Byron Moreno rischia 5 anni

Fino al 21 settembre del 2010, Byron Moreno era stato “solamente” il direttore di gara di una delle più grandi partite-farsa dei mondiali di calcio, ovverosia quell’Italia – Corea del Sud del 2002, gara nella quale il fischietto di Quito si tirò addosso le antipatie di tutti i tifosi azzurri utilizzando un metro di direzione dell’incontro quantomeno discutibile. Ed è proprio nel mese di settembre che il nome di Moreno torna prepotentemente sui rotocalchi delle testate giornalistiche di tutto il mondo, ma questa volta il calcio non c’entra per nulla. L’ex arbitro viene infatti trovato in possesso di una grossa partita di eroina nelle mutande (quasi 6 kg) nell’aeroporto di New York dagli agenti di sicurezza e immediatamente arrestato per contrabbando di droga. Ed è notizia di oggi che l’ex fischietto equadoriano avrebbe confessato tutto in un tribunale di Brooklyn e adesso le sue azioni potrebbero costargli veramente care, visto che per casi come questi è prevista la reclusione fino a 5 anni. Per il momento, nell’attesa che venga fissata la data per la lettura della sentenza, Moreno è trattenuto dalle autorità senza cauzione. Si avvia quindi verso la fine la storia di un uomo che non seppe mai star lontano dalla tentazione di fregare il prossimo e che è finito per fregarsi da solo.

 

Moreno ai mondiali del 2002 (Repubblica.it)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy