Foschi: “Ventura la svolta del decennio. Cairo? Ha tre marce in più rispetto agli altri”

Foschi: “Ventura la svolta del decennio. Cairo? Ha tre marce in più rispetto agli altri”

Intervista / In esclusiva su Toro News le parole del direttore sportivo che ha inaugurato il decennio granata

di Andrea Calderoni

Poche ore e terminerà il decennio degli anni Duemiladieci. Il Torino l’ha iniziato con un direttore sportivo di lungo corso, Rino Foschi, che si dimise dall’incarico proprio nei primi giorni del 2010. Dieci anni dopo, Foschi si concede a Toro News per tracciare un disegno di quanto accaduto. Per Foschi, un anno e mezzo dietro la scrivania con al fianco Urbano Cairo. Arrivato nel gennaio 2009, ha concluso la propria esperienza sotto la Mole dopo un periodo di affiancamento con Gianluca Petrachi, al tempo alle primissime armi nelle vesti da direttore sportivo.

Buongiorno Foschi, sono passati ormai tanti anni dalla sua esperienza non troppo fortunata al Torino, caratterizzata dalla cocente retrocessione nel maggio 2009. Ha dei rimpianti?

“Purtroppo sono arrivato a Torino nel peggior momento possibile. Con il senno del poi avrei dovuto aspettare quanto meno il termine del campionato, ma l’opportunità che mi si era presentata era davvero ghiotta: Torino, infatti, è stata la piazza più importante in cui ho avuto l’onore di lavorare. Le difficoltà che ho incontrato sono state veramente tante. Nel gennaio 2009 la squadra era all’ultimo posto della classifica. In quel mercato di riparazione non avevo potuto fare praticamente alcuna mossa. Lottammo fino alla fine ma retrocedemmo. La stagione dopo sono ripartito facendo un buon mercato in vista della Serie B, ma non sentivo il totale appoggio societario e quindi ho deciso di farmi da parte dimettendomi”.

Questa vicenda ha segnato il suo rapporto con Cairo?

“No, ho un ottimo rapporto con il presidente. Purtroppo al tempo non sentivo la fiducia necessaria per proseguire e, come ho fatto tante altre volte in carriera, mi sono dimesso. Nel frattempo, inoltre, era arrivato Petrachi e ho lasciato il testimone a lui. Nemmeno il suo inizio, però, era stato molto positivo ed incoraggiante”.

Il prosieguo dell’esperienza di Petrachi a Torino è stato, tuttavia, positivo. Come spiega il cambio di tendenza in casa Torino?

“Penso che uno dei fattori principali della crescita granata nell’ultimo decennio sia stato Gian Piero Ventura, voluto dallo stesso Petrachi. Con l’allenatore genovese è stato inaugurato un ciclo importante nella storia recente del Torino. Con lui c’è stata la svolta. Ventura ha dato tanto a tutto l’ambiente, compreso quello societario, e ha capovolto il mondo granata. Il miglioramento è stato significativo e anche molti acquisti di Petrachi sono risultati azzeccati e proficui”.

A proposito di Petrachi, il matrimonio con il Toro si è interrotto bruscamente la scorsa primavera…

“Sì, purtroppo non è stato un bel finale. Non conosco nel dettaglio cosa sia accaduto. Posso, però, capire  Petrachi come uomo. Gli si è presentata un’occasione importante nella sua carriera in una città prestigiosa. Era difficile francamente dire di no”.

Tornando a Cairo, che giudizio si è fatto nell’anno e mezzo a Torino del numero uno granata?

“È una persona molto intelligente e sa compiere le sue valutazioni. Mantiene sempre in piedi la società senza fare follie, perché è un manager di primo piano. Non deve dimostrare niente a nessuno. Ha costruito un vero e proprio impero, perché ha tre marce in più rispetto a tanti altri presidenti. Non specula sul Torino, perché non punta ad arricchirsi con il calcio. Credo molto in lui e nella società e sono convinto che nel 2020 le cose si aggiusteranno rispetto alle difficoltà attuali”.

Cairo, però, è fortemente contestato dall’ambiente granata in questo momento di crisi di risultati.

“Cairo vive le stesse vicissitudini di tutti i presidenti. Quando non si vince, i tifosi contestano. Lo stesso accade a Genova con Preziosi e Ferrero e a Roma con Lotito”.

Cairo ha deciso di adottare una soluzione interna per sostituire Petrachi, Massimo Bava. Lei avrebbe fatto lo stesso?

“Non lo so e non voglio giudicare le scelte altrui. Credo, tuttavia, che il Torino non si sia mosso male nemmeno nell’ultima campagna acquisti. La stagione fino ad ora è sottotono ma, a mio parere, la squadra è stata anche molto sfortunata. La rosa è buona, l’allenatore anche e la classifica a maggio penso che sarà migliore”.

Quindi, anche l’acquisto di Simone Verdi lo promuove.

“Ma non scherziamo, certo che è da promuovere. È un giocatore di assoluto valore, che non ha ancora pienamente ingranato. Ha rappresentato un ingente sforzo economico per la società. In bocca al lupo, Toro”.

 

 

36 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Filadelfia - 3 settimane fa

    Su Ventura ha perfettamente ragione FOSCHI. Chi lo nega è in malafede! Punto!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. vincenzo.presicc_14246928 - 3 settimane fa

    Perché come ds non prendere pantaleo corvino? Grande esperienza e persona perbene

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. marione - 3 settimane fa

    E chissà come farà ad andare a 3 marce in più degli altri jajajajajja

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. al66 - 3 settimane fa

    Sono convintissimo che Cairo abbia 3 marce in più….
    La prima….
    La prima ridotta… e
    la retromarcia….
    Buon anno a tutti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Granat....iere di Sardegna - 3 settimane fa

    Non ha specificato quella attualmente inserita. Magari è la retromarcia…auguro comunque felice 2020 a tutti i miei fratelli comunque la pensino, con la speranza che il nostro Toro ce lo renda ancor più gradevole

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. pep4x4 - 3 settimane fa

    …si, ma non entrano…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Paul67 - 3 settimane fa

    Slap, slap, slap, slap…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Ardi - 3 settimane fa

    Si, sono d’accordo, ha tre marce in più per mettercela nel xulo a noi tifosi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Athletic - 3 settimane fa

    Secondo me non è vero che ha tre marce in più … ne ha ben cinque in più … peccato che siano le ridotte.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. leo67 - 3 settimane fa

    Per fortuna che ha tre marce in più…MA vai a cagare Foschi vecchio rimbambito…Gli articoli di questo sito stanno diventando peggio di quelli di novella duemila…

    BUON ANNO A TUTTI I TIFOSI GRANATA

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. ddavide69 - 3 settimane fa

    Cairo ha tre marce in più rispetto agli altri ,infatti si vedono i risultati…forse si tratta di mele marce…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. prawn - 3 settimane fa

    Il 9 giugno 2010 la Commissione Disciplinare della FIGC ha sanzionato Foschi con un’inibizione di tre mesi.[29][30] I fatti contestatigli risalgono al periodo 2003-2006, durante il quale lui era dirigente del Palermo e la società ha beneficiato degli ammortamenti derivanti da presunte plusvalenze fittizie nell’ambito del trasferimento di calciatori[31] in particolare con la Roma per i cartellini di Franco Brienza e Davide Bombardini (valutati 11 milioni di euro ciascuno) avvenuti però nel periodo 2001-2002.[32] Il 13 luglio 2010 la Corte ha annullato tale sanzione.[33]

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. prawn - 3 settimane fa

    Foschi è stato al centro di una polemica dovuta alla pubblicazione delle trascrizioni di intercettazioni telefoniche relative a comunicazioni intercorse tra lui e Luciano Moggi nel marzo del 2007. In queste conversazioni l’allora d.s. del Palermo difende Moggi (“il calcio lo avete chiamato Moggiopoli…ma Moggi ha solo avuto l’accuratezza di essere un dirigente colto e di difendersi come sto facendo in questo momento”, dà del deficiente all’amministratore delegato del Palermo Rinaldo Sagramola, discute di un possibile acquisto della società rosanero da parte di Flavio Briatore, e incassa una rassicurazione da Moggi: “Tu sei pupillo mio. Io le persone non le tradisco mai.”[

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Toro75 - 3 settimane fa

    Tre marce
    La prima e due retromarce …cioe un passo avanti e due in dietro …e ce ne stiamo buoni buoni nella nostra mediocrita’
    Poi detto da uno che è scappato a gambe levate dopo un anno o poco piu …hai gia detto tutto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Scott - 3 settimane fa

    Ma ha sempre il freno a mano tirato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. maxx72 - 3 settimane fa

    Fratelli so che sono OT ma approfitto del fatto che di questa intervista mi interessa meno che niente per farvi gli auguri di buon 2020. Li faccio sia agli “amici” (con fratello Baci in testa) con i quali sono riuscito a farmi anche quattro risate, sia ai “nemici” (Vanni e Subcomante in testa) con i quali spesso ho litigato ma che ho in comune almeno una cosa : essere del TORO. Un augurio anche alla Signora del sito che é una persona educatissima. Ma un augurio lo rivolgo proprio a TUTTI. Scusate ancora per l’intrusione non si ripeterà ma ho approfittato di questa intervista pipposa per questa cosa. GRAZIE e FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Bischero - 3 settimane fa

      Buon 2020 maxx

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Madama_granata - 3 settimane fa

      Ringrazio e ricambio, a lei e a tutti i co-tifosi

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Athletic - 3 settimane fa

      Tanti auguri Max !

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Ardi - 3 settimane fa

      Buon anno maxx

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. maxx72 - 3 settimane fa

      Grazie ragazzi e ragazze, siete delle brave persone.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. Karmagranata - 3 settimane fa

    E già. Tu fai una buona campagna acquisti per vincere il campionato di serie B, però… Non senti l’appoggio della società..!! Fammi capire, Rino, cioè tu vuoi vincere in campionato cadetto e Cairo risponde picche?… Dove ho sentito qualcosa di simile? Ah, si, ricordo un euforico Cana’ con il suo Vincere e vinceremo scontrarsi con un perdere e perderemo del commendatore Borlotti… Cacchio siamo alle comiche!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. Immer - 3 settimane fa

    Allora siamo e saremo fortunatissimo avere uno con tre marce in più. Strano a non essere mi accorto e non sono il solo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. eurotoro - 3 settimane fa

      io gli riconosco di aver fatto salire il Toro al 7° posto x monte ingaggi..adesso pretendo dai giocatori il piazzamento finale al 7° posto!!! via dal Toro chi non lo considera un punto di arrivo!..soprattutto via chi ci ha voltato le spalle al playoff!..ancora qua sta?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Madama_granata - 3 settimane fa

        Quanto sono d’accordo!
        Auguri!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. eurotoro - 3 settimane fa

          contraccambio a Lei Grande Sorella di fede buon anno granata a tutti i fratelli ottimisti e non..ma tutti uguali malati di TORO!!!

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Immer - 3 settimane fa

            Hai detto bene tutti malati di toro

            Mi piace Non mi piace
  19. Daniele abbiamo perso l'anima - 3 settimane fa

    Per noi tifosi del Toro il problema non è avere un Presidente poco intelligente, semmai il contrario. Cairo è diabolicamente astuto e intelligente. Piuttosto lui riesce a fermarsi sempre un passo prima di fare l’agognato salto di qualità. Ne ha dato prova negli ultimi anni almeno due volte. Evidentemente ha convenienza che le cose restino così, con una squadra da metà classifica in grado di produrre sempre utili nel lungo periodo lasciandogli contemporaneamente una visibilità che naturalmente gli procura vantaggi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Ardi - 3 settimane fa

      Daniele, non potrei essere più d’accordo con quanto da te scritto

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. r.ponzon_13686323 - 3 settimane fa

    Credo che tutti i contestatori, pur mantenendo un occhio vigile sull’operato della società, dovrebbero valutare bene le parole degli addetti ai lavori…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Bischero - 3 settimane fa

      Be. Se vogliamo leggere cosa dice foschi si evince che finché ha lavorato(quindi era a stretto contatto) con Cairo non ha potuto operare a gennaio l anno della retrocessione (strano… Eh?) e non sentiva la fiducia tanto da dimettersi…(artistrano eh??!!) Poi parla per sentito dire. Io non ho bisogno di essere imboccato da chi vive nel mondo del calcio per avere un opinione.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. prawn - 3 settimane fa

    Foschi… Che dire…
    Perso un’occasione per tacere

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. sigfabry - 3 settimane fa

      Lui

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. microbios - 3 settimane fa

    La svolta del decennio è stata data da Petrachi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. venziagranata - 3 settimane fa

    Il fatto che tutti o quasi, per convinzione o per convenienza, affermino che Cairo è intelligente, capace, etc., a mio modesto parere confermano che allora quest’ultimo non vuole far fare il famoso salto di qualità alla società sportiva che presiede.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Ardi - 3 settimane fa

      Vanzia, ma dai!!! Veramente credevo che cairo, che è arrivato a fatturare più di un miliardo di euro l’anno fosse un imbecille e per questo non sia mai riuscito a fare il famoso salto di qualità

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy