Longo e quei numeri da migliorare: Roma e Bologna sono un’opportunità

Longo e quei numeri da migliorare: Roma e Bologna sono un’opportunità

Toro News / I numeri della stagione di Moreno Longo: fare punti contro Roma e Bologna per giocarsi al massimo le sue chance di permanenza al Torino

di Redazione Toro News

Il Torino è matematicamente salvo e, a due giornate dalla conclusione della Serie A, il campionato di Belotti e compagni può definirsi virtualmente chiuso. E invece no. O almeno non per Moreno Longo, che contro Roma e Bologna continuerà a giocarsi le sue chance per un’eventuale riconferma sulla panchina granata. Per l’ex tecnico del Frosinone, infatti, chiudere con 39 o con 45 punti in classifica potrebbe essere una carta in più da giocarsi nei confronti della dirigenza del Torino.

LEGGI ANCHE: Longo pre Torino-Roma: “Bremer e Lukic giocheranno: il futuro può essere loro”

I NUMERI – Ed ecco dunque che Roma e Bologna possono diventare un’opportunità per Moreno Longo, cui spetterà il compito di trasmettere le sue stesse motivazioni a una squadra che – a salvezza acquisita – potrebbe ritrovarsi ormai mentalmente scarica e con la testa già in vacanza. Ma ricapitoliamo i numeri del mister granata, che nelle sue 14 partite sulla panchina del Torino ha raccolto sin qui 12 punti (0,86 di media a partita). Una media da retrocessione, che è però nettamente migliorata nel post lockdown. Dalla riapertura del campionato, infatti, il Torino ha raccolto 3 vittorie, 3 pareggi e 5 sconfitte: un totale di 12 punti ottenuti in 11 partite, con una media punti di 1,09 che pone i granata al 12° posto nella classifica della Serie A post Covid-19; anche davanti a squadre che precedono il Toro in classifica come Cagliari ed Hellas Verona.

OPPORTUNITÀ – Ecco dunque perché fare punti contro Roma e Bologna potrebbe diventare un’opportunità per Longo, che vorrebbe chiudere la sua stagione sulla panchina granata con il massimo di punti raccolti durante la gestione. E in questo senso per il tecnico terminare il campionato con gli attuali 12 punti o implementare il bottino fino a un massimo di 18 potrebbe essere un valore in più per il suo operato al Torino e – perché no – anche un argomento in più nei confronti della società che proprio in queste settimane sta prendendo le ultime decisioni per quanto riguarda il progetto tecnico del prossimo anno.

LEGGI ANCHE: La probabile formazione del Torino: Lukic dal 1′, ballottaggio sulla destra

7 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. christian85 - 2 mesi fa

    Ripeto ancora una volta.
    Il problema non è Longo di per sè come uomo granata nel sangue e/o come allenatore.
    Il problema è che se avessimo anche Mourinho o Guardiola, con una rosa del genere non si potrebbe fare nulla.

    A Longo vanno dati i dovuti complimenti e ringraziamenti per il coraggio di aver voluto remare una barca ormai destinata all’affondo e di aver ridato un po’ di motivazione.

    Motivazione che però non serve a nulla se hai a che fare con dei mercenari.

    Di sicuro però, se in rosa oltre a Belotti avessimo avuto ancora gente come Asta, Ferrante, Vergassola, Mezzano e cosi via, parleremmo di altro.

    Longo e Asta si somn dovuti prendere a carico una squadra che ormai aveva già deciso di andare contro la società e noi tifosi.

    Quindi, ripeto ancora, se Longo avesse una rosa allestita bene con almeno 3 riserve di livello per ruolo, non ci sarebbe bisogno nè di Mourinho nè di Guardiola.

    Sfido chiunque, persino Ranieri (che è il mio sogno averlo in panchina) avrebbe avuto grattacapi non indifferenti con il Toro di quest’anno.. Longo nel bene o nel male la sua missione l’ha compiuta.
    Mi verrebbe da chiedere se avesse avuto un centrocampo folto quali e quante partite avrebbe potuto vincere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Tor zone - 2 mesi fa

    Si potrà capire chi vuole Longo e sopratutto chi vuole il toro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. user-13797744 - 2 mesi fa

    Et voilà le jeux sont fait

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. eurotoro - 2 mesi fa

    daje Moreno!…mettimi in campo gli 11 piu’ motivati e incazzati x come sono andate le cose.. x fare la partita della vita! … e poi qualunque risultato ne uscira’ io scrivero’ che sei a tutti gli effetti un allenatore da serie A!..niente ansia da classifica nessuna scusa x eventuale approccio sbagliato..devi solo mettere i giocatori che hanno senso di appartenenza e spirito di rivalsa e voglia di meritarsi i propri tifosi..se li hai individuati dimostrerai che ci sai fare!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Cuore granata 69 - 2 mesi fa

    Longo vorebbe e lo meritetebbe perla voglia che ci ha messo di migliorare la media punti,i giocatori credo non gliene importa niente.minimo sibdacale raggiunto,.Per fortuna non dobbiamo cercare punti in ste 2 partite se non erano cavoli amari,se fa un punto tra roma e Bologna e oro che cola.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Daniele abbiamo perso l'anima - 2 mesi fa

    Allenatore acerbo, ma ha provato a inculcare in questi giocatori spesso viziati, superficiali e vacui i valori un tempo intrinsechi in chi indossa la maglia del Toro.
    Già solo per questo merita rispetto e gratitudine.
    E la mia c’è l’ha.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Steu68 - 2 mesi fa

      Io lo riconfermerei, anche perchè scegliere tra quelli “liberi” sarebbe imbarazzante. Oltretutto, considerando i probabili tempi stretti a disposizione per preparare il prossimo campionato, partirebbe in vantaggio rispetto a chiunque, conosce ambiente, giocatori, etc.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy