vista ci sarà una sfida nella sfida, quella contro la peggior difesa del campionato, quella del Torino. Interessante sarà capire se i granata riusciranno a mantenere la porta inviolata (quest’anno ci sono riusciti solo una volta, proprio contro i calabresi di Stroppa) o almeno a confermare i segnali di compattezza visti a Napoli. Da questo punto di vista, i difensori di Giampaolo si troveranno una squadra non particolarmente temibile nella sua fase offensiva.

7 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Bob Rokk - 3 settimane fa

    premesso che bisogna far uscire (per ragioni diverse ed assumendosi anche qualche rischio) Sirigu, Izzo, N’Koulou, Meité, Zaza
    ..non so come andrà a finire, ma di una cosa sono certo: con Baselli vedremo un’altra squadra..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. zaccarelli - 3 settimane fa

    Andrà sicuramente bene contro il Parma, squadra “marchigiana”*

    * É scritto nell’articolo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. gianni bui - 3 settimane fa

      Hanno corretto. Ed io che sono pure andato a cercare su internet se avesse un nesso con Parma…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Bacigalupo1967 - 3 settimane fa

    Intanto il Genoa ed il Cagliari hanno già concretizzato delle operazioni di mercato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. nonnogranata - 3 settimane fa

    Tremo, credetemi, la nostra specialità è far resuscitare i morti…!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. toro52anni - 3 settimane fa

    a noi comunque 2 pere ci sta che ce le facciano.
    Speriamo di farne noi almeno 3 a loro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Toroperduto - 3 settimane fa

    Apperò, un partitone!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy