Cagliari-Torino: in chiave scontro diretto cosa servirebbe ai granata? Il punto

Approfondimento / Ai granata servirebbe vincere con almeno due gol di scarto per avere la meglio in caso di arrivo a pari punti con gli isolani

di Gualtiero Lasala, @LasalaGualtiero

Il Torino, dopo lo 0-0 casalingo contro il Genoa, è arrivato a quota cinque pareggi consecutivi: il segno X ha permesso ai granata di rimanere a galla in classifica, quartultimi, e distaccare di due punti il Cagliari in terzultima posizione. Ma il prossimo venerdì arriva una delle sfide più delicate ed importanti della stagione del Torino, proprio lo scontro diretto in casa contro il Cagliari. Va da sè che vincere con qualsiasi risultato varrebbe oro per il Torino, considerato che i granata non vincono un match dal 3 gennaio e in generale hanno conquistato i tre punti solo due volte in ventidue partite. Ma nella marcia di avvicinamento al match della Sardegna Arena c’è una sfaccettatura di cui occorre tenere conto.

DISTACCO – La situazione in classifica resta particolarmente complessa. Il Torino è a +2 sulla diretta avversaria, ma si trova anche a cinque lunghezze dalla Fiorentina che precede i granata nella graduatoria. E se può essere prematuro fare certi ragionamenti alla 23esima di campionato, non si può escludere che la salvezza possa essere decisa al fotofinish, con un arrivo a pari punti tra le concorrenti, magari proprio tra Torino e Cagliari.

LEGGI ANCHE: Cagliari-Torino: è attesa per lo scontro diretto che vale una fetta di salvezza

PARI PUNTI – Serve tenere in considerazione ogni possibilità. E quindi, un arrivo a pari punti tra i granata e gli isolani non è ipotesi peregrina. In questi casi, si sa, si guarda innanzitutto ai punti conquistati negli scontri diretti. Al momento, la squadra di Di Francesco ha un vantaggio dovuto alla partita di andata, terminata 2-3 allo stadio Olimpico Grande Torino. Se il Torino vuole ribaltare la situazione, ha bisogno di una vittoria con almeno due gol di scarto venerdì in casa della squadra rossoblù, in modo tale da essere in vantaggio nello scontro diretto per il secondo criterio (differenza reti negli scontri diretti). Vincendo con una sola rete di scarto (partendo dal presupposto che i gol in trasferta non valgono doppio in questo computo), in caso di futuro arrivo a pari punti si andrebbe invece a guardare il terzo criterio, ossia la differenza reti generale delle due squadre. In questo momento i granata sono in vantaggio con una differenza di -9 contro i -16 del Cagliari, ma il campionato è ancora lungo e la questione potrebbe essere facilmente ribaltata. Nel remoto caso in cui le due squadre dovessero avere una differenza reti generale identica, si guarderebbero i gol realizzati; successivamente a determinare salvezza o promozione sarebbe un sorteggio.

LEGGI ANCHE: Toro, le ultime dal Filadelfia: Sanabria ancora assente agli allenamenti

11 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Dr Bobetti - 2 settimane fa

    Serve un Presidente… ma in campo non ci va lui anche se i danni sono evidenti. Servono 3 punti a Cagliari, ad ogni costo. Brutti e sporchi ma vincenti.
    Serve avere la compattezza difensiva migliore, serve poter fornire Belotti e chi attacca con palloni giocabili.
    Serve compattezza e serve non avere paura, nonostante tutto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Messere Granata - 2 settimane fa

    Un Presidente.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Marchese Granata - 2 settimane fa

    La pozione di Panoramix!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Toroperduto - 2 settimane fa

    No il punto no dai!i tre punti!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. TORO69 - 2 settimane fa

    Servirebbe pagare i giocatori a rendimento e poi vediamo, il problema numero uno di questa situazione è principalmente dei giocatori, pagati a caro prezzo con stipendi da big, al lavoro se non rendi sono c… I, abbiamo due squadre dove le riserve possono giocarsela ad esempio con il Benevento, di questa squadra salvo ben poco forse nessuno, che pena!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Cuore granata 69 - 2 settimane fa

    Servirebbero tante cose….un po di fortuna che non guesta…forse non caricare troppa pressione se no sti qua vanno in tilt…so che è facile dirlo poi farlo è un altra storia…e per me servirebbe Sanabria ma credo purtroppo sarà quasi impossibile allora proverei Bonazzoli che a me Zaza dopo quasi 3 anni che lo si aspetta..ma che dobbiamo aspettare ancora???..gioca 4 discrete in un anno..in quasi 3 anni 13 gol.dai ha la media di 4/5 gol l’anno…basta aspettare..Bonazzoli in campo gente motivata.poi si può perdere pareggiare vincere( speriamo) ma basta, basta vedere in campo gente che zappa il terreno davanti al portiete, che cammina e quando corre fa falli stupidi..il problema non è solo lui per carità ma iniziamo a levarlo dal campo e metterlo solo in caso di estremo bisogno..ha fallito troppe partite e poi basta dopo una doppietta la prima in granata in 3 anni incensarlo su ste colonne” il vero zaza” ..e castronerie del genere..dentro gente motivata che vuole lottare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Torino Calcio 1906 - 2 settimane fa

    Serve un gran bel cerchio

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. NEss - 2 settimane fa

    “Cosa serve ai granata? Il punto”
    Magari anche i tre punti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. suoladicane - 2 settimane fa

    Quante parole inutili,serve vincere punto.
    CAIRO INCAPACE VATTENE

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Héctor Belascoarán - 2 settimane fa

    Proprio così, questa è una partita che vale 4 punti. Da non Fallire!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. vincenziluca7_14052178 - 2 settimane fa

      0a3 Zaza,verdi,Mandragora….. E tutti a casa vá mo lá!!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy