Rampanti: “Zaza dovrebbe abbracciare Mazzarri, come ha fatto Ansaldi”

Rampanti: “Zaza dovrebbe abbracciare Mazzarri, come ha fatto Ansaldi”

Parola al Mister / Serino analizza così i temi in casa Toro dopo la vittoria contro la Fiorentina

di Gianluca Sartori, @gianluca_sarto

Il Torino torna a infilare due vittorie consecutive superando la Fiorentina tra le mura amiche: prossimo ostacolo sarà il Verona, in quella che si profila come una vera e propria prova del nove per i granata di Mazzarri. Torna il momento di approfondire l’attualità granata insieme a Serino Rampanti nel tradizionale appuntamento con “Parola al Mister”.

Serino, il Torino è in risalita. 

“Sì, ma non bisogna illudersi che i problemi siano spariti con un colpo di spugna; la squadra deve ritrovare serenità e continuità. Mai illudersi con questo Toro anche se ovviamente fa piacere che siano tornati i risultati. Questi, però, sono arrivati contro squadre inferiori o in difficoltà e anche questo va considerato. La nota positiva è che si sia vinto anche senza Belotti; forse la sua assenza ha dato un altro motivo agli altri giocatori per compattarsi. Ora, però, è bene che parlino poco e lavorino”. 

Zaza è stato rilanciato e lui ha risposto con un gol. 

“Con la gestione di Zaza, Mazzarri ha confermato ancora di essere un allenatore di valore. Fa piacere che sia andato bene, ma fossi nel papà di Zaza direi al mio figliolo di andare ad abbracciare Mazzarri al prossimo gol, come ha fatto Ansaldi. Il tecnico ha dimostrato di saper trovare la chiave giusta per ogni giocatore. Nessuno ha il posto per diritto divino ma se lo deve conquistare in allenamento e in campo la domenica. Non penso che Mazzarri abbia tenuto fuori Zaza a Genova per autolesionismo; si è semplicemente comportato da tecnico e un po’ anche da padre di famiglia. Poi è vero che Zaza ha reagito bene, ma sarebbe preoccupante il contrario. In generale da lui servono i fatti, servono continuità; il saldo tra il costo del suo cartellino e i gol fatti è ancora negativo”. 

C’è poi Ansaldi, che ha giocato una partita fenomenale. 

“Fortissimo, ma va centellinato, perchè è portato a cadere in infortuni quando gioca troppo o con voglia di strafare. Per il resto è un gran giocatore e una grande persona. La società deve sbrigarsi ad allungare il suo contratto perchè è uno di quelli che sono da esempio per i giovani, come lo era Moretti”. 

A proposito di Emiliano, forse il Torino ha finalmente trovato il suo degno erede. 

“Bremer sta facendo molto bene. Negli scorsi mesi aveva già fatto delle buone partite ma poi aveva avuto dei cali di concentrazione che lo hanno fatto scendere nelle gerarchie. Ora spero possa limitare questi cali; così fosse, il Torino avrebbe davvero trovato il modo di non rimpiangere più Moretti. L’altro giocatore su cui si è fatto affidamento, Lyanco, si è rivelato troppo fragile fisicamente; nel costruire le squadre servono giocatori che garantiscono trenta partite l’anno, lui purtroppo non ha mai avuto un’integrità fisica di questo tipo”. 

Parliamo dell’ambiente: il clima di tensione secondo te si allenterà, dopo quest’ultima vittoria?

“Fossi nella società, tirerei dritto per la mia strada; delle contestazioni si prende atto ma poi non bisogna farsi influenzare nelle decisioni. Guarda come ha fatto Lotito, che da quando ha preso la Lazio di momenti di contestazione ne ha dovuti affrontare. Ha ascoltato i tifosi ma poi le decisioni le ha prese lui e oggi i risultati gli danno ragione. La squadra, poi, deve riuscire in questi casi a pensare solo al campo. Penso a uno come Berenguer, che è troppo sensibile e si fa condizionare dai mugugni che sente dagli spalti. Infatti il meglio lo dà quando gioca in trasferta o quando entra dalla panchina, perchè sente troppo il peso della responsabilità. Secondo me resta un giocatore prezioso, una di quelle seconde linee che una squadra forte deve avere. Serve uno zoccolo duro di titolari e poi giocatori che lavorano in silenzio e quando serve rispondono presente. Berenguer può esserlo, avrebbero potuto avere questo ruolo anche Edera e Parigini, ma si sono persi, forse perchè mal consigliati”. 

Ora c’è la partita di Verona. Una vera prova del nove. 

“E’ così perchè a differenza di quanto successo nelle ultime partite il Torino affronterà una squadra che sta bene e che giocherà col coltello tra i denti per come ha perso in casa dell’Atalanta. Vedremo che succederà, io sono sempre dell’idea che il bilancio vero vada fatto alla fine del girone di andata. Per ora avere due punti in meno dell’anno scorso è un risultato sotto le attese ma da non buttare via visti tutti i problemi che ci sono stati e che non è il caso di rivangare. Tra questi, pesa l’assenza di Iago Falque: sappiamo quanto può essere importante, praticamente quest’anno non c’è ancora mai stato. Adesso comunque è vietato fermarsi, serve infilare un filotto di buoni risultati. Ah, fammi aggiungere una cosa: l’infortunio di De Silvestri alla fine non è grave, vero?”

Pare di no, è tornato ad allenarsi seppure in forma differenziata. 

“Come sono cambiati i tempi, una volta se uscivi per infortunio era meglio non apparire sul campo al martedì perché l’allenatore del momento ti rimandava dentro a curarti…”

62 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. ALESSANDRO 69 - 3 mesi fa

    Rispondo a TOROPERDUTO per mancanza di spazio: Non si tratta paragonare il rendimento di Zaza con quello di Belotti quanto piuttosto ragionare se Zaza era il tipo di giocatore che ci serviva. Io penso che ci sarebbe servito un trequartista avanzato che sapesse dettare l’ultimo passaggio,insomma uno con i piedi buoni. Mazzarri non è un integralista è semplicemente un tecnico che cura l’ aspetto degli equilibri fra i reparti e probabilmente ritiene Zaza un doppione di Belotti per cui facile capire chi preferisce. Verdi non è più forte in assoluto di Zaza, ha caratteristiche differenti e al netto del fatto che non sta rendendo come ci si aspetterebbe è sicuramente più utile di Zaza (ma solo per le caratteristiche eh..)E siccome giocatori con le sue caratteristiche non ne abbiamo ecco perché Mazzarri insiste su lui (tra l’altro non dispone neppure di Jago Falque come alternativa…).Semmai io da un Po’ di tempo rifletto sugli acquisti degli ultimi tre anni: Niang, Zaza, Verdi. Tutti pagati cifre enormi e tutti acquistati all Ultimo secondo di Mercato. Domanda: chi ha davvero voluto questi giocatori??? Gli allenatori?? Allora perché in tutti e 3 i casi non sono stati presi subito invece di aspettare l’ultimo minuto con tutte le complicazioni legate alla preparazione deficitaria?? Oppure si sono acquistati per fare un piacere extra calcistico a qualche potente di turno (Milan, Juve e Napoli…)??
    Questo secondo me è uno spunto di riflessione…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Héctor Belascoarán - 3 mesi fa

      Niang è stato un capriccio di Mihajlovic…
      Zaza un capriccio di Petrachi che, secondo me, si è messo in tasca qualcosa…
      Verdi voluto fortissimamente da Mazzarri come unico uomo necessario ai suoi “schemi”.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. ALESSANDRO 69 - 3 mesi fa

        Cioè: Cairo che risparmia anche sulla luce butta via tutti quei soldi per soddisfare dei capricci?? Poi perché tutti e tre all’ultimo minuto del calcio mercato?? A me sembra inverosimile.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. pinco pallino - 3 mesi fa

    Sul tema Zaza.personalmente mi importa ‘na sega di Simone, così come a lui gli importerà di noi.
    Lo vedo ancora con la maglia bianconera, ridendoci in faccia.
    Adesso, in granata, non so di chi sarà la colpa, ma a parte contro la Fiorentina, ha fatto solo smorfiette in campo. Si, il campionissimo Smorfietta Zaza, che quando poi fa un gol, ce ne fa a mitaglia
    Ha segnato, ed ha messo anche l’hashtag #blablabla. Che faccia da tolla.
    Mi ripeto per me dovrebbe andar via, lui nkoulou e tutti i marchettari.
    Chi prenderà il suo posto, sicuramente peggio non potrà fare.
    Io capisco chi invece stimi e rispetti il ragazzo.
    Io NO.
    Un’opinione, niente di ppiù
    BELOTTI, SIRIGU ANSALDI, IAGO, il resto se va, se viene o se rimane, fa na sega
    FVCG
    ps: per onestà, lui era venuto al TORO, per giocare in coppia con Belotti. Si rumoreggiava che così avrebbero formato la coppia azzurra ed invece…la squadra gioca meglio con Belotti solo li davanti…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. r.ponzon_13686323 - 3 mesi fa

      concordo con pinco pallino

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Alex71 - 3 mesi fa

    Meriti o demeriti di Mazzarri nella gestione del caso Zaza lasciano il tempo che trovano secondo me. Bisogna vedere, da tifosi, la realta’, cio’ che succede in campo la domenica. Ed i fatti dicono che Zaza per mezza partita giocata bene (solo il primo tempo direi) ha accumulato diverse partite intere ( o mezze quando subentrato)a dir poco scandalose sia in termini tecnici sia di atteggiamento. Zaza di campi ne ha calcati, non e’ un giovincello alle prime armi, e quindi ci si aspetta ben altro da lui. Nessuno si aspetta Messi per carita’ ma un giocatore affidabile almeno 3 partite su 4 si. Ed in 15 mesi cio’ non e’ mai avvenuto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. ALESSANDRO 69 - 3 mesi fa

    Io per principio tendo a difendere gli allenatori. Ritengo che quando un tecnico allena da tanti anni in serie A è perché evidentemente il suo mestiere lo sa fare. A noi non piace?? Ci sta antipatico?
    Diciamolo chiaro e tondo…
    Pretendere però di sostituirsi a lui credendoci più competenti è una cosa che mi irrita alquanto; mi irrita esattamente come quando qualcuno non del settore pretende di insegnare a me ciò che svolgo da tanti anni e questo immagino a chiunque di voi. Per quanto possiamo non condividere le sue scelte continuiamo a ostinarci a non considerare il fatto che lui con i giocatori ci trascorre una intera settimana, perciò come pissiamo pretendere di trarre conclusioni se non conosciamo gli aneddoti??
    Sento dire che penalizzerebbe chi non gli è simpatico, ma veramente pensiamo che se così fosse lo spogliatoio non lo avrebbe già ammutinato???
    Su Zaza: chi lo ha visto contro l’Inter???Era in campo??? O era il sosia scemo??? Mazzarri si è comportato male con lui???
    Allora perché con la Fiorentina sembrava posseduto dal demonio??? Evidentemente il tecnico aveva le sue ragioni…Sento parlare di Parigini: Quante squadre ha girato??? Con quali successi??
    Possibile che non abbia trovato un allenatore in grado di valorizzarlo??? Ha fatto panchina anche a Benevento ..Fate voi….
    Bremer si è fatto una stagione quasi intera in panchina eppure adesso sta scalando le gerarchie e si sta giocando egregiamente le sue carte…Sarà un caso, oppure sarà che questo ragazzo è stato zitto e ha lavorato sodo raccogliendo così i frutti di quel lavoro..cosa che probabilmente qualche nostro giovane deve assimilare. Abbiamo mille ragioni per non essere soddisfatti ma quando si critica bisogna essere obiettivi e distribuire equamente le responsabilità perché sarebbe troppo facile scaricare il tutto su una persona trascurando quelle che sono le responsabilità in primis della società e a seguire anche quelle dei giocatori che non sono angioletti……

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. maxx72 - 3 mesi fa

      Condivido anche la punteggiatura di quello che hai scritto. Bravo!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Alex71 - 3 mesi fa

      Concordo. Aggiungerei, riguardo a Zaza, che qualunque altra societa’ lo avesse avuto in carico, dopo un anno di enorme mediocrita’, lo avrebbe ceduto o almeno provato a cederlo…no invece no…e ci ritroviamo a parlare della sua mediocrita’ per il secondo anno….quante partite, o spezzoni, ha azzeccato in 15 mesi? Probabilmente staremo a parlarne anche l’hanno venturo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. TOROPERDUTO - 3 mesi fa

        Se parliamo di mediocrità dovremmo vendere la rosa, l’allenatore e il presidente, ma capisco che è più facile addossare tutto a un calciatore che tra l altro ha giocato pochissimo quindi come fate a dargli tutte ste colpe lo sapete solo voi

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. ALESSANDRO 69 - 3 mesi fa

          Veramente nessuno da la colpa a lui, i fatti sono semplicemente questi: Zaza rende meglio come unica punta e comunque quando si è trovato a giocare in tali situazioni raramente ha fatto la differenza e se ha giocato pochissimo evidentemente qualche buon motivo ci sarà. Intendiamoci, per me non è un giocatore mediocre, semplicemente non è quello che ci serviva, ovvero come sostituto di Belotti è anche un lusso ma come spalla serviva una seconda punta più tecnica. Se ha giocato pochissimo è anche perché davanti ha Belotti e onestamente togliere lui per far posto a Zaza anche no grazie…

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. TOROPERDUTO - 3 mesi fa

            Sì però perdonami, qua se il metro di paragone per valutare il rendimento di certi giocatori è belotti, facciamo prima a non comprare nessuno, ha giocato poco anche perché è un integralista del cazzo mazzarri.
            La verità è che verdi fa più cagare di Zaza ma non viene criticato perché non proviene dalla Juve, questo x favore dovete ammetterlo.

            Mi piace Non mi piace
    3. r.ponzon_13686323 - 3 mesi fa

      Bravo, condivido !

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. TOROPERDUTO - 3 mesi fa

    Intanto l Atalanta…. Vabbe ma a noi va bene così… Solo meno 2 dallo scorso anno… Il nostro traguardo è questo ma va bene così visto che pretendere ed ambire di più vuol dire essere gobbo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Ardi - 3 mesi fa

      Oltretutto, passando il turno dei gironi, l’Atalanta dovrebbe incassare altri 30 milioni. Il loro patron non è certo più ricco e potente di cairo e il loro bacino d’utenza è minore del nostro.eppure a livello di risultati e di infrastrutture non c’è paragone. Quindi o cairo in confronto è un emerito coxlione oppure lo fa apposta

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Bela Bartok - 3 mesi fa

    Mazzarri sarà anche brutto e cattivo ma Zaza ha giocato la miglior partita da quando è al Toro dopo essere stato mandato in panchina. Forse il cattivone non ha tutti i torti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. prawn - 3 mesi fa

      Quante altre volte è stato messo in panchina.
      quante altre volte ha giocato in un tridente?
      j giocatori (o per Cairo gli investimenti) vanno tutelati e valorizzati

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. avvopal_14171626 - 3 mesi fa

    Io penso che un allenatore non sia mai un masochista. Quindi se Mazzarri non ha fatto giocare Zaza è perchè in quel momento non lo riteneva utile alla squadra; e credo anche che se Zaza non si fosse allenato con impegno e dedizione la scorsa settimana non avrebbe giocato nemmeno domenica scorsa. Quindi se Parigini ed Edera non hanno avuto spazio è perchè Mazzarri ritiene che non siano adatti e mi pare cmq che Edera in carriera ha fatto bene 6 mesi e che Parigini ha fatto bene da giovanissimo così bene che gli hanno fatto saltare la Primavera e l’hano subito mandato a giocare in B, montandogli la testa. Per non parlare quella storia di gossip che lo ha riguardato e che magari lo ha deconcentrato….
    E comunque stiamo parlando di due giocatori che in serie A non hanno dimostrato nulla.
    IL discorso di Zaza è un pò diverso perchè è un ex nazionale e un certo valore ce l’ha ma è evidente che parliamo di un attaccante chiaramente incompatibile con Belotti perchè ha caratteristiche troppo simili e pure un carattere molto diverso.
    Pulici-Graziani lasciamoli stare: non solo per la differenza di qualità ma più che altro perchè loro avevano C. Sala e un centrocampo da Nazionale, Belotti-Zaza no

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. suoladicane - 3 mesi fa

      per dimostrare devi poter giocare, perchè entrare 4-5 volte a 10 minuti dalla fine non che sia proprio sta opportunità di mettersi in mostra………
      MAZZARRI VATTENE

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Granat....iere di Sardegna - 3 mesi fa

    E ti pareva…con la gestione di Zaza Mazzarri ha dimostrato di essere un allenatore di valore… Insomma possiamo stare tranquilli: per Rampanti basta che Mazzarri ne imbrocchi una ed è allenatore di valore, pazienza se ne sbaglia magari altre cento. Che poi ci si potrebbe anche soffermare sulla questione: Zaza ha giocato con Verdi e Berenguer a supporto, sicuramente ci ha messo del suo ma probabilmente ha inciso anche una diversa e più propositiva impostazione tattica. Quanto a Parigini ed Edera (ed ora anche Bonifazi) non sono mal consigliati, sono male allenati. Perché con loro non ha fatto il lavoro certosino che ha fatto con Bremer? E se non valeva la pena farlo perché se li è tenuti? La chicca finale è la citazione delle innumerevoli (?) peripezie avute dalla squadra. Chi ha giocato per un mese senza Belotti e con sadiq a sostituirlo al confronto era in crociera alle Maldive eppure per lui le attenuanti non c’erano. Se poi vogliamo guardare in casa d’altri c’è chi ha iniziato la stagione con Pavoletti e Cragno fuori per metà stagione ed è quarto in classifica…niente da fare, non se ne esce…proprio non si vuole capire che l’atteggiamento iper elogiativo a Mazzarri, anche per le trovate che rientrano nella normalità del suo lavoro, accompagnato dalla continua ricerca di improbabili scusanti quando sbaglia tutto, è il principale motivo di questa discontinuità, perché per chi non se ne fosse ancora accorto anche Mazzarri ha bisogno di essere pungolato proprio perché predica umiltà e modestia ma in realtà è davvero e intimamente convinto di essere un mister sopra la media che ha avuto in carriera meno di ciò che, secondo lui, avrebbe meritato. Bene. Che dimostri a tutti che è davvero così. Lo faccia al Toro e lo faccia adesso, perché aldilà dei risultati recenti la stagione è altamente deficitaria rispetto a quella passata, agli obbiettivi sbandierati ed alle attese dei tifosi. Se lo farà saremo tutti ben contenti di tessere elogi sperticati nei suoi confronti, al momento direi di valutarlo realmente ed esclusivamente per i fatti concreti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Madama_granata - 3 mesi fa

      Sono completente d’accordo!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Giaguaro 66 - 3 mesi fa

      Sono completamente d’accordo sull’analisi di Granat…iere di Sardegna, molto equilibrata e senza offese. Per mia esperienza, avendo praticato molti anni di agonismo e gare aggiungo che l’allenatore conta eccome nei confronti delle prestazioni dell’atleta. Volenti o nolenti anche i coach sono uomini e hanno le loro preferenze, tant’è che un buon atleta può ottenere ottimi risultati con un allenatore e scarsi risultati con un’altro, le dinamiche sono tantissime. Nel calcio un esempio su tutti è Conte, che spreme tutti come limoni fino all’ultima goccia, ma ottiene grandi risultati ovunque vada e influenza positivamente quasi tutti ma non tutti altrimenti Icardi non sarebbe al PSG…Purtroppo per noi Mazzarri non ha le qualità di altri coach che allenano squadre superiori e no (vedi Gasperini), altrimenti non sarebbe seduto sulla nostra panchina ed in carriera avrebbe vinto qualcosa…però noto che a molti di noi manca l’ambizione, a partire da Cairo naturalmente. Vedo davvero tanto accontentismo che mi sembra molto lontano dal DNA del granata che conosco io e per il quale mi sono innamorato da bambino

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. alexku65 - 3 mesi fa

      Granatiere. I tuoi posts sono la miglior cosa che io riesco a leggere . Sempre. Spero ti propongano per scrivere per la testata. E non sono ironico

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Granat....iere di Sardegna - 3 mesi fa

        Ti ringrazio ma non esageriamo. Io sono un semplice tifoso e tale voglio restare, dal mio punto di vista però Mazzarri allo stato attuale dell’arte, per qualità di gioco e risultati, è elogiato fin troppo dagli addetti ai lavori. Si tende, a mio modesto avviso, a confondere l’ammirazione per le sue qualità umane con il giudizio sul suo operato. Ed ecco che un gioco penoso per gran parte delle ultime partite viene imputato alla squadra (che è la stessa che ha fatto il grande girone di ritorno della passata stagione) mentre la presunta gestione ottimale di Zaza è sufficiente per definirlo di valore…ma gli esempi sono tantissimi, che poi ragazzi abbiate pazienza: stiamo parlando della gestione di Zaza non di quella di Messi. Se un allenatore pagato 2,5 milioni (netti) di euro all’anno non riesce a gestire Zaza qualcuno mi deve spiegare il motivo di un ingaggio del genere. In realtà Mazzarri, allo stato attuale, sta facendo il minimo sindacale a cui sarebbe tenuto per il suo lauto compenso, con una rosa che probabilmente non è inferiore alle prime 7/8 del campionato. La differenza la deve ancora fare altrimenti è un mister nella media, come altri. E aggiungo una cosa, a scanso di equivoci: a me Mazzarri come persona piace, ammiro la sua dedizione maniacale al lavoro e il suo impegno quotidiano. Se i risultati in campo fossero direttamente proporzionali a questo Mazzarri vincerebbe lo scudetto. Purtroppo non è così e di mezzo c’è il Toro che, per me, viene prima di mister, giocatori e Presidente. Anche il presidente è in gamba, almeno nel suo lavoro. Come presidente di società calcistica invece lascia alquanto a desiderare.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Madama_granata - 3 mesi fa

    Questa volta non concordo affatto con Rampanti.
    Concordo con i pareri di Prawn e Torracofabi.
    Zaza mortificato, sacrificato e non “sfruttato” a dovere da Mazzarri.
    Ad un giocatore come lui, quando lo hai in squadra, devi riuscire a trovare una collocazione in campo possibilmente sempre.
    Solo giocando con regolarità Zaza, così come tutti i giocatori di valore, può “rendere” al meglio.
    Mazzarri addirittura non lo mette in campo neppure quando manca Belotti: gli preferisce Berenguer (!!), o cambia ruolo a Lukic e gli fa fare il centravanti!
    Ha un bravo giocatore in quel ruolo e rivoluziona mezza squadra x non farlo giocare!
    Una delle tante follie di questo allenatore, che spesso predilige calciatori mediocri a giocatori di provate esperienza e capacità.
    Il perché non lo capirò mai!!
    Lesa Maestà?
    Si offende e gliela fa pagare se osano protestare?
    Se dimostrano dissenso o scontento?
    Il “caso Parigini”, giocatore giovane che comunque avrebbe dovuto avere il diritto di poter dimostrare se e quale fosse il suo valore, lo confermerebbe..
    Ma allora perché riaccettare in squadra Nkoulou, reo di manchevolezze ben più serie e gravi?
    Mossa impostagli dall’alto?
    Mah..
    Possibile che Mazzarri consideri Berenguer più “bravo” di Zaza?
    Rampanti dice che manca molto Falque, e siamo d’accordo.
    Ma, prima del nuovo infortunio, si parlava di Iago Falque sul mercato..
    Non si dica che questo allenatore mette sempre in campo i migliori, quelli che gli danno più sicurezza e garanzie, perché la realtà dice cose ben diverse!
    Aggravante in più è per me non sfruttare l’intesa e l’amicizia tra Belotti e Zaza: proprio perché affiatati e non in competizione tra loro, potrebbero, se giocassero insieme con continuità, aiutarsi e supportarsi, a tutto vantaggio della squadra e del Toro!
    Non possono coesistere?
    Infatti Pulici e Graziani, insieme, non hanno mai reso al massimo!!
    E non vedo neppure l’impossibilità di farli giocare con Verdi alle loro spalle: potrebbe essere prezioso nel lanciarli, nel fornire loro assist e quei passaggi filtranti in area che al Toro mancano tanto!
    Ritornando al passato, quanti gol avrebbero segnato Pulici e Graziani senza Zaccarelli e Claudio Sala a lanciarli?
    Forse il calcio è cambiato, ma per chi sa giocare dovrebbe esserci sempre spazio in squadra!!
    E un allenatore dovrebbe avvalersi del lavoro di tutti i suoi calciatori, in particolar modo poi dei più bravi, e non solo e sempre degli stessi, anche se dimostratisi meno capaci!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. r.ponzon_13686323 - 3 mesi fa

      Buongiorno Madama,
      immutata stima per lo stile del suo scrivere, nel merito questa volta non concordo.
      a. Capitolo Zaza
      Il paragone con Pulici e Graziani non centra nulla; quei due sapevano muoversi insieme, quando uno andava in profondità l’altro si accorciava a metà campo; quando Zaccarelli o Pecci avanzavano palla al piede, si incrociavano; quando Claudio Sala dal fondo crossava, uno andava sul primo palo, l’altro sul secondo; in fase di non possesso palla entrami facevano la fase difensiva (vera, non rincorrendo a vuoto l’avversario come fa Zaza); e così via…
      Zaza non conosce i movimenti da attacante, non è particolarmente firbo (le continue ammonizioni ed espulsioni lo confermano) non è particolarmente bravo (ha la media presenze/gol fatti di un difensore…)
      b. Capitolo Parigini
      Da sempre lei è un’estimatrice di Parigini; non ne comprendo il motivo, in tutte le squadre in cui ha giocato ha dimostrato di essere un giocatore mediocre. Anche con Mazzarri, nelle occasioni in cui p stato impiegato, ha dimostrato di non essere un calciatore da serie A .
      c. Capitolo Berenguer
      A molti tifosi non piace; anche questo è un mistero. Ha un’altissima percentuale golfatti/presenze, è uno dei pochi che ha lo scatto e la tecnica pr andare via, è disciplinato e umile.
      Insomma un buon giocatore, senza con questo voler nascondere che contro la Viola ha giocato male (ma, viste le sue caratteristiche, è ragionevole dire che il campo non lo abbia aiutato)

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Madama_granata - 3 mesi fa

        Buonasera, R.Ponzon, e co-tifosi tutti.
        Pazienza: lei ed io ci ritroveremo concordi su prossimi argomenti.
        Mi spiego:
        – Io credo che dovrebbe spettare a Mazzarri il compito di mettere in campo Belotti e Zaza a fare il lavoro che fu di Pulici e Graziani, e parimenti di allenare/istruire Verdi e Falque e Baselli (che ora Mazzarri fa giocare troppo arretrato) a svolgere i compiti che furono di Zaccarelli, Pecci e Claudio Sala.
        Riadattando il tutto al calcio mederno, ovviamente.
        Temo però che Mazzarri non ne sia capace, o non ne abbia voglia, o non abbia il coraggio di farlo!

        – Il problema non è se io sono un’estimatrice di Parigini o meno.
        In Nazionale Under 21 questo ragazzo aveva fatto molto bene, se non erro pure ricoprendo il ruolo di Capitano.
        Mazzarri lo ha provato 2/3 volte lo scorso anno (parlo di almeno 20-30 minuti di gioco), e Parigini ha fatto bene, sbagliando solo la conclusione finale x troppa foga, x voglia di strafare.
        Quante volte Meité, Aina, Berenguer, Zaza, Falque, De Silvestri, Baselli, Lukic e persino Belotti hanno sbagliato un “gol fatto”?
        Eppure x tutti c’è stata e c’è tuttora sempre una seconda possibilità.
        Perché per Parigini, no?
        Questo anno Mazzarri non lo ha fatto giocare neppure 1 (uno) minuto!
        Lo stesso discorso, in merito al pessimo trattamento e alla poca fiducia nei confronti di Parigini, vale per Edera, Millico, Rauti, Buongiorno, ecc..
        Tutti i ragazzi del vivaio sono scartati a priori dall’allenatore.
        Io non dico che sono dei campioni! Dico solo che giustizia vorrebbe che potessero godere delle stesse opportunità dei loro colleghi.
        Ed essere pure loro “scusati e capiti e giustificati”, e non “espulsi” al primo errore.
        A mio avviso, e visto il gioco espresso fino ad ora, Meité, Djidji, Berenguer, Aina, ecc.. non hanno certo fatto più di quanto avrebbero potuto fare gli ex-Primavera.
        Incomprensibile ancor più l'”epurazione” di Bonifazi, reo di aver giocato bene e segnato 2 gol nelle poche occasioni in cui ha potuto scendere in campo.
        Ricordo ancora che Mazzarri lo scorso anno ha dato fiducia in prima squadra persino a Damascan, non pronto nemmeno x la Primavera!

        – Berenguer: per me è troppo “leggero”, sempre travolto dai difensori avversari, tutti “marcantoni” alti e robusti.
        È spesso falloso, credo x difendersi; è incostante nel rendimento, impreciso nei passaggi, altalenante nelle prestazioni.
        Quando poi sento dire da giornalisti e tecnici, Mazzarri compreso, che se lo fischiano si “avvilisce” e non conclude più nulla, che è emotivo ed insicuro..
        Beh, allora, con tutta la simpatia possibile verso questo ragazzo, penso che un carattere ed una personalità così fragili non possano andare bene per la serie A!
        Al massimo Berenguer può essere una discreta riserva, in campo per brevi frazioni di tempo.
        Questo im mio modesto parere. Buona serata!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Mimmo75 - 3 mesi fa

    Per carità ragazzi, va bene tutto e il contrario di tutto! Però fino a due settimane fa Zaza era il male assoluto ed è stato offeso in tutti modi possibili e immaginabili nonchè invitato ad andarsene. Ora che ha fatto gol il problema è Mazzarri che non lo faceva giocare. Mamma mia!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Mimmo75 - 3 mesi fa

      Anzi, direi fino a tre giorni fa…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. TOROPERDUTO - 3 mesi fa

      Il tuo assolutismo da cosa deriva scusa? Riporti i post che fanno comodo?
      Tutti quelli che invocavano più presenze per Zaza Genova compresa dove li hai lasciati?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Mimmo75 - 3 mesi fa

        Non ne ricordo ma ci saranno sicuramente stati. Tuttavia vuoi negare che la massa voleva Simone fuori dai piedi?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. TOROPERDUTO - 3 mesi fa

          Ti invito a rileggerlo perché è pieno, forse fanno più effetto quelli con scritto Zaza gobbo, Zaza giocatore da serie b, Zaza vattene.
          Ma è pieno di commenti diametralmente opposti.
          Poi se invece vogliamo scrivere fregnacce come titoli che compaiono qua Zaza la cura mazzarri funziona a be allora va bene così.
          Mettiamoci solo d’accordo perche mi sembra che quando i giocatori fanno schifo è colpa loro quando giocano bebe è merito di mazzarri, il che mi sembra un po’ folle

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Mimmo75 - 3 mesi fa

            o viceversa…

            Mi piace Non mi piace
        2. TOROPERDUTO - 3 mesi fa

          Bè visto che sono 2 anni che non c’è gioco il viceversa è un po’ difficile, a meno che i pochi buoni che abbiamo belotti e Ansaldi si ha il coraggio di dire che giocano bene grazie all allenatore…
          Tu poi non hai voce in capitolo perché non sei oggettivo su mazzarri visto che lo veneri qualsiasi cosa dica o faccia, quindi…

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. ALESSANDRO 69 - 3 mesi fa

            Per Mimmo 75 che lo venera, cosa che non è esattamente vera, c’è una massa di tifosi che gli danno la colpa anche se piove oppure se le mogli li tradiscono…Equilibrio signori…Equilibrio…

            Mi piace Non mi piace
  11. Conta7 - 3 mesi fa

    Eh già… Il modo in cui avvengono le “reazioni” denota la bontà o meno delle “azioni”.
    E domenica abbiamo capito molte cose! FORZA TORO

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Garra - 3 mesi fa

    Io spero ancora dei commenti tecnici e tattici… (ha giovato fra le linee X, ha costruito una gabbia al momento Y, etc etc) e invece continuo a leggere commenti da giornalismo a 360 gradi. Qual’è il valore aggiunto di questa rubrica?
    Fra l’altro, qualcuno sa cosa sta facendo Moretti?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. dennislaw - 3 mesi fa

    Perché far finta di niente? Ha ragione chi ricorda che senza l infortunio di Lukic, Zaza non sarebbe sceso in campo. Questo dovrebbe far riflettere su come Mazzarri interpreta il calcio e valuta i giocatori. Ha ragione anche chi scrive che Zaza è un giocatore di serie a e quindi cErca spazio per giocare. Rampanti fa un accenno a Lotito. Discorso molto scomodo per la società . Lotito non ha al fianco Bava comi e Barile, ma un direttore sportivo come Tare. La lazio è una società alla nostra portata eppure è quasi costantemente in Europa. Ma il discorso vale per il Napoli, De laurentis non ha alle spalle finanziarie miliardarie, eppure ha fatto grandi, anzi grandissime cose. Le potrebbe fare anche il Torino con un presidente del livello economico di Cairo. Gli ostacoli sono a mio avviso due ( non certo gli odiati cugini, si pensi all era Pianelli che era addirittura fornitore Fiat): il primo è lo staff societario sempre troppo debole. Il secondo è un allenatore che abbia voglia e rabbia per emergere e non sopravvivere. Penso ai De zerbi, D aversa, Liverani ecc

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. rogerfederer - 3 mesi fa

    Direi che Serino ha ragione quando dice che a suo tempo Lotito ha ascoltato gli umori della tifoseria nella loro parte costruttiva depurandoli da qualsiasi forma di violenza e ne ha tenuto conto entro certi limiti.
    Poi la società , qualunque società , deve agire peró considerando tutti i fattori in primis quelli tecnici ed economici oltre che “ambientali”.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. TOROPERDUTO - 3 mesi fa

    Ma basta con sta menata di berenguer basta, rende meglio in trasferta perché facciamo barricate doppie e può partire eventualmente in contropiede.
    Ma poi le partite in cui ha fatto bene? Ah parliamo di Brescia dove eravamo un uomo in più contro una squadra di pellegrini?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. suoladicane - 3 mesi fa

    mah, il sig. Rampanti fa parte a pieno titolo delle “voci del padrone”, mai una critica, mai un giudizio sul conducator e sul testadighisa, che invece ne darebbero occasioni quasi infinite, anzi sempre a giustificare e sostenere, come ad esempio nel caso di Berenguer che mette in confronto a Edera e Parigini. Berenguer ha avuto infinite occasioni, e per lui la tanto meritocrazia non vale, infatti ha fatto veramente male a Genova e nonostante questo è ripartito titolare la settimana dopo, quando nuovamente non ha fatto bene; Parigini ad esempio dopo l’errore dello scorso anno non ha più visto il campo (e non sono più di tanto un estimatore di Parigini) Edera invece è totalmente sparito dal radar; su Zaza si rasenta il ridicolo, è il sostituto naturale del Gallo ma si preferisce giocare con il falso nove, solo una gran chiappa ha permesso di vincere a Genova, visto che se gioca titolare, anche se sbaglia tanto, i gol li fa; poi il fatto che non giochi mai con due punte vere, la dice tutta.
    MAZZARRI VATTENE

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. leggendagranata - 3 mesi fa

    No, caro Rampanti, credo anch’ io (come ha scritto un amico tifoso che mi ha preceduto) cher sarebbe dovuto essere Mazzarri ad abbracciare Zaza. E sì, perchè Zaza manco avrebbe dovuto giocare contro la Fiorentina ed è stato utilizzato dal nostro tecnico solo per l’ infortunio dell’ ultimo momento di Lukic. Ed il fatto che abbia risposto con impegno e una buona prestazione dimostra che proprio da buttare, anche dal punto di vista del carattere, proprio non è. Sono convinto, e l’ ho scirtto più volte, che Mazzarri stia buttando alle ortiche una valida coppia di arieti d’ attacco, che a inizio stagione aveva fatto vedere interessanti poternzialità, d’ altronde 7 degli 8 gol segnati dal Toro in casa sono stati fatti da Zaza e Belotti. Giocatori un pochino problematici come Zaza – problematico non tanto per indisciplina quanto per temperamento un po’ troppo focoso in campo – andrebbero gestiti e plasmati bene dal direttore d’ orchestra, così come fece (bisogna dargliene atto) Ventura con Cerci e Immobile. Ma le perplessità su Mazzarri non si fermano al caso Zaza: lei cita Iago Falque, altro giocatore di talento che Mazzarri ha finora mal utilizzato, cercando testardamente di toglierlo dal suo ruolo naturale (tornante di fascia) per affidargli il compito di centrocampista/trequartista per il quale non è tagliato; e aggiugiamo pure Verdi, costretto a fare il centrocampista, lui che è un esterno d’ attacco. Per non parlare del siluramento di un Ljajic (perchè di questo si è trattato, altro che volontà del giocatore di andarsene), che con Iago Falque si intendeva a memoria e costituiva quel necessario piede buono a centrocampo oggi gravemente mancante.Insomma, più indizi fanno una prova e cioè che Mazzarri è allenatore poco duttile, testardo nel prediligere a questa “rosa” un modulo a una punta, che penalizza il gioco offensivo della squadra. Vuole che l’ azione passi sempre per le fasce? E allora si decida a mandare in campo i migliori che ha per dare concretezza a questo suo gioco: Verdi e Iago (quando sarà pronto) sugli esterni al servizio di Belotti e Zaza, arieti d’ area. E poi, caro Rampanti, quello che non si perdona a Zaza, si perdona ampiamente a Berenguer: perchè non ammettere che dopo tre stagioni al Toro è rimasto un’ aletta che ha discreta tecnica, ma poca sostanza?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. torracofabi_13706409 - 3 mesi fa

      Hai cambiato nick, ma sei inconfondibile forza TORO.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. prawn - 3 mesi fa

      Ma infatti concordo in tutto e per tutto.
      Zaza prima di venire al toro gioco’ 33 partite al Valencia, facendo 13 goals.
      Iago era un giocatore da 10-12 goals a stagione. Poi c’e’ il Gallo, giustamente inamovibile.
      E Verdi che era la qualita’ che mancava.
      Ora, se tutti 4 sono troppi (e con la difesa ballerina di quest’anno ci sta), sicuramente un attacco cosi’ da praticamente 40-60 goals minimo va fatto giocare se non con un 424 con almeno un 352 dove gli esterni sono verdi e iago.

      perche’ se si puo’ far fare tutto dal terzino alla punta a berenguer (giocatore modesto) perche’ non agli altri?

      se si puo’ insistere AMMORTE su meite’, su lollo che non ce la fa piu’, su berenguer, perche’ non si puo’ insistere su zaza (o altri?)

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Bischero - 3 mesi fa

        Perché gli altri danno quella copertura che verdi e Iago sulle fasce non danno. A parte il fatto che Iago é rotto da luglio e verdi é arrivato ai primi di settembre

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. eurotoro - 3 mesi fa

    scusa Serino ma forse non segui piu di tanto il toro..zaza sono 2 anni che viene utilizzato come panchinaro! ti sembra normale che berenguer in 2 anni abbia fatto piu partite di zaza?…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. r.ponzon_13686323 - 3 mesi fa

      Direi proprio di si, Berenguer è molto meglio !

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. prawn - 3 mesi fa

    Che accanimento terapeutico su zaza..
    Il ragazzo non andava preso tanto per cominciare, essendo un doppione del gallo e uno che cmq merita di giocare titolare in serie a.
    poi non è stato provato a sufficienza col gallo, poi quando sembrava fintamente che potevamo giocare con quei due si è preso verdi ed è tornato in panchina a marcire (a proposito, quand’è che verdi ha giustificato il cartellino?), ora finalmente gioca 90 minuti e da una buona partita.
    e sono convinto che la farebbe anche a Verona. E che l’avrebbe fatta (meglio di berenguer) a Genova.
    Insomma manco Niang fu mai pungolato così tanto in questa rubrica!
    Credo sarebbe a questo punto un errore gravissimo cederlo a gennaio. WM deve trovare gli equilibri per far giocare tutti i nostri attaccanti assieme.
    I goal arriverebbero e i mugugni scomparirebbero.
    Io ad uno che non mi fa giocare e al posto mio fa giocare la settimana prima due centrocampisti non lo abbraccio la settimana prossima.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. r.ponzon_13686323 - 3 mesi fa

      Secondo me invece Zaza non è proprio un calciatore da serie A; tutti oggi ad applaudirlo abbagliati dal gol facile fatto domenica ma contro la Viola – come in tutte le altre partite giocate – ha sbagliato tutti i movimenti (mai un incrocio quando il portatore di palla avanza veso l’rea avversaria), i controlli di palla sono tutti sballati, il pressing che effettua sui difensori è fine a se stesso, per il pubblico, non per recuperare realmente il pallone (come fa Belotti).
      Riprova di quanto dico è che , vedrai, sarà ben difficile cederlo (proprio perchè richieste vere non ne ha mai avute). Il paragone con Niang non regge, Niang è molto più tecnico e veloce, ha fatto più gol e assist, quindi molto meglio. Ed io sono uno che non lo riteneva un giocatore da Toro, per mancanza di doti morali e caratteriali.
      Disfiamocene, anche perdendoci; non è un giocatore che merita di giocare nel Toro.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. eurotoro - 3 mesi fa

        niang chi? ahahahahahahah..tecnico e veloce niang? ahahahahahahah…assist e gol di niang?..ahahahahahahah!!!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. prawn - 3 mesi fa

        Lo stesso zaza che era nel giro della nazionale?
        Veniva da una stagione al valencia dove aveva fatto 13 goals, viene qui e ne fa tre.

        secondo te e’ colpa sua o di chi lo allena?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. user-13797744 - 3 mesi fa

    Il papà di Zaza lo consiglierebbe di nn farsi male , gioca ( adesso ) per la “ vetrina “ invernale altro che abbracciare Il mister.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. Mimmo75 - 3 mesi fa

    Di solito concordo pienamente con Rampanti, non stavolta. Innanzitutto trovo totalmente sbagliato il discorso su Lyanco: ha attraversato un periodo tribolato ma l’infortunio che sta smaltendo è da trauma e nulla c’entra con la fragilità fisica. Il ragazzo aveva ritrovato il campo senza problemi ed era in crescita. Non sono d’accordo sullo sminuire le vittorie sulle avversarie in difficoltà: anche noi lo eravamo e molto, con in più l’aggiunta dell’infortunio di un pilastro come Belotti in un momento in cui già avevamo difficoltà a trovare la porta. Non sono d’accordo sul discorso relativo alla società che non dovrebbe ascoltare i tifosi: troppo generico. Non deve ascoltarli sulle questioni tecniche, su questo mi trovo d’accordo, ma dal punto di vista dell’accoglimento delle istanze di maggior coinvolgimento e di valorizzazione di tutto ciò che contraddistingue la nostra storia Cairo dovrebbe montarsi due radar al posto delle orecchie. E nel frattempo vergognarsi. Non sono d’accordo nel portare ad esempio Lotito, uno che nel calcio non dovrebbe trovar posto e che invece si permette il lusso di tenersi due squadre (con buona pace dei tifosi salernitani che per questo motivo MAI potranno neanche lontanamente sognare una promozione in A) e di sindacare su chi dovrebbe o non dovrebbe giocare nel calcio che conta (ricordate le intercettazioni dove diceva che si doveva trovare il modo di non far salire in A le piccole?). Gente così non deve essere portata ad esempio, punto!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. r.ponzon_13686323 - 3 mesi fa

      Sono d’accordo sul giudizio morale che dai di Lotito, pienamente.
      Tuttavia è innegabile che Lotito, facendo di testa sua (e senza ascoltare tifosi facinorosi come quelli che tra noi abbondano) col tempo ha creato una squadra fortissima, con giocatori eccezionali.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Granat....iere di Sardegna - 3 mesi fa

      Concordo pienamente su Lotito Mimmo ed aggiungerei anche che Lotito ha potuto fare ciò che sta facendo per il noto accordo di dilazione del debito mostruoso che aveva accumulato la precedente gestione. Dubito che la Lazio sarebbe dov’è ora senza quella generosa dilazione e la contestazione dei laziali è fuori luogo, senza Lotito e le sue “abilità contrattuali” sarebbero in braghe di tela

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Prawda - 3 mesi fa

        Vero Granat….iere, sarebbe sicuramente fallita e dove sarebbe oggi e’ difficile da dire ma probabilmente non cosi’ in alto. Resta pero’ il fatto che con quella dilazione il fisco sta recuperando tutti i 150M, interessi compresi, che la gestione Gragnotti aveva accumulato, in caso di fallimento si sarebbero persi e sarebbe stato un danno per la tutta la collettivita’.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. ddavide69 - 3 mesi fa

          Pensa che il toro è stato lasciato fallire per una misera fideiussione di 10 milioni e un rosso da 18.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        2. ddavide69 - 3 mesi fa

          Per una cifra del genere ci siamo presi verdi ,stipendio incluso.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        3. Granat....iere di Sardegna - 3 mesi fa

          Per carità, sono d’accordo con te. Il problema è che quando Equitalia (pardon agenzia riscossioni) ti morde le caviglie non sempre usa lo stesso tatto che ha usato con la Lazio di Lotito, chissà come mai…

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. torracofabi_13706409 - 3 mesi fa

    Sarebbe dovuto essere Mazzarri ad abbracciare Zaza come hanno fatto i suoi compagni, per il trattamento che gli ha riservato, ultima scelta, praticamente un anno e mezzo di panchina ed in campo per caso…… E lui gli ha levato le castagne dal fuoco!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. FORZA TORO - 3 mesi fa

      ma che cavolata

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. essenzagranata - 3 mesi fa

    Mio caro sig. Rampanti, Lotito ha passato diverse contestazioni ma i tifosi li ha ascoltati, prendendo poi lui stesso, com’è giusto che sia, le decisioni opportune. E i risultati sportivi si sono visti e si vedono tutt’ora.

    Il sig. Urbano Cairo si disinteressa completamente dei tifosi, ad eccezione di quando pagano l’abbonamento o il biglietto, avendo alle spalle 16 anni di nulla sportivo, di acquisti errati, di dirigenza inguardabile e inutile, di allenatori mercenari, di tutela del vivaio inesistente, di promesse mai mantenute, di inizio lavori al Robaldo ancora a zero, di inizio lavori dei lotti in stato di abbandono al Filadelfia sempre a zero e di inibizione all’entrata per i tifosi, di progetto e costruzione di stadio di proprietà tabù.

    Dovremmo forse accontentarci di due EL raggiunte non sul campo ma per truffe altrui, di qualche eventuale contentino settimanale di risultato contro una squadra più forte e di posizioni finali in classifica medio/basse che ci precludano l’EL ma che garantiscano a Cairo gli introiti televisi necessari per mandare avanti la baracca ?

    Quand’è che cresceremo, sig. Rampanti, quando diventeremo una società seria e competitiva, quando sapremo restituire ai tifosi granata l’unità e il gusto della nostra storia e del nostro blasone ?

    Dunque il suo paragone, oltre a non reggere affatto, è quantomai inopportuno e privo di fondamento.

    Cordiali saluti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy