Torino, l’obiettivo di Giampaolo: far crescere ed inserire Gojak e Bonazzoli

Focus On / Le loro prime apparizioni non sono state indimenticabili. Ovviamente serve tempo per i due ultimi arrivati e il tecnico abruzzese lo sa

di Andrea Calderoni
Amer Gojak

Amer Gojak e Federico Bonazzoli non sono ancora pienamente inseriti nel Torino di Marco Giampaolo. Le difficoltà del bosniaco e dell’italiano sono emerse anche nella sfida di mercoledì 4 novembre a Marassi contro il Genoa. La formula ripetuta più volte da metà agosto in avanti a proposito del Torino, ovvero “serve tempo”, vale a maggior ragione per Gojak e Bonazzoli, gli ultimi arrivati. Sul gong del calciomercato sono approdati sotto la Mole. Gojak, tra l’altro, ha perso una decina di giorni essendo impegnato con la propria nazionale nello scorso mese di ottobre. Proprio per tale ragione, e per molte altre che tra poco vi proporremo, le prime prestazioni del centrocampista e dell’attaccante non sono state indimenticabili.

ATTACCO EX SAMP – Bonazzoli ha dalla sua parte la conoscenza di Giampaolo. In realtà, però, quando incrociò sulla propria strada il tecnico abruzzese alla Sampdoria, Bonazzoli era ancora un teenager grezzo e da formare. Ora è cresciuto, è diventato un giovane calciatore con le proprie caratteristiche che dovrà mettere a completa disposizione del 4-3-1-2 di Giampaolo. È destinato a crescere, a maggior ragione se potrà trovare spazio con continuità. Lo spazio potrebbe averlo per due ragioni: gli acciacchi fisici di Simone Zaza e le numerose difficoltà di Simone Verdi. Uno degli obiettivi di Giampaolo è proprio quello di integrare totalmente Bonazzoli, perché l’allenatore ex Milan sa che il gruzzolo di gol di Bonazzoli sarà decisivo nell’arco della stagione granata (non bastano quelli di Andrea Belotti).

DALLA CROAZIA – Più complesso è l’inserimento di Gojak per parecchie ragioni. La prima: Gojak non conosceva fino a qualche settimana fa il calcio italiano. In Croazia i ritmi sono diversi e anche le partite internazionali giocate con la Dinamo Zagabria sono di una caratura tecnico-tattica differenti rispetto a quelle della Serie A. In secondo luogo, il bosniaco, come già detto, si è allenato relativamente poco con il gruppo squadra. Ancora: non solo si deve adattare ai ritmi del calcio nostrano, ma anche al Bel Paese e in primo luogo alla lingua italiana. Gojak sta, perciò, studiando sui libri e sul campo. Giampaolo sa che può fare affidamento su una mezz’ala duttile. Lo farà crescere piano piano, non drammatizzando eventuali passaggi a vuoto che stanno alla base di un processo di integrazione.

LEGGI ANCHE: Torino, contro il Crotone serve continuità: per i granata è la prova del nove

5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Messere Granata - 4 settimane fa

    Gojak ha qualità tecniche importanti. Con il Genoa ha fatto una “ruleta” bellissima ed efficace, facendo arrivare la palla ad un compagno d’attacco. Bonazzoli è un istintivo e rapido attaccante, forse più da area di rigore che negli scambi manovrati. Comunque questi ragazzi non potranno che migliorare con l’affiatamento reciproco e con la Squadra. Forza tutti!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. user-14287754 - 4 settimane fa

    diamogli tempo il mister li fare rendere come si deve forza ragazzi!! per gojak e più complicato ma mi sembra un buon giocatore aspettiamolo senza troppe presioni!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. michelebrillada@gmail.com - 4 settimane fa

    a me personalmente gojak è piaciuto ha fatto le cose semplici ma giuste senza perdere palloni velenosi com fa sempre meitè ( che io non farei mai giocare)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. ToroNelCuore - 4 settimane fa

    Intanto da sbarbatello qual è Bonazzoli la palla nel contropiede doveva passare al Gallo. Spero che gli abbiano fatto una bella lavata di capo!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. FORZA TORO - 4 settimane fa

      sono d’accordo,avremmo potuto pagarlo caro il suo egoismo

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy