Rampanti: “Parliamo del centrocampo del Torino? Nessuno si prende un rischio”

Rampanti: “Parliamo del centrocampo del Torino? Nessuno si prende un rischio”

Parola al Mister / Serino analizza così i temi in casa Toro dopo la sconfitta contro l’Inter

di Gianluca Sartori, @gianluca_sarto

Il Torino raccoglie la settima sconfitta stagionale contro l’Inter: è il momento di discutere delle vicende attuali granata nel solito appuntamento con “Parola al Mister” di Serino Rampanti. L’ex allenatore e calciatore granata commenta così quanto accaduto sabato sera al “Grande Torino”.

Serino, l’aria intorno a questo Torino si fa sempre più pesante. 

“Se parliamo della partita contro l’Inter, la premessa è che la differenza di valori tra le due squadre c’è ed è netta, quindi una sconfitta per il Torino può anche starci. Ma le partite sono spesso condizionate anche da errori o piccoli episodi che ne cambiano l’andamento, vedi ad esempio la parata di Handanovic su De Silvestri a fine primo tempo. Quindi va sempre valutato come si esce sconfitti dal terreno di gioco. Sicuramente ha influito l’infortunio di Belotti e l’assenza perdurante di Falque, ma ovviamente ciò non basta a spiegare il tutto”. 

In particolare, il Torino ha subito almeno due gol in modo imbarazzante. 

“Forse bisognerebbe interrogarsi seriamente sui motivi per cui il Torino fa così fatica nelle partite dopo le soste. Evidentemente chi va in Nazionale, invece di portare valori ed entusiasmo, offre prestazioni negative (escluso qualcuno). Poi, forse si è puntato troppo su Lyanco non considerando la sua vulnerabilità fisica (anche se l’ultimo ko è dovuto al fallo di un avversario). Inoltre, non si è sostituito a dovere Moretti: mi spiace evidenziarlo di nuovo. Andava convinto a continuare ancora un anno oppure bisognava prendere al posto suo una certezza. Oltre ai problemi della fase difensiva, credo però che sia giusto concentrarsi anche su quelli del centrocampo”.

In che senso?

“Come è possibile sopportare la timidezza con cui i centrocampisti sviluppano la manovra? Chi vieta a costoro di tirare in porta anche da lunga distanza, soprattutto quando il terreno è bagnato? Si sa che in questi casi i palloni sono più pericolosi per i portieri perchè acquistano velocità quando schizzano sull’erba, e poi c’è sempre la possibilità di una deviazione fortuita (vedi il gol di Higuain contro l’Atalanta). Potrei continuare con altri interrogativi ma mi sono sempre imposto di essere equilibrato nei giudizi ma anche indulgente come chi vuol bene a qualcuno. Ora però si è arrivati quasi al limite della sopportazione. Le prestazioni di alcuni sono davvero esasperanti, anche se c’è chi si distingue sempre in positivo, e parlo di Ansaldi e Sirigu. Contro l’Inter poi, a differenza di quanto detto da altri commentatori, mi è piaciuto in parte anche un altro giocatore: Simone Verdi”. 

Hai visto anche tu segnali di ripresa da parte sua?

“Sì, e devo sottolinearlo anche perchè in passato l’ho chiamato in causa. Specie nel primo tempo, con Ansaldi, mi è parso l’unico a tentare di costruire la manovra anche con giocate a rischio. L’argentino in questo è un esempio per come interpreta la fase offensiva, le giocate personali e le relative conclusioni. Il giocatore sufficientemente bravo per giocare in una squadra ambiziosa, come deve essere il Torino, deve avere tante doti: forza fisica, carattere, buone qualità tecniche, visione di gioco. Ma soprattutto ci va personalità. La personalità di prendersi la responsabilità di provare giocate che implicano possibilità di errore senza avere paura di sbagliare. I centrocampisti attuali, invece, fanno l’opposto: contro l’Inter si sono quasi sempre limitati a passaggi banali, corti, orizzontali o all’indietro. Insomma, questo lo possono fare anche gli ex giocatori. Se a questo aggiungiamo che il Toro prende così tanti gol anche perchè la mediana non supporta adeguatamente la difesa…”. 

Il Torino ha avuto oltre il 60 per cento di possesso palla, contro l’Inter. 

“Sì, ma i tiri prodotti sono stati pochi: nel primo tempo uno in porta e uno fuori, nel secondo tempo due fuori e uno in porta. Dunque è stato un possesso palla sterile. Tenere la palla è utile se poi si conclude con efficacia. Un esempio: tutte le volte che si è arrivati sulle fasce per crossare, sono stati effettuati palloni alti che sono diventati facile preda dei difensori interisti (il più basso è alto almeno 1.90). Insomma, il concetto è quello di prima: questo Toro tira troppo poco perchè non vengono creati i presupposti per farlo, soprattutto a causa di troppa timidezza. La timidezza si percepisce anche dal fatto che sono stati solo due gli ammoniti nonostante il terreno bagnato che da un punto di vista ‘invoglia’ ad entrare in scivolata”. 

Se poi aggiungiamo che davanti non c’era più Belotti… 

“Su Zaza non voglio esprimermi: tra un mese è Natale, siamo tutti più buoni”. 

Da qui a Natale, passate le big, ci sono quattro match alla portata del Torino. 

“Sai cosa ti dico? Che per questo Torino non ci sono avversarie alla portata. D’altronde, sette sconfitte, due pareggi e quattro vittorie in tredici partite sono specchio eloquente del fatto che ci troviamo dinanzi a una squadra con dei problemi”.

 

 

100 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. ToroSardo - 10 mesi fa

    Parcella?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. rampanti-vatta - 10 mesi fa

    Dopo le partite del Toro, il commento che aspetto di leggere con maggior interesse è quello di Serino Rampanti.
    Non solo perché lo ritengo un autentico cuore toro, ma è un commento molto competente ed è un piacere condividere i suoi punti di vista e mi permette di conoscere aspetti a me sfuggiti.
    Per questo servizio vorrei ringraziare appunto sia Toronews e Serino, mitico numero 7 del Toro nonché allenatore vincente del settore giovanile ed allenatore della prima squadra in momenti difficili.
    Il Commento di Serino su questa ultima partita è identico al mio, mi fa pensare quindi di averci visto giusto.
    Oltre a condividere in toto il pensiero sui centrocampisti, è da anni che penso che manchi uno o meglio ancora due centrocampisti forti.
    Mentre in difesa e attacco abbiamo più scelte, anche se qualche elemento non sta facendo bene.
    Ribadisco il concetto detto altre volte, dobbiamo essere più squadra, siamo aggrappati a dei singoli, Sirigu, Belotti, Ansaldi e quando è disponibile Iago.
    Aina ha una progressione notevole va sfruttata. Meitè ha dei numeri impressionanti e delle amnesie pazzesche (vedi ultima Partita). Rincon lotta. Sono convinto che Baselli potrebbe darci di più, tra l’altro non segna più. Verdi ha dato segnali di miglioramento, ma se il resto della squadra non gira tutto diventa difficile.
    La vicenda estiva di Nkoulou penso abbia inciso, come quella di Petrachi, li la situazione è un po’ sfuggita di mano alla società, questo è una mia opinione da osservatore esterno e da lontano.
    Come un elemento evidentemente importante e silenzioso come Moretti pare pesi dopo il suo abbandono.
    Quando ho visto cosa è successo in curva primavera il 3 a 0 subito sul campo mi è passato in secondo piano, perché li si è perso tutti con uno scarto ancora maggiore. Le famiglie dovrebbero poter andare allo stadio tranquillamente, non scappare terrorizzati per non rimanere coinvolti.
    Qui è necessario dare una svegliata a chi è responsabile. C’è molto da lavorare su questo fronte.
    Leggo molte critiche alla società, io la vorrei invitare a fare una sola riflessione:
    Il nostro Toro se non sbaglio è la settima squadra in Italia per numero di tifosi, quindi molti e a Torino sono concentrati gran parte dei nostri tifosi, come mai sugli spalti ci sono tanti spazi vuoti? Perché i tifosi Toro così attaccati ai propri colori non riempiono lo stadio?
    Sono domande che dovrebbe porsi la società, in quanto non riesce a farsi amare abbastanza.
    Sogno uno stadio da almeno 40.000 posti pieno di tifosi granata per un vero Toro in campo.
    Spero il Toro riprenda a giocare e vincere. FORZA TORO!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Maver - 10 mesi fa

    Leggendo i commenti ho individuato un mazzariano che come “direi bene” è incantato dallo spumeggiante spettacolo che “cuore di leone” AGONIA offre settimanalmente; cosa aggiungere.. che tristezza!! AGONIA SOMARO VATTENE

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Stufodellamediocrita' - 10 mesi fa

    Cioe’ Rampanti critica chiunque fuorché Ansaldi e Sirigu e nemmeno UNA parola UNA su Mazzarri?
    C’è qualcosa che non torna…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Granat....iere di Sardegna - 10 mesi fa

    Ma come? Gli stessi giocatori dell anno scorso ora sono diventati timidoni e non tirano in porta? Udite udite facciamo possesso palla sterile, naturalmente anche questo è colpa dei giocatori. Come se entrassero in campo e in panchina ci fossero solo l acqua, il massaggiatore e il medico. Mi raccomando continuiamo a non tirare in ballo il mister, lui poverino non ne ha colpa. D altronde si sa: se gli stessi giocatori dell anno passato hanno fatto quel girone di ritorno era merito suo, ora si sono rincitrulliti e lui cosa c entra? Approposito di Belotti: c è chi ha giocato senza di lui per quasi un mese con tale sadiq a sostituirlo ed è stato linciato, il nostro buon Mazzarri ha dovuto farne a meno per tre quarti di (una) gara, poverino, bisogna capirlo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Pesce - 10 mesi fa

    Ovviamente io spero si vinca a Genova, ma non nego la preoccupazione che in caso di sconfitta (e quindi trascinati in piena zona retrocessione) Cairo continui comunque a confermare Mazzarri. Ho questo timore, non riesco a vedere quale può essere il punto di non ritorno che spinga Cairo ad esonerarlo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Athletic - 10 mesi fa

      Se è per quello c’è chi gli hanno venduto Cerci e Immobile e gli hanno preso Amauri, c’è chi giocava con Rossettini centrale e Carlao riserva..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. MondinoFabbri - 10 mesi fa

    Tifosi del Torino pronti a una class action contro la società

    Appurata la presenza di ultras dell’Inter, tra cui alcuni soggetti a rischio, in curva Primavera il Torino doveva garantire la sicurezza dei tifosi

    La società avrebbe venduto biglietti agli ultras dell’Inter nel settore riservato ai sostenitori granata. Gli abbonati di quel settore, la curva Primavera, famiglie e bambini compresi, sono pronti a far valere il loro diritto ad essere in sicurezza.

    L’avvocato Pierluigi Marengo, ex presidente del Torino ha detto

    «Insieme ad altri colleghi avvocati granata, che mi hanno contattato dandomi la disponibilità a lavorare sulla questione, sto studiando le normative relative alla gestione dello stadio e relativa sicurezza, per verificare la possibilità sia di avviare una class action a favore degli abbonati, sia di presentare un esposto alla Procura sui fatti accaduti sabato, qualora i medesimi configurino ipotesi di reato».

    L’errore contestato alla società è in definitiva non solo quello di aver lasciato libera la vendita dei tagliandi della curva Primavera per circa una settimana, facendo in modo che circa 400 ultras interisti potessero acquistarli, ma soprattutto di non aver previsto, essendo venuti a conoscenza della presenza dei supporters nerazzurri nel settore, un’adeguato servizio d’ordine e divisione degli spazi che evitassero scontri e garantissero la sicurezza dei tifosi presenti

    Di qui le accuse di tanti tifosi: accuse di irresponsabilità a chi doveva evitare che violenti, ultrà e picchiatori potessero venire a contatto. Tanto più una volta che i biglietti erano finiti in mano anche a “soggetti a rischio”.

    L’adeguata attività di prevenzione è stata forse dimenticata in qualche cassetto? Non ci è scappato il morto: è andata bene.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Pesce - 10 mesi fa

    Io non capisco cosa intende quando dice: “chi va in Nazionale, invece di portare valori ed entusiasmo, offre prestazioni negative”. Tenendo conto che in nazionale sono andati in 3 e Belotti si è infortunato dopo 10 min., Sirigu è stato il migliore dei nostri, l’unico a cui può riferirsi è Izzo.
    Ma non penso proprio che la prestazione di Un giocatore possa spiegare un crollo come quello con l’inter

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. TOROPERDUTO - 10 mesi fa

      Nazionali sono anche Aina, Rincon, lukic, lyanco, laxalt

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Marchese del Grillo - 10 mesi fa

      Izzo è quasi la controfigura del giocatore dell’anno scorso, e la cazziata plateale fattagli da Sirigu è un segno evidente dei suoi cali di concentrazione. Se continua così si gioca anche il posto di Nazionale dove a breve tornerà anche il prediletto di Uolter.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. MondinoFabbri - 10 mesi fa

        Se ha scelto il mafioso Raiola come procuratore dovrebbe esseri chiaro che intenzioni ha.

        Uno dei tanti mercenari passati da qui.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. ddavide69 - 10 mesi fa

          Mi sa..

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Marchese del Grillo - 10 mesi fa

    Io avevo segnalato su questo sito la presenza della lettera inviata a Toro.it da Barbara Valle, ed ovviamente il mio post è stato rimosso. Che ne vogliamo sperare!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. policano1967 - 10 mesi fa

    Il giudizio di rampanti lo condivido.specialmente sul centrocampo.io aggiungo ke ttora sono ex giocatori.troppo scarsi davvero.e un centrocampo apatico.senza nerbo senza nulla tantomeno le palle.salvo rincon ke almeno lotta.gli altri tre nn saprei se metterli nell umido nell organico o nella plastica.grande colpa ce l ha il santone in panchina perke un allenatore competente il problema se lo sarebbe fatto risolvere dal mercato.ha voluto fa l eroe?e mo so anke problemi suoi se siamo li a lotta per nn retrocedere con la gente ke lo odia alla pari di urbano principale artefice della caporetto granata.con tt il bene ke voglio alla maglia granata spero ke il genoa ci asfalti perke cosi nn se ne puo piu.il banco deue salta ora ke ce tempo e magari ci salviamo.si deue rifonda quasi tt e spero nn con cairo presidente.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. TOROPERDUTO - 10 mesi fa

    Scusate però non facciamoci dipingere più deficienti di quello che siamo, passi che come concezione di calcio e anche come uomo possa non piacere, ma non riduciamo tutto a mazzarri, che nel toro non ci siano giocatori che portano avanti la palla, capaci di fare la differenza e di tirare da fuori soprattutto centrocampisti sono almeno 20 anni, gli ultimi un po’ buoni a fare questo che io mi ricordi erano dzemaili e cerci, il primo peraltro non l ha fatto neanche troppo nel toro.
    Questo perché non abbiamo nessuno che sappia costruire realmente una rosa degna di questo nome.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. dattero - 10 mesi fa

    Rampanti cerchiobottista. Termine che non esiste, ma usato tanti anni fa da giornalisti politici

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Bischero - 10 mesi fa

    È molto grave quello che sta succedendo. Dimostra molte cose a mio avviso di quello che é il toro di Cairo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. MondinoFabbri - 10 mesi fa

    Una vocina mi ha appena sussurato che è già pronta la lista di quelli che hanno chiesto al cialtrone milanista di essere ceduti a titolo definitivo e che il cialtrone milanista stesso abbia preteso, in cambio e salvo complicazioni, che questi giocatori sotterrino l’ascia di guerra e rimangano “devoti” all’altro cialtrone in panchina sino a fine campionato, garantendo ovviamente la permanenza in serie A.

    A fine campionato, a salvezza raggiunta, verrà anche definita la posizione del cialtrone livornese, al momento in un “limbo dorato”.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. eurotoro - 10 mesi fa

      …che tristezza!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. granata68 - 10 mesi fa

      Continuiamo a buttare benzina sul fuoco …Nome e cognome della vocina che ti ha sussurrato ciò altrimenti tienilo per te !!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. MondinoFabbri - 10 mesi fa

        Si dice il peccato ma non il peccatore, caro granata68.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. granata68 - 10 mesi fa

          Bene allora attenderò con impazienza la fine del campionato per vedere quanta verità c’è nella tua notizia ovviamente senza scordarmi il tuo nick in modo tale che possa poi risponderti a dovere caro MondinoFabbri

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. MondinoFabbri - 10 mesi fa

            Altro non puoi fare.

            Dopodichè cambia pure tono e minaccia qualcun altro.

            Mi piace Non mi piace
  15. Ardi - 10 mesi fa

    Io penso che lo scazzo la deconcentrazione e la paura siano figli del gioco e dell’atteggiamento di mazzarri, oltre che dai loro limiti. Se ci aggiungiamo che è lampante che la società non esiste e non ha un progetto di crescita la frittata è fatta

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. LeoJunior - 10 mesi fa

    Io credo sia arrivata l’ora di dire che il calcio è un mondo autoreferenziale. Io inizierei a smontare le teorie e le analisi di molti che parlano e scrivono. Credo che nella vita abbiano visto solo palloni e non riescano ad analizzare i problemi se non con l’unico schema che hanno in testa. Ma possibile che ad un allenatore o pseudo tale, nell’analizzare il fatto che i giocatori non si prendono mezza responsabilità, non faccia lo sforzo di capire il perchè? Secondo lui dopo due anni che nessuno tira in porta la conclusione è che tutti i ns centrocampisti sono pigri? non sanno tirare? Ma ha mai visto una mezza partita del toro? Lo capisce anche mio figlio di 6 anni che questi non tirano perchè gli è stato detto di non tirare. Perchè? Ma semplice: se il tiro caso mai fosse respinto, vuoi vedere che becchiamo un contropiede?
    Se poi questi sono i tecnici che dovrebbero suggerire come risolvere i problemi, campa cavallo!
    Scommettiamo che se vendiamo in blocco tutti i ns centrocampisti e li facciamo giocare (pagando per la prova!!!) nell’Atalanta, Lazio, Lecce improvvisamente li scopriamo tiratori? Serino, no? Non le è venuto questo dubbio?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ALESSANDRO 69 - 10 mesi fa

      Ma come fai a pensare che quello gli dice di non tirare per la paura di beccare un contropiede??? Ma ti rendi conto??? Ha ragione Rampanti, non hanno personalità, a parte Ansaldi, Belotti e non so chi altri. Se avessero personalità e si sentissero così ingabbiati dagli schemi di Mazzarri non pensi che avrebbero già ammutinato il tecnico, sarebbero andati dal Presidente e lo avrebbero messo nelle condizioni di cacciarlo???? Ma quando allenava il Napoli ti pare che Cavani Lavezzi e Hamnsik si sentissero così ingabbiati???? Vabbè che Mazzarri ormai è diventato il capro espiatorio di tutti i nostri guai ma almeno critichiamolo sulle cose concrete e verosimili, non sparando eresie sul web..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Héctor Belascoarán - 10 mesi fa

        Mazzarri capro espiatorio? Ma questa squadra, questa rosa, l’ha voluta lui o no? Sono due anni che vi facciamo notare quanto giochiamo male… è normale che giocando così male, prima o poi, i risultati sarebbero stati negativi.
        Aggiungo: qualsiasi allenatore oggi disposto a giocare col tridente otterrebbe tanto di più da questa rosa. Ripeto: QUALSIASI allenatore.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. ALESSANDRO 69 - 10 mesi fa

          Attendo la prova del nove..Questa squadra è la stessa che l’anno scorso ha fatto 63punti pur giocando male. È stato un caso?? Può essere che in realtà abbia reso oltre il proprio potenziale anche grazie a qualche episodio fortunato; tuttavia mi rifiuto di pensare che adesso siamo diventati improvvisamente una squadra da lotta per la salvezza..Mazzarri non era un genio ieri ma nemmeno un coglione oggi. Poi sei sicuro che la squadra l’abbia davvero voluta lui così come è?? Perché io nutro grossi dubbi anche su questo…

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Marchese del Grillo - 10 mesi fa

            Lo abbiamo scritto e letto tante volte. Si sono verificate numerose coincidenze. Senza che ci si ripeta per l’ennesima volta e in estrema sintesi, è stato un caso.

            Mi piace Non mi piace
      2. ddavide69 - 10 mesi fa

        Infatti hanno ammutinato il tecnico. Esaltando consapevolmente il suo gioco. E al di la di quelli a cui sta sul culo perdere o ai pochi professionisti veri, gli altri fanno esattamente quello che si dice loro di fare ma lo fanno talmente bene da sembrare fermi, anzi, stanno proprio fermi

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Bischero - 10 mesi fa

      Quindi lui va in conferenza stampa chiedendo indirettamente ai sui di tirare quando afferma ai giornalisti che devono avere coraggio… E poi in settimana non li fa tirare e gli dice che non devono farlo per non beccare contropiede? Va bene tutto… Ma questa é grossa.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. Maver - 10 mesi fa

    Buongiorno Mister, la vedevo giocare da bambino ed era uno dei miei preferiti però leggere i suoi commenti senza MAI, dico MAI coinvolgere nella critica quello in panchina (non riesco nemmeno più a scrivere il suo nome) mi sta facendo dubitare della sua obiettività.. Buona giornata e AGONIA VATTENE

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. alexku65 - 10 mesi fa

    Anche stavolta posso stare sereno . Serino ha fatto la sua solita parte .

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. leggendagranata - 10 mesi fa

    Finalmente! Rampanti sputa il rospo, anche se capisco che come persona dell’ ambiente calcistico abbia cercato di essere finora -come dice lui – “indulgente” per non attirarsi troppe antipatie. Le considerazioni che fa sul centrocampo sono quelle che molti di noi facciamo da tempo. Noi che siamo stati zittiti da altri tifosi perchè rimpiangevamo un giocatore come Ljajic (e ribadisco “come” Ljajic) e cioè un centrocampista di personalità, che rischia la giocata difficile, che sa lanciare a rete le punte e che si prende la responsabilità di tirare in porta anche dalla distanza. Che abbiamo stigmatizzato lo snaturamento di Iago Falque, che Mazzarri ha cercato inutilmente (e dannosamente) di riciclare da trequartista (visto che quelli che c’ erano li aveva fatti fuori), l’ arretramento a mediano di contenimento di Baselli, l’ unico che aveva qualche dote di regista e di capacità di tiro dal limite, il pessimo utilizzo di un Verdi che è sempre e solo stato un attaccante (di fascia, seconda punta, che dir si voglia). E aggiugno (prima o poi anche Rampanti ci darà ragione) che abbiamo criticato la formula a una sola punta, con l’ isolamento di Belotti (ma è capitato con l’ Inter anche a Zaza, e molti commentatori l’ hanno sottolineato) in mezzo a un nugolo di maglie avversarie (quando no va a cercarsi la palla in gitro per il casmpo visto che non gli arrivano rifornimenti). Mazzarri finora è stato refrattario a qualsiasi critica da questo punto di vista e mi permetto di far notare a Rampanti (che non pare apprezzare molto Zaza e per certi versi lo capisco) che a inizio stagione la coppia Belotti/Zaza ha fatto vedere cose buone, poi dopo la buone prestazione di entrambi nella vittoriosa partita col Milan è stata criticata da Mazzarri per un “eccesso di dialogo” (accusa ridicola) e così il giocattolo si è rotto. Spero che il nostro “timoniere” ci ripensi, che abbia più coraggio, magari passando alla difesa a 4 con 4 centrocampisti e due vere punte, ma la colpa di non avere chiesto i necessari rinforzi a centrocampo rimane e non può non pesare sul suo futuro come allenatore del Toro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. Scott - 10 mesi fa

    Un signore tirava le punizioni lasciando impietrito il buffone scommettitore. Chi non lo ha fatto giocare? Chi ritiene che in un centrocampo a 3 possano bastare 4 onesti pedatori che…rido…non hanno le capacità di prendersi alcun rischio? Chi ha fatto spendere a cairo (che a Sinisa diede Sadiq…vi ricordate “con Sadiq siamo a posto per l’Europa) 25 mln per l’ennesima ala, del tutto simile a Berengeuer, Iago e Millico che avendo questi 3 avanti non giocherà mai? Ma abbiamo visto in 3 anni in cosa consiste uno schema offensivo che non sia la pallata al centro per Zaza o Belotti (uno solo alla volta, per carità, salvo necessità di recuperare il risultato)? Io, che ragiono per approssimazioni successive, inizierei a potare il primo ramo secco, quello che ha determinato scelte tecniche scellerate, avendo un budget a disposizione che in 15 anni non si è mai visto da queste parti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. MondinoFabbri - 10 mesi fa

      Ciao Scott, dovresti saperlo che il ramo secco che attualmente si fa chiamare allenatore, ha due milioni netti di buone ragioni per assecondare a 360 gradi il suo datore di lavoro e per fare quello che lui gli dice di fare, pena il licenziamento. E lui non è certo uno stupido, da questo punto di vista, perchè sa perfettamente che è sul filo del rasoio e afine stagione, con questo andazzo, non verrà confermato.

      E se il ciarlatano milanista continua a sostenere che Mazzarri non è in discussione, dopo che gli ha competamente sfasciato i giocatori nei ruoli e nel gioco, allora è tutto detto e scritto

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Scott - 10 mesi fa

        Ciao, certo la penso come te. L’insensata protezione di uno chef stellato che cucina solo brodini fa pensare che walter è il dopo ventura, l’incarnazione migliore, per il padrone, dell’aziendalismo che è l’unica cosa che, evidentemente interessa a cairo. D’altra parte, Sinisa fu epurato per aver perso un derby con mezza squadra fuori e i soliti errorini arbitrali. Dopo l’orrore di sabato, ultimo di una serie, cosa altro dovrebbe fare walter per non farsi esonerare? Nulla, mediocrità, fin tanto che funziona il trucco di scaricare, una volta a tizio una volta a caio, la colpa di non aver rispettato le posizioni, gli schemi appresi in allenamento (a porte chiuse) e non messi in pratica. C’e’ però anche di vero che cairo non avrebbe venduto Ljajic, che non gli fa piacere rendersi conto che 25 verdoni potevano esere spesi meglio, anche per la sua pace. Dispiace, infine e purtroppo, ancora leggere da chi di Toro sa e lo ama, che il centrocampo non prende rischi. Omettendo che uno straccio di gioco non lo vedi neanche a cercarlo alla maniera di Diogene il Cinico. Son sicuro che Pasquale Bruno queste cose le pensa come noi.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. Toro!Toro!Toro! - 10 mesi fa

    Cambio di allenatore e tre centrocampisti a Gennaio.
    Allenatore Gattuso. Tre cecetrocampisti argentini o croati: due “bastardi dentro” sempre con il coltello tra i denti e uno con i piedi buoni!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. prawn - 10 mesi fa

    Cmq caro rampanti nel 352 di Mazzarri si gioca sulle fasce.
    Per quello che Ansaldi rende bene ed è per questo che è evidenziata la pochezza degli altri (lollocotto, ainabimbo, laxalt che corre e basta).
    Il centrocampo non è di sfondamento ma di contenimento, non per niente ha riciclato basellino gracilino a fare copertura. Rincon è quello che imposta di più perché ha più personalità (è meno corrotto dall’allenatore), meite o lukic sono due meteore del calcio italiano, non li considero, dovrebbero giocare i nostri primavera.
    La difesa dell’anno scorso funzionava perché 3+3=6 a difendere sempre, che si attacchi o meno.
    Purtroppo manca moretti, si sapeva chiaro come il sole che nessuno dei vari acquisiti (manco se veniva verissimo) era degno di quel ruolo. Ma chiedere al povero moretti di tirare la caretta un altro anno è una bestemmia ed è un insulto anche al giocatore, che ha meritato di finire a testa alta la carriera non come un molinaro qualsiasi.
    Nkolou è da quest’estate che si sa che è un problema, izzo si è già montato la testa..
    Aggiungi che iago non fa parte del gruppo prima per colpa di Mazzarri e poi per i vari infortuni e la frittata è fatta.
    I colpevoli sono solo il DS o la mancanza di tale figura. Il presidente che ha comparato male e tardi e non ha venduto. E l’allenatore che insiste nel suo credo e nei suoi pianti da coccodrillo.

    Se ne devono andare tutti, ma non diamo la colpa ai giocatori, loro sono stati comprati, mica hanno chiesto di venire sono stati venduti o scambiati al mercato della carne e del pesce.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. prawn - 10 mesi fa

    Mai una critica all’allenatore, vergogna!
    Chi sceglie chi va in campo?
    Chi dovrebbe far cambiare l’atteggiamento a centrocampo?
    Anche se tirassero, li ho visti i tiri di meite e baselli…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  24. myriam.patty_10554218 - 10 mesi fa

    Buongiorno Serino se ne accorto solo ora che il centrocampo non è funzionale e il sig Zaza non è da Toro lei che ha difeso il sig Mazzarri.
    La coerenza e un pregio e mi sembra che lei quando si vince osanna il sig Mazzari e quando le cose vanno male si scende dal carro.Mi spiace doverlo dire essendo lei uno dei nostri ,ma la verità e che mi fa male vedere il Toro in queste condizioni senza una guida xche Mazzarri non a capito niente chi siamo, a quanto mi manca il Mondo uomo vero e leale.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  25. Granata71 - 10 mesi fa

    Leggo sempre con interesse la Sua analisi post partita.
    Questa volta mi sarei aspettato qualcosa di diverso: un’analisi più ampia, sia relativa alla squadra, che all’allenatore e alla società.
    Il Toro ha una storia a sé nel panorama calcistico italiano.
    Tutti noi tifosi parliamo con orgoglio del Grande Torino, ci emozioniamo a rivedere i gol di Pulici e Graziani, chi è “vecchio” come me ricorda ancora le figurine della Panini, con Maccarelli, Cravero, Leo Junior, Hernandez, ecc.
    Nelle foto della prima squadra mi ricordo solo di Comi perché era il più alto.
    Ed è l’unico che ha un incarico in società.
    Perché non ci sono altri, quelli che sono stati in passato una bandiera granata: un certo Sig. Pulici, un Sig. Cravero, un Sig. Zaccarelli, solo per citarne alcuni.
    In questa fase della storia del Toro, nessuno sembra volere affrontare la realtà delle cose: tutti ci girano intorno (basta risentire le domande fatte al ns pseudo allenatore nel dopo partita di Torino Inter).
    Secondo me ci sono 2 strade: continuare a vivere di ricordi (che non torneranno più) oppure tutti noi tifosi tirare fuori gli attributi e dire basta a questa enorme presa per il c….o.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  26. Mimmo75 - 10 mesi fa

    Di solito concordo con Rampanti, non stavolta. Occasioni ne abbiamo avute e di fronte avevamo contro l’unica seria antagonista dei gobbi. Abbiam perso per cappelle individuali. Meite la giocata la tenta pure troppo, anche quando non dovrebbe e spesso la sbaglia o è fine a se stessa, ppche volte decisiva in positivo. Anche Lukic è intraprendente ma e spesso avanza palla al piede tra saltando ko provandoci) gli avversari. Fosforo e palle son sempre benvenuti ma contro l’Inter non è stata la.loro mancanza il problema. Abbiamo regalato due gol e non abbiamo finalizzato le occasioni avute. Contro certe squadre la.paghi cara. Il Toro c’è ma manca di concentrazione e impegno in alcuni singoli. Sta a Mazzarri risolvere o a fine stagione addio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. TOROPERDUTO - 10 mesi fa

      Mimmo guarda che le cappelle sui gol non sono attenuanti ma aggravanti, tu dici abbiamo perso contro l Inter facendo cappelle, ecco siccome quest’anno ne facciamo in serie così perdi con tutti, quindi come fanno le cappelle a renderti fiducioso lo sai solo tu.
      Non vorrei deluderti ma l’Inter contro di noi ha fatto meno di un allenamento

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Mimmo75 - 10 mesi fa

        Insomma…di certo un allenatore deve saper incidere sui difetti o le mancanze individuali. Però c’è un limite oltre il quale nemmeno Guardiola può andare. Se Verdi spara i calci piazzati alle stelle che può farci un allenatore? Mi risponderai: non lo schiera finché non migliora. Giusto, se il problema è un solo giocatore. Ma se Izzo e N’Koulou dormono, Meite si guarda allo specchio, Verdi non riesce a ritrovarsi, Aina va a corrente alternata, Iago e Lyanco sembrano vittime di una macumba… Capisci da te che parliamo di troppi giocatori per poter incidere seriamente come allenatore. E le alternative scarseggiano, ammesso che Mazzarri voglia pensare di ribaltare le gerarchie e che Cairo gli consenta di tener fuori a lungo potenziali ricchissime plusvalenze che hanno già la testa altrove da un pezzo. Qui o Mazzarri fa un miracolo (e non sarebbe la prima volta) o a fine stagione si rifonda tutto, compreso il mister che alla fine sul mercato ha comunque inciso.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. TOROPERDUTO - 10 mesi fa

          Sottoscrivo tutto per cui capisci che non c’è tanto spazio x l’ottimismo, la situazione è tragica i giocatori sono scarsi poche palle

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Bischero - 10 mesi fa

            Toro perduto Secondo me la situazione non é tragica e non é vero che siamo pieni di brocchi. Piùttosto direi che la situazione é complicata e che alcuni per svariate ragioni stanno dando meno di quello che possono. Poi ci sono varie situazioni particolari che che compromettono determinate scelte.

            Mi piace Non mi piace
        2. MondinoFabbri - 10 mesi fa

          Ah, le alternative scarseggiano?

          Ma guarda un po’!

          I brocchi inguardabili continuano a giocare perchè “non ci sono alternative”. Caspita!!!!

          E’ evidente che tutte le altre squadre che attingono ai prodotti del loro vivaio e, puntualmente, quando li fanno esordire nella massima serie comprendono che in campo danno tutto e dunque, il più delle volte, vengono confermati con continuità e viene data loro fiducia, crescita e maturazione.

          La solita disamina “perfetta”, alla MimmoMazzari75.

          Peggio di così non si può andare, tuttavia giocano sempre gli stessi falliti perchè “non ci sono alternative”.

          Millico, per esempio, non può essere impiegato al posto del brocco Zaza, mentre Edera non può essere l’alternativa a Iago, mentre Parigini non può fare l’esterno, cotruire gioco e proporre cross per il Gallo.

          Oltrechè chiaramente parziale e di parte, sempre ammesso e non concesso che tu sia parte integrante della società allo sfacelo che vorresti ben rappresentare e difendere, riesci anche a disprezzare, come hai fatto più volte, i giovani del vivaio.

          E adesso attendo che tu dica pubblicamente che i vari Edera, Parigini, Millico, ecc sono dei brocchi da serie C, e che Mazzarri fa bene a non impiegarli perchè non sono all’altezza, così almeno chi ti legge e legge le tue “disamine mazzarriane” può farsi un idea del tipo di “tifoso” che sei e che rappresenti.

          Avanti, stupiscici con le tue analisi e staitistiche del girone di ritorno dello scorso campionato.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Mimmo75 - 10 mesi fa

            Se vuoi controbattere stai a quel che ho scritto e non attribuirmi frasi che non ho scritto e pensieri che non mi appartengono. Che io disprezzi i giovani de vivaio è una tua invenzione come lo è il definire brocchi da serie C Edera, Millico e Parigini. Io ho solo detto che le alternative a certi giocatori non sono all’altezza di sostituirli rendendo meglio di loro.

            Mi piace Non mi piace
          2. MondinoFabbri - 10 mesi fa

            Ovvio, sono tutte mie invenzioni, naturalmente: in perfetto stile mazzariano, come ti si addice.

            Non c’è problema, tanto prima o poi ci ricaschi e allora ti “rinfreschero” la memoria.

            Comunque ti ringrazio per aver scritto “che le alternative a certi giocatori non sono all’altezza di sostituirli, rendendo meglio di loro”: vista la “resa continuativa” di cessi come Zaza, Bremer, Aina, Meitè e Djidji e avendo detto che non possono essere sostituiti perchè non renderebbero meglio di loro è come se tu avessi equiparato i nostri giovani a dei brocchi senza speranza a livelli ben peggiore dei suddetti cessi.

            Anche se usi giri di parole e scaltrezza per non citarli, la sostanza non cambia.

            Mi piace Non mi piace
        3. leggendagranata - 10 mesi fa

          Caro Mimmo75, evidentemente mi sono distratto: ma quali “miracoli” ha fatto Mazzarri da quando allena il Toro? E non tirare inn ballo il girone di ritorno dello scorso campionato, quando siamo stati iperfavoriti dalla crisi di squadre come Milan, Lazio, Fiorentina, Sampdoria, Sassuolo, Udinese, persino la Roma ha balbettato calcio. Eppure non ci siamo qualificati per l’ EL, anche perchè siamo riusciti a prendere 4 gol dal povero Empoli retrocesso in Serie B.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Mimmo75 - 10 mesi fa

            mi riferivo alla sua carriera

            Mi piace Non mi piace
    2. jimmy - 10 mesi fa

      Per i tifosi interisti è stata la partita più “tranquilla” della stagione, quella dove hanno “sofferto” di meno. Fai te.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. MondinoFabbri - 10 mesi fa

        Hai notato che Mimmo75 ragona nello stesso modo in cui ragiona Mazzarri e tende, come Mazzarri, a scaricare le proprie responsabilità sugli altri, sulla sorte avversa, sulle partite stregate, sulle condizioni meteo, sui tifosi agguerriti della parte avversa, sul tifo contrario “tipo Barcellona”, sul fatto che i giocatori sbaglaino le giocate o i tiri più elemantari (ma chi li allena in settimana, il magazzinierie ?) ?

        Tutto torna, a questo punto: è chiaramente uno stipendiato del milanista presiniente.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. prawn - 10 mesi fa

      A me pare che a caldo avessi un’opinione un po’ meno gentile sulla squadra, avrò letto un altro Mimmo mah

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. maxx72 - 10 mesi fa

        Ma possibile che Mimmo non possa esprimere un opinione senza beccarsi degli improperi? Ma lasciate spazio anche per chi non la pensa come voi…e che cavolo!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Luciano gem - 10 mesi fa

          Hai delle belle pretese!

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  27. Toro Forever - 10 mesi fa

    Rampanti dice bene. Nessun avversario è abbordabile per il Torino. Si era capito già dalla partita con il Lecce. Sono anni che il centrocampo manca di personalità e quindi di qualità. La realtà parla di una Società e una Squadra largamente sopravvalutate in tutte le sue componenti, nessuna esclusa. Siamo solo discreti e nulla più. Zero salto di qualità e altre Squadre, con meno, fanno meglio di noi. Mancano al Torino due cose fondamentali. La competenza e la volontà. Se mancano alla Proprietà, ed è il caso di Cairo, i risultati sono questi. “Direi male”.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  28. avvopal_14171626 - 10 mesi fa

    Se Lyanco fosse disponibile in tempi brevi, mi libererei di Nkoulou: non può essere un caso che il miglior reparto della squadra stia naufragando miseramente se non per colpa della sua volontà di andarsene. Via anche Zaza, inutile, come anche Edera e Parigini (Barreca insegnerà qualcosa a chi crede che basta uscire dalla Primavera per giocare in Prima Squadra….).
    Devono però arrivare un centrale di centrocampo come si deve (sarà lento ma Borja Valero, per esempio, da solo vale più di tutti i nostri attuali 4 centrocampisti…) e una seconda punta vera….Tutto ciò comunque anche se vincessimo tutte le prossime 4 partite…i rinforzi servono per fare un ritorno dignitoso e nulla più….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. MondinoFabbri - 10 mesi fa

      …..invece Meitè, Bremer, Aina e Djidji, veri brocchi marci da campionato dilettanti e strapagati/riscattati, continuiamo a tenerli e a farli giocare.

      Eh si, colpa di Edera, Parigini, Millico, Buongiorno, Rauti, ecc.

      P.S.: Barreca la sua buona figura, per buona parte del campionato in cui ha giocato con continuità, l’ha fatta. E’ ovvio che, poi, vista la discontinutà dimostrata, la società ha fatto bene a cederlo, ma prima ha almeno avuto l’occasione di giocare con continuità, opportunità negata ai nostri giovani canterani.

      E poi, vista la situazione attuale disastrosa, perso per perso e con la fame che hanno, i nostri giovani non faranno certo peggio dei succitati brocchi ambulanti stranieri.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  29. myriam.patty_10554218 - 10 mesi fa

    Caro Serino tu che finora ai sempre difeso Mazzarri ora che ne pensi,ti accorgi adesso che il centrocampo non funziona a dovere ,che di Zaza e meglio non dire nulla , allora si coerente nell esprimere giudizi e non salire sul carro quando si vince e scendere quando si perde .scusami se mi sono preso questa libertà nell esprimere la mia opinione ma vedere così il toro mi fa male

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. MondinoFabbri - 10 mesi fa

      L’ultima frase, poi, rasenta il grottesco e il ridicolo, come se prima di sabato squadra e allenatore nonfossero un problema.

      Tuttavia, volutamente e colpevolmente, Cairo viene sempre tenuto fuori dalla mischia e da qualsiasi tipo di responsabilità.

      Chissa come mai?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  30. MondinoFabbri - 10 mesi fa

    Caro Serino, con rispetto parlando, ma una minima osservazione di critica feroce sulla ormai ingombrante e ingiustificata presenza del milanista Cairo alla presidenza della società e sulla totale assenza di un organigramma dirigenziale plausibile ed efficiente per i Colori e la Storia del Toro, a partire dalla sostituzione del DG Comi, di Barile e del DS Bava nessuna, vero?

    Per non parlare dell’imbarazzante presenza e nullità di un allenatore ormai confuso, bollito e inutile, pauroso sino all’inverosimile (in campo e fuori) in evidente rottura con lo spogliatoio (era tempo che non vedevo, sabato, i giocatori mandarsi a stendere in campo l’uno con l’altro), snaturatore di professione dei ruoli e della posizione dei vari giocatori( manca ancora che metta Belotti in porta e Sirigu come centravanti e abbiamo visto tutto!!!)

    Lanciare la pietra e nascondere la mano, caro Serino, non Ti servirà a nulla, tantomeno ad acquietare e convincere la Nostra Tifoseria: questa società, con i suoi quadri dirigenti amorfi, a partire dal milanista Cairo, è ormai morta e sepolta.

    Cordiali saluti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  31. D66 - 10 mesi fa

    Si deve passare al 442.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  32. user-13980037 - 10 mesi fa

    Mazzarri finisci l’anno (così non piangi ) poi VATTENE!!!!!!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  33. Bischero - 10 mesi fa

    La penso come rampanti. Aggiungo una cosa. Chi porterà 1 o 2 correttivi a gennaio a questa squadra? Chi é in grado? Cairo? Fra un palinsesto su la7 una riunione in rcs un consiglio di amministrazione di Cairo communication e il ritiro di qualche riconoscimento in giro per l Italia farà ancora il Ds Nell ombra del Torino? Perché cé da aggiustare il gruppo. Cedere qualcuno, parlare di rinnovi e reperire sul mercato almeno una mezzala. L 80%delle operazioni estive/settembrine sono ancora frutto del lavoro di petrachi di 7/8 mesi prima.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone - 10 mesi fa

      A breve arriveranno le solite frasi trite e ritrite:
      “a gennaio non si trova nessuno”
      “chi ha giocatori buoni se li trova”
      “ci muoveremo solo se potranno aggiungere qualcosa alla rosa”

      etc. etc. etc.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Bischero - 10 mesi fa

        Cosa si dirà lo immagino e sono quelli che hai elencato. Ma vanno fatti molti ragionamenti a tal proposito. Ma manca chi questi ragionamenti li deve portare avanti per un progetto che vada oltre i prossimi 5 mesi. Perché ora si progetta luglio e la prossima stagione. A settembre inoltrato si valutano i correttivi di gennaio. Già li siamo indietro per il motivo di cui parlavo prima.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Simone - 10 mesi fa

        “chi ha giocatori buoni se li *tiene”

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. MondinoFabbri - 10 mesi fa

          ….anche chi ha dei brocchi conclamati se li tiene perchè nessuno li vuole, come nel nostro caso, caro Simone.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
      3. Paul67 - 10 mesi fa

        È che si sa già anche quello che verrà fatto, niente.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. suoladicane - 10 mesi fa

      occorre licenziare il mister adesso, e trovare adesso il suo sostituto, perchè non rinnovarlo a giugno è un errore, l’eventuale nuovo mister non potrà valutare la rosa nè indicare i correttivi.
      Se poi invece Cairo intende rinnovare Mazzarri, beh io non faccio l’abbonamento da Amauri per Cerci, credo che continuerò così.
      MAZZARRI VATTENE

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  34. Pepo - 10 mesi fa

    l’idea che mi sono fatto,
    ed è una mia idea, che come tale può anche essere errata,
    è che Mazzarri sia uno di quegli allenatori convinti di essere il vero motore della squadra e i principali artefici dei risultati, che premia i giocatori disciplinati tatticamente (tipo Bremer) e punisce quelli più “indipendenti” (Bonifazi).
    Il risultato è una squadra senza nerbo e senza cuore (oltre che senza palle), dove ognuno fa il suo compitino, ma nulla di più, e nessuno si assume rischi.

    Ricordatevi che Cairo adorava Ventura. E’ sotto gli occhi di tutti, al di là dei risultati (che arrivano, eccome!) come giocava la Nazionale con Ventura e come gioca con Mancini.

    Alla fine, nel calcio con tanti disciplinati Yes-men, i risultati non si fanno…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  35. user-13980037 - 10 mesi fa

    Finire campionato con piangina sperando la salvezza poi a tutti i costi Gasperini

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  36. Paul67 - 10 mesi fa

    Serino sei troppo buono, ti capisco , per vari motivi, ma le magagne hanno vecchia data, e se nn sono state affrontate è perché qualcuno nn ha voluto, ” questa squadra e’difficile da migliorare” disse il Cavo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  37. wally - 10 mesi fa

    credo che anche un cieco ormai abbia capito chea centrocampo manca un uomo d’ordine..Se pensiamo che l’ultimo è stato Vives è tutto detto..
    Abbiamo provato con Valdifiori ma è andata male.
    Ma la cosa grave è che sonogli allenatori che non se ne sono accorti.
    Perchè non è Cairo che fa le tattiche e le formazioni ma chi è preposto a dare gioco.
    Allenatori che hanno voluto Niang, Zaza, Soriano, Verdi etc. e che sono costati fior di milioni…
    e un centrocampista che sappia sviluppare il gioco?…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  38. Simone - 10 mesi fa

    Ma per il Black Friday non si trova nessuno in offerta?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Alex71 - 10 mesi fa

      Magari anche un DS….che ne so…Corvino per esempio?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. MondinoFabbri - 10 mesi fa

      Su Amazon ci sono Amauri e Larrondo in offerta!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. MarchigianoGranata - 10 mesi fa

        L’orrendo Larrondo no ti prego!!!!!
        Il pensiero che abbiamo avuto gente come il duo BARRONDO ( Barreto e Larrondo) mi fa ancora venire i brividi…..

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. MondinoFabbri - 10 mesi fa

          …ahahahahahahah…!!!

          In compenso, oggi, abbiamo acquistato e messo in squadra dei “degni” sostituti, caro Marchigiano.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        2. Toro Forever - 10 mesi fa

          La “crasi” porta anche a Barrendo. Quello era il “verso” che emettevano i tifosi del Toro nel vederli giocare!!!

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  39. suoladicane - 10 mesi fa

    Rampanti ha detto le solite banalità che diciamo anche noi tifosi sul sito, scaricando tutto sui singoli e tralasciando completamente la guida tecnica; da un opinionista ci si aspetta che esprima opinioni, non che faccia la cronaca di quello che non va, preferirei che si esprimesse in maniera chiara sulla qualità del lavoro che viene fatto al torino fc in settimana, di cui la partita del we è solo il risultato, se pensa che il testadighisa prepari adeguatamente la squadra e gestisca in modo ottimale il gruppo, lo dica chiaramente
    MAZZARRI VATTENE

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  40. jimmy - 10 mesi fa

    Cairo in 15 anni non ha capito che dal centrocampo dipende gran parte del rendimento della squadra. Il migliore è Rincon ma è un mediano quindi di certo non può fare chissà che cosa in fase di possesso. È comunque quello con più personalità.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Alex71 - 10 mesi fa

      Quoto in pieno. Vedi il Cagliari. Lottava per salvarsi solo l’anno scorso. Rifatto il centrocampo con gente di spessore ed ora e’ li con le migliori.
      Dopo 15 anni nel mondo del calcio anche un inetto vedrebbe le lacune. Lui no? Impossibile. La Mazzarrianita’ non facilita’ il compito ma, se vedi che la squadra fa cag…. dovrebbe almeno sentirsi preso per il c… non tanto come proprietario tifoso che non lo e’ ma come proprietario che butta i soldi senza aver risultati.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Ardi - 10 mesi fa

      Jimmy non è che non lo ha capito, non è scemo, è che vuole che il Toro rimanga nel limbo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  41. Follefra Granata - 10 mesi fa

    La mancanza di intensità e personalità può incidere, ma il gioco asfittico dei nostri è evidentemente causa dei dettami tecnici. Sono tutti obbligati ad una fase difensiva di distruzione del gioco e quasi nessuno riesce a seguire l’azione offensiva (vedasi i cross nell’area deserta). Ci manca (e non da ieri) chi illumini il gioco. Abbiamo spostato Baselli mediano e messo tanti altri fuori ruolo. Non sarà la panacea di tutti i mali ma il cambiamento DEVE PARTIRE da un cambio in panchina. E sinceramente Rampanti ha raggiunto il limite non citando MAI le responsabilità della guida tecnica.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  42. eurotoro - 10 mesi fa

    Serino neanche tu ti sei accorto che sono 4 mediani rincon meite baselli e lukic non hanno gamba e dribbling da mezzali…essendo ottimi mediani 2 di loro piu in forma nel 343 unico modulo possibile…poiché il gioco si svilupperebbe sulle fasce senza la necessità del regista…il presuntuoso in panchina non si degna neanche di andare a rivedersi ansaldi rincon jago come giocavano nel genoa con gasperini col 343 …chiunque direbbe che rincon sembrava un regista e jago una saetta…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  43. Maurygranata - 10 mesi fa

    Paradossalmente abbiamo fatto molti più cross che in altre partite e Belotti era fuori…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  44. ddavide69 - 10 mesi fa

    A centrocampo mancano due cose, gli interpreti e la volontà di giocare proponendo gioco invece di contenere esclusivamente. Per quanto riguarda la difesa ad oltranza del mister, la trovo legittima ma ormai alquanto patetica

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  45. Daniele abbiamo perso l'anima - 10 mesi fa

    Dai Rampanti ! Finalmente anche tu ti sei accorto che non abbiamo centrocampisti di qualità… ma te ne accorgi adesso, che abbiamo talmente tanti problemi che la carenza a centrocampo sembra solo la punta di un iceberg.
    Sotto ci sono Cairo, Mazzarri, l’ambiente guastato, l’assenza di una dirigenza, gli infortuni….
    Sarà dura restare a galla..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  46. Simone - 10 mesi fa

    Abbiamo un solo centrocampista in grado di saltare l’uomo, Ansaldi (tra l’altro laterale).
    E non lo scopriamo oggi, sono anni che non ne abbiamo uno di livello superiore!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Maurygranata - 10 mesi fa

      In realtà c’era ma … e’ discorso vecchio… ciao e Forza Toro Sempre!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Simone - 10 mesi fa

        lo so che c’era, ora abbiamo mr 25mln che lo sostituisce

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  47. tric - 10 mesi fa

    Meité è IL problema, non la soluzione. Va solo sostituito! E’ un anno che lo sopportiamo, da quel maledetto gol di Udine.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone - 10 mesi fa

      A gennaio va ceduto insieme al suo parrucchiere

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  48. uiltucs.pesar_12159015 - 10 mesi fa

    Comincio a credere che la timidezza dei centrocampisti derivi da imposizioni mazzarriane! L’unico che provava qualche spunto era Meite ma è stato punito con panchine a ripetizione e adesso, x fare il compitino che l’allenatore gli chiede, ha svilito le sue qualità… l’ho sempre difeso ma comincio a credere che il problema sia proprio in panchina…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. eurotoro - 10 mesi fa

      …e’ talmente evidente!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  49. Alex71 - 10 mesi fa

    Piu’ che timidi a centrocampo credo, Sig Rampanti, che i nostri non sanno proprio cosa fare. Mi spiego: il modulo Mazzariano prevede densita’ e ripartenze veloci (e’ questo il 352). Ora il tutto supporrebbe fosse fatto per creare superiorita’ numerica e ampi spazi nei contropiedi e creare occasioni da goal. A memoria non ricordo, magari aiutatemi, in questi 15 mesi, una, e dico una, volta in cui siamo riusciti a impostare e finalizzare con successo una ripartenza. Quindi, se non abbiamo chiare le ideee di come attaccare uno spazio quando abbiamo praterie figuriamoci quando gli spazi non ci sono proprio. Esistono centrocampisti (quelli veri) che, a prescindere dai dettami tattici dell’allenatore, fiutano, cercano e trovano gli spazi da soli (il beneamato movimento senza palla). I nostri non hanno queste caratteristiche vuoi per timidezza (ma stiamo parlando di gente che e’ qualche anno che gioca a certi livelli), svogliatezza o mancanza di acume calcistico. Ed i risultati sono questi. La scusa della preparazione anticipata come dicono molti o dell’arrivo tardivo di alcuni giocatori per me non deve considerarsi. Per quanto sia ormai uno show business resta sempre il gioco del calcio: se non ti diverti quando lo pratichi allora subentra involuzione sotto tutti i punti di vista, mentale e fisico. Ed i nostri ne si divertono ne fanno divertire. Il tutto e’ palese. Prescindendo da ogni altra considerazione sulla Societa’ che e’ comunque oggetto di discussione su altri articoli.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy