Brescia-Torino sfida del pianto: per entrambe solo un punto in un mese

Brescia-Torino sfida del pianto: per entrambe solo un punto in un mese

Il dato / Nel periodo che va dal 9 ottobre al 9 novembre il Torino ha guadagnato solo 1 punto in classifica

di Andrea Marchello, @AndreaMarchell0

Sabato 9 novembre alle 15 si gioca Brescia-Torino, dodicesima giornata di Serie A ma anche prova della verità per i granata, che stanno vivendo un periodo molto negativo, come del resto il Brescia, che per la crisi di risultati ha di recente cambiato allenatore, scegliendo Grosso al posto di Corini.

Torino, l’attacco cambia 10 volte in 10 partite: la confusione regna sovrana

RITMO RETROCESSIONEToro e Brescia – insieme alla Spal – sono le squadre dell’intero campionato italiano che nell’ultimo mese hanno reso peggio. Ferme ad un solo punto conquistato tra il 9 ottobre ed il 9 novembre (giorno della partita), le due formazioni che si sfideranno al Rigamonti stanno indubbiamente vivendo un momento molto delicato. Il Torino, in particolare, nelle quattro gare giocate nel periodo di riferimento, ha segnato una sola rete (come la Spal) a fronte delle 7 subite, portando la differenza reti ad un poco edificante -6 (numero più alto, dopo il -7 dell’Udinese, del campionato): un ritmo senza dubbio da retrocessione, visto che nelle 7 partite giocate nelle giornate precedenti ha messo insieme 10 punti, a fronte dell’unico guadagnato da dopo Torino-Napoli 0-0 (giocata il 6 ottobre).

Torino, non solo l’infortunio di Falque: il 3-4-3 un progetto ancora mai sbocciato

LA GARA – La partita di sabato sarà quindi delicatissima e molto sentita dalle due squadre, che hanno entrambe la grande necessità di fare punti. A questo punto è lecito chiedersi che partita verrà fuori. Un primo scenario vede Torino e Brescia fronteggiarsi a viso aperto cercando in ogni modo di strappare i 3 punti all’avversario; un secondo scenario, altrettanto verosimile, può portare ad un confronto tra due squadre timorose di perdere e quindi attente innanzitutto a non subire gol, consapevoli però che un eventuale pareggio non allontanerebbe le nubi addensatesi finora.

SERIE A 2019/2020, LA CLASSIFICA DAL 9 OTTOBRE AL 9 NOVEMBRE:

La classifica della Serie A dal 9 ottobre 2019 al 9 novembre 2019
6 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. marione - 6 giorni fa

    Se è la sfida del pianto, vince Mazzarri 4-0

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. leoj - 6 giorni fa
      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. rolandinho9 - 6 giorni fa

    tanti punti quanti scippi subiti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Toro Forever - 6 giorni fa

    “Un punto al mese manda il Presidente a quel paese”. (Antico proverbio Granata).

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Il_Principe_della_Zolla - 6 giorni fa

    Squadra difficilmente migliorabile… una difesa che manco i campioni d’Italia… ho detto 9 no, anzi 10, no 11 per giocatori in rosa… miglioreremo il piazzamento dello scorso campionato…vogliamo uomini prima di giocatori, e non c’è fretta… faremo 4 innesti importanti, no 3, anzi 2… il mister non lo devo difendere, è un grande allenatore… e alla fine
    alla fine la sfida del pianto con il Brescia (!!!!), mutande di tola e speriamo bene. Questo è il Torino FC.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Fa71 - 6 giorni fa

    E comunque a gennaio nessun rinforzo. A cosa servirebbe visto che la squadra ha nel Dna la grinta della società e dell’allenatore e lo stanno esprimendo al massimo. Idee di gioco e ottimi giocatori a centrocampo di poco inferiori a Xavi e Iniesta.

    Firmato: Ironia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy