Torino, a San Siro serve il miglior Ansaldi: Longo punterà su di lui

Torino, a San Siro serve il miglior Ansaldi: Longo punterà su di lui

Focus / L’argentino da quando è ripreso il campionato non ha ancora fatto vedere il meglio di sé

di Roberto Ugliono, @UglionoRoberto

L’importanza di Cristian Ansaldi per questo Torino non è in discussione. Le sue qualità pure. Da quando è ripreso il campionato l’argentino, però, non ha fatto vedere quanto da lui è lecito aspettarsi. Dal suo rientro contro il Cagliari alla partita di mercoledì contro il Brescia, Ansaldi ha fatto vedere di non essere ancora al meglio della condizione. Il suo rientro in campo è stato graduale, per evitare che potesse correre rischi dopo i guai fisici che lo hanno colpito. Con le Rondinelle è arrivata anche la sua prima gara da titolare post quarantena.

LEGGI ANCHE: Torino, chi gioca contro l’Inter? Senza Zaza, Longo costretto a cambiare

TITOLARE – Con l’Inter dovrebbe arrivare la seconda. Una scelta comprensibile, proprio in virtù di quell’importanza che dal suo arrivo ha ricoperto nella rosa granata. Da ex a San Siro Ansaldi, dunque, potrebbe trovare continuità. Non è da dare per scontata la sua presenza dal primo, visto che Longo potrebbe optare anche per Ola Aina. Ma nonostante ancora qualche dubbio sussista, l’argentino è favorito.

LEGGI ANCHE: Torino, gli highlander di Longo: è Meité il più utilizzato dopo la sosta

SERVE IL MEGLIO – Contro l’Inter, però, servirà un Ansaldi diverso. Contro il Brescia l’esterno è sembrato particolarmente in difficoltà, tanto da non essere efficace come sempre nell’uno contro uno, in particolare durante il primo tempo. Anche in fase difensiva il Brescia ha trovato molto spazio sulla sua fascia, specie nel primo tempo, poi nella ripresa – anche grazie un accorgimento tattico in corso d’opera – le cose sono migliorate. Difficoltà comprensibili, perché sicuramente è complicato trovare in fretta le condizioni fisiche migliori. A San Siro però serve il miglior Ansaldi possibile. Le sue qualità possono aiutare il Torino a creare grattacapi ai nerazzurri, che nelle ultime uscite sono sembrati in difficoltà. Se l’argentino farà vedere cosa sa fare con il pallone tra i piedi, allora i granata acquisiranno possibilità di ottenere punti, anche perchè nell’Inter a destra gioca solitamente Candreva, non un drago in fase difensiva. L’impegno messo da Ansaldi contro il Brescia è stato il primo segnale, ora si deve rivedere tutto il suo talento. Il Toro ne ha bisogno.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy