Belotti punta l’Udinese: rialzare la cresta per interrompere il digiuno da gol

Belotti punta l’Udinese: rialzare la cresta per interrompere il digiuno da gol

Focus on / Il rigore sbagliato contro il Parma e un’astinenza da gol che dura dal 5 gennaio: il “Gallo” vuole svoltare. Longo lo coccola: “È fondamentale”

di Nicolò Muggianu

Belotti a caccia di gol. Non è stato certamente un ritorno da sogno per il capitano del Torino, che ha inaugurato la ripresa della Serie A con un calcio di rigore (potenzialmente decisivo) fallito nel match d’esordio contro il Parma. Un’occasione mancata sia per i granata che per il suo numero 9, che in caso di trasformazione dagli undici metri avrebbe interrotto un digiuno da gol che dura da otto gare consecutive. L’ultima marcatura stagionale del “Gallo”, infatti, è quella messa a segno lo scorso 5 gennaio all’Olimpico contro la Roma.

Torino, chi gioca contro l’Udinese? Longo valuta Lukic, Aina e Lyanco

I NUMERI – Numeri atipici per Belotti, che non attraversava un momento così delicato in zona-gol dal dicembre 2017. Al di là del rigore sbagliato però (l’ottavo su 25 tentati in Serie A, il primo quest’anno) spicca il ruolo ricoperto in campo dal capitano del Torino, che ha agito più da rifinitore che non da realizzatore puro in coppia con Zaza. Un ruolo che Longo ha costruito su di lui nel corso delle ultime settimane con l’obiettivo di implementare le chance offensive del Torino. Con il “Gallo” più largo sulla sinistra, infatti, la squadra ha costruito almeno un paio di occasioni da gol pericolosissime (il colpo di testa di Edera e l’occasione di De Silvestri salvata in extremis da Gagliolo). Un ruolo, quello di rifinitore, che Belotti evidentemente ha più nelle corde rispetto a Zaza e che il Torino proverà a riproporre anche nelle prossime partite.

FUTURO – Ovviamente, però, l’obiettivo principale di Belotti sarà quello di aiutare il Torino a vincere le prossime partite, già a partire da quella contro l’Udinese. L’astinenza da gol d’altronde dura ormai da troppe settimane e per il “Gallo” è arrivato il momento di tornare ad alzare la cresta. Longo intanto lo coccola e rassicura: “È un giocatore fortissimoha detto il tecnico granata nella conferenza stampa post Torino-Parma -, uno di quelli che tutti gli allenatori vorrebbero avere. Sono sicuro che il gol arriverà, ma lui sa essere importante in mille modi per questa squadra. Deve stare tranquillo perché c’è la fiducia di tutti, sia mia che della società, che dei compagni“.

5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. LeoJunior - 3 mesi fa

    Tutti stravediamo per Belotti, non c’è dubbio.
    Il fatto che però sia lui a tirare i rigori è l’ennesimo segno della poca attenzione ai particolari che contraddistingue questa società.
    Belotti NON è un rigorista. Non sa tirare i rigori come non sa calciare le punizioni. Il fatto che sia il NOSTRO capitano, che lotti per la Nazionale non può essere motivo per mandarlo sul dischetto.
    Un NON rigorista qualche rigore lo segna quando non è sotto pressione ma diventa un rischio enorme quando lo è. Perchè se tecnicamente non sai tirare un rigore, diventa una lotteria. Se non lo sai tirare aspettando che il portiere si muova allora devi tirare forte vicino al palo. Ma questo lo fai se sei sul 3-0 non sull’ 1-1. E allora, come fa lui, tiri un pò più piano e un pò più centrale = quasi sempre te lo parano.
    In questa situazione Gallo dovrebbe tirare solo in quelle condizioni di favore e non i rigori delicati. Farli tirare a lui è un azzardo ancora una volta frutto della poca professionalità di chi deve decidere.
    Impossibile che in squadra non ci sia uno che li sappia tirare meglio e sia più freddo.
    Purtroppo ce le andiamo a cercare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Madama_granata - 3 mesi fa

    Cambiano gli allenatori, ma si insiste a far tirare i rigori a Belotti.
    Sono totalmente d’accordo con il giudizio globale di Longo su Belotti.
    Mi domando però una cosa, che è più o meno la stessa che dicevano anche i commentatori Sky l’altra sera:
    8 errori, su 25 rigori tirati, sono veramente tanti.
    E molti di quelli entrati in rete erano risicati.
    Possibile che non si riesca a trovare un compagno più “freddo”, più adatto di lui per i tiri dal dischetto?
    Credo che sia anche controproducente per lo stesso Belotti insistere: forse senza “l’ansia da rigore” giocherebbe più sciolto e meglio, e segnerebbe di più su azione.
    Il nostro Capitano non è neppure più da tempo in corsa x il titolo di capocannoniere: perché insistete su di lui?
    “Cui prodest”?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. bertu62 - 3 mesi fa

      @Madama_granata,
      pur essendo d’accordo con Lei, credo di poterLe rispondere, in un certo senso…
      Belotti è, oltre che il Capitano del Toro, il Suo centravanti ed il centravanti della Nazionale, il simbolo del Toro, Belotti in un certo senso E’ IL TORO, per lo meno nell’immaginario della maggior parte di Noi tifosi….
      Tenendo questo a mente, Belotti è “in crisi d’astinenza da Gol” da parecchio tempo, e l’occasione del calcio di rigore dell’altro ieri era un’occasione TROPPO GHIOTTA per lasciarla andar via senza averci neanche provato! L’occasione per vedere (immaginare, dato che gli spalti sono vuoti…) i tifosi far festa, i bambini felici che “Il Gallo” facesse di nuovo “quel gesto lì” che tanto li ha colpiti da imitarlo ad ogni occasione!
      “IL GALLO ALZA LA CRESTA E RI-ALZA ANCHE IL TORO” sarebbe stato credo uno dei possibili titoli sui giornali sportivi….Così non è stato, così non è andata…
      Ammesso (e non concesso) che sia stato questo almeno uno dei motivi che hanno indotto Longo&Belotti a calciare il rigore, le intenzioni era lodevoli ma purtroppo, visto l’esito, adesso la situazione è peggio di prima: autostima a zero, umore nerissimo, fiducia ai minimi.. Quello che ci vorrebbe, a mio avviso, sono le seguenti cose:
      A) subito, già dalla partita di domani, un’occasione per calciare nuovamente un rigore: caduto dalla bicicletta, rimonta subito in sella e pedala più veloce di prima!
      B) data l’occasione del punto precedente, CALCIARE PIÙ FORTE CHE RIESCA NELLO SPECCHIO DELLA PORTA! Scaricare tutto, tensione/rabbia/insicurezza/PAURA concentrando TUTTO in quel singolo calcione!
      Ecco la Sua risposta: A BELOTTI STESSO!
      FV♥G!! SEMPRE!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. InvincibiliGranata - 3 mesi fa

      Pecunia, Madama, solo pecunia.

      Bisogna valorizzare al massimo per realizzare al massimo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. CUORE GRANATA 44 - 3 mesi fa

        Mah..continuando così penso che il cartellino del Capitano già svalutato per tanti motivi..Vedremo a fine stagione.Buona giornata”InvincibiliGranata”

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy