Torino-Lazio: Tare evoca lo scenario rinvio, ma cosa dice il protocollo?

Focus on / La situazione Covid in casa Lazio si è fatta seria: potrebbe esserci un altro rinvio per il Toro?

di Silvio Luciani, @silvioluciani_

Sospetti di positività su diversi calciatori e tante assenze per infortunio: la situazione in casa Lazio non è delle migliori. È per questo motivo che a ridosso della partita di Champions League contro il Bruges, il ds Igli Tare ha paventato l’ipotesi di rinviare Torino-Lazio: “Il pensiero ci passa, ma dobbiamo aspettare tutte le verifiche dei tamponi e venerdì tireremo le somme su tutta questa situazione”. Già un altro club, il Genoa, ha ottenuto il rinvio del match contro il Torino. Ma cosa dice il protocollo a riguardo? Quali sono le condizioni per chiedere il rinvio della partita?

LEGGI ANCHE: Coronavirus, Tare: “Rinvio Torino-Lazio? Stiamo valutando”

IL PROTOCOLLO – La modifica al protocollo, entrata in vigore ad inizio ottobre proprio in occasione del rinvio di Genoa-Torino, stabilisce che una squadra con giocatori contagiati deve disputare la partita se ha 13 giocatori disponibili (di cui un portiere) all’interno della lista della prima squadra. Qualora non ci fossero (ma non è ancora il caso della Lazio) la società subirebbe una sconfitta per 0-3 a tavolino. Ciò di cui parla Tare (ed è la norma attivata dal Genoa) è una sorta di bonus nell’eventualità in cui ci siano più di dieci giocatori contagiati nell’arco di una settimana (dato che testimonierebbe un focolaio in atto che potrebbe coinvolgere anche la squadra avversaria). In tal caso la società in questione ha diritto, per una sola volta nell’arco del campionato, a chiedere il rinvio della sua prima gara in calendario, in questo caso Torino-Lazio.

12 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Bastone e Carota - 1 mese fa

    Quindi devo correggermi.
    Tare, Lotito e Preziosi vaffanculo!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. spettro73 - 1 mese fa

    Io mi limito solo a far notare l’ennesimo protocollo fatto con i piedi. Ok(si fa per dire ma facciamo finta che abbia senso) che una squadra possa chiedere il rinvio una volta sola a determinate condizioni. Ma se la squadra contro la quale si rinvia è sempre la stessa non si nota che c’è un paradosso? Per assurdo a noi potrebbero rinviare tutte le partite se i nostri avversari si giocano il jolly. E noi che non c’entriamo nulla poi ci troviamo di fronte a recuperare n partite ravvicinate con evidenti svantaggi fisici nel medio lungo periodo. E’ un paradosso ma è per far capire come il campionato sia ancora più falsato del normale. E’ tutto finto. Detto questo, comunque SEMPRE E SOLO FORZA TORO!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. LeoJunior - 1 mese fa

      e poi: se la motivazione è che avendo più di 10 giocatori positivi in una settimana = focolaio = rischio di infettare l’altra squadra… che senso ha farlo a scelta e una sola volta?!?! Quindi il resto delle volte posso rischiare di infettare.
      Quando si scrivono le norme ad personam (vedi Genoa) questi sono i risultati

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. rolandinho9 - 1 mese fa

    Ma che siete juventini che volete vincere a tavolino, che volete giocare contro chi sta affrontando qualcosa di più serio di una partita! Ci avete mai pensato all idea che magari su 1000 1 giocatore potrebbe morire a causa del covid…e voi volete esporre i nostri, come i loro al rischio di giocare una partita quando hanno un focolaio dentro casa! Si rinvii come si sta facendo nel basket, con maggior serietà. Le partite non si vincono a tavolino e la salute viene prima di una partita, per cui ci sarà tempo più avanti.
    Non citiamo le leggi che quelle in materia sono patetiche per favore

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Claudio - 1 mese fa

      Pero’ c’e’ un protocollo che tutti i club hanno accettato e non vedo perche’ “bypassarlo” per “spirito olimpico” (che fra l’altro non e’ mai esistito).
      I casi di gravi conseguenze per SOLA infezione covid in soggetti giovani e sani si contano in tutto il mondo con le dita di una mano (altra cosa su soggetti che presentano gia’ altre patologie e vulnerabilita’, sia chiaro, non sto’ sminuendo il problema, sono oggettivo).
      Il rischio che si infetti di covid un calciatore in campo e’ lo stesso che ho io, tu, qualsiasi di noi che la mattina prendono un tram, la metropolitanoa, un treno, vanno in ufficio, fabbrica o altro luogo di lavoro, o che hanno contatti (inevitabili) coi propri figli che tornano da scuola.
      O impariamo a conviverci, rispettando tutte le regole per abbassare il rischio, ovviamente, o andiamo a vivere isolati dentro una grotta.
      Poi sta’ storia e’ uscita xche’ gli indisponibili sono titolari importanti per la Lazio, se erano 3 riserve e 4-5 primavera sono certo che non c’era nessuna polemica.
      Cosi come sono certo che a situazione inversa a Tare non sarebbe neanche passato per l’anticamenra del cervello l’idea di un rinvio.
      Le partite si vincono anche a tavolino, se nel pieno rispetto delle regole, e valgono 3 punti che fra l’altro servirebbero come l’acqua nel deserto, 3 punti trovati e che in situazione ‘normale’ sarebbe molto complicato ottenere, e allora perche’ no ?
      Noi siamo nel pieno rispetto e correttezza, dove e’ il problema se gli altri non lo sono?
      So’ di non essere il bianco cavaliere senza macchia e senza paura, pero’ il mondo va’ cosi’, e se ne possiamo approfittare , ribadisco, nel pieno rispetto del regolamento e in modo assolutamente legale, non vedo perche’ no.
      Che fra l’altro non e’ “approfittare”, e’ solo far rispettare un regolamento condiviso ed accettato da tutti.
      E come qualsiasi legge, se cominciamo a derogare, fra casi oggettivi e chi cerca di approfittare, non se ne esce piu’.
      Se rinviamo una partita che per regolamento si DEVE giocare o si perde a tavolino, allora dalla prossima giornata chiunque abbia situazioni covid che lo danneggiano chiedono il rinvio, quindi si gioca 1-2 partite a settimana, perche’ basta manchi un giocatore che il proprio allenatore ritiene importante e si cerca di non giocare …. diventerebbe insostenibile.
      Poi si puo’ discutere se e’ il caso di continuare a disputare un campionato cosi “rimaneggiato”, ma questa e’ un’altra storia !
      Io personalmente preferisco lavorare meno o in modo diverso, ma comunque lavorare, che chiudere l’azienda, poi altri magari no !

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Bastone e Carota - 1 mese fa

        Anche perché la prossima volta potremmo rimanere noi senza il Gallo e qualcun altro. Vogliamo iniziare a mettere fieno in cascina?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Mimmo75 - 1 mese fa

    Non mi straccerei le vesti per un rinvio in questo momento, anzi, cadrebbe a fagiuolo visti i tanti impegni ravvicinati e le assenze (anche Gojak è da valutare). Una settimana di lavoro pieno non sarebbe male.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Bastone e Carota - 1 mese fa

    E un bel Tare e Lotito vaffanculo!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Fb - 1 mese fa

      Bravo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. maxx72 - 1 mese fa

      Oh bravo, quando ci vuole ci vuole!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Bastone e Carota - 1 mese fa

    Speriamo che non infettino un decimo giocatore solo per ottenere il rinvio.
    E speriamo di asfaltarli o di ottenere un bel 3-0 a tavolino.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Fb - 1 mese fa

      Si infatti, un 3-0 a tavolino pure a noi ogni tanto…

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy