Bianchi: “Con Longo recuperare anima e cuore. Belotti-Zaza? Si può”

Bianchi: “Con Longo recuperare anima e cuore. Belotti-Zaza? Si può”

Intervista TN / Le parole dell’ex capitano sul momento granata, che vede il cambio in panchina tra due allenatori che conosce bene

di Andrea Calderoni
doppie ex, Rolando Bianchi

Rolando Bianchi conosce l’ambiente granata meglio di tanti altri. È stato uno dei capitani dell’era Urbano Cairo e da lontano continua a tifare il Torino. Non solo: nella sua carriera da calciatore ha conosciuto da vicino sia Walter Mazzarri che Moreno Longo, che si sono appena avvicendati sulla panchina granata. Proprio per questo Toro News ha voluto interpellarlo per avere un suo parere circa le ultime vicende occorse in casa Torino.

Buongiorno Rolando, è iniziata una nuova era in casa granata dopo un paio di settimane molto tribolate. Che idea si è fatto della situazione?

“Penso semplicemente che la società dopo Lecce abbia fatto tutti i ragionamenti necessari. L’augurio sincero è che il cambio della guida tecnica possa realmente far svoltare il Torino”.

Ma cosa è accaduto dentro allo spogliatoio del Torino nelle ultime settimane a suo giudizio?

“Non è semplice comprendere che cosa sia accaduto all’interno dello spogliatoio nelle ultime settimane, tra Atalanta e Lecce. Dall’esterno si poteva notare che qualcosa che non andasse per il verso giusto c’era. Sinceramente mi spiace per Walter Mazzarri: è un tecnico e una persona per la quale nutro grande stima”.

In effetti, lei conosce benissimo il tecnico toscano. Memorabile la salvezza ottenuta dalla Reggina con Bianchi e Amoruso in attacco e Mazzarri in panchina. Cosa non ha funzionato tra il Torino e Mazzarri ultimamente?

“Mazzarri è un ottimo allenatore, ma ha pagato un avvio di 2020 complesso. L’andamento deficitario ha minato definitivamente la sua avventura al Torino. Il valore di Mazzarri, tuttavia, non è in discussione. Non ha bisogno di avvocati difensori, perché la carriera parla per lui. A mio modo di vedere, le critiche a Mazzarri sono state figlie solamente dei risultati. Ci sta che in alcuni momenti la ruota non gira come dovrebbe e alla fine chi paga è sempre l’allenatore”.

Mazzarri, dalla cavalcata europea alla crisi dell’ultimo periodo: tre meriti e tre colpe

Passiamo al nuovo corso. Non soltanto Moreno Longo, ma anche Antonino Asta nello staff tecnico.

“Figure come Moreno Longo e Antonino Asta servono, ma non bastano per risolvere i problemi. Credo che comunque daranno una grande mano all’ambiente granata. L’importante in questi momenti è comprendere quale sia la via corretta da imboccare per risollevarsi”.

E su Longo cosa ci dice?

“Moreno lo conosco benissimo. È un ottimo tecnico e sono sicuro che farà bene al Torino, anche alla guida della Prima Squadra”.

Secondo lei Longo proporrà in attacco il doppio attaccante, ovvero Andrea Belotti e Simone Zaza?

“Due giocatori di qualità possono sempre giocare insieme. Dunque, se Longo troverà i giusti equilibri all’interno della squadra, Andrea Belotti e Simone Zaza potranno convivere perfettamente nell’attacco granata. Sono due attaccanti che possono fare ottime cose l’uno accanto all’altro”.

Belotti è uno dei pochi che si è salvato praticamente sempre, anche nelle ultime giornate. Il “Gallo” è il vero simbolo di questo Toro?

“Sì, sicuramente. Belotti con il suo atteggiamento prova sempre a trascinare i compagni. Alcune volte, a mio parere, potrebbe anche farsi sentire un po’ di più nello spogliatoio per stimolare il gruppo. È un esempio per tutti, soprattutto in una squadra come il Torino”.

Moreno Longo si presenta: “Senso di appartenenza per raggiungere i risultati”

Chi ha deluso, invece, è stato Simone Verdi. Se lo aspettava?

“Era naturale che Verdi fosse sotto i riflettori considerato l’investimento importante fatto dalla società. Ora, ha bisogno di ritrovare la giusta serenità. Ha potenzialmente un grandissimo talento e sono convinto che Moreno riuscirà a farlo rendere al meglio”.

Dopo l’Atalanta e il Lecce e dopo l’avvicendamento in panchina, di che cosa avrà bisogno in primo luogo il Torino per tornare a respirare e soprattutto a sorridere?

“Il Torino dovrà recuperare immediatamente la sua identità, come ha detto Moreno nel corso della conferenza stampa di presentazione. Cuore e anima non potranno mancare nel corso della seconda metà della stagione. I ragazzi dovranno tornare ad uscire dal campo con la consapevolezza di aver dato tutto quello che avevano in corpo. Non dovranno mai più deludere i tifosi, come invece hanno fatto negli ultimi tempi, in primo luogo per l’atteggiamento e poi per i risultati. C’è bisogno, perciò, di una nuova mentalità, una mentalità vincente”.

Sono rientrati alla base Longo e Asta. E se un giorno chiamassero Bianchi, cosa risponderebbe?

“Attualmente, io sto studiando molto per prepararmi. Se dovesse mai arrivare una chiamata, sarei naturalmente onorato. Intanto, preferisco concretamente impegnarmi sui libri e tifare il Toro”.

15 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. maxxx - 2 mesi fa

    Caro Rolando, ti voglio bene ma avevi dato ampie rassicurazioni anche su Mazzarri al suo arrivo… meglio non dare più giudizi a priori, lasciamo che sia il campo a parlare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. massimo.buff_2491189 - 2 mesi fa

    Mi ripeterò ma …
    Cairo, riprendi Bianchi come calciatore, anche se non dovesse mai giocare, sarebbe la spalla ideale di Moreno nello spogliatoio.
    Giustissima la frase sul Gallo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Ardi2 - 2 mesi fa

    qualcuno sa se mazzarri abbia fatto un intervista di commiato?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Conta7 - 2 mesi fa

    In linea di massima sono d’accordo con Bianchi (che mi sembra di questi tempi si stia facendo molta pubblicità intorno al pianeta Toro…), al netto di qualche precisazione:

    – Che sia così naturale la convivenza tra Belotti e Zaza non lo so… Anche perché poi cosa dovremmo dire di Millico ed Edera visto che già prima pretendevamo che giocassero?

    – Chiunque abbia un minimo di onestà sportiva sa benissimo che le contestazioni si Mazzarri sono tutto tranne che figlie solamente dei risultati.
    Tutto è nato dalla pura strumentalizzazione di alcune vicende e dichiarazioni extra-campo che poi, essendo proseguite incessantemente e anche dopo vittorie fin dall’ottava giornata, ha finito per minare la tranquillità di tutti, giocatori compresi. Questa è la verità

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. r.ponzon_13686323 - 2 mesi fa

    Grande Rolly, Grande Mazzarri, grande Longo !
    In fondo siete tutte persone che hanno fatto – o quantomeno si sono impegnate di fare – bene per il Toro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. r.ponzon_13686323 - 2 mesi fa

      chissà perchè -4…con tifosi così non c’è da meravigliarsi di quello che accade

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. leggendagranata - 2 mesi fa

    Bianchi è l’ ennesimo ex calciatore intervistato da TN che sostiene la possibilità di di far giocare insieme Belotti e Zaza: “Due giocatori di qualità possono sempre giocare insieme…”. Naturalmente spetta all’ allenatore trovare i “giusti equilibri” di squadra, per dare sostegno alle due punte (e non viceversa come pretendeva Mazzarri nelle poche volte che li ha schierati insieme). E poi, bisogna dare alla coppia le giuste indicazioni sui movimenti d’ attacco e un minimo di tempo per affinare l’ intesa. Insomma cose elementari per un tecnico professionista.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. spiritolibero - 2 mesi fa

    Concordo pienamente quanto detto da Bianchi Anche su Mazzarri

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Roland78 - 2 mesi fa

    Grande Rolando.

    Comunque, continuo a pensare che Zaza e Belotti non possano giocare insieme. I tentativi ci sono stati e non sono stati confortanti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. prawn - 2 mesi fa

    Comunque Capitano, carriera di WM:

    2001–2002 Acireale
    2002–2003 Pistoiese
    2003–2004 Livorno bene come tecnico di serie B, con una promozione ma un certo lucarelli la davanti
    2004–2007 Reggina bene con te e Amoruso davanti
    2007–2009 Sampdoria Una stagione bene una esonerato come al toro
    2009–2013 Napoli Bene con Cavani Hamsik Lavezzi
    2013–2014 Internazionale Esonerato
    2016–2017 Watford Esonerato
    2018–2020 Torino Esonerato

    Insomma tra il 2006 e il 2013 ha fatto delle buone cose, con comunque (a memoria) il Napoli che cincischiava spesso per 80-90 minuti vincendole poi alla fine. Qualcosa che mi ricorda le partite del Toro, dove provava SOLO alla fine a vincerle.

    Non si e’ rinnovato secondo me caro Rolando, non si e’ aggiornato con cosa e’ successo nel mondo negli ultimi 10 anni

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Junior - 2 mesi fa

    Concordo su tutto ed aggiungo che WM ha pagato anche la chiusura verso i tifosi. Noi abbiamo bisogno di persone con il nostro stesso DNA o perlomeno che lo impersonino. Lui si è allontanato. Ha preferito evitare il problema anziché affrontarlo. Nel Toro tifosi e squadra sono un tutt’uno.
    Per il resto grande Rolly, tornassi da noi sarebbe una bellissima cosa soprattutto dopo essere stato cacciato in malo modo da GPV. Non te lo meritavi!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. prawn - 2 mesi fa

      Molti l’avevano accettato con riserve, io, seppure molto critico nell’ultimo anno, l’avevo ‘accolto’ a braccia aperte, memore delle esperienze di Reggio e Napoli.
      Pero’ non si e’ evoluto, non ha cambiato un tot di cose che l’hanno portato all’esonero nell Inter e anche nel Watford (stessi problemi coi tifosi!)

      Insomma non e’ un caso che sia finita cosi’.

      Pare che Moreno abbia gia’ portato entusiasmo, con gente che va a vedere il Toro al fila. E’ la stessa squadra, ma e’ gia’ cambiato tutto.

      Cairo secondo me stavolta ha azzeccato, spero di non sbagliarmi, ma sono troppo contento cmq per Longo e la cigliegina Asta

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Junior - 2 mesi fa

        Penso WM Non ha mai voluto accettare un cambio nella sua cultura. Seppur l’ho sempre ritenuto un buon allenatore non ha voluto essere davvero uno di noi. Non l’ho mai sentito parte granata nei suoi discorsi. Al toro dobbiamo ripartire dalla base, è quello il nostro punto di forza.
        Credo abbiamo una buona squadra, non di fenomeni eccetto 3-4 giocatori di tecnica superiore. Ma alla fine siamo un gruppo che può fare bene senza invidiare Atalanta, Fiorentina o altre.
        Spero i prossimi mesi tale spirito torni a rivivere in campo e Moreno e Antonino possono essere le persone giuste.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Torino FC - 2 mesi fa

      esattamente!!! Grande Capitano!!! Rolly Capitano per sempre!!!!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. EraldoPecci - 2 mesi fa

    Grande capitano e campione! Sempre un piacere sentirti! Un giorno mi piacerebbe sapere di un tuo ritorno! Sei preparato e sai cos’è il Toro! In bocca al lupo per tutto!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy