Napoli, Insigne rientrerà col Torino? Il capitano azzurro solo in tribuna col Genk

Napoli, Insigne rientrerà col Torino? Il capitano azzurro solo in tribuna col Genk

Verso il match / Analizziamo il reparto offensivo dei partenopei in vista della gara contro il Torino

di Marco De Rito, @marcoderito

Termina a reti bianche il match di Champions League tra Genk e Napoli. Una gara dove ci si aspettava di più dai partenopei, in particolare dal reparto offensivo che è rimasto a secco. Tra un centrocampo particolarmente offensivo (leggi qui) e un attacco che può contare su giocatori come Milik e Lozano, il reparto avanzato è il punto forte della squadra di Carlo Ancelotti. Quest’ultimo spesso ha cambiato volto al suo attacco. Alcune volte il Napoli ha giocato con il 4-2-3-1, con tre trequartisti a supporto di un terminale offensivo, altre volte con due punte nel 4-4-2.

IL RENDIMENTO – Nella gara di Champions l’allenatore ha giocato con due punte, che erano Milik e Lozano. Il polacco ha avuto un inizio stagione tribolato per gli infortuni, è ritornato disponibile ed ha giocato nelle partite con Lecce e Cagliari anche se non ha segnato. Ha fatto panchina nel match con il Brescia ed è sceso in campo con il Genk in Champions, ma per il momento è ancora a secco. Lozano nelle sue prime quattro gare in Serie A ha collezionato una sola rete. Mertens e Llorente hanno fatto meglio. Il primo ha siglato 4 gol in 5 presenze in Serie A, mentre l’ex Juventus ha condito le quattro gare giocate con due reti, senza dimenticare la marcatura messa a segna in Champions contro il Liverpool.

CASO INSIGNE – Più di tutto ha fatto scalpore la tribuna per Lorenzo Insigne: il capitano è stato escluso ufficialmente per scelta tecnica. Il caso terrà sicuramente banco nei giorni che ci separano dal match di domenica e sarà curioso capire se contro il Torino Insigne tornerà in campo. Un’altra esclusione farebbe certamente notizia: e di certo non dispiacerebbe al pubblico granata, che ancora ricorda la doppietta con cui l’attaccante ha steso i granata nel precedente di un anno fa.

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Alelux77 - 2 settimane fa

    Arriviamo a questa partita solo con 4 certezze:Sirigo, Izzo,Rincon, Belotti. Senza allenatori in panchina perché squalificati, con problemi in difesa, problemi sugli esterni, difficoltà nel rifinire, e incapacità a tenere in mano una partita.
    Il Napoli è davvero forte è sarebbe stato bello affrontarli con giocatori in forma, consapevoli e capaci di giocare a memoria, per provare anche a vincerla, ma dopo la prima col wolwer, si è fatto un caos distruttivo talmente devastante, che la squadra ha perso la sua identità e sarà improbabile ritrovarla contro Insigne e la sua gang.
    Col Napoli si può perdere, poi ci sarà la pausa, che però priva la rosa dei Nazionali, e quindi pensare di sfruttare lo stop del campionato per riprendere le file della squadra è un po’ come pensare di fare una macchina affidabile senza provare i freni, le ruote, la centralina, facendo girare il motore al di sotto della coppia.
    Non si è cambiato nulla, per cui che si torni al 352 affidabile dello scorso anno e si attendano tempi migliori per altri esperimenti.
    Non vedo altre soluzioni

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. pupi - 2 settimane fa

    5 pali tra Cagliari e Genk più un’innumerevole quantità di altre occasioni. Contro il Toro, ovviamente, ogni tiro sarà all’incrocio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Nero77 - 2 settimane fa

    Si è risparmiato per la tripletta di domenica..

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy