Torino, Sanabria lavora per mettersi al pari dei compagni: e col Sassuolo…

Aggiornamento / Il paraguaiano è rimasto isolato in una stanza d’albergo per tre settimane, ha bisogno di un lavoro atletico supplementare: contro il club neroverde, sua ex squadra, partirà dalla panchina

di Lorenzo Chiariello, @lorechiariello

Sono passati ormai ben 22 giorni dall’arrivo di Antonio Sanabria a Torino. Eppure, il paraguaiano ha potuto mettere piede al Filadelfia e toccare il suo primo pallone insieme ai nuovi compagni solamente nella giornata di ieri. Dopo più di tre settimane di isolamento, a causa della sua positività al coronavirus, il 19 del Toro ora è sicuramente pronto e determinato a mettersi a disposizione di Davide Nicola, che tanto l’ha voluto alla sua corte. Sanabria scalpita, ma prima si trova di fronte ad un passaggio obbligato per poter rendere al 100% e dare un contributo importante alla causa salvezza.

RECUPERO – Il lungo periodo di inattività dovuto alla quarantena avrà infatti, per forza di cose, fatto calare la condizione fisica dell’attaccante. Sanabria infatti ha raccolto la sua ultima presenza in una gara ufficiale il 26 gennaio scorso, ancora con la maglia del Betis, in occasione del 2-2 in casa della Real Societad. Chiaramente dunque, sarà necessario che il paraguaiano svolga un programma atletico supplementare e costruito appositamente sulle sue  caratteristiche e sul suo stato di forma attuale, in modo tale che possa ritrovare la forma ideale. Proprio quello che sta facendo Sanabria in questi giorni al Filadelfia.

Sanabria
Sanabria e la famiglia (foto tratta da Instagram)

A DISPOSIZIONE – Il paraguaiano sarà quasi certamente a disposizione di Davide Nicola per la gara casalinga  contro il Sassuolo di Roberto De Zerbi, in programma per venerdì 26 alle 20:45. Singolare che la prima serata granata di Sanabria arrivi contro il club che per primo lo ha accolto in Italia: era il gennaio 2014 quando il paraguaiano arrivò giovanissimo ai neroverdi dal settore giovanile del Barcellona, grazie a un’operazione svolta in sinergia con la Roma. Sanabria in neroverde trovò solo due presenze prime di approdare in giallorosso l’estate successiva. Sette anni dopo Sanabria rivedrà il Sassuolo ma è davvero difficile che possa scendere in campo da titolare. Molto più plausibile invece, un suo ingresso a gara in corso, anche se il tecnico granata dovrà fare le necessarie valutazioni riguardanti il minutaggio che Sanabria potrà sostenere. Certamente, la possibilità di poter finalmente vedere in campo un volto così atteso, potrebbe avere un effetto positivo sull’intero spogliatoio e il conto alla rovescia è già iniziato.

14 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. fabio.tesei6_13657766 - 2 settimane fa

    Adesso non vedo l’ora che arrivi la prossima partita, credo e spero che questo accada anche alla squadra.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. rolandinho9 - 2 settimane fa

    Per me Sanabria è stato un acquisto azzeccatissimo, quindi non vedo L ora di vederlo in campo per vedere se è come penso.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. mane.granata - 2 settimane fa

      Concordo in pieno. Ripeto che, a mio parere, è il partner giusto per il Gallo: tecnico, intelligente e grintoso.:-)..e sa stoppare la palla

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Tommydado - 2 settimane fa

    Se nicola l’ha voluto non può che far bene….sicuramente contro il Sassuolo non partirà dall’inizio sarebbe anche giusto premiare bonazzoli secondo me

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Kieft - 2 settimane fa

    Contro il Cagliari fino al goal di bremer non abbiamo tirato in porta …..mentre il Cagliari è stato pericoloso

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Tommydado - 2 settimane fa

      Si è vero e c’erano 2 rigori a favore del cagliari ….rivogliamo il maestro che ci riporti il suo gioco e il suo modulo così con nicola finiremo sicuramente in B 7 punti in 5 partite ancora imbattuti dal suo arrivo non ci siamo noi veri tifosi del toro vogliamo di più

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Kieft - 2 settimane fa

        Senza giocatori di qualità non arrivi a livello delle prime 7 ….Nicola o Giampaolo cambia poco se battiamo le punizioni con belotti e non tiriamo in porta ….. potrà non piacere ma questa è verità

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. skrunk - 1 settimana fa

          Certo, i giocatori son quelli, Belotti è un giocatore fantastico ma non è la sua qualità migliore battere le punizioni, sarebbe meglio farle battere ad es., ad Ansaldi, Baselli o al limite, a Rodriguez, quando e se scende in campo

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. abatta68 - 2 settimane fa

    Io spero davvero che sto ragazzo riesca a funzionare a fianco di belotti perché ne abbiamo proprio bisogno. La lotta salvezza è appena iniziata e prima ci salviamo e meglio è….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Gallochecanta - 2 settimane fa

    Possiamo mettere in isolamento Zaza finonalla fine del campionato?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. gianTORO - 2 settimane fa

    redazione…scusate ma siete proprio dei fenomeni. usate la stessa foto con la maglia del Genoa (che tra l’altro avete messo subito sopra…dei geni…) con un semplice ritocco tipo photoshop virato in granata…dai su. questo è da dilettanti. mi aspetto di più da voi onestamente.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. lake - 2 settimane fa

    Sono più che speranzoso che farà bene,certo avrà bisogno di giocare qualche partita per ritrovare il ritmo.Vai Tonny!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Toro71 - 2 settimane fa

    Speriamo che possa giocare già contro il Sassuolo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. gianTORO - 2 settimane fa

      io vorrei vedere prima come si trova col Gallo in allenamento…non potendo mi fido di Nicola.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy