UEFA e Covid-19: possibile sospensione del Fair Play Finanziario per un anno

Calcio europeo / Sarebbe una misura analoga alla sospensione del Patto di Stabilità dell’UE annunciato da Ursula von der Leyen

di Silvio Luciani, @silvioluciani_

A causa del Coronavirus, l’UEFA sta pensando di sospendere per un anno il famigerato Fair Play Finanziario, il regolamento introdotto nel 2009 che ha permesso una riduzione dell’indebitamento generale del calcio europeo. Lo riporta la Gazzetta dello Sport, ma è una voce che rimbalza in tutta Europa e che senz’ombra di dubbio verrà discussa nelle sedi della politica calcistica continentale.

La misura sarebbe analoga alla sospensione del Patto di Stabilità che Ursula von der Leyen sta adottando per l’Unione Europea e permetterebbe ai club del vecchio continente di chiudere in rosso gli esercizi di bilancio in corso, senza tenere conto della soglia dei 30 milioni in 3 anni delle norme attuali. Il presidente Ceferin ha convocato i rappresentanti del calcio (Eca, Leghe europee e calciatori) per la prossima settimana e uno degli argomenti potrebbe essere proprio questo.

Una formula che potrebbe essere necessaria a causa degli inevitabili danni economici che il Coronavirus sta producendo sul mondo del calcio (oltre che sull’economia globale) e a cui i club italiani guardano con interesse. Secondo quanto riporta la Gazzetta, non verrebbe meno l’attività dell’organismo di controllo sui bilanci ma ci sarebbe soltanto un periodo di transizione in cui le ingenti perdite causate dal virus non verrebbero contabilizzate, in modo da evitare un boom di procedure d’infrazione.

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. FORZA TORO - 7 mesi fa

    e oplaaaaa

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. CUORE GRANATA 44 - 7 mesi fa

    “Todos caballeros!”Un conto è sforare i vincoli del “Patto di Stabilità”per arginare COVID 19 e tentare una ripresa economica e finanziaria a livello globale,altra e direi irresponsabile cosa,sarebbe quella di “premiare”chi in pratica,in ambito calcistico,ha accumulato più debiti.Alla fine della fiera ,senza essere un economista ma a semplice buon senso,direi che nessuno pagherebbe più nessuno.In tal modo, verosimilmente,l’intero Circo Barnum seguendo le suadenti note di quel “famoso pifferaio”allegramente cadrà nel baratro.Sarebbe forse la soluzione catartica per resettare tutto e ripartire con un modello diverso fondato su criteri diversi.D’altra parte anche gli attuali “cresi” che spendono e spandono disponendo di risorse che parrebbero illimitate qualche “riflessione”saranno costretti a farla.FVCG!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy