Minotti: “Longo deve portare uno shock tattico. E sul mercato del Toro…”

Intervista TN / L’ex granata, ora apprezzata voce tecnica di Sky Sport, analizza la situazione dei granata

di Andrea Calderoni

Lorenzo Minotti non ha potuto vivere, causa allerta da Coronavirus, il match da doppio ex tra Parma e Torino domenica 23 febbraio (sfida posticipata all’11 marzo alle 18.30). Tuttavia, a Toro News ha rilasciato un’intervista esclusiva per parlare del momento del Torino, squadra che ha commentato più volte nel corso della stagione ai microfoni di Sky Sport. Ricordiamo che l’esperienza in granata di Minotti non fu particolarmente fortunata (soltanto 7 apparizioni), di certo non minimamente paragonabile a quella straordinariamente positiva in Emilia con la maglia del Parma.

Buongiorno Lorenzo, ci avviciniamo rapidamente allo sprint conclusivo di questa lunga stagione. Si aspettava così tante difficoltà per il Torino?

“Non erano prevedibili simili difficoltà per i granata. Ho avuto la possibilità di commentare praticamente tutto il cammino europeo del Torino sul finire della scorsa estate e francamente mi sembrava di avere di fronte una squadra destinata a crescere. Non mi sarei mai potuto attendere un’involuzione del genere, che però è spiegabile per i tanti problemi che si sono verificati dall’eliminazione ai preliminari con il Wolverhampton in avanti. Le carenze principali, a mio modo di vedere, sono state il mercato e la gestione di alcuni fatti”.

Partiamo da quest’ultimi. A quali si riferisce?

“Innanzitutto alla vicenda Nkoulou. Non è stata gestita bene. Dall’esterno non è facile capire che cosa sia realmente accaduto, ma si può tranquillamente affermare che ha messo in luce alcune crepe nelle dinamiche dello spogliatoio. Ciò ha condizionato un po’ tutti. E poi c’è un altro aspetto che viene spesso dimenticato quando si parla di Torino”.

Quale?

“L’abbondanza di centrali difensivi, che ha fatto sì che le gerarchie venissero messe in discussione ogni partita. Credo che questo abbia complicato tantissimo la crescita del Torino. Anche i numeri rendono disastroso il rendimento della retroguardia granata, soprattutto se confrontati con quelli del passato campionato”.

Camolese: “Il Toro non è da Serie B. Longo? Ha bisogno di tranquillità”

Passiamo al mercato. Cosa non ha funzionato?

“A mio parere era da gestire in maniera un po’ diversa. Per il salto di qualità il Torino avrebbe avuto bisogno di un innesto nel reparto offensivo. Secondo me, serviva un attaccante puro che potesse affiancare o dare il ricambio ad Andrea Belotti. Simone Zaza ha dimostrato di essere in costante difficoltà”.

Però, un giocatore offensivo a fine mercato estivo è arrivato ed è costato anche parecchio al Torino.

“Sì, ma Simone Verdi non è il prototipo di giocatore che serviva al Torino. Non discuto le qualità del ragazzo, ma il suo ruolo. Verdi non è altro che un doppione dei vari Berenguer e Falque e non ha fatto altro che creare ancor più problemi a Mazzarri nelle scelte. Inoltre, ha messo in discussione alcuni ragazzi che erano reduci da una stagione strepitosa”.

Ma veniamo all’oggi. Il Torino deve realmente lottare per la salvezza?

“I granata si sono messi in una situazione di difficoltà. Era inevitabile che si verificasse un cambio di allenatore. Serviva uno shock e lo shock è arrivato. Credo che Moreno Longo possa dare alla lunga un ottimo apporto dal punto di vista mentale e possa ritrasmettere i valori del Torino. La scelta mi appare corretta, perché può ridare coesione all’ambiente, che era davvero in subbuglio, considerando anche quello che è accaduto in Curva Primavera. Ora spetterà a Longo riportare un po’ di calma, naturalmente con l’ausilio dei risultati che sono la variabile più importante nello sport”.

Tuttavia, l’avvio dell’esperienza di Longo non è stato supportato dai risultati.

“Eh sì, il Torino sta facendo fatica a scrollarsi di dosso le sue incertezze, le sue paure e le sue problematiche. Io credo che Longo debba portare anche uno shock dal punto di vista tattico. Deve cercare di proporre qualcosa di diverso per far sì che la mente dei giocatori ragioni in modo differente. Solo con uno scossone relativo anche al modulo tutti i componenti della rosa sarebbero rimessi in discussione. Vedremo se dalla prossima giornata, magari con più tempo a disposizione, Longo proporrà qualcosa di nuovo, differenziandosi rispetto alla precedente gestione tecnica”.

29 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Alfredo - 8 mesi fa

    Difesa? Attacco? Mi domando come un esperto di calcio possa ignorare il macroscopico e vitale bisogno che il nostro Toro aveva ed ha a CENTROCAMPO, reparto chiave di ogni squadra per costruire gioco e filtrare quello altrui. Il nostro incapace in entrambi i casi. Non intervenire in quel reparto in Estate e a Gennaio è stato un puro crimine (calcisticamente parlando)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. aimo.marc_150 - 8 mesi fa

    Tempo? Ma nessuno si è accorto che mancano una quindicina di partite? Sicuramente ne avrà per partire bene in B.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Marchese del Grillo - 8 mesi fa

      Stavo per risponderti proprio come meritavi. Poi ho ricordato un insegnamento paterno ed ho contato fino a 10.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Paul67 - 8 mesi fa

    Reda oggi vi siete riscattati dando voce ad Lorenzo Minotti che oltre ad essere stato un buon giocatore è stato un capitano, vero, guadagnandosi i gradi in campo e nello spogliatoio.
    Ciò che dice Lorenzo è interessante soprattutto perché ha detto messo in luce aspetti che fino ad ora nessuno aveva nemmeno sfiorato, troppa concorrenza in difesa, sostituzione di Zaza e Verdi acquisto inutile.
    É la prima volta che sento un addetto ai lavori dare giudizi così netti, anche perché siamo abituati a sentire i vari Rampanti, e Pat. Sala…. sempre molto attenti a sfiorare le responsabilità dell’illustrissimo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. verarob_701 - 8 mesi fa

    Ennesimo articolo di per se senza senso, giusto perchè gli opinionisti devono pur dire qualcosa, a cui le persone si accodano, spesso senza rendersi conto che si stanno dando dei cretini da soli….
    6 centrali per una difesa a 3 sono troppi?, può essere, ma non lo può dire chi fino ad oggi ha lamentato il fatto che 4 centrali di centrocampo, a cui poter aggiungere Ansaldi o Laxalt in caso di bisogno, giocando con 2 centrocampisti erano pochi, oppure chi dice che Con Lyanco out e il problema N’Koulou eravamo scoperti dietro…
    Scrivere che il Toro doveva prendere un attaccante puro che giocasse con Belotti, o al suo posto, è una solenne sciocchezza, perchè per giocare CON Belotti potevi anche prendere qualcuno più forte di Zaza, titolare in tutte le squadre dove ha giocato juve ovviamente esclusa, per giocare AL POSTO di Belotti, nessuno veniva….
    Verdi a me non piace, ma tecnicamente non è un doppione di Berenguer e Iago, ed è facile da capire, certamente ha dato problemi alle rotazioni, ma se il tuo allenatore ti chiede lui, o comunque uno con le sue caratteristiche cerchi di soddisfarlo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. leggendagranata - 8 mesi fa

    Shock tattico e cambiare registro rispetto a Mazzarri. Mi pare che la ricetta di Minotti sia giusta, anche se nel calcio certezze non ce ne sono. Comunque si viene da due sconfitte consecutive sotto la gestione Longo e peggio di così non si può andare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. ALEgranataALE - 8 mesi fa

    Articolo che mi trova concorde su molti aspetti . Secondo me serviva rinforzare il centrocampo dove mancano giocatori che sappiano impostare l’azione e che trovo tra i peggiori della serie A.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. GranaSiempre - 8 mesi fa

    Sul fatto che la stagione sia iniziata in maniera strana e negativa non ci sono dubbi (Petrachi, preliminari EL, Nkoulou, etc.)..

    Sull’abbondanza dei centrali non sono d’accordo, anche perchè giocando a 3 ne devi avere 6 (Lyanco al posto di Moretti) e credo che quello sia stato l’ultimo dei problemi. La rotazione iniziale è stata dovuta alla vicenda Nkoulou e a qualche infortunio, ma a regime le gerarchie erano piuttosto chiare, come l’anno scorso.

    E non concordo nemmeno sullo shock: a mio avviso questa è una squadra che può fare benissimo senza stravolgimenti. Non dico come la stagione passata, ma comunque può far bene.
    Basta ritrovare la serenità nel lavoro che la contestazione e il clima surreale purtroppo avevano tolto.
    Da Longo mi aspettavo di più già nelle prime 2 partite, visto che abbiamo recuperato anche tutti i giocatori. Ma non ha alcun problema o ostacolo da questo punto di vista, per cui si può solo che risalire.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. tajarin - 8 mesi fa

    Piuttosto condivisibile l’attenta analisi di Minotti. Prendiamolo al posto di Petreche.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. EMYMARTE72 - 8 mesi fa

    E’ assolutamente necessario fare sei punti nelle due partite casalinghe ravvicinate con Udinese e
    Parma. Con che modulo si giochi o che giocatori siano scelti poco importa, occorrono 2 vittorie per uscire da questa situazione complicata a dire poco. Speriamo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Marchese del Grillo - 8 mesi fa

      Un punticino a Napoli ci darebbe una carica pazzesca per le successive due interne. Se succede vado al Santuario di Pompei a piedi!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. aimo.marc_150 - 8 mesi fa

        Partendo da dove?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Héctor Belascoarán - 8 mesi fa

          Da Superga ovviamente. 🙂

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Marchese del Grillo - 8 mesi fa

            🙂 Non esageriamo, dai, non è uno scudetto! Da Napoli…

            Mi piace Non mi piace
    2. morassut.maur_9001655 - 8 mesi fa

      Che occorrano non c’è dubbio, che ci si riesca è un altro discorso purtroppo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. granataLondinese - 8 mesi fa

    Ah sullo shock tattico Minotti non si sbilancia (giustamente) ma e’ ovvio che un 442 si addice di piu’ alla gente che abbiamo (o meglio, a quelli che non abbiamo)

    Poi comunque sono (quasi) fiducioso che una volta che recuperiamo baselli torniamo a vincerne anche un paio e ci salviamo.

    Il problema e’ il minutaggio / la condizione fisica.. Tutto da verificare.

    Chi l’avrebbe mai detto che sarei finito a riporre tutte le mie speranze su Basellino..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. granataLondinese - 8 mesi fa

    Accipicchia Minotti me l’ero dimenticato, si era forse rotto il ginocchio al toro e aveva finito li la carriera?

    Analisi molto buona, ma e’ possibile che non abbiamo nessuno un societa’ che faccia questi discorsi? E’ assurdo.

    Concordo pienamente sull’attacco (tra l’altro scritto da me e da tanti altri qui sul forum nell’ultimo anno), sulla difesa ha proprio ragione e nono ho letto niente di simile quest’anno.

    Come hanno scritto altri qua sotto, ancora una volta, pure Minotti sembra dimenticarsi che abbiamo a malapena due ali afiddabili con 3 giocatori e che l’unico che garantisce qualita’ al centrocampo e’ baselli (che e’ cmq molto limitato, ma meglio di qualunque altro centrale in libro paga al toro di oggi)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. TOROPERDUTO - 8 mesi fa

    Uno che parla non da servo del potere

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Il Giaguaro - 8 mesi fa

    Minotti ha detto una serie di cose molto intelligenti… 6 centrali pressochè equivalenti come livello (Izzo di quest’anno non è meglio di Bremer o Lyanco) con soli 3 posti disponibili sono una scemenza per una squadra che gioca se va bene 45 partite in stagione. Avrebbero un senso se fossimo di un altro livello ed arrivassimo a giocarne 60/65 (cioè andassimo in Europa e non uscissimo al secondo turno di Coppa Italia), ma qui sono solo sogni… Anche lui però si è dimenticato del centrocampo, zona nella quale siamo carenti di qualità e quantità come nessuno in serie A… Evidentemente non capisco nulla di calcio, cosa assai probabile.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. eurotoro - 8 mesi fa

    intanto Moreno penso si stia rendendo conto che terzini tutta fascia di gamba e velocità non ne abbiamo x pensare di continuare coi 343 o 352…desilvestri ansaldi oramai terzini da difesa a 4 l’unico ola aina ma ancora acerbo x gestirsi tutta la fascia pur avendo si lui gamba e sufficente velocità..rispedito al mittente laxalt l’unico che aveva gamba e grande velocità non capisco cosa si insiste ancora con sti moduli dai 2 terzini tutta fascia che attualmente non esistono proprio in rosa…urge passare ad una sana difesa a 4 con terzini bloccati dove Lollo può dire ancora la sua..aina fare meno danni..ansaldi si allunga la carriera e singo puo ritagliarsi il suo spazio

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Scott - 8 mesi fa

    L’analisi degli errori era stata fatta ad Agosto. Mister rosa corta e signor Siamo a posto così hanno mistificato la realtà, che ha presentato inevitabilmente il conto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Granata69 - 8 mesi fa

    Intelligente la considerazione sui centrali di difesa. Nessuno di loro è scarso. Se dopo un errore li metti in panca non potranno mai giocare tranquilli. Un allenatore deve fare delle scelte, puntare su tre di loro e dargli fiducia. Gli altri, a meno di disastri, giocano a seguito di infortuni o squalifiche dei titolari in modo che ci siano delle sane gerarchie. Il tanto osannato Nkoulou anche lo scorso anno ne ha combinate parecchie tra svirgolate ed espulsioni, eppure è rimasto sempre titolare.
    Penso che Izzo, Nkoulou, Bremer sia la difesa più logica. Fermo restando che Nkoulou non sarà mai Glik e non darà mai la sua sicurezza, lo ritengo un buon centro-destro, non adatto a fare il centrale , passa solo indietro la palla a Sirigu e non azzarda mai a dare uno strappo palla al piede per impostare. Lo scorso anno non si notava perché lo faceva Moretti e c’era un altro Izzo, quest’anno le sue carenze tecniche sono venute di botto alla luce. Sorvolo sul suo comportamento, rimango dell’idea che con gli inglesi ci ha volutamente fatto prendere il gol. E il turno lo avremmo passato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Marchese del Grillo - 8 mesi fa

      E invece io lascerei spazio a Lyanco e Bremer, che sono il nostro futuro, facendo fare un po’ di panca ai signori Izzo e Nkoulou, che hanno già un piede e mezzo in altre squadre. Largo a chi, anche facendo cappellate (e chi no le sta facendo là dietro) sta dimostrando attaccamento e al bando i mercenari.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Granata69 - 8 mesi fa

        Ah beh, condivido in toto, ma il deprezzamento si accentuerebbe per entrambi e quindi non credo si vedrà questa situazione. Comunque ampiamente sostituibili entrambi senza grossi sforzi.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. r.ponzon_13686323 - 8 mesi fa

    Articolo equilibrato e condivisibile. Ora attendiamo novità da Longo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. eurotoro - 8 mesi fa

    che competenza Minotti..bravo ha capito tutto piu lui dell’esterno!..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. Gianluca - 8 mesi fa

    Mi sembra un’analisi condivisibile. Longo ha tutte le carte in regola per riuscire a dare questo shock, ma finora ha fallito perché fra Milan-Toro di Coppa e Milan-Toro di campionato il passo indietro è stato evidente. E preoccupante. Non aver giocato domenica è stato un colpa di fortuna dal punto di vista prettamente calcistico per il Toro. Adesso deve instaurarsi una nuova dinamica, altrimenti sarà Serie B. Non si scappa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Maurygranata - 8 mesi fa

      Non saprei se non giocare domenica sia stato positivo, quanti ne recupera il Parma in due settimane?… per il resto sono d’accordo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. gianluca.mazzull_8693329 - 8 mesi fa

        In questo frangente perderemmo contro tutte, dal Livorno in su. Dico per esagerare, ma non ci vado distante. Monza compreso. Dobbiamo resettare e serve tempo. Questa sosta forzata può contribuire e a Napoli si può sperimentare. Perché le sconfitte che rischiano di costarci caro sono quelle contro Lecce e Samp, mica lo 0-7 contro l?Atalanta

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy