”Partite combinate, Conte sapeva!”

”Partite combinate, Conte sapeva!”

Filippo Carobbio é uno degli arrestati della “prima ora”, di quella tornata dicembrina che diede il via al mega-scandalo scommesse. Il centrocampista é stato ascoltato oggi dal pubblico ministero Di Martino e dal procuratore federale Palazzi, e ha confessato le proprie verità. Queste comprendono, ovviamente, nomi di altri personaggi del pallone coinvolti nella faccenda; e, fra questi, uno fa particolarmente scalpore: é…

di Redazione Toro News

Filippo Carobbio é uno degli arrestati della “prima ora”, di quella tornata dicembrina che diede il via al mega-scandalo scommesse. Il centrocampista é stato ascoltato oggi dal pubblico ministero Di Martino e dal procuratore federale Palazzi, e ha confessato le proprie verità. Queste comprendono, ovviamente, nomi di altri personaggi del pallone coinvolti nella faccenda; e, fra questi, uno fa particolarmente scalpore: é quello di Antonio Conte (foto M.Dreosti).

Il tecnico della Juventus, l’anno scorso allenatore di Carobbio nel Siena, é oggetto di un’accusa precisa da parte del suo ex calciatore: “Sapeva della combine”. Quale combine? Il riferimento é a Novara-Siena (1 Maggio 2011, finì 2-2) dello scorso campionato, ma é bene precisare di quale partita si tratta visto che i match contestati ai bianconeri toscani, dominatori della stagione insieme alla già penalizzata Atalanta, sono parecchi, almeno cinque.

Cosa rischia, dunque, Conte? Rischia di non poter allenare, nella prossima annata sportiva. Se le accuse trovassero riscontri, infatti, nella migliore delle ipotesi il rischio sarebbe quello di una condanna per omessa denuncia, equivalente ad un anno di stop; ma non é detto non possa prospettarsi altro.
Così come per il Siena, che si vede accusato anche di aver direttamente corrotto due calciatori del Modena.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy