Torino-Genoa 0-0, le statistiche: per i granata solo un’occasione da rete

I numeri del match / I numeri dell’ultima sfida che ha visto impegnati gli uomini di Davide Nicola all’Olimpico Grande Torino contro i liguri

di Lorenzo Chiariello, @lorechiariello

Ancora un pareggio per il Torino, che centra il quarto punto consecutivo sotto la gestione di Davide Nicola, ma che rinvia per l’ennesima volta l’appuntamento con la prima vittoria casalinga di questa stagione. Secondo i dati del match diramati dalla Lega Serie A, si è trattato di un pareggio tutto sommato giusto. La gara contro il Genoa di Ballardini è trascorsa in sostanziale equilibrio sin dal fischio d’inizio. Lo testimonia per esempio il dato relativo al possesso palla: 48% la percentuale gestita dai granata, 52% quella controllata dai liguri.

TURIN, ITALY – FEBRUARY 13: Torino FC players and staff form a team huddle following the Serie A match between Torino FC and Genoa CFC at Stadio Olimpico di Torino on February 13, 2021 in Turin, Italy. Sporting stadiums around Italy remain under strict restrictions due to the Coronavirus Pandemic as Government social distancing laws prohibit fans inside venues resulting in games being played behind closed doors. (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)

PRODUZIONE – Il perchè nessuna delle due squadre sia riuscita a prevalere al termine dei 90′ risulta chiaro andando ad analizzare poi i numeri riguardanti le manovre offensive portate verso l’area avversaria. Il Torino ha prodotto 38 azioni d’attacco, il Genoa invece 30. Di queste però, i granata sono riusciti a sfruttarne, andando al tiro, solamente 10, centrando lo specchio difeso da Perin appena 2 volte. Più o meno si può dire lo stesso per gli uomini di Ballardini, che hanno calciato soltanto 6 volte, di cui 3 verso la porta di Sirigu. Insomma, non ha tutti i torti Nicola quando dice che le due squadre si sono annullate, anche se le occasioni più nitide (tra cui il palo di Zappacosta) sono state per il Grifone.

CONCRETIZZARE – Delle poche conclusioni effettuate da Belotti e compagni, appena una è intesa come chiare occasioni da gol, poca cosa anche se si considera che il Grifone ne ha prodotte due. Infatti, per la situazione di classifica e per il fatto che si giocava a Torino, ci si poteva aspettare che fossero i granata a fare qualcosa di più per vincere la partita. Di fronte a questi dati, appare ancora più chiaro quanto l’altalenante rendimento del reparto offensivo, per un Toro che per salvarsi deve necessariamente cominciare a vincere soprattutto scontri diretti come quello con i rossoblù, sia un vero problema. Sarà dunque compito di Nicola riuscire a trovare la quadra, anche se il tempo a disposizione del tecnico granata è sempre meno.

4 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. lake - 2 settimane fa

    Servirebbe un trascinatore, tipo Jose Franco Ramallo..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. come un pugno chiuso - 2 settimane fa

    meno cerchi e più tiri in porta please !
    e più corsa, più velocità, molto meno Zaza !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Toroatene - 2 settimane fa

    Giocasse Bonazzoli!
    Altre sette reti vinciamo qualche partita e UC dovrà sborsare 8 milioni.
    Vinciamo su tutta la linea

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Simone - 2 settimane fa

    “politica dei piccoli passi”
    (Cit.)

    In fondo giocavamo in casa con il Real Genoa, giusto non provare a vincerla…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy