Serie A, la ripresa non è vicina. Ed è scontro a distanza tra Cairo e Gravina

Focus on / Il presidente granata è dell’idea opposta rispetto al presidente della FIGC

di Andrea Marchello, @AndreaMarchell0

Si naviga a vista in questi giorni, anche a livello calcistico. La ripresa del campionato è incerta, e le riunioni che si stanno svolgendo periodicamente tra i club di A ed i vertici federali sono ancora lontane dal dare la risposta definitiva, complice la situazione in evoluzione a livello nazionale. Sono emerse però due posizioni chiare, in contrasto tra loro, riassunte dalle esternazioni di Cairo, presidente del Torino, e Gravina, presidente della FIGC.

SCONTRO A DISTANZA – Due visioni opposte, si diceva, riguardo il destino della stagione 2019/2020. Il presidente del Torino, raggiunto dai microfoni di Sky Sport, ha espresso perplessità circa la possibilità di ripartire nel mese di maggio: per Cairo comunque non si dovrebbe giocare oltre il 30 giugno, per far sì che ciò non intacchi la stagione 2020/2021. Dell’idea opposta è invece il presidente federale Gravina, che a Radio Marte ha dichiarato che l’obiettivo della FIGC è quello di far finire la stagione ad ogni costo, anche se ciò dovesse significare giocare a luglio ed agosto.

POSIZIONI – Questo non potrà che essere terreno di scontro tra le due posizioni (quella di Cairo, che potrebbe trovare appoggio in altri club, e quella di Gravina), e terrà banco nelle prossime settimane. Il tutto mentre, per bocca del Ministro per le Politiche Giovanili e lo Sport, Vincenzo Spadafora, ha dichiarato che la Serie A dovrà riprendere necessariamente ad emergenza finita. Senza dare però – comprensibilmente – indicazioni circa la fine auspicabile di questa travagliata stagione, per i granata come per gli amanti del calcio italiano.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy