Torino, Primavera cantiere aperto: si intravedono i primi miglioramenti

Focus / La sconfitta con il Sassuolo è bugiarda sulla prestazione, ora Cottafava ha la rosa praticamente al completo

di Roberto Ugliono, @UglionoRoberto
Torino Primavera

La Primavera del Torino è un cantiere aperto. I rinforzi sono arrivati negli ultimi giorni e ora Cottafava può finalmente contare su un organico praticamente completo. Continua a mancare solamente una pedina: un terzino o esterno a destra, dove il tecnico non può continuare a dover schierare un difensore centrale (Mirabelli e Siniega). Per il resto una quadra c’è. La sconfitta contro il Sassuolo ha fatto vedere che in realtà la Primavera granata sta migliorando visibilmente. Rispetto all’esordio contro la Lazio, i ragazzi di Cottafava sono stati più compatti e hanno creato con più continuità.

MIGLIORAMENTI – Le idee ci sono. In fase di non possesso i movimenti sono sempre più all’unisono. Che la squadra pressi in alto o aspetti sotto la linea della palla, i granata sono ben disposti in campo e non a caso il Sassuolo – se non fosse stato per il rigore – non avrebbe mai ottenuto una vittoria. Il portiere appena arrivato dalla Juventus, Razvan Sava, è stato impegnato raramente e non ha mai fatto una parata particolarmente complicata. I miglioramenti si vedono anche in fase di costruzione. Il Torino ha saputo creare e, tra occasioni mancate e miracoli del portiere ospite (incredibile quella su Siniega nel secondo tempo), avrebbe meritato ai punti il pareggio.

LEGGI ANCHECalciomercato: il Toro prepara l’assalto finale a Andersen, Joao Pedro e Torreira

TEMPO – Qualche difficoltà nella circolazione della palla c’è e di conseguenza serve crescere sotto il punto di vista della continuità nel gioco proposto nell’arco della partita. Un’attenuante, però, c’è. Il campo di Volpiano non permette grandi manovre, visto che la palla a volte va un po’ dove vuole. Nonostante questo, serve migliorare. D’altronde i giocatori sono arrivati agli ordini di Cottafava nelle ultime due settimane. Ergo il tecnico ha bisogno di tempo, perché tutt’ora deve ancora capire a pieno che cosa questa squadra gli può dare e perché con tanti giocatori nuovi, ora serve trovare affiatamento tra compagni di squadra e far entrare tutti nelle idee di gioco del nuovo allenatore. Intanto mercoledì a Bogliasco sfiderà la Sampdoria in Coppa Italia, altra gara da dentro o fuori.

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. granatasky - 1 mese fa

    Anche qui il mandrogno aprirà un nuovo ciclo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. fabry.prover_3716039 - 1 mese fa

    Scusate, ma Karamoko e’ tesserato come fuori quota o no ? Grazie

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy