Genoa, fattore Ballardini: con lui i rossoblù hanno un rendimento da Champions

Approfondimento / Ballardini siede sulla panchina del Genoa da 8 gare di Serie A, fin qui i liguri hanno perso solamente con il Sassuolo

di Federico De Milano

Davide Ballardini ha trasformato il Genoa. Sabato arriverà a Torino una tra le squadre più in forma del campionato. Il 21 dicembre il tecnico è tornato per la quarta volta sulla panchina dei rossoblù con il difficile compito di riuscire a tirare fuori il grifone dalle zone calde della classifica. La sconfitta di Benevento per 2-0 della 13^ giornata è stata infatti la gara che ha convinto il presidente genoano, Enrico Preziosi, a cambiare guida tecnica e ad esonerare Rolando Maran per affidarsi nuovamente all’allenatore di Ravenna. La salvezza sembrava una missione davvero complicata per una squadra che aveva incontrato grandi difficoltà avendo conquistato fino a quella partita solo 7 punti in 13 giornate.

GENOA, ITALY FEBRUARY 6: Goran Pandev of Genoa CFC celebrates with teammates after scoring the second goal during the Serie A match between Genoa CFC and SSC Napoli- Serie A at Stadio Luigi Ferraris on February 6, 2021 in Genoa, Italy. (Photo by Paolo Rattini/Getty Images)

LA SVOLTA – Ma il tecnico ha saputo cambiare il volto del Grifone. Il ruolino di marcia della squadra da quando in panchina c’è Ballardini parla da sè. Infatti nelle otto gare di campionato con il nuovo tecnico, il Genoa ha ottenuto la bellezza di 17 punti, una media di 2,12 per partita. Solo Lazio, Juventus e Milan hanno ottenuto più punti in questo periodo rispettivamente a 19, 18 e 18. Una marcia da Champions League dunque per il grifone che in queste otto gare ha perso solamente una partita contro il Sassuolo ma che ha saputo ottenere anche dei risultati prestigiosi come i pareggi contro Lazio e Atalanta, e l’ultimo sorprendente successo in casa contro il Napoli. Ballardini è partito certamente dal blindare la propria difesa, dato che in ben 4 gare su 8 ha tenuto la porta inviolata e ha concesso solamente 5 reti agli avversari: il club ligure ha la miglior difesa del campionato di questo periodo. E Ballardini stava per compiere anche un’altra impresa: nell’ottavo di finale di Coppa Italia giocato in casa della Juventus, i rossoblù sono riusciti a rimontare il 2-0 iniziale dei bianconeri portando la partita ai supplementari con un 2-2 prima di subire il terzo gol juventino a pochi minuti dai calci di rigore. Tutti elementi che fanno capire come affrontare il Genoa in questo momento non sia la più facile delle missioni per il Torino di Nicola.

PRECEDENTI GRANATA – Ballardini ha già affrontato il Toro 7 volte da allenatore e ha ottenuto una media di 1,57 punti a partita, grazie ai 3 successi, ai 2 pareggi e alle 2 sconfitte contro il club granata. In queste 7 sfide le sue squadre hanno segnato 7 reti. Il Toro invece nei precedenti contro Ballardini ha sempre avuto grandi problemi a fare gol, i granata hanno realizzato solamente 4 reti in questi 7 match. Sarà dunque un impegno molto complicato per il Toro di Nicola, che l’anno scorso era seduto sulla panchina proprio del Genoa. I granata cercano una vittoria casalinga che manca da ormai troppi mesi ma i numeri di Ballardini in questa stagione fanno pensare che ci vorrà la partita perfetta da parte di Belotti e compagni per portare a casa i 3 punti.

LEGGI ANCHE: Genoa, Destro è l’uomo del momento: nove reti con Ballardini

5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Bastone e Carota - 3 settimane fa

    E’ dura: questi giocano catenaccio e contropiede e noi siamo ancora troppo freschi di Mandragora per riuscire a scardinarli con facilità. Spero in una botta di culo, il gollonzo che ci spiana la strada e ci consente di giocare di rimessa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Marchese Granata - 3 settimane fa

      E’ arrivata l’ora che giri un po’ il vento, e che ca77!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Toroperduto - 3 settimane fa

      Guarda tanto noi vincere dobbiamo vincere ormai contro tante squadre, come sinceramente è irrilevante.
      Il problema sarà prendere un gol di meno di quelli che segneremo perché segnare segniamo.
      Mi sento tanto Boskov.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. fra_grant_3447307 - 3 settimane fa

      Sono 25 anni che speriamo, continua così e moriremo cacando

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Toroperduto - 3 settimane fa

        Sarà il trionfo degli stitici!!!!

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy