Torino, il pagellone di fine 2020: Milinkovic-Savic 6, due chances a sorpresa

I voti / Il portiere è stato chiamato in causa poche volte, ma non ha mai sfigurato. Sembra anche un po’ sprecato come secondo portiere

di Gualtiero Lasala, @LasalaGualtiero
Calciomercato

Sotto le Feste su Toro News torna l’appuntamento con i pagelloni di fine anno: a ogni giocatore assegneremo un voto che riassuma la prima parte della stagione 2020/2021, ossia il periodo che va da settembre a dicembre. Buona lettura. 


Termina un altro anno, il Toro si riposa prima di ricominciare a correre per riuscire a salvarsi in questa stagione parecchio travagliata. E dopo Salvatore Sirigu, tocca all’altro portiere della squadra granata, ovvero Vanja Milinkovic-Savic. Dopo una prima parte di annata passata allo Standard Liegi (squadra nella quale non è riuscito a scendere in campo con continuità), è tornato al Toro come esubero ma si è ritrovato ad essere anche semi-protagonista, soprattutto nelle ultime gare di campionato e Coppa Italia.

PARTITA TOP – La sua partita migliore di questa parte finale di stagione è quella contro la Roma. Nonostante sia arrivata una sconfitta per 3-1, la sua prestazione è stata senza dubbio convincente. Sicuro tra i pali, ha sfruttato tutti i suoi 202 centimetri per uscire dalle situazioni più spinose. In più è andato vicino anche a parare il rigore a Veretout, sfiorato dalle sue mani. Una gara compromessa dalle decisioni arbitrali nella quale Milinkovic-Savic ha dimostrato di essere un buon portiere.

PARTITA FLOP – Forse si esagera, ma la sua partita peggiore è stata contro il Bologna. In un momento così difficile per il Torino, sarebbe servito un intervento eccezionale per fermare il pareggio di Soriano. Però il giocatore del Bologna ha infilato Savic proprio sotto le gambe, rovinando – anche se solo in parte, va detto – la prestazione dell’estremo difensore di nazionalità serba.

VOTO – Il voto che gli viene dato è un 6, una sufficienza piena e meritata. Quando è stato chiamato in causa, ha sempre risposto in maniera positiva, dimostrando di essere particolarmente partecipe alla causa granata. In alcuni casi anche troppo, se si considera il cartellino rosso che ha rimediato in panchina contro il Cagliari, per aver ecceduto nelle proteste. Ma in ogni caso, Milinkovic-Savic ha dimostrato di essere il degno erede di Sirigu: il portiere si merita un posto da titolare in questa Serie A.

5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. granatadellabassa - 1 mese fa

    @Redazione.
    Quando mai ha preso un rosso?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. pupi - 1 mese fa

    Alcune mancate uscite seppure sia oltre 2 metri e qualche presa a saponetta. Sprecato? Sì, il 6 è sprecato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. renato (quello vero) - 1 mese fa

    Milinkovic mi è simpatico, mi sembra un buon elemento in prospettiva e lo terrei sicuramente come secondo portiere ma dare 6 a lui e 5 a Sirigu?
    Non capisco il metro di giudizio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ilpalodiBeruatto - 1 mese fa

      Sante parole!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. fabrizio75 - 1 mese fa

      perche’ in questa stagione Sirigu e’ da sufficienza secondo te?

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy