Toro, Baselli verso il completo recupero: a breve il rientro in gruppo

Focus on / Il numero 8 granata è quasi pronto: l’obiettivo è tornare tra i convocati per la sfida col Bologna

di Nicolò Muggianu

È ufficialmente cominciato il countdown per Daniele Baselli, che torna finalmente a vedere la luce in fondo al tunnel dopo il brutto infortunio al ginocchio destro di sei mesi fa. Il centrocampista classe 1992 è pronto a tornare a disposizione di Giampaolo e a riassaporare gli allenamenti e le partite dopo oltre 190 giorni di assenza. Un calvario cominciato con i problemi fisici dello scorso maggio e culminato con l’intervento chirurgico del giugno successivo, quando il centrocampista di Manerbio finì sotto i ferri in seguito a una lesione del legamento crociato anteriore del ginocchio destro.

Baselli

BASELLI – Un brutto infortunio, che ha portato il numero 8 granata a compiere una lunga fase di riabilitazione e rieducazione muscolare prima di tornare ad allenarsi gradualmente sul terreno di gioco del Filadelfia. Ora però i tempi per essere reintegrato a pieno sembrano essere maturi e la sensazione è che Baselli potrà presto tornare a disposizione di Giampaolo. Un lasso di tempo che – stando alle ultime indiscrezioni – potrebbe essere compreso tra i sette e i dieci giorni.

baselli

BOLOGNA – L’obiettivo del centrocampista classe 1992 è infatti quello di tornare a disposizione e ottenere la prima convocazione della nuova stagione già nel match in programma il prossimo 17 dicembre in casa della Roma o più verosimilmente nell’incontro successivo in programma, ovvero domenica 20, all’Olimpico Grande Torino contro il Bologna di Sinisa Mihajlovic. Dopodiché spetterà a Giampaolo il compito di trovargli il giusto collocamento tattico sul terreno di gioco, ma senza dubbio per tutto il Torino il pieno recupero di un giocatore importante come Baselli non può che essere un’ottima notizia.

19 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. miele - 1 mese fa

    Penso che con gli sciagurati che reggono… il nostro centrocampo, Baselli troverà sicuramente la sua collocazione. C’è solo da sperare che abbia riacquistato completamente la sua integrità. Ed allora Cairo potrà dire: a centrocampo siamoaposto cosi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Forza Toro - 1 mese fa

    Vertice basso, Rincon è un danno, anche nel derby, quei falli a ridosso dell’area non si possono vedere

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Bela Bartok - 1 mese fa

    Bisognerà anche vedere come rientra. Ci son giocatori che diventano irriconoscibili dopo un lungo infortunio. Se si riprende è il miglior centrocampista che abbiamo anche se non se ne erano accorti in molti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. granataLondinese - 1 mese fa

    L’unico che puo’ alzare l’asticella al centrocampo, seppur non un fuori classe, senza di lui abbiamo sempre fatto pena.

    Visto che il mercato latitera’, unico acquisto a gennaio.

    Grazie presiniente

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Panthers - 1 mese fa

    Senza di lui il declino, ora speriamo che con il suo rientro possa ripartire tutto l’ambiente.
    Il miglior acquisto di gennaio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Cuore granata 69 - 1 mese fa

    Forza Daniele..in mezzo li,seppur con rendimento altalenante,uno con buona tecnica come te manca eccome..spero di vederti presto in campo!.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. christian85 - 1 mese fa

    Altro grave errore per la seconda volta di Cairo.
    Quando uno si rompe il ginocchio in quel modo e stimano una data, bisogna sempre pensare che tornerà al massimo della forma 1/2 mesi dopo.. quindi aver preso soltanto Linetty e Segre (che non è da considerarsi titolare), la scorsa stagione non ha insegnato nulla.

    Mi chiedo se più scemi di cosi ci si possa essere… aver preso Rodriguez per poi nemmeno usarlo tanto valeva concentrarsi di prendere almeno 2 centrocampisti.

    Avrei pagato oro per rivedere in rosa Acquah e Kurtic.
    Parleremmo di altro Toro oggi con quei 2 mastini

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Garnet Bull - 1 mese fa

      Non ho mai capito che problemi ci furono con il riscatto di kurtic l’anno dell’Europa… Buon giocatore e nulla di più ovviamente, però a me piaceva

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Garnet Bull - 1 mese fa

    A numeri era il miglior recuperatore di palloni e il miglior innescatore di ripartenze e il giocatore con più chilometri percorsi, rotto lui è iniziato il declino, qualcosa vorrà pur dire… Sembrava potesse diventare più forte? Sì. Potrebbe tuttora dare di più? Sì. Ma al toro serve, e non merita l’enorme quantità di merda che gli lanciano i tifosi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Madama_granata - 1 mese fa

      Condivido totalmente tutto ciò che lei afferma!
      Tutti a sparare su Baselli, ad insultarlo, addirittura a dire che non lo volevano più in granata!
      Ma i numeri parlavano a favore del giocatore..
      Poi Baselli si è infortunato, è stato operato, e ormai manca da molti mesi.
      Il rendimento del centrocampo del Toro è peggiorato notevolmente, sono precipitati i risultati, e chi tanto lo denigrava ora chiede Baselli in squadra, e non vede l’ora che rientri x dare il suo (valido) apporto.
      Per la stessa serie di “Izzo granata a vita”, ed ora piovono critiche ed insulti ad Izzo, che molti vogliono lontano da Torino!
      E non parliamo di Sirigu: si è arrivati a dubitare persino della buona fede di Sirigu, un calciatore a cui tutti quanti noi dovremmo essere riconoscenti a vita!
      Un calo di forma o di attenzione e gli “spariamo addosso” senza neanche domandarci il “perché”, le cause di questa flessione!
      I tifosi granata sono volubili, hanno la memoria corta.
      Osannano, ma poi vivono in attesa dell’errore x poter bastonare e condannare senza appello.
      Dicono, e poi in un batter di ciglia si rimangiano tutto ciò che hanno affermato.
      Idee poco chiare e confuse, giudizi che non sono mai ipotesi, ma subito sicure e certe affermazioni.
      Colpa di Cairo, colpa di tecnici e dirigenti, colpa dei vari allenatori, colpa dei calciatori..
      Ma non è mai “colpa nostra”?
      Non pensiamo mai di contribuire anche noi alla cattiva sorte della nostra amata squadra?
      Non ci poniamo mai la domanda “dove abbiamo sbagliato” e “perché la Torino Granata” sia una piazza così tanto difficile, che fagocita i suoi idoli?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. christian85 - 1 mese fa

        Gentile Madama Granata,
        sottolineo che Sirigu lo difenderei a morte, sia chiaro.

        Vorrei però farLe notare una cosa : non Le pare un po’ strano che all’imprivviso un portiere che finoa desso non ha mai sbagliato nulla ( perchè cosi è ), inizia ad avere “diimenticanze” ?

        Un esempio molto stupido… nel derby, purtroppo nonostante avessi voluto difenderlo a spada tratta, ho dovuto ammettere che effettivamente avrebbe dovuto uscire nel suo rettangolino.. cosa che avrebbe fatto a occhi chiusi nelle stagioni passate.

        Non voglio farneticare nulla.. ma la domanda che mi pongo è : cosa gli viene in tasca giocare male prendendosi critiche su critiche ?

        E’ ovvio a tutti che il suo rapporto con Cairo è in rotta, di certo gli ha fatto un grande sgarbo, se non due.

        1) aveva già chiesto la cessione, visto che non ne poteva più di questo inferno, chiedendo garanzie di una squadra competitiva. E cosi non è stato.

        2) Visto che la rosa non è stata messa nei livelli competitivi e nemmeno rinforzata come doveva essere, all’ultimo ha chiesto la cessione ( poteva andare al Cagliari, sua città natale ) e gli è stata negata.

        Insomma…. “calo di attenzione” non direi proprio, ma ripeto, comprensibilissimo e io sto dalla parte di Sirigu, soltanto che a rimetterci siamo solo noi tifosi alla fine.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Madama_granata - 1 mese fa

          No, Christian85, io non credo che Sirigu possa fare ritorsioni contro il Toro, e nemmeno che ci siano stati tutti questi dissapori con Cairo.
          Sono convinta che tanti casi li montino, o li enfatizzino i giornalisti, che non sanno, ma che vogliono dare spiegazioni come se sapessero.
          Spesso noi tifosi (me per prima, sia chiaro! Non voglio certo dire di essere meno credulona degli altri!!) “beviamo tutto”, facciamo “nostre” le notizie che leggiamo, e ci ricamiamo sopra.
          L’altro giorno (è un esempio) io mi sono espressa sul rapporto di un calciatore con Cairo in base a ciò che ho letto.
          “È una bugia!”mi ha risposto un co- tifoso.
          Ora: né io , né lui avevamo assistito a quel dialogo, perciò nessuno dei 2 poteva, né può, sapere come sono andate realmente le cose. Ergo: nessuna bugia da parte di nessuno dei 2!!
          Torniamo a noi.
          “Forse” Sirigu voleva andare, “forse” Cairo non ha trovato a chi venderlo alle sue condizioni, forse i 2 si sono accordati per la permanenza.
          A questo punto “fare male”, raccogliere pessimi risultati non giova a nessuno dei 2, e nemmeno al Toro e ai suoi tifosi!
          Semplicemente, per me, Sirigu non sta bene, fisicamente forse, o forse ha un calo nervoso o psicologico: sarebbe nomale accusasse anche lui un attimo di flessione, fosse in crisi e giocasse al di sotto dei suoi “standard”
          abituali.
          Forse ha problemi suoi, grattacapi e/o preoccupazioni personali, familiari, di origini le più disparate.
          Troppo serio, troppo onesto il “professionista” Sirigu per credere in sue “défaillances” volute di proposito..
          E poi: per far dispetto a chi?
          A se stesso?
          Per perdere la Nazionale alla quale tanto ambisce? Per far svalutare il suo cartellino, e quindi il suo futuro stipendio?
          Per macchiare la sua prestigiosa carriera?
          A me sembrano tutte sciocchezze, ipotizzate dai giornalizti che “devono” montare dei casi di cui poter parlare.
          Io spero che presto Sirigu possa tornare lo stesso portiere degli scorsi anni, che il caso si smonti, e che tutti tacciano!!
          Buona serata a lei e a tutti i tifosi granata.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. christian85 - 1 mese fa

            Ha ragione Signoa, effettivamente è vero.. sarebbe un controsenso andare a macchiarsi la sua prestigiosa carriera, però non possiamo nascondere che un calciatore che ha militato nel PSG ( apice della sua carriera ), dopo 3 anni di “pazienza” sia “depresso” o che possa deprimersi vedendo che il suo presidente tanto dice poi tanto non fa.

            E’ un po’ come quando un normale umano, lavora duramente, si impegna sempre al massimo, fa gli straordinari e dopo 10 anni non gli viene riconosciuto nemmeno un piccolo aumento o passaggio di livello…

            Lui esattamente ha questa cosa : vede che dal suo arrivo a Torino, il presidente anzichè rinforzare la squadra mettendola a livelli altamente competitivi, la indebolisce gradualmente… è umano cadere in depressione quando capisci che i tuoi sforzi non valgono nulla.

            Ovviamente stesso discorso vale per Belotti, ma la differenza è che Belotti ha il vantaggio di essere nella storia del Toro non solo come bomber ma come capitano, quindi ha comunque una motivazione maggiore di Sirigu.. se a gennaio Sirigu dovesse partire, o anche a fine anno.. tra 10 anni Belotti sarà ricordato come idolo.. Sirigu un po’ meno, ma non per demeriti suoi, ma semplicemente perchè come lui, prima di lui, ci sono stati buoni giocatori ( ad esempio Sereni, che io non lo dimenticherò mai ) che però non mi pare sia osannato cosi tanto.

            Capisce cosa intendo Signora ? Non possiamo fare finta di nulla e pensare che Sirigu possa essere “stufo” e quindi non lucido per colpa di questa società.

            Mi piace Non mi piace
  9. Nero77 - 1 mese fa

    Con il rientro di baselli abbiamo trovato il Play basso,così il nostro magnate sul mercato dovrà cercare altre pedine importanti per lo scacchiere del maestro..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Dr Bobetti - 1 mese fa

    Ho grande curiosità nel vedere dove lo metterà Giampaolo. Può fare sia il vertice basso che l’interno, persino il trequartista in alternativa a Lukic.
    Se è a posto offre maggiore qualità ad una mediana davvero povera.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Kieft - 1 mese fa

    Nessuno più di me conta i giorni per il rientro ma spero che non si faccia un errore a lanciarlo troppo presto come si fece con belotti …

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. abatta68 - 1 mese fa

      Lanciarlo troppo presto? È fuori da un anno! Considera che parlano di 10 giorni per rientrare, ma tra 10 giorni saremo praticamente alla pausa natalizia, quindi lo vedremo in campo a gennaio. Se ha fatto già i carichi in allenamento vuol dire che è recuperato. Il dubbio magari può riguardare la condizione atletica… ma se GP iniziasse a pensare alla doppia coppia di mezzali da alternare nei cambi tra primo e secondo tempo, potrebbe già essere pronto. Tanto… con i ritmi con cui giochiamo… sarei pronto pure io! Baselli rincon linetty…. meitè segre gojak… i cambi si possono fare.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Madama_granata - 1 mese fa

        Vero…
        Però mi bra

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Madama_granata - 1 mese fa

          Chiedo scusa!
          Dicevo: mi sembra che Giampaolo non sia così propenso ai cambi..
          E se non ha fatto giocare Segre con Baselli fuori, Linetty e Gojak con il covid, non credo che lo impiegherà ora che i tre sono tornati!
          Veramente: io questo fatto dei “non-cambi” non lo capisco proprio, e molti altri, leggo, pensano come me!
          Perché nelle varie conferenze Giampaolo non prova a parlarcene, a spiegarcelo e a farci capire il “perche”??

          Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy