Torino, mediana in emergenza: Bremer e Lyanco possibili mosse a sorpresa

Torino, mediana in emergenza: Bremer e Lyanco possibili mosse a sorpresa

Focus on / Meité e Lukic titolari, ma in caso di “brutte sorprese” Mazzarri ha provato soluzioni alternative

di Andrea Calderoni

Toro con gli uomini contati a metà campo questa sera alle 20.45 contro l’Atalanta. Baselli non è stato convocato, Rincon è squalificato e così le scelte sono alquanto ridotte. Lukic e Meité obbligati a giocare tutti e 90 i minuti per sopperire alle numerose assenze. Il loro sarà un compito alquanto delicato, perché di fronte avranno uno dei centrocampi meglio organizzati della Serie A. Walter Mazzarri ha, comunque, sperimentato qualcosa di alternativo nel corso della settimana in modo tale da far fronte a qualche eventuale “brutta sorpresa”, come ha peraltro ammesso lo stesso tecnico toscano nel corso della conferenza stampa della vigilia.

LYANCO IN MEDIANA – Nel caso in cui Meité o Lukic non dovessero durare 90 minuti per stanchezza oppure per qualche acciacco fisico una soluzione ipotizzabile è la seguente: Lyanco in mediana. Il brasiliano, infatti, è dotato della fisicità e della qualità tecnica necessarie per poter assolvere il compito in casi di emergenza. Chiaro che sarebbe solamente una mossa dettata dalla clamorosa penuria di centrocampisti per la gara contro i bergamaschi (non dimentichiamoci, infatti, dell’assenza anche di Ansaldi, uomo che in mediana ha già giocato svariate volte, soprattutto nel ruolo di mezz’ala nel centrocampo a tre). Lyanco non dovrebbe, a meno di sorprese, partire titolare in difesa e potrebbe essere preservato non soltanto per la linea difensiva, ma anche per un eventuale ricambio nel cuore del campo.

La probabile formazione del Torino: scelte quasi obbligate per Mazzarri

LAXALT E BREMER? – L’altra soluzione che potrebbe essere proposta da Mazzarri è proporre Bremer esterno a sinistra con Laxalt spostato in mezzo. Anche l’uruguaiano stasera sarà determinante per il Torino, complice le assenze congiunte di Aina (squalificato) e del già ricordato Ansaldi. Laxalt partirà quasi sicuramente sulla fascia di sinistra dal 1’, ma in caso di necessità ha dimostrato (con successo contro il Bologna, decisamente meno contro il Sassuolo) di poter essere utilizzabile a centrocampo. Se dovesse scalare in mezzo il sudamericano, sarebbe pronto sulla corsia di sinistra Bremer, uomo che garantirebbe indiscutibilmente meno spinta ma più copertura. Infine, non bisogna dimenticare che l’altra soluzione per rinfoltire il centrocampo è Adopo, convocato da Mazzarri dopo l’esordio a Roma dello scorso 5 gennaio.

7 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. miele - 6 mesi fa

    Si, magari con 4 stopper riusciremo a strappare uno 0 a 0.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. miele - 6 mesi fa

      Acc. Me ne sono scordato uno. Così sarebbero 5. Ancora meglio!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Granata - 6 mesi fa

    Io cambierei leggermente schieramento tattico ed inserirei Bremer o Lyanco a marcatura fissa a tutto campo su Gomez.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. ghiry7 - 6 mesi fa

    La miopia della societá nel non vedere la pochezza e la scarsa qualitá del nostro centrocampo è secondo me sconcertante, a maggior ragione quando si combinano infortuni e squalifiche (e prima o poi a tutte le squadre succede in un campionato).
    Detto questo speriamo in un miracolo stasera e forza Toro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. AppianoGranata - 6 mesi fa

    Che casino…!
    Comunque sempre Forza Toro e buon weekend a tutti Voi intrepidi e pazienti Fratelli Granata.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. crew_389 - 6 mesi fa

    Cosa ci tocca leggere!! Non è una critica a chi ha scritto l’articolo, ma bensì alla società!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Carlin - 6 mesi fa

    Se tutto va bene,siamo rovinati. Grazie Mazzarri

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy