Torino-Genoa 1-0: ecco il regalo di Natale di Belotti

Torino-Genoa 1-0: ecco il regalo di Natale di Belotti

Finale dallo stadio / Il numero 9 porta tre punti sotto l’albero granata. Difesa più solida, ma per Miha ancora tanto lavoro da fare

di Marco Parella

Primo tempo a reti bianche, ma sono i granata a dover ringraziare Hart e Rossettini. Gli uomini di Mihajlovic sono apparsi timorosi e incerti su tutti i palloni, regalandone alcuni a un buon Genoa e sprecandone altri calibrando male l’ultimo passaggio. L’inizio della ripresa sembra sulla falsa riga dei primi 45′ e sono subito i liguri a mancare un’occasione nell’area piccola. Al minuto numero 4, però, spunta ancora una volta la cresta di Andrea Belotti che su una punizione dalla sinistra di Ljajc sbuca alle spalle dei difensori rossoblu e insacca l’1-0 colpendo di destro sottoporta.

Al 52esimo Barreca si frappone al tiro di Ninkovic, sul corner che ne segue Hart esce coi pugni, Laxalt prova da fuori area ma non trova la porta. Passano tre minuti e si sveglia anche Iago Falque: percussione dalla destra e conclusione piazzata sul palo lontano, fuori di nulla. Poco prima dell’ora di gioco Belotti si libera con un numero di alta scuola e punta verso l’area rossoblu. Viene atterrato al limite, ma l’arbitro Maresca non fischia, tra le proteste di tutti lo stadio. Hart si fa trovare pronto e reattivo sulla conclusione insidiosa di Ninkovic, il migliore tra i suoi.

Nella parte centrale del secondo tempo il Toro controlla bene, con più convinzione e un pressing ben orchestrato da centrocampisti e attaccanti. Mihajlovic sostituisce Obi con Baselli, Juric manda dentro un altro attaccante, Pandev (era già entrato Gakpè), per Ninkovic. Il macedone si fa notare all’81esimo per un tiro centrale fermato in due tempi da Hart. Poi è addirittura Iago Falque a immolarsi scivolando sul tiro di Gakpè lasciato colpevolmente solo. Entra anche Acquah per un Benassi oggi molto impreciso.

A 5′ dalla fine Baselli si incunea bene in area, ma la sua conclusione è intercettata in extremis da un difensore. Il Genoa prova a ripartire, ma la difesa granata offre una prova più convincente e solida delle ultime uscite. Juric tenta il tutto per tutto e il suo è un cambio storico: esce Rincon ed entra il classe 2001 Pietro Pellegri, che eguaglia il record di Amedeo Amadei come giocatore più giovane ad esordire in Serie A. Nel recupero Belotti di tacco lancia Ljajc che viene rimontato all’ingresso in area di rigore, arriva ancora il Gallo che viene però ipnotizzato da Lamanna in uscita. Grande occasione per il raddoppio granata.

Il Toro chiude in attacco tenendo il pallone lontano dalla propria porta e si regala un Natale senza troppi patemi. La pausa dovrà servire a Mihajlovic per lavorare sui problemi che ancora ha il suo Torino.

12 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. sergio.attil_789 - 4 anni fa

    Non abbiamo più gioco di squadra;in attacco ognuno per se; il centrocampo è sempre dominato dagli avversari, che corrono di più e arrivano prima sul pallone.Non abbiamo un centrocampista di fondo e di qualità.Forse con gli acquisti di gennaio , bisognerebbe pensare al 4-4-2.Belotti se fosse ben servito farebbe il vuoto, ma deve cantare e portare la croce.Mihailovic non convince e spesso fa scelte cervellotiche che invariabilmente non portano a nulla.Basta inserire Max negli ultimi minuti che va dare fastidio a Belottie non conclude una mazza.Meglio boyè che torna e aiuta il centrocampo.Sergio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Guido - 4 anni fa

    a me invece il regalo di belotti mi è piaciuto, mi sono piaciuti i tre punti e finalmente abbiamo smesso di perdere…. Buon Natale Gobbo Maiale, e a tutti i tifosi del TORO

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. miele - 4 anni fa

      Volevo dire che i 3 punti non sono l’aspetto più importante se non sono supportati dalla qualità della squadra, senza la quale prima o poi vai a sbattere.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. miele - 4 anni fa

        P.S. Se poi ti riesce di non insultare il prossimo sarà un passo avanti sul cammino della moderazione e della civiltà nei rapporti con gli altri.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Guido - 4 anni fa

          per via del gobbo maiale?

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. miele - 4 anni fa

            Certamente. Buon Natale.

            Mi piace Non mi piace
  3. bertu62 - 4 anni fa

    Abbiamo sofferto, vero? Ma d’altra parte un po’ce lo aspettavamo, diciamoci la verità!! Ma la cosa importante è che abbiamo portato a casa l’intera posta!! E non è cosa da poco!! L’altra cosa che è emersa piuttosto chiaramente è stata la nostra condizione….. Ed un po’ era scontato, avendo giocato secondo me tutta la prima parte di questo girone a tutta birra!! E questo un po’ perché non c’erano alternative (leggere “panchina”…) ed un po’perché era importante mettere fieno in cascina (leggere “fare punti”..) sfruttando l’onda dell’entusiasmo!! Ed ora….BUON NATALE GENTE DEL TORO!!! BUON NATALE GENTE GRANATA!!!! FVCG!!! SEMPRE!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. miele - 4 anni fa

    Come regalo non mi è piaciuto per niente. La sola cosa positiva sono i 3 punti. Non raccontiamoci favole. In metà campionato abbiamo giocato bene 5 partite su 18. I motivi sono noti e sono legati alla scarsa qualità dell’organico voluta dalla società. A questo si aggiunge la sopravvalutazione data a Mihailovich che, purtroppo si sta rivelando peggiore di quello che si sperava.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Guido - 4 anni fa

      “senape” ti si addice di più come nick che “miele”

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. miele - 4 anni fa

      Mi è piaciuto Belotti, non il resto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. claudio sala 68 - 4 anni fa

    Ottavi nonostante 3 sconfitte consecutive. Buon natale a tutti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. bertu62 - 4 anni fa

      Esatto!!! Grande!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy