Fiorentina in controllo totale e Toro ko

L’Analisi di Gino Strippoli – Per i granata un solo tiro in porta mentre in campo si erge la classe di Ribery

di Gino Strippoli

Quando in 95 minuti una squadra fa un solo tiro in porta, in questo caso con Belotti che di testa manda sul palo, non si può di certo pretendere che esca poi dal campo con un risultato positivo. Il Toro ieri contro la Fiorentina è stata questa, una compagine ferma su se stessa, che non ha mai fatto movimento. Giocatori fermi come statuine in attesa di ricevere palla e mai invece vederli andare incontro al portatore di palla di turno.
Un passo indietro rispetto alla partita contro il Genoa, c’è anche da dire che la Fiorentina non è il Genoa e ha giocatori importanti e di classe come l’intramontabile Ribery, un vero esempio e fuoriclasse per i suoi compagni, alla bella età di 37 anni. Ecco al Toro manca un giocatore di questo genere, un fuoriclasse anche stagionato ma con colpi importanti tali da far girare l’intera squadra. E ieri sera il Toro è stato colpito proprio dall’intelligenza di questo francese, che non sembra accusare il tempo e il logorio di tanti anni giocati a altissimi livelli.

LEGGI ANCHE: Toro, Belotti si ferma al palo: interrotta a 7 gare la striscia realizzativa del Gallo

Togliendo nuovamente Sirigu autore di alcune belle parate e Belotti che ha fatto tanto movimento e creato con un colpo di testa su assist di Ansaldi l’unico pericolo è unico pallone indirizzato nello specchio della porta per i granata, il Toro non è mai stato in partita. Ha sbagliato l’approccio ma anche il seguito di tutti i seguenti minuti. Troppo poco affidarsi alle fiammate di Belotti per cercare di vincere una partita. I Viola sono stati sempre aggressivi agevolati da un Toro troppo basso che non è mai riuscito a uscire per impostare azioni decisive in attacco.
Invece la fase offensiva fiorentina soprattutto nel primo tempo ha fatto ammattire la fascia destra dove De Silvestri e Lyanco sono sempre stati in difficoltà e devastati dalla coppia Ribery – Kouame.
Nel secondo tempo con l’entrata di Verdi, Millico e Edera si è visto un Toro più offensivo ma quel poco di buono creato si è infranto nello scontro tra Millico e Lukic. Già un’occasione d’oro per i granata con Lukic pronto a calciare un rigore in movimento ma fermato da Millico che ha tentato di calciare anch’egli il pallone scontrandosi con il compagno di squadra. Quello che non ha realizzato il Toro lo ha concretizzato invece la Fiorentina con l’entrata di Cutrone e con la complicità di un disastroso Meité che perde palla nella zona nevralgica del campo e lascia campo aperto a Ribery che regala all’ex milanista il pallone del raddoppio.

LEGGI ANCHE: Fiorentina-Torino 2-0, Longo: “Sbagliato approccio, rivedibili alcune decisioni arbitrali”

Un Toro alla fine non pervenuto, una squadra che non ha mai visto palla. Quando non ti muovi anche senza palla sei facilmente marcabile. L’unica consolazione è la vittoria del Genoa sul Lecce che tiene a distanza di sicurezza il terzultimo posto.
Sarà salvezza ma questa è una squadra per almeno 7/11 da ricostruire tra i titolari. Non convincono Lyanco in difesa e Aina sulla fascia , Meité sembra sempre che abbia altri pensieri in campo piuttosto che giocare, Nkoulou se ne andrà, idem De Silvestri, Zaza non riesce a esprimersi come aveva fatto vedere nel Sassuolo e in Spagna e Rincon sembra molto stanco. Il Toro del futuro non può più partire ad questi giocatori.

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. eurotoro - 3 mesi fa

    sapete chevvi dico? se si fanno sti campionati pur avendo il miglior portiere italiano ed 1 dei 2 centravanti italiani piu forti be’ preferisco un bagno di umilta’ e ripartire con gente meno quotata ma piu costante e concentrata..mi mancano i Pestrin Ezio Brevi Gazzi Vives Fantini i Dambrosio scovati in lega pro..i Meggiorini che sbagliano gol fatti ma che dopo ogni errore si metteva a correre il doppio!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Pacman - 3 mesi fa

      Insomma ti mancano tanto molti dei giocatori più insultati dai veri cuori granata

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. CUORE GRANATA 44 - 3 mesi fa

    Caro Strippoli ha detto bene:”Il Toro del futuro…”già ma quale futuro?Cairo, come Icaro, accecato dal Suo delirio di onnipotenza si era convinto di avere in mano “una miniera d’oro”da Lui valutata non meno di circa 300mln.La realtà mi pare un pò diversa..Certo a fine stagione(sempre chè..)qualcosa dovrà pur fare ma a mio avviso inizierà a fare cassa con cessioni a spezzatino per ridurre il “valore nominale”della rosa,ripartire ed a stagione in corso,se deciderà di tornare “sulla terra” senza più imitare “quella grama lavandera…”individuare un acquirente affidabile,dico affidabile e non magnate\magnone\magnaccia,al quale “cedere la baracca”in base a parametri oggettivi.Dovrà invece portare a compimento la Sua “mission?”Può darsi anche se…Anche se,da raider finanziario qual’è avrebbe la consapevolezza di avere in mano “un prodotto scadente per non dire scaduto”Tuttavia business is business ed allora la valutazione complessiva verrà fatta a 360° dove Torino fc rappresenterebbe una minima parte del tutto.Sempre FVCG!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy