Niang: da punto fermo in Nazionale ad esubero con il Toro

Niang: da punto fermo in Nazionale ad esubero con il Toro

Focus on / L’attaccante del Toro è stato convocato dalla sua Nazionale ma entro il 31 agosto si deve trovare una collocazione sul mercato, oppure si giocherà le proprie carte in granata

di Silvio Luciani, @silvioluciani_

Manca meno di una settimana al 31 agosto, data in cui suonerà il gong finale del calciomercato mondiale. Mbaye Niang è sul piede di partenza, ma non ha ancora trovato una collocazione e proprio in questo convulso periodo di trattative è arrivata anche la chiamata di Alioue Cissé. Niang è stato convocato in Nazionale per la seconda partita del girone di qualificazione di Coppa d’Africa, che si disputerà il 9 settembre. In quella data il senegalese sarà già a conoscenza del proprio destino: il Mondiale sembrava averne rialzato la quotazione ma l’acquisto di Zaza, che rinfoltisce ulteriormente il reparto offensivo, lo ha messo ai margini del progetto. A lui la scelta tra il trasferimento all’estero oppure la permanenza a Torino, piazza in cui ha tutto da riconquistare: dalla maglia da titolare all’affetto dei tifosi.

Il Torino infatti ha a disposizione 6 attaccanti di livello per due sole maglie da titolare. La concorrenza è folta ed agguerrita (Belotti, Falque, Zaza, Ljajic ed Edera) e per questo probabilmente la partenza di Niang sarebbe la soluzione migliore anche per gli equilibri del gruppo. L’ostacolo maggiore è il prezzo: Niang è stato riscattato in estate dal Toro, che complessivamente ha pagato 14 milioni per il cartellino. Ora i granata non accetteranno meno di 10/12 milioni per non effettuare una minusvalenza, dilapidando il capitale investito per l’attaccante. In questa intricata situazione quindi, una buona notizia per Niang, che a livello di nazionale continua ad essere un punto fermo: l’obiettivo è diventarlo anche in una squadra di club e solo i prossimi giorni diranno se Mbaye ci proverà con la maglia del Torino o no.

 

14 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-13999097 - 1 anno fa

    mi sa tanto che ce lo dovremo tenere a meno che non lo svendiamo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Madama_granata - 1 anno fa

    Auguro a Nyang di giocarsi le sue carte al meglio, nella sua Nazionale ed in una squadra di club, purché quella squadra non sia più il Torino Calcio.
    Qui, x me, ha concluso, e non in modo brillante! Delusi noi e probabilmente deluso lui: bisogna voltar pagina!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Toro71 - 1 anno fa

    Cairo dovrebbe far causa a Mihajlovic per avergli chiesto Niang. Potenzialmente potrebbe essere un grande giocatore invece è solo un gran FAGNAN.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Kieft - 1 anno fa

      Io ste potenzialità non le vedo proprio…..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. user-14003131 - 1 anno fa

    Via il ballerino nero.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. ale_gran79 - 1 anno fa

    Pure da noi è stato un punto fermo. Nel senso che non correva proprio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. user-13940067 - 1 anno fa

      Ahahah

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. robertozanabon_821 - 1 anno fa

    Questo ragazzo è un corpo estraneo alla squadra. Non ne conosciamo ambizioni ne motivazioni. Cerchiamo di non sperperare il capitale investito anche se ormai si è capito che il Toro può solo sperare di limitare i danni al minimo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. granatadellabassa - 1 anno fa

    Non capisco perché il Toro si ostini a rifiutare il prestito: recuperi parte del costo di acquisto, risparmi l’ingaggio e ovviamente sfoltisci la rosa. Tra 12 mesi se ne riparla.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. GlennGould - 1 anno fa

    Da quello che so io, se Niang rimanesse qui, le uniche carte per lui giocabili sarebbero quelle di texas holdem, canasta, scopa o giù di lì.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. GlennGould - 1 anno fa

      Mi spiace parlare con sfiducia di un nostro giocatore, ma è stato una delusione per resa e soprattutto per atteggiamento; spesso in campo ricordava il Liaijc del primo anno, scazzato e sfaticato. Con la differenza che Liaijc, già il primo anno si era rivelato decisivo con gol, assist e lampi di classe pura.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Kieft - 1 anno fa

        Ljiaic almeno ha delle qualità….Niang non vedo proprio nessun potenziale: di testa non gliene ho vista prendere una, il tiro è la maggior parte goffo e scoordinato, correre corre poco, non recupera un pallone, non fa goal e non vedo neanche assist. Al mondiale quel difensore ha fatto un passaggio al portiere perché aveva pensato che Niang stesse dormendo…….si era appena svegliato

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. user-13940067 - 1 anno fa

      Si visto il colore direi scopa 😉

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. user-13940067 - 1 anno fa

    Purtroppo sì gioca a settembre. Se gioca bene può servire per venderlo magari a gennaio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy