Il Toro si è perso: che disastro con il Napoli

Il Toro si è perso: che disastro con il Napoli

L’ editoriale di Gino Strippoli / La squadra di Sarri corre in campo i granata no

di Gino Strippoli

Toro in stato confusionale. É vero, in campo ci vanno i giocatori e loro spesso decidono le sorti della partita con i loro errori e con le loro prodezze, ma a volte sono anche gli allenatori a sbagliare le tattiche o le formazioni ed é quello che é successo al San Paolo di Napoli dove Sinisa Mihajlovic non ha indovinato gli undici iniziali per affrontare gli azzurri campani. Davvero incomprensibile la scelta di far giocare sulla fascia destra Zappacosta esterno alto (non ha mai inciso) e De Silvestri terzino (disastroso su Insigne) che appare lontano parente di quel giocatore ammirato a Firenze o a Genova, oggi lento e impreciso.

Un grave errore che é stato evidenziato quando il tecnico granata ha poi cambiato le carte in tavola con l’ inserimento di Falque nel suo solito posto e Zappacosta tornato a fa quello che sa fare meglio ovvero il terzino. Infatti quello é stato il miglior momento del Toro che é riuscito a mettere un minimo di pressione al Napoli accorciando le distanze fino al 5 a 3 finale. Ma ormai i giochi si erano conclusi alla fine del primo tempo con un 3 a 0 secco e dominante. Con la formazione iniziale e per tutti i 45 minuti il Toro non ha mai centrato con un tiro lo specchio della porta avversaria, anzi nel giro di 23 minuti si é trovato sotto meritatamente di tre reti. Un Toro davvero imbarazzante con una difesa colabrodo e un centrocampo che non ha mai fatto un minimo di filtro. In più ci si é messo anche Ljajic a sbagliare passaggi e appoggi e proprio su due suoi errori il Napoli ha realizzato il primo e il quarto gol. Se Barreca ha fatto un errore di gioventù che ha decretato il penalty e il secondo gol di Martens c’é da rilevare che il ragazzo almeno si é battuto bene riuscendo anche a fare un bel sombrero su Callejion su un’ azione successiva al rigore provocato, inoltre ha sgambato in avanti per quello che ha potuto. Ma il resto della retroguardia é stata inguardabile e poco reattiva così come era successo nel derby. Anche ieri dopo una grande parata di Hart, Moretti e compagni non sono riusciti a spazzar via la palla. Ma non solo la retroguardia, se va male la difesa é segno che il centrocampo non copre e non difende. Mai un pallone tolto ai piedi degli avversari, mai un contrasto vinto. Si é visto subito che il Toro faticasse a tenere il baricentro alto, facendosi invece schiacciare dall’ inizio.

Il mancato apporto di Falque dall’ inizio si é rivelato un grave errore. Lo spagnolo da quella qualità e fantasia in avanti che Zappacosta non riesce a dare, mentre al contrario a cambi effettuati, ma la frittata ormai era fatta, la fascia destra a iniziare a funzionare e Belotti fin li solo e abbandonato al suo destino ha iniziato a fare quello che sa fare meglio ovvero segnare su assist di Benassi dopo triangolazione con Ljajic. Strano vero? Ma non sono solo queste considerazioni a pesare sul risultato ma piuttosto quelle legate alla corsa vera e propria. Il Napoli si muoveva in velocità e correva sempre con e senza palla mentre il Toro camminava in campo statico e senza un illuminazione. Già perché la luce che doveva avere dal serbo numero 10 e da Valdifiori non si é mai vista e quell’esperimento iniziale di far giocare i due a specchio come in doppia regia non é stata produttiva. In più con un centrocampo fermo le palle in area del Toro penetravano come un coltello nel burro.

Sì, il Toro ha anche segnato tre reti ma quando ci sono state due congiunzioni ovvero i cambi già descritti sopra e il Napoli che aveva smesso per un attimo di giocare rallentando le sue avanzate, tant’é che appena i ” vesuviani” acceleravano un po’ sono arrivati gli altri gol e altri ne sono stati sfiorati. Per carità il Napoli é nettamente superiore al Toro ma i granata sono stati davvero inesistenti e fortemente deboli. Così non va bene. Questa é la terza sconfitta consecutiva meritata, arrivando piuttosto da tre vittorie (Crotone, Chievo e Pisa) immeritate. Qualcosa sicuramente non va altrimenti non si spiega questa débâcle progressiva e il Genoa é dietro l’angolo. Occorre dare una sterzata immediata pena il ritorno all’anonimato in campionato. Mihajilovic fino a prima del derby ha fatto bene e ha condotto il Toro a brillare in campionato ma nelle ultime due partite a commesso degli errori sulla scelta degli uomini da mettere in campo e nei cambi a partita in corso. Tutti fanno gli errori e quindi bisogna solo dire forza Mihaijlovic e forza ragazzi il Toro non può e non deve essere quello visto nelle ultime partite.

7 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. abatta68 - 4 anni fa

    Per questa squadra le cose sono due: o ne cambi mezza, o prendi due giocatori (un difensore e un centrocampista) in grado di fare reparto da soli. Ma questi a gennaio non li trovi. Ora quello che si può fare nell’immediato è trovare 2-3 giocatori di medio livello (Castro,Tonelli,Grassi) e smaltire una panchina di ex giocatori che, ad oggi, rappresentano il 30% dell’organico (ovvero i 7nani… Obi, Vives, Molinaro, Avelar, Moretti, Martinez, Bovo) e che con il Toro del futuro non centrano più niente. Questo è l’anno zero di Sinisa ed è normale che il livello reale dei giocatori lo devi poter toccare con mano, anche in base al rendimento e alla capacità di adattamento al modulo. In tal senso trovo realistico il fatto che si voglia arrivare all’EL in due anni, obiettivo dichiarato da inizio stagione, per capire cosa salvare e per avere il tempo per smaltire una rosa che, in gran parte, và sostituita perchè non si può pensare di essere competitivi con 11 titolari e basta… anche perchè, al momento, non lo siamo comunque!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. bufano_domenic_609 - 4 anni fa

    Adesso sono già tre partite che state perdendo!! Vedete che la gente si sta incominciando a stancare!! Incominciate ad avere un Po più di rispetto riguardo a chi vi viene a vedere allo stadio, dato che i biglietti hanno delle cifre allucinanti! Esigo impegno sul campo e sopratutto umiltà e rispetto dato che prendete degli stipendi da nababbi!! Provate ad andare un Po a lavorare in fabbrica e a non essere pagati, a essere sfruttati!! Come ha detto lei caro sign. Mihajlovic

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. miele - 4 anni fa

    Ricordo la vigilia delle prime partite del campionato: mi venivano i brividi freddi alla lettura dei convocati per la difesa. Ora mi vengono anche per il centrocampo, visto il fallimento di Acquah, Obi e lo scarso apporto di Valdifiori e alla conferma che nè Baselli, nè Benassi sono maturati. Purtroppo, tutte queste considerazioni erano perfettamente legittime; solo la società ha voluto fare orecchie da mercante ed ha assecondato le richieste di Mihajlovich per l’acquisto di De Silvestri e Ljajc, trascurando altre più ragionevoli esigenze. Per questo campionato ormai ci dobbiamo rassegnare al solito galleggiamento. Speriamo che il girone di ritorno serva per fare chiarezza, anche sull’allenatore.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. osvaldo - 4 anni fa

    Caro Gino cosi non va!
    Il titolo del mio intervento potrebbe essere articolato in 4 sezioni :
    1) Salviamo i Soldati BARRECA e BOYE! Le critiche a Barreca in queste ultime 2 partite sono assolutamente ingiuste perchè prendiamo gol da giocatori avversari che NON DOVREBBERO AFFATTO essere marcati dal ragazzo che per me vale sempre la lode, mentre la rivelazione dell’inizio dell’anno, Boye, è stato stranamente e inspiegabilmente messo da parte ad appassire dal nostro mister. Un giocatore forte fisicamente e forte nei contrasti,tecnicamente valido con un gioco bello a vedersi,esuberante e molto deciso in campo. Prego guardare i risultati ottenuti con Boye in campo dal 1° minuto;
    2 Salviamo i sodatini BENASSI – BASELLI,capitali della società e ragazzi nel pieno della maturità,leggerini sì! ma, appunto per questo hanno bisogno di un mediamo capace di recuperare palle a centrocampo e vincere i contrasti (un Gazzi + tecnico,per capirci!). Non è possibile mettere al loro fianco un fil di ferro come Valdifiori,se non si vuole rinunciare a lui bisogna giocare con un centrocampo a 4,non vi sono alternative;
    3)Io sono stato e, sono ancora, un grande estimatore del mister ma,penso debba parlare un po meno,saper leggere le partite, prima-durante e dopo ed assumersi le sue responsabilità venute fuori in modo evidente nelle ultime due partite: i cambi contro i gobbi e la formazione mandata in campo ieri contro il Napoli.Se ha queste 2 partite aggiungiamo molte altre perse per cambi effettuati, secondo il suo credo “per vincere”, la bilancia dei punti conquistati dice che è decisamente negativa!;
    4) L’INCOMPIUTA: personalmente da fine agosto scrivo su questo forum(prendendo diversi consensi ma anche,inspiegabilmente, divesi pareri contrari), che la squadra è nata incompiuta così come succede da 3-4 anni a questa parte,manca sempre il 30 per fare 31 (diceva sempre così la mia bravissima ed amata madre),nostante i soldi ci fossero e nonostante “la barzelletta” del fatto che l’incasseremo nel 2107!,Scusatemi ma questo fatto mi fa proprio ridere poichè se a noi pagano con un anno di ritardo NON CAPISCO perchè noi non dovremmo avere lo stesso trattamento.
    A gennaio bisogna tirare fuori i soldi perchè urgono rinforzi,caso contrario società e mister cambiasserro obiettivi dicendoci chiaramente a noi tifosi che la scalata ad EL è rimandata, al prossimo anno? e che per questo capionato dovremo accontentarci di galleggiare tra il 9° e il 12° posto.
    Sempre forza TORO
    Osvaldo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 4 anni fa

      Certo che è incompiuta : è come dici
      e mi dispiace , ma con un centrocampo a 3 uno come baselli il toro non se lo puo’ permettere.
      Così come non si puo’ permettere due centrali difensivi così scarsi (tranne castan che purtoppo è incostante credo per ovvi motivi) .

      Concordo anche io che l’unica altra soluzione potrebbe essere un centrocampo a quattro con i giocatori attuali.

      Altrimenti bisogna fare pesanti investimenti . Tenendo belotti , boye , falque forse lijaic e maxi via martinez.

      A centrocampo via baselli, obi . Da tenere benassi valdifiori forse aquah.

      In difesa via tutti tranne barreca , castan rossettini e de silvestri come rincalzi e via tutti gli altri.

      Pero’ questo non succederà , temo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Simone - 4 anni fa

      1)Barreca assolutamente da difendere al derby mentre ieri il rigore è SOLO colpa sua (sicuramente dovuta all’inesperienza) ma sempre colpa sua. Boyé quando è subentrato non è mai stato decisivo mentre dall’inizio è andato sicuramente meglio (ma chi togliere?) e cmq laterale dx a me non piace e, se non erro, nei Newells Old Boys giocava prima punta.
      Invece partendo dalla panchina ho visto sempre bene Maxi, allora xke non provare un + abbottonato 4-4-2 con Gallo e Maxi davanti?
      2)Baselli mi sta deludendo sempre di +, non so cosa gli sia successo ma non lo vedo giocare da 7 da tempi immemori. Probabilmente questo modulo in cui deve recuperare palloni non gli si addice anche xke, parliamoci chiaro, è veramente leggerino. Benassi cerca di fare il suo ed a volte lo fa anche bene e sicuramente ci mette l’anima. Difetta forse in “classe”.
      3)Sono d’accordo, Sinisa sta chiacchierando troppo ed i risultati scarseggiano. Non essere in grado di preparare le partite è la cosa che + mi manda in bestia. Fare gli sboroni presentandosi ovunque con 3 punte (a parte ieri) non ci portera’ da nessuna parte.
      4)A mio avviso il problema + grosso è il centrocampo, non abbiamo un solo giocatore capace di recuperare qualche pallone, giusto Vives o Acquah ma sappiamo pure che piedi hanno.
      Ovviamente ci serve anche un altro centrale xke Castan, Rossettini e Moretti al momento non stanno garantendo un rendimento sufficente.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. ddavide69 - 4 anni fa

      Regnano i ciechi

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy