Caos tamponi Lazio: il Torino scrive alla Procura FIGC

Il punto / Il patron granata Cairo ha chiesto maggiori informazioni dopo la nuova positività (secondo la UEFA) di Immobile, Leiva e Strakosha

di Redazione Toro News
Cairo

Continua il caos tamponi alla Lazio di Lotito e interviene anche il Torino. I tre giocatori biancocelesti (Immobile, Lucas Leiva e Strakosha) trovati positivi dopo i tamponi effettuati dalla UEFA – prima del match di Champions la scorsa settimana contro il Brugge -, sono stati regolarmente convocati per la gara di Serie A contro il Torino poichè risultati negativi dai tamponi fatti dalla Lazio. L’altro ieri però la UEFA li ha nuovamente bloccati per la trasferta di Champions League a San Pietroburgo. La Lazio dunque è finita nel mirino della Procura della FIGC che ha aperto un’inchiesta. Il Torino – per mano del presidente Cairo in persona – ha scritto alla Procura federale un esposto, citando «notizie di stampa», e chiedendo chiarimenti su possibili violazioni del protocollo da parte della Lazio in occasione della partita di domenica scorsa, persa dalla squadra granata nei minuti di recupero. Un esposto scattato a seguito dell’indagine aperta dal procuratore federale Chinè che mira a verificare il rispetto delle disposizioni.

LEGGI ANCHELazio, caos tamponi: che la beffa al Torino non diventi anche un danno

35 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. ulisse71 - 4 settimane fa

    partitone memorabile: frode sportiva in campo, frode sanitaria, reato di violazione della quarantena. se tanto mi dà tanto, speriamo non si concluda con frode giudiziaria…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Wallandbauf - 4 settimane fa

    Mi chiedevo quando ci saremmo mossi su questa vicenda..finalmente!
    La Lazio deve pagare se risulterà, come è palese, che hanno “barato”. Il 3-0 a tavolino contro di noi dovrà essere il minore dei mali per loro. Spero la paghino cara, ora vediamo fino a che punto è corrotto il sistema…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Numero7 - 4 settimane fa

    Mettere a rischio i giocatori, lo staff ecc ecc e soprattutto le famiglie degli stessi è da incoscienti puri, devono assolutamente pagare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Guevara2019 - 4 settimane fa

    Si inguaia ulteriormente la posizione della Lazio, la federazione non ha ricevuto alcuna segnalazione di positività di Immobile prima del match a Torino, quindi era positivo alcuni giorni prima della partita col Toro, e poi non ha potuto giocare contro lo Zenit,e molto probabilmente non giocherà contro i gobbi.
    Se Lotito riesce a nascondere tutto quanto è un ulteriore prova di quanto sia marcio il sistema.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Paul67 - 4 settimane fa

    Lo sappiamo tutti come andrà a finire questa storia……

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. paulinStantun - 4 settimane fa

      Storia??? Quale storia??? Non è successo nulla… Covid rigori etc contano solo se ci sono 6 o 7 squadre in mezzo (e sempre a loro favore)…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Mik - 4 settimane fa

    Che immobile giochi o meno la prossima con gli ovini come la metti la metti sarà comunque una bella porcata. Se non giocherà ci dovranno allora spiegare come mai in una settimana è risultato positivo guarda caso solo contro società più quotate politicamente del toro, come zenith e juve, e non contro i granata, dove tra l’altro è entrato giusto giusto per mettere a segno un gol decisivo.
    Se giocherà ci dovranno comunque spiegare come può un calciatore in poco più di una settimana apparire magicamente per 2 volte negativo e per 2 volte positivo ai tamponi (prima del toro positivo, poi col toro negativo, poi con lo zenith positivo e infine con gli strisciati negativo). Questa ennesima presa per i fondelli, dove tanto per cambiare direttamente o non ci finisce sempre di mezzo il toro, uscendo dall’ambito sportivo, va a braccetto con quella del governo che dichiara pochi giorni fa zona rossa il piemonte e non la campania, nonostante siano messe nella medesima situazione come contagi. Ma come ora da quelle parti è tutto più roseo? Strano che l’asl e il governatore della campania siano rimasti in silenzio e abbiano accettato di buon grado questa decisione a loro favore, perchè ricordo qualche settimana fa che per la trasferta a torino del napoli con gli strisciati erano stati di tutt’altro piglio, con la regione messa molto meglio di adesso. E quella decisione che ha portato alla conseguente sconfitta a tavolino ha fatto sì che ora la vicenda dal campo si sia spostata nell’aula di un tribunale. Cosa che consiglierei vivamente anche al Torino di fare, tirando fuori le palle e gli appigli legali, perchè calcio o non calcio se ne hanno le palle piene di sentir di continuo ogni giorno blaterare il Governo o la Lega su decisioni prese per salvaguardare la salute di tutti, che deve sempre venir prima di ogni cosa, per poi sotto sotto virare verso i soliti interessi economici che la fanno sempre da padrona! I soliti ipocriti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. granatadellabassa - 4 settimane fa

    Se è vero che hanno nascosto delle positività, i laziali hanno commesso un illecito sportivo vero e proprio, è come se avessero fatto giocare degli squalificati. Inoltre hanno messo a rischio l’incolumità dei nostri giocatori: pensate se sabato saltasse fuori che abbiamo 4/5 positivi!
    La vicenda va chiarita pienamente.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Forvecuor87 - 4 settimane fa

    Non sono mai stato un grandissimo ammiratore del nostro patron ma senza dubbio meglio di quel ricordati sporco fino al midollo di Lotito!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Pacman - 4 settimane fa

    Intanto, chissà come mai contro la Juve non giocherà, debolmente positivo… chissà come mai proprio contro la Juve non giocherà! Sarà perché la Juve è più potente e ladra della Lazio e sarebbe un sicuro tavolino?comment_parent=0

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Paul67 - 4 settimane fa

    Anche nella sofferenza della maledetta malattia, il nostro supremo PRESINIENTE difende con i denti i nostri colori.
    Sempre sia lodato, senza l’illustrissimo, solo miseria e fallimenti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Nero77 - 4 settimane fa

    Incredibile!!Segni di vita da Milano!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. 6USCITOCOLIONE! - 4 settimane fa

    Certo che una società che ha potuto spalmare i propri debiti in 25 anni, per fare il tampone ad Immobile e C. hanno utilizzando le narici del cane di Lotito e Tare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. BiriLLo - 4 settimane fa

      Temo avrebbero trovato altre sostanze..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Thor - 4 settimane fa

    Abbiamo una serie A (e una FIFA/UEFA in generale ) che riflette le molteplici collusioni del potere col malaffare. Il calcio non è uno sport esemplare, ma quando si tratta di tifare, non ho mai dubbi: TORO. Con tutte le nostre magagne, lo tifo a testa alta. La dignità non ha prezzo, e la ritrovo puntualmente in ogni amico granata. FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Toro71 - 4 settimane fa

    LAZIO=JUVE

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. TOROPERDUTO - 4 settimane fa

    Siamo già in ritardo come tempistica per dire cosa sia successo e per il verdetto, ma è normale stanno lavorando sottotraccia per insabbiare tutto, d’altra parte il sistema è fatto per essere corrotto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. granataLondinese - 4 settimane fa

    Sarebbe da scrivere anche per gli arbitri…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. maxx72 - 4 settimane fa

    Lazio = cupola.
    Lazio = arbitri compiacenti

    Io in questa vicenda sono con Cairo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. Emilianozapata - 4 settimane fa

    Caro Christian, ci sono ladrate e ladrate; questa della Lazio è una truffa , aggravata dal fatto che se quanto si dice verrà confermato, sono stati mandati a giocare calciatori contagiati e contagiosi, con quel che ne consegue (temo ce ne accorgeremo presto). Poi ci sono i Gobbi…Eh, lì si entra in un mondo a parte
    Siano nel 2006, fonte Wikipedia: La società maggiormente colpita dalla giustizia sportiva fu la Juventus:[18] riconosciuta colpevole di «una fattispecie di illecito associativo» — un termine allora non previsto dall’ordinamento giuridico sportivo italiano, ma che fu giudicato dalla Corte di giustizia federale come una violazione dell’articolo 6 dell’allora Codice di giustizia sportiva riguardante i casi di «illecito sportivo» —,[19] poi tradotto in un «illecito strutturato»,[20] le fu revocato il titolo de iure di campione d’Italia 2004-2005, mentre non le fu assegnato nemmeno quello 2005-2006 in quanto retrocessa d’ufficio all’ultimo posto in classifica (nonostante l’esito di quest’ultima stagione non sia mai stato oggetto di discussione a livello sportivo e ordinario). La Juventus scese così per la prima volta in Serie B e dovette scontare anche un’ulteriore penalizzazione di punti — in origine 30, poi ridotti a 17 e infine a 9 — nella classifica del campionato italiano di Serie B 2006-2007.”
    Io devo ancora capire perché quei 30 punti furono ridotti a 17 e poi a 9. In nome di quale santo? Dopo quella storia fu chiaro a tutti che il calcio era marcio dalle fondamenta ai vertici e che le M…e avrebbero potuto fare il bello e il cattivo tempo, sempre e comunque.
    Ricordo la reazione di Buffon dopo il rigore assegnato contro di loro in finale di Champions League: era incredulo. Dava per scontato che a loro non potesse essere assegnato un rigore a tempo non ancora scaduto (i minuti di recupero sono minuti di gioco regolare). Gli insulti che riservò all’arbitro sarebbero costati a chiunque una squalifica pluriennale, non a lui. Parlo di uno accusato di calcioscommesse, uno che fa il saluto romano alla curva laziale (però fa il servizio civile per disertare il militare – obiettore di coscienza lui?).
    Quanto alla Lazio, in una vicenda analoga al Toro di Cimminelli noi venimmo dichiarati falliti; a loro venne concesso di spalmare il debito in 3mila anni o giù di lì. No, non succederà nulla. Quando Lippi rinviò da dentro la porta il pallone in Sampdoria Torino del 1972 e Barbaresco non concesse il gol avevo 13 anni. Chiesi a mio padre, nella mia ingenuità, perché quel Lippi fosse così disonesto e lui mi rispose: “È un gobbo”. E io: “Ma no, è della Sampdoria!”. E lui: “Fidati, è gobbo”. scusate lo sproloquio, fratelli.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. LeoJunior - 4 settimane fa

      Ma quale sproloquio, hai dato uno spaccato del mondo del calcio di ieri, oggi e temo domani!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Toronelcuore - 4 settimane fa

      Ti stimo fratello

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Spygor - 4 settimane fa

      Grande!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Andreas - 4 settimane fa

      Grazie !!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. user-13657940 - 4 settimane fa

    #iostoconcairo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. Bela Bartok - 4 settimane fa

    Non perderei nemmeno troppo tempo dietro a questa storia, la Lazio è intoccabile causa Lotito. Non si riesce a punirli quando violano palesemente le regole, figuriamoci in questo caso dove hanno utilizzato un cavillo nella normativa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. plexy67 - 4 settimane fa

    christian85,dimentichi che a capo dell’Aia,c’è uno che fa di nome Rizzoli,il peggio della feccia arbitrale che non poteva non essere scelto come Designatore!Riguardo alla partita del Toro con la Lazio,non menziona nemmeno il fallo su Verdi e riguardo al fallo di mano di N’Koulou,parla di errore arbitrale,tirando fuori una giustificazione tipica di un lecca culo del POTERE!!Il Toro a parte la follia che ha messo negli ultimi minuti contro la Lazio,ha subito errori arbitrali gravi,che possono pesare su un Campionato di calcio.Purtroppo penso anche che in questo paese come nel mondo,ci sono talmente cose scandalose,messe in atto dalle istituzioni e che rimangono impunite che queste situazioni di ingiustizia nel mondo sportivo,rimarranno inascoltate…FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. christian85 - 4 settimane fa

      plexy67

      esattamente.. ma lo sappiamo infatti che in Italia, o meglio nel calcio italiano queste cose dureranno per sempre. Inutile commentare.. protestare.. tanto sarà cosi per sempre.
      Nel 1998 (per iniziare come punto) in quella famosa Inter Juve, in cui fu negato un rigore clamoroso a Ronaldo (quello vero), ci fosse stato già il Var, avrebbero trovato scuse per non darlo… insomma dal 1998 a oggi son passati ben 22 anni e le cose mi sembrano siano solo peggiorate……………

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. Cuore granata 69 - 4 settimane fa

    E sarebbe anche ora di non farsi sempre prendere per il culo da sta gente che hanno distrutto il calcio..tra Lazio gobbi e compagnia cantante dovrebbero essere RADIATI DAL CALCIO.non succedera mai ma questa gente negli anni ne ha combinate di tutti i colori..meglio perdere che essere come loro..non cambierei un minuto di Toro con sta gente di m..a..Fvcg

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. christian85 - 4 settimane fa

      nemmeno io cuore granata 69

      però ti correggerei solo su una cosa.. meglio perdere che essere come loro ok, ma nemmeno perdere magari 7-0 in casa o 4-0 con un Lecce in quel modo.
      Se si deve perdere, giocando a viso aperto e con il cuore, a me non interessa, possiamo anche perderle tutte, a condizione che si veda sempre il cuore Toro ! Ma rubare MAI !!!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Cuore granata 69 - 4 settimane fa

        Ma certo..il.mio era un modo di dire…ovvio che non voglio vedere il Toro fare la partite senza lottare..detto questo nella vita in generale preferisco ina sconfitta onesta che essere LADRI C9OME LORO. Alla fine era questo il senso del.mio. mesaggio..

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. christian85 - 4 settimane fa

    Il Torino farebbe bene a pretendere chiarimenti, ma più che per la questione strana dei tamponi della Lazio, bisognerebbe far luce sul pessimo arbitraggio che ha permesso la Lazio di vincere.

    Ripensandoci, non avevo MAI visto niente di simile.. nemmeno le ladrate più schifose della Juventus.

    Il var è sicuramente un’ottimo strumento, ma usato male oppure detto in maniere maliziosa, usato solo quando si vuole.
    Sono d’accordo a non usare il Var se si trattano di gol in fuorigioco per un’unghia, ma usare i Var per cose inutili e non usarlo per cose gravi, come il fatto di non essere andati a rivedere il fallo su Verdi ( che fallo nettissimo era ) e di aver assegnato un rigore assurdo, da romanzi di Kafka.

    Detto questo, il Torino deve farsi rispettare perchè va bene perdere (ormai ci siamo abituati fin troppo bene), va bene pareggiare e tutto, ma perdere per demeriti arbitrali non ha senso.
    Fosse cosi allora inutile scendere in campo.

    Andrebbe fatta una riunione, al termine di tutte le partite e rivalutare tutti quei casi spinosi ed episodi che, se gli arbitri non riescono ad arrivare umanamente, il Var deve risolvere.
    Non può essere che la tecnologia non risolva i problemi.

    Un’idea interessante, potrebbe essere questa : esempio, Rossi vs Bianchi, non viene assegnato un rigore ai rossi che era netto, il Var non lo convalida ecc ecc.. a fine partita si fà questa riunione, si discute e si decide che alla gara di ritorno, i rossi avranno diritto a calciare un rigore.

    O serve o altrimenti ci affidiamo all’errore umano dell’arbitro, ma mi pare di capire che il Var era nato proprio per ottemperare le continue richieste di aiutare gli arbitri con la tecnologia…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. suoladicane - 4 settimane fa

      il problema è il regolamento, l’arbitro fa come vuole, anche se gli viene segnalato dal VAR se non gli va non va a rivedere

      io a suo tempi avevo detto il VAR a richiesta: una/due richieste a tempo per squadra non di più vedi come cambia……………
      CAIRO VATTENE

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. paulinStantun - 4 settimane fa

      Ritengo l’idea di calciare un rigore al ritorno agghiacciante e anche un po’ senza senso: se io sono penalizzato nel girone di ritorno, ricuperare i punti all’andata dopo potrebbe essere impossibile (una delle due retrocessa) o inutile (magari i punti in questo campionato mi facevano andare in champions, nel prossimo chissà…).
      Il problema è che ci vorrebbe onestà e chiarezza (cosa impossibile) e una classifica a punti seria per gli arbitri: meno sbagli più arbitri più ti affidano partite prestigiose (quindi più guadagni).
      Visto che le due cose che ho detto sono impossibili da ottenere potrebbe servire un paio di chiamata a partita a disposizione delle squadre (tipo tennis) e, nei casi in cui la richiesta viene dalla squadra, immagini proiettate sul grande schermo dello stadio (questo metterebbe pressione all’arbitro sapesse che in migliaia vedono quel che vede lui).

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  24. NEss - 4 settimane fa

    Sui giornali si leggono dichiarazioni raccapriccianti da parte di medici e laboratori di esame, nel senso che scientificamente sono pirlate colossali. Spero siano riportate male dai giornali, ma il fatto che siano tutte a protezione della lazio lascia piu’ di qualche dubbio

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy