Serie A, attento Toro: il Lecce ospita il Brescia e può avvicinarsi in classifica

Il programma / La Juventus in questa giornata potrebbe già concludere il discorso scudetto

di Luca Sardo

Parte oggi la 34° giornata della Serie A. Il Torino, impegnato al Grande Torino domani alle 21.45 contro l’Hellas Verona di Juric, avrà come sempre gli occhi puntati sugli impegni delle concorrenti per la lotta salvezza. In contemporanea alla sfida dei granata, sarà in campo il Genoa quartultimo impegnato nel derby della Lanterna contro la Sampdoria di Ranieri. I rossoblu nella scorsa giornata hanno sconfitto nello scontro diretto per la salvezza il Lecce che è rimasto terzultimo a quota 29: i ragazzi di Liverani giocheranno sempre domani sera in casa contro il Brescia. L’impegno sulla carta è tra quelli abbordabili, contro una squadra a cui manca solo la matematica per sancire la retrocessione in Serie B. Anche il Torino, dunque, sa che il margine dal Lecce terzultimo potrebbe diminuire. L’Udinese, dietro al Torino di un punto, invece ospiterà la Juventus giovedì sera: la squadra di Sarri – dopo la vittoria con la Lazio – è molto vicina alla conquista del nono scudetto consecutivo.

LEGGI ANCHE: Toro, caso Zaza? No, il motivo della “fuga” dopo il cambio è ben più semplice

Per quanto riguarda le altre partite della trentaquattresima giornata, quest’oggi ad aprire le danze sarà l’Atalanta di Gasperini che sfiderà il Bologna di Sinisa Mihajlovic. Questa sera invece toccherà al Milan andare a Sassuolo contro i neroverdi. Mercoledì alle 19.30 sarà poi il turno di Parma-Milan, mentre alle 21.45 ci saranno – oltre alle gare già citate in precedenza – Spal-Roma e Inter-Fiorentina. Proprio quest’ultima gara sarà decisiva per quanto riguarda il discorso scudetto: in caso di sconfitta dei nerazzurri, la Juventus – dovesse vincere a Udine – sarebbe matematicamente campione d’Italia. A chiudere questa trentaquattresima giornata sarà la sfida tra Lazio e Cagliari.

LE PARTITE IN PROGRAMMA:

LA CLASSIFICA:

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. loik55 - 3 mesi fa

    Attento Torino!! Si ma al momento si fa quel che si può, ovvero contenere e ripartire e alla fine arrivasse un pari molto bene.
    Mentre pochissimo tempo fa, stessi uomini, stesse società, facemmo l’incontro simbolo della stagione, 1 ora alla grande, sciolti, aggressivi, e pericolosi, capaci di tre gol a zero, poi subito il gol della bandiera, paura, chiusi dietro, incapaci di fare tre passaggi, che se durava 120 secondi in più la partita la perdevamo pure. Da allora loro sono cresciuti come gruppo, amalgama generale, serenità, pubblico caldo e appassionato, divertimento, le “famose” barzellette di Juric…chi più ne ha ne metta perchè ci può stare quasi di tutto.
    Noi, quelle cose col segno meno davanti, ma sono tutti gli stessi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy