Torino, Longo è l’occasione di Edera: ora il canterano deve rilanciarsi

Focus on / Il classe 1997 è già stato allenato dal tecnico ai tempi della Primavera, con il quale ha vinto uno scudetto e una Supercoppa

di Marco De Rito, @marcoderito
edera

Simone Edera può riabbracciare Moreno Longo dopo i trascorsi che i due hanno avuto insieme nella Primavera del Torino. Sotto la guida del tecnico il classe 1997 ha vinto Scudetto (memorabile il calcio di rigore decisivo contro la Lazio) e Supercoppa Primavera e adesso cerca di potersi rilanciare anche con la prima squadra, all’età di 23 anni, dopo aver collezionato solo due presenze in questa stagione e sette in quella precedente, trascorsa a metà tra Toro e Bologna (in prestito). Edera è l’unico giocatore della rosa attuale che Longo ha già allenato e il tecnico per l’attaccante rappresenta un’occasione imperdibile per il rilancio personale.

IL RAPPORTO – Con Longo in panchina, Simone ebbe numeri importanti nella Primavera. A cavallo tra la stagione 2014-15 e 2015-16 ottenne 61 presenze e 18 gol conditi da 7 assist, da attaccante esterno destro prima del 4-2-4 e poi del 4-3-3. Longo con Edera si è sempre appellato alla regola del “bastone e carota”: l’ha sempre ritenuto un ottimo talento che però tende a “sedersi” ed accontentarsi, specchiandosi nelle sue doti. Sicuramente il carattere di Edera è sempre stato particolare, ma Longo sa perfettamente come gestire il ragazzo. “Conosco le qualità di Edera (e Millico), ma sarà lui a dovermi dimostrare di meritare una maglia da titolare”, ha detto Longo nella conferenza stampa di presentazione.

Leggi anche: Torino, cinque motivi per cui Longo può essere l’uomo giusto

LA CHANCE – L’allenatore del Toro è conosciuto per le sue doti di motivatore e probabilmente è anche per questo che il Torino ha scelto lui per sostituire Walter Mazzarri. Alla squadra serve una scossa e con la sua grinta Longo può trasmetterla. Questo ragionamento si può fare anche per i singoli e per Edera questa è un’imperdibile occasione di rilancio. Dopo un ottimo impatto in prima squadra ai tempi di Sinisa Mihajlovic si è un po’ perso, anche a causa dei diversi problemi fisici che lo hanno fermato nell’ultimo anno. Adesso arriva Longo: il tecnico si appoggerà anche sul suo ex giocatore, che potrebbe avere l’opportunità di diventare protagonista come mai è stato in Serie A.

7 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Paul67 - 9 mesi fa

    Nn riesco a dire quello che penso in questo forum se critico il comemento di solito nn parte. Se scrivo banalità tipo FVCG parte subito, strano.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. FORZA TORO - 9 mesi fa

      sciocchezze

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Paul67 - 9 mesi fa

    Forum Bulgaro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Paul67 - 9 mesi fa

    Con Edera e Millico Champions garantita, FVCG.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Thor - 9 mesi fa

    “Canterano” mi sa che si dice in spagnolo per il prodotto del vivaio, ma in italiano significa cassettiera. E in Toscana suona simile a “càntero” (pitale, vaso da notte)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. maxxx - 9 mesi fa

    Per “canterano” si intende “prodotto del vivaio Granata”? Perché non usare l’italiano, che è una splendida lingua?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Simone - 9 mesi fa

    Speriamo si spettini un poco.
    Vorrà dire che si è impegnato

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy