Torino, Izzo e la permanenza a sorpresa: ora deve rimettersi in discussione

Focus On / Il difensore granata in quest’ultima sessione di mercato da molti era dato per partente, ma alla fine è rimasto a Torino

di Luca Sardo

La storia tra Armando Izzo e il Torino continua. In pochi lo avrebbero pensato al termine dello scorso campionato, quando da più parti era dato per partente, e addirittura come desideroso di cambiare aria. Ma alla fine il numero 5 granata è rimasto a Torino. Sicuramente ora deve affrontare una situazione del tutto differente rispetto a quella vissuta nelle stagioni precedenti, quando era un perno del Torino. Il cambio di allenatore e il conseguente ritorno alla difesa a quattro lo pongono in una situazione non altrettanto comoda, sebbene lui si mostri come sempre sorridente e determinato nelle foto postate sui social. Con Giampaolo, Izzo è stato schierato con la Fiorentina nel ruolo di terzino destro e in quell’occasione ha consolidato l’opinione di chi sostiene che non sia adeguato per quella posizione. Non a caso, contro l’Atalanta Giampaolo ha poi preferito lanciare subito Vojvoda. Sullo sfondo anche la possibilità di giocare da centrale, ma in questo caso la concorrenza è nutrita: al momento i titolari sono Nkoulou e Bremer, ma in rosa ci sono anche Lyanco e Buongiorno.

FLORENCE, ITALY – SEPTEMBER 19: Armando Izzo of Torino FC in action during the Serie A match between ACF Fiorentina and Torino FC at Stadio Artemio Franchi on September 19, 2020 in Florence, Italy. (Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)

NUOVO RUOLO? – Da sempre Armando Izzo si è affermato nella difesa a tre: sia nel Genoa che nel Toro di Mazzarri e poi di Longo, il numero 5 granata è sempre stato impiegato come terzo di destra di difesa. Dopo la scorsa stagione, molto deludente, molti si aspettavano una sua partenza in questa sessione di mercato, a maggior ragione dopo l’arrivo del nuovo tecnico Marco Giampaolo che utilizza la difesa a quattro. Ma nonostante intorno al giocatore ronzassero diverse squadre – scenario confermato anche dal presidente Cairo – che hanno alimentato tante voci nelle scorse settimane, alla fine Izzo è rimasto a Torino: anche per la valutazione alta del club granata, che gli ha rinnovato solo un anno fa il contratto sino al 2024. Ora però bisogna capire come e quanto Giampaolo utilizzerà il difensore di Scampia, che resta un patrimonio che il club deve tutelare.

FLORENCE, ITALY – SEPTEMBER 19: Armando Izzo of Torino FC in action during the Serie A match between ACF Fiorentina and Torino FC at Stadio Artemio Franchi on September 19, 2020 in Florence, Italy. (Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)

NAZIONALE – In tutto questo c’è anche il discorso Nazionale. A giugno 2021 si giocheranno gli Europei (posticipati di un anno a causa del coronavirus) e Izzo ha tutte le intenzioni di rientrare tra i convocati di Mancini. Ma attualmente le premesse non sono buone: il difensore infatti – come già successo a settembre – per queste tre gare dell’Italia non è stato convocato dal CT azzurro. Certo è che da qui a giugno Izzo avrà tempo per far cambiare idea a Mancini, ma per farlo è necessario avere un posto da titolare nel Torino, cosa che in questo momento è tutto fuorchè certa. In attesa del mercato di gennaio, che potrebbe anche rimescolare le carte.

LEGGI ANCHETorino, da Izzo a Edera: quanti nodi da sciogliere per Giampaolo

22 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. christian85 - 2 settimane fa

    bertu62

    rispetto chiunque dica la sua opinione.. essendo una community dove scambiare pareri e considerazioni… ma per cortesia, quando leggo che al povero Izzo qualcosa non gli è scattato nella testa, una cosa talmente grave da incepparlo…….

    ma talmente grave cosa ? A uno stronzo che prende 1.7 milioni l’anno e prenderci pure per il culo?

    E quelli che prendono a malapena 1000 euro al mese spaccandosi la schiena invece cosa sono? Degli stronzi ?

    Izzo è un ignorante di Scampia e quello è, la natura non si può cambiarla.

    Infame perchè chi ha pagato sono stati i tifosi del Toro a vedere certi scempi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Bastone e Carota - 2 settimane fa

    Il Grande Fallimento, questo è il titolo dell’opera messa in scena da Izzo, per presunzione, poca professionalità e svogliatezza, e dal suo nuovo procuratore, tal Raiola dalli belli dobloni. Quando arrivato quasi in cima, uno si siede convinto che tutto gli sia ormai dovuto, dimenticando chi è stato al tuo fianco e ti ha seguito nella tua travagliata crescita (il vecchio procuratore) e dimenticando la fame che ti ha fatto arrivare dove sei; un mix di genialità autodistruttiva e sventatezza leggiadra.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. pinco pallino - 2 settimane fa

    Secondo me, a gennaio Mino gli troverá una squadra.
    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. mah... - 2 settimane fa

      Evitiamo allora che faccia danni qui…come contro la Fiorentina…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. bertu62 - 2 settimane fa

    Credo che la giusta “chiave di lettura” stia a metà fra quanto detto e quanto invece taciuto, un po’ come in tutte le cose…
    Cosa sappiamo per certo? Sappiamo che rispetto al primo anno di Mazzarri, quello dei 63 punti per intenderci, avevamo una fra le difese meno battute di tutto il campionato, non solo del girone di ritorno, quella stessa difesa che l’anno dopo, cioè lo scorso, fece il record al contrario, fu una delle più perforate e, ATTENZIONE, gli interpreti erano sempre gli stessi! Sappiamo quindi che anche il buon “CarrARMANDO”, il “Guerriero da Toro” ha avuto un blocco, un qualcosa che gli è scattato dentro talmente grave da “incepparlo” però non gli ha impedito di dare mandato al Suo agente, tale Mino Raiola, di cercagli “un’adeguata sistemazione”…
    Sappiamo quindi che il Suo agente NON E’ un ragazzino di primo pelo ma addirittura RE MIDA in persona ma sappiamo anche che non è riuscito nell’intento pur essendoci squadre “bisognose” di un centrale capace (solo) nella difesa a 3, e questo lo sappiamo perché è ancora tra noi…
    Dunque da una parte abbiamo 2 centrali difensivi, Lyanco e Izzo, uno che potrebbe anche giocare in una difesa a 4 (Lyanco) ma che ha manifestato chiaramente l’intenzione di andar via, non GRATIS poco ma sicuro visto quello che è costato subito come cartellino ma soprattutto in termini di pazienza e cure mediche per i Suoi numerosi “acciacchi” senza mai contestargli nulla ma anzi aspettandolo ed aspettando le Sue “performance”, mentre l’altro invece (che gioca molto bene sui Social ma un pochino meno sul campo…) sembrerebbe meglio disposto alla permanenza (contratto in scadenza 2024 a 1.5Mio/Anno, lo sarei ANCH’IO…) però è quello meno on grado di effettuare i movimenti giusti in una difesa a 4, e visto com’è andato quando è stato provato come terzino direi neppure lì….
    Quindi la domanda, implicita nel titolo dell’articolo, è legittima e sacrosanta: Armando Izzo HA VOGLIA di ri-mettersi in discussione, oppure “tirerà a campare” in attesa che Raiola trovi una squadra che lo voglia e che si disposta a pagare il giusto e che a Lui vada bene?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Carlino - 2 settimane fa

    Un buon difensore e professionista in serie A si deve saper adattare ad ogni modulo!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. abatta68 - 2 settimane fa

    …e io invece penso che alla fine o due centrali saranno Izzo e nkoulou…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. user-15012334 - 2 settimane fa

    Izzo è un giocatore con lo vero spirito del Toro, un combattente ed un vero professionista, svenderlo perché non rientra nei piani mi sembra una follia, cercherei di farlo entrare nelle rotazioni dei 2 centrali e se proprio non si adatta, cederlo a 15/20 milioni a gennaio (da reinvestire nel regista) ad una squadra con la difesa a 3

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. tafazzi - 2 settimane fa

      Ma chi te li da 15/20 milioni? In Italia può fare comodo solo all,inda e forse all’Atalanta. Tutte le altre giocano con 2 centrali.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. pupi - 2 settimane fa

    L’uomo dalle tre fiammelle giallorosse……

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. mah... - 2 settimane fa

      E non ha neanche la dignità di scusarsi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. TOROPERDUTO - 2 settimane fa

    Pensa quanto potrà giocare bene

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. martin76 - 2 settimane fa

    La vicenda Izzo è uno dei capolavori, non l’unico eh, di questa sessione di mercato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. rolandinho9 - 2 settimane fa

    Comunque per gennaio prendi nota Vagnati e inizia a trattare il regista buono è SERGI DARDER, valutato 8 milioni, attualmente in b spagnola con L Espanyol quindi lo porti via, ex under 21 spagnola, ora ha 26 anni. Sembra un Borja Valero giovane con maggiori capacità offensive. Roba da salto di qualità.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Carlino - 2 settimane fa

      Com’è che gioca in seri B?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. rolandinho9 - 2 settimane fa

    Se avesse mai smesso di farlo sarebbe un … .
    Personalmente credo molto in Izzo, anche se i posti dietro sono limitati e siamo lunghissimi. Di fatto se gioca al suo top anche se preferisce la difesa a 3 uno dei 4 posti dietro è suo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Emilianozapata - 2 settimane fa

    Tutti lo volevano (secondo il suo procuratore, presumo) e poi…Mi sorge spontaneo un dubbio: non è che sia scarso?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. maccabee - 2 settimane fa

    elemento da incatenare in tribuna!
    Al Toro non serve! e la società non si deve neanche preoccupare di tutelarne il valore: ci penserà il suo potente procuratore a piazzarlo a gennaio, senza perdere troppo denaro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Veyser - 2 settimane fa

      Perfettamente d’accordo, la rovina del calcio sono i procuratori e questo è un caso lampante… tribuna fino a gennaio vedi come il procuratore si muove e trova chi lo compra…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. rolandinho9 - 2 settimane fa

        Noi non siamo nello spogliatoio ne al fila, se si allena al top ed è umile con gli altri e L allenatore non vedo perché non debba giocare, a livello qualitativo se in forma dietro è il migliore. A 4 forse lo vedrei terzino destro, lo alterni con Vojvoda

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. TOROPERDUTO - 2 settimane fa

          Tre se

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. granatasky - 2 settimane fa

    Dategli un paio di pennarelli così, mentre scalda la poltrona, si divertirà a disegnare delle fiamme giallorosse.

    Mela marcia da eliminare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy