I SensoUnico sul flash mob per il Grande Torino: “Sarà un 4 maggio unico”

Iniziativa / Uno dei componenti della band, Davide Murru, ci parla dell’evento che si terrà sui balconi lunedì prossimo in occasione del 71° anniversario della tragedia di Superga

di Andrea Calderoni

La band “SensoUnico” ha già vinto la propria sfida. Il flash mob del prossimo 4 maggio sta riscuotendo un successo straordinario e in tanti ex giocatori granata l’hanno già promosso, tra cui Jimmy Fontana, cuore granata ed ex portiere del Torino. Gli autori di “Quel giorno di pioggia”, la struggente canzone dedicata al Grande Torino, scomparso il 4 maggio 1949, stanno allestendo una celebrazione diversa dal solito per onorare il 71° anniversario della scomparsa degli Invincibili. L’emergenza sanitaria in atto ha stimolato la fantasia di Davide ed Ettore Murru, Mauro Pettorusso, Massimiliano Birolo e Luca Panebianco. I balconi si tingeranno di granata, “Quel giorno di pioggia” risuonerà nei cieli di Torino, e non solo, e raggiungerà il colle di Superga.

Buongiorno Davide Murru, scontato chiederle come è nata l’idea?

“È nata sulla scia di quella dell’Unione club granata che diceva di uscire sui balconi con sciarpe e bandiere. Noi abbiamo proposto di aggiungere la nostra canzone come sottofondo, dando vita ad un vero e proprio flash mob ognuno nel proprio domicilio. Ci sembrava un’idea molto interessante, perché durante la quarantena in tanti hanno cantato sui balconi”.

Un bel modo per sopperire alle mille difficoltà di questi mesi.

“Certo. Sarà un modo per proporre un qualcosa di alternativo. Sarà un 4 maggio strano e speriamo che il flash mob possa renderlo unico nel suo genere, considerato che non si potrà fare il classico pellegrinaggio a Superga”.

#IoRestoACasa con Toro News – Jimmy Ghione: “Io, tifoso granata per scelta”

Tanti celebri cuori granata hanno già detto che parteciperanno molto volentieri all’iniziativa e la stanno promuovendo. Credo che siate molto orgogliosi di quanto siete riusciti a mettere in piedi.

“Sì, sono stati molto carini. Nel corso di questa settimana altri personaggi del mondo granata ci manderanno dei video-messaggi per promuovere l’evento. Saranno giorni ricchi di sorprese”.

E i “SensoUnico” suoneranno dal vivo il 4 maggio?

“No, purtroppo saremo impossibilitati perché, per fortuna o per sfortuna, dipende dai punti di vista, saremo praticamente tutti impegnati al lavoro. Ma anche noi proporremo una piccola sorpresa che posteremo il 4 maggio sui nostri canali social”.

Facciamo un passo indietro. Ci può spiegare l’origine di “Quel giorno di pioggia”?

“Luca Panebianco ed io abbiamo scritto a quattro mani le parole. La prima melodia era molto semplice, ma poi con gli altri componenti del gruppo abbiamo aggiustato la canzone, senza mai appesantirla considerato l’argomento. Nel 2019, in occasione del 70° anniversario, abbiamo voluto donarli una nuova melodia più orchestrale, servendoci anche di un mezzo soprano. Era giusto un restyling a 10 anni esatti dall’uscita, perché abbiamo reso il brano più etico e completo”. 

L’assessore regionale Ricca: “Grande Torino da ricordare sempre, ma stavolta solo online”

Calcisticamente qual è la composizione dei “SensoUnico”?

“Mio padre Ettore ed io siamo tifosi granata, mentre tutti gli altri non seguono più di tanto il calcio. Tuttavia ci siamo accorti di una cosa nel corso di questi 11 anni”.

Quale?

“Che il Grande Torino è veramente un patrimonio universale, non esistono distinzioni. Tanti tifosi di altre squadre, compresi alcuni juventini, hanno destinato al nostro brano bellissimi messaggi”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy