Torino: Giampaolo insiste sui valori morali, ma non dovrebbe essere già tutto chiaro?

Focus / Il tecnico ha portato come esempi positivi i casi di Edera, Meité e Buongiorno, forse un modo per spronare chi ancora non sta dimostrando abbastanza

di Roberto Ugliono, @UglionoRoberto

Sono passate 12 giornate, con quella di oggi saranno 13, dall’inizio del campionato e Marco Giampaolo ha ancora bisogno di insistere sui valori morali. Negli ultimi interventi davanti ai microfoni il tecnico granata ha spesso sottolineato l’importanza dell’impegno negli allenamenti, della disponibilità e della continuità. Un leitmotiv presente anche nell’ultima conferenza. Ha sottolineato la necessità di spremersi fino all’ultima goccia di sudore, di mettere gli interessi generali al di sopra di quelli personali, di reagire da professionisti dopo le esclusioni per scelta tecnica. Cose che dovrebbero essere scontate alla 13esima giornata, a maggior ragione se si parla di una squadra di professionisti.

MORALITÀ – Proprio per questo motivo fanno pensare le parole di Giampaolo. Su Edera è stato chiaro, per esempio. Il canterano non si è sempre allenato con questo spirito, ma lo fa “da più di un mese a questa parte“. E, vista l’insistenza nell’esprimere questi concetti, viene da supporre che forse ci sono altri giocatori che non si stanno facendo notare in senso positivo. Può essere dunque che con queste parole Giampaolo voglia richiamare all’attenzione chi non gli sta dando abbastanza. Sicuramente voleva lodare l’atteggiamento di Edera, ma forse è ancora più importante ergerlo a modello.

TURIN, ITALY – NOVEMBER 26: Simone Edera (R) of Torino FC in action agsainst Federico Bonini of Virtus Entella during the Coppa Italia match between Torino FC and Virtus Entella at Stadio Olimpico di Torino on November 26, 2020 in Turin, Italy. (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)

CONTINUITÀ – Ora Edera può essere funzionale, perché “si allena bene da più di un mese e la fiducia è la conseguenza“. E non è l’unico. Ci sono altri due modelli di continuità nella squadra. Senza che gli venisse fatta alcuna domanda, Giampaolo ha menzionato anche Buongiorno come esempio positivo: “Lui ha esordito a Roma, ma non l’ho mandato allo sbaraglio, perché sapevo che avrebbe fatto una buona partita, visto che i segnali mi arrivano“. Parole al miele anche per Meité che “è un professionista eccellente. Non ha mai saltato un allenamento e si è sempre allenato con serietà e impegno“. E su Sirigu? “Ha reagito da professionista vero dopo l’esclusione: non si è lamentato, non ha fatto polemica, è stato zitto e ha lavorato”. La sincerità di Giampaolo è indiscussa e per questo non viene da dubitare delle sue parole. Forse ha bisogno di enfatizzare questi concetti perchè qualcuno non sta dando il massimo? La sensazione è proprio questa e forse il tecnico sta cercando di spronare chi non lo sta soddisfacendo a fare di più.

25 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. OldBull - 1 mese fa

    Oggi vinciamo, punto!
    Se non vinciamo… virgola!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Bacigalupo1967 - 1 mese fa

      Se perdiamo punto e a capo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. eurotoro - 1 mese fa

    avevo fiducia in giampaolo ma anche lui ha cambiato in continuazione la difesa togliendo certezze = 30 gol subiti! mai avrei immaginato tutto questo! addirittura difesa a 4 poi a 3…chiunque viene qui ad allenare tempo un mese o due e si rincoglionisce!…oggi la perdiamo non perché manca il regista .ma perche’ dopo 3 mesi non sappiamo chi sono i 2 difensori centrali titolari! = 30 gol subiti!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Mimmo75 - 1 mese fa

      Non fermarti a un’analisi superficiale. Se chiunque venga qua dopo due mesi rincoglionisce ci sarà un motivo!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Mimmo75 - 1 mese fa

    Mi ha fatto molto piacere vedere come è entrato in partita Edera e prendo felicemente atto che da un mese circa si allena bene. E infatti il mister lo ha messo in campo. Sarebbe bello che chi criticava Giampaolo perché non schierava i canterani (e per lo stesso motivo anche Mazzarri ma non Longo – strano!) ora ammettesse che il mister aveva ragione, visto lo scarso impegno. Allo stesso modo, chi continua a smerdare N’Koulou perché non onora lo stipendio che percepisce, ora dovrebbe chieder conto a Edera del perché per 5 mesi cazzeggiava invece di allenarsi bene.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Mimmo75 - 1 mese fa

      Ha cazzeggiato, non cazzeggiava

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Bacigalupo1967 - 1 mese fa

      Diranno….colpa di Mazzarri…che traumatizzata i canterano e che solo ora si stanno riprendendo dalle vessazioni del tecnico livornese

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Mimmo75 - 1 mese fa

        Non c’è bisogno che rispondano, il motivo è lampante da oltre un anno e il diverso trattamento riservato a Longo che i canterani li ha sbattuti in tribuna ne è la conferma. L’avessero fatto Mazzarri o Giampaolo ne avrebbero chiesto la tortura in pubblica piazza con successiva decapitazione

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Bacigalupo1967 - 1 mese fa

          Non dimenticare il cappio.
          Amaramente FVCG

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Toro75 - 1 mese fa

    In questo sito continui a leggere commenti positivi di certi compagni granata che poi al termine delle partite sistematicamente postano messaggi di sconforto totale (giustamente) anche perche io non vedo niente di positivo da 12 giornate …sarebbe il caso di stare con i piedi per terra sempre e constatare la nostra vera situazione
    Disperata

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. faina76 - 1 mese fa

    Millico ed Edera Longo li ha messi fuori per motivi disciplinari,si sentivano così bravi da rifiutare alcuni allenamenti. Ai tempi di Ferrini e Cereser qualcuno li avrebbe appesi all’armadietto. La scuola di Parigini ha avuto i suoi effetti. Quando difendiamo a spada tratta i nostri giovani,pensiamo anche a queste cose.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Mimmo75 - 1 mese fa

      Bravissimo. Ma non ce l’ho neanche più di tanto con i giovani quanto con la società che se ne fotte di trasmettere determinati valori.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. faina76 - 1 mese fa

        Giusto. Sono d’accordo con te.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Bucci-ole-ole - 1 mese fa

    Sarò naif ma Metterci impegno e grinta dovrebbe essere il minimo sindacale, evidentemente qui bisogna ricordarlo tutte le volte a (quasi) tutti. Non ha saltato nemmeno un allenamento? Perché, si possono saltare?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Messere Granata - 1 mese fa

    La Squadra ha dei limiti tecnici. Se vengono meno anche la grinta e l’impegno non resta più nulla. Neanche la speranza. Fino alla fine dovremo giocare, di volta in volta, la partita della “disperazione”. Solo i veri Uomini sanno soffrire. Gli “altri”, invece, ridono. È ora di combattere per la sopravvivenza. Pregansi astenersi “Fighette e Megalomani”. Grazie.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. PotenzaGranata - 1 mese fa

    Gli unici valori a cui sono sesibili il 90% di questi mercenari sono quelli accreditati a fine mese sui loro conti correnti.

    Ben vengano Edera, Buongiorno, e direi anche Bonazzoli, insieme al Gallo e, forse, qualcun altro.

    Tutto il resto è solo zavorra da eliminare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. bordeauxgranata - 1 mese fa

    Quanto mi tirerebbe il culo retrocedere per i capricci di qualcuno, in una serie A mostruosamente scarsa: sto guardando tantissime partite e non ricordo un campionato così povero di contenuti tecnici

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Lemmy - 1 mese fa

      Condivido quello che dici, da tempo sostengo che almeno 10 squadre sono di una modestia disarmante, ieri visti strafalcioni in difesa da Parma e Spezia da paura. Retrocedere quest anno sarebbe veramente un sintomo, che già c’è ovviamente, di pochezza societaria e tecnica. Giampaolo è veramente l’ultimo dei responsabili (avevo indicato i giocatori addirittura più della società) ma allora deve provare a far vedere il suo calcio, se vuole che diventi anche il nostro.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Lemmy - 1 mese fa

        Mi scuso con lo Spezia, intendevo Crotone

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Bacigalupo1967 - 1 mese fa

    Sinceramente leggere “Edera è da 1 mese che si allena bene” mi fa leggermente girare le scatole, il campionato è iniziato il 19 settembre…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. tric - 1 mese fa

    Parole al miele per Meité: miele di castagna, cioè amaro! Se anziché il parroco facesse l’allenatore sarebbe meglio; meglio ancora altrove!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Daniele abbiamo perso l'anima - 1 mese fa

    Ho il terrore di assistere all’ennesima prestazione moscia di alcuni giocatori che puntualmente è avvenuta dopo una prestazione discreta come contro la Roma, dove a mio parere non meritavamo di perdere. Al netto degli “errori arbitrali “ e dei tiri in porta.
    Però sono anche un po’ fiducioso perché concordo con le parole di Gianpaolo, quando dice che questo tipo di partite decisive, seppur in un contesto sportivo drammatico, sono belle da giocare.

    Insomma, quando il gioco si fa duro i duri iniziano a giocare.
    E oggi direi che ci sono tutti i presupposti perché sia un buon giorno per morire, o per rinascere.
    Forza !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Héctor Belascoarán - 1 mese fa

      Bel commento, sopratutto la parte finale.
      Penso anch’io che oggi sia quel giorno in cui si darà l’indirizzo definitivo a questa stagione.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. rolandinho9 - 1 mese fa

        Se posso scollegarmi dal coro fratelli granata io penso che oggi vinceremo perché è il 27 compleanno del gallo che sta in stra forma e la squadra che avremo di fronte è piena zeppa di assenti e molto debole. Un indirizzo alla stagione oggi lo dai,forse, solo se vinci 3-0 ma in generale direi che il segnale di avvenuta crescita lo mandi se torni da Napoli con punti, è in quelle partite che vedi chi sei, non col Bologna, guardate il Verona con le big fa sempre punti e questo gli ha fatto assumere una consapevolezza incredibile, poco gli cambia battere il Benevento o no.
        Oggi 3-0 per cominciare e poi bloccare il Napoli per iniziare il 2021 al meglio

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. ToroNelCuore - 1 mese fa

          Ottimista. Purtroppo, fratello granata, è andata in maniera diversa.

          Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy