Toro, previsto un faccia a faccia Bava-Vagnati per decidere il futuro dell’attuale ds

Toro, previsto un faccia a faccia Bava-Vagnati per decidere il futuro dell’attuale ds

Il punto / Nelle prossime ore il Torino ufficializzerà il nuovo ds. Poi il colloquio tra Vagnati e Bava, per discutere il futuro di quest’ultimo nel club

di Nicolò Muggianu

Ormai è questione di ore: Davide Vagnati sarà presto il nuovo direttore sportivo del Torino. L’ex responsabile dell’area sportiva della Spal, nella giornata di ieri ha ottenuto l’ok dal Consiglio di Lega alla deroga per cominciare sin da subito la sua nuova avventura in granata (LEGGI QUI). L’ufficialità è attesa a stretto giro di posta, con il dirigente neo-quarantaduenne che è atteso nelle prossime ore nel capoluogo piemontese.

DUBBI – C’è ancora incertezza invece per quello che sarà il futuro di Massimo Bava, l’attuale direttore sportivo del Torino. L’ex responsabile del settore giovanile granata, promosso a ds dopo l’addio di Gianluca Petrachi, ha ancora due anni di contratto con il club di via dell’Arcivescovado ma non ha particolarmente gradito il trattamento riservatogli dal presidente Urbano Cairo. Anche per questo motivo, il futuro del dirigente granata – al Torino dal 2012 – resta un grande punto interrogativo.

FACCIA A FACCIA – Sono tante le ipotesi emerse negli scorsi giorni per quanto riguarda il suo futuro prossimo: dal ritorno al settore giovanile, al passaggio ad un ruolo più dirigenziale all’interno della società, fino all’addio. La sensazione però è che il futuro di Massimo Bava passerà in larga parte dal faccia a faccia con Vagnati, che si concretizzerà nelle prossime ore. Non appena l’ex ds della Spal verrà ufficializzato, infatti, i due dirigenti si incontreranno personalmente e avranno modo di confrontarsi per capire se ci sia o meno posto per entrambi all’interno del Torino. Sarà il momento in cui i due si rivedranno faccia a faccia per la prima volta dopo la trattativa dello scorso gennaio per Kevin Bonifazi che aveva visto Bava realizzare la sua prima (e probabilmente unica) plusvalenza da direttore sportivo del Torino.

LEGGI ANCHE – Torino, Bava e il cruccio Robaldo: se andrà via non lo vedrà realizzato

24 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-14239294 - 5 mesi fa

    Se riparte il campionato x il toro si mette male prepariamoci alla B!!!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. dattero - 5 mesi fa

    l commento di altoro su comi detto anche bignola è centratissimo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Rimbaud - 5 mesi fa

    Qualcuno ha la memoria corta, Zaccarelli ha già fatto da direttore generale sotto l’infausta presidenza di ciminelli, con ottimi risultati, direi quindi molto più adatto di Comi che ha l’unico merito di aver pescato gobbonna 20 anni fa.
    Direttore tecnico come qualcuno dice avrei sempre visto molto bene Ventura, uno che bene o male ha dimostrato di saper far crescere una realtà medio piccola (economicamente parlando) con delle buone competenze manageriali.
    Quanto alla faccenda Vagnati Bava non mi esprimo più, secondo me non è un miglioramento(ma questa è un opinione) ed è una grossissima mancanza di rispetto a una persona che in questi anni ci ha regalato molte gioie ovvero Bava(e questo è un fatto).

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. user-14153144 - 5 mesi fa

    Buongiorno a tutti i tifosi granata….
    L assenza di voci narranti non fa che alimentare le ipotesi bizzarre e suggestive soprattutto dei giornalisti che devono riempire le pagine dei giornali…
    Si dice sia stato ingaggiato Vagnati come ds,ancora non c è L ufficialità e questo già si porta in dote tre collaboratori e mezza spal di giocatori,tra L altro ultimi in classifica,oltreche un allenatore amico che sinceramente non mi sembra sia un aquila reale….ma questo è tutto da vedere….leggo di Bava e dei possibili scenari…ma che ne sappiamo noi di 10 mesi fa degli accordi con Cairo?…nessuno ha detto che forse essendo arrivati tardi e a mercato quasi finito non si è trovato un ds all altezza che volesse sposare la causa del toro…questo per dire che forse bava ha tappato un buco sapendo di stapparlo a fine stagione…mi ricordo solo di movimenti di primavera a luglio e gennaio…
    E stessa cosa penso di Longo che magari è venuto sapendo di essere a tempo e da qui il Totò allenatore che si sta creando…
    Sinceramente penso che Cairo a breve debba far chiarezza su queste cose,tra L altro penso che il mister non sia così remissivo ad accettare tutti i nomi che si fanno giornalmente e credo che abbia la fiducia della società e soprattutto dei giocatori….lui pensa a lavorare per finire semmai questa stagione nel miglior modo possibile e poi via con la sua riconferma perché penso che sia un ottimo allenatore cresciuto a pane e toro oltre che molto dinamico,difatti all esonero dal Frosinone non è stato a casa a pontificare il nulla ma se ne è andato in giro per Europa a studiare (da guardiola)…quindi se fa bene merita la sua possibilità…anche perché sinceramente lo preferisco ai vari maran semplici ballardini Giampaolo pioli….Longo e L unico che avrebbe il coraggio di buttare dentro i ragazzi della primavera e sarebbe anche L ora visto che il settore giovanile si usa solo come scusa per attaccare e criticare i vari operati….e a questo punto basterebbe solo confermare 5/6 senatori e dare spazio ai giovani…
    Andiamo cercando un terzino sinistro…e non era buono Barreca?….cerchiamo gli esterni…parigini per me è meglio di berenguer….e mi fermò a questi due nomi…dietro Sirigu si possono mettere i due della primavera che non sono male,zaccagno e L altro non ricordo….ci sarebbe un anno ancora per farli crescere e valutarli in diretta no a Trapani o a Bari.. ma vederli crescere in settimana…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Bacigalupo1967 - 5 mesi fa

      User@ chi sei il madamo di Madama@?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. GlennGould - 5 mesi fa

    È bello avere ex granata in granata.
    Ma se poi questi sono Comi e Fabbrini, allora preferisco professionisti non ex granata ma competitivi nel lavoro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. christian85 - 5 mesi fa

    Comunque, una societa’ forte e seria con organigramma preciso, oltre ad avere un presidente serio, dovrebbe di norma avere un Ds e un Dg.

    Qui si parla di faccia faccia tra quello che sara’ il futuro ds del Toro e l’attuale burattino di Cairo.

    Ma la domanda reale in tutto cio’ e’……. ma Comi ( direttore generale ?????? ) oltre che fare la figura di Poldo mangiatore di panini imbottiti, cosa e’ la’ a fare ?

    Lo ripeto….. purtroppo… puo’ anche venire Marotta con Paratici insieme, ma sotto quel personaggio, nessuno potra; mai svolgere il proprio ruolo.. gli auguro a Vagnati a sto punto molta ma molta fortuna…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. altoro - 5 mesi fa

      Ho apprezzato il tuo post assolutamente realistico.
      Come periodicamente sottolineato dal sottoscritto nel passato proprio su questo forum, ribadisco che personalmente non ho mai compreso il ruolo di Direttore Generale affidato ad Antonio Comi, ex mediocre attaccante granata, ma, della serie “al peggio non c’è limite”, assolutamente inadeguato dirigente oramai da troppe stagioni.
      Comi riveste un semplice ruolo di mera e, aggiungo,insignificante e vuota rappresentanza della Società presso le istituzioni del calcio e dello sport in genere. In questo ruolo, senza alcuna competenza operativa specifica, si dimostra un grande estimatore dei catering che i vari Sponsor offrono da contratto in essere.
      Sono giunto all’unica conclusione realistica che giustifica la sua insensata, sotto l’aspetto logistico, presenza in Società ossia quella che al patron Cairo piace attorniarsi di “yes man”, a prescindere assolutamente dalle loro specifiche competenze.
      Allo stesso modo nel Medioevo e nel Rinascimento al Re piaceva attorniarsi di servili cortigiani che lo ossequiassero sempre e comunque … all’interno del suo stesso regno.
      Ad Antonio Comi, perfetto e servile “yes man”, quale opportunità migliore per garantirsi un adeguato periodo post- carriera … .
      Cari fratelli granata, che tristezza e quale futuro per il nostro amato TORO con una proprietà e un dirigente di questo spessore … .
      Infine, ribadisco, che nel ruolo di Direttore Generale personalmente avrei premiato Renato Zaccarelli oppure Claudio Sala, indimenticabili bandiere del TORO del 7° Scudetto datato Maggio 1976, ossia, ahimè !, 44 anni fa !!! In ogni caso, a prescindere da Cairo e Comi, sempre e soltanto Alè TORO !

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. LeoJunior - 5 mesi fa

        Sei andato bene fino alla quart’ultima riga. Per fare il DG di una società di calcio così come di un’azienda, non basta essere stati calciatori e/o bandiere. Serve destrezza, capacità organizzative, idee, strategie. In poche parole devi essere un manager.
        Con tutto l’affetto per Zac e il Poeta, non l’hanno mai fatto. Facciamo le cavie?
        Pensiamo a quelche cosa di più serio e allora ti seguo su tutto

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. altoro - 5 mesi fa

          Leo Junior, innanzitutto complimenti per la scelta del nickname ispirato all’asso brasiliano, certamente tra i migliori calciatori stranieri ad aver indossato la maglia granata.
          Personalmente rispetto la tua opinione e concordo perfettamente sulle qualità citate per dimostrarsi un buon manager operativo nell’ambiente del calcio professionistico come in ogni altro settore/azienda.
          Tuttavia tengo a precisare che non condivido assolutamente la valutazione di “cavie”, assegnata al “Poeta del Gol” e a Zac. Entrambi hanno già operato con differenti ruoli all’interno della Società granata, in realtà in un lontano passato. A mio parere, in quelle circostanze dimostrarono conoscenze tecniche e idee di assoluta competenza.
          Allo stesso modo entrambi dispongono di un ottima dialettica, certamente superiore alla media generale della categoria alla quale sono appartenuti in età giovanile, inoltre, aggiungo, l’ aspetto non di secondaria importanza logistica, sono di consolidata fede granata avendo scelto di restare nel capoluogo piemontese al termine della loro gloriosa carriera. Pertanto ribadisco che personalmente gli avrei assegnato una reale opportunità in questo ruolo specifico. Grazie a Dio, in un Paese libero ogni opinione nel merito è assolutamente rispettabile. Non credi ? …. Alè TORO !

          Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. christian85 - 5 mesi fa

        Esattamente altoro!
        Hai detto benissimo… icone come Zaccarelli (gia’ dg) e Sala dovrebbero ricoprire questo ruolo.
        Approfitto giusto ora, per richiedere pubblicamente scusa a Renato, quando gia’ allora nel 2005 rifiuto’ di rimettersi in carreggiata dopo il fallimento del Torino di Cimminelli, lavorando con Cairo.
        Aveva gia’ capito tutto.. e ricordo che molti ( me compreso ) lo contestarono per questa scelta.
        ALl’inizio pensavamo tutti purtroppo che Cairo fosse il salvatore della patria.. invece il buon caro vecchio Zaccarelli ci aveva visto lungo…….
        Non avrei mai permesso di farsi manipolare da un viscido come Cairo.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. altoro - 5 mesi fa

    Personalmente mi sembra di vedere la replica di un film già visto sotto la gestione Cairo. Infatti l’editore alessandrino non si assume nel caso specifico la responsabilità delle sue scelte manageriali e preferisce che due suoi collaboratori si incontrino per verificare insieme l’eventualità di una convivenza, a mio parere, assolutamente forzata. Ricordo che all’epoca dell’avvento in Società di Petrachi accadde esattamente l’identica situazione, assolutamente imbarazzante, in cui il neo dirigente salentino dovette incontrarsi con Foschi, Direttore Sportivo ancora in carica in quanto il patron Cairo non ebbe il coraggio di destituirlo dal ruolo.
    Urbano Cairo è un autentico “artista” a creare situazioni così oggettivamente imbarazzanti all’interno della Società, ribadisco, senza assolutamente assumersi la responsabilità di quanto egli stesso ha già deciso. Nella circostanza citata l’esperto Foschi dapprima finse una collaborazione con il giovane manager emergente Petrachi, quindi dopo circa un mese diede le dimissioni adducendo la motivazione
    di generiche ragioni famigliari.
    Personalmente temo che possa accadere la stessa eventualità nel destino di Massimo Bava.
    Auspico che egli accetti di tornare esclusivamente operativo nel Settore Giovanile all’interno del quale ha sempre dimostrato indubbie qualità manageriali, conseguendo importanti successi con le varie formazioni presenti in quel settore.
    Al contrario il mercato dei calciatori professionisti è metaforicamente un “bosco di lupi” o un “mare di squali”, e ivi l’inesperto Bava ha dimostrato di essere sostanzialmente inadeguato al ruolo specifico.
    Per questo motivo dubito fortemente che il patron Urbano Cairo possa assegnargli il ruolo di Direttore Tecnico.
    In ogni caso, in qualunque modo la vicenda si evolve e qualsiasi decisione personale assuma prossimamente, come semplice tifoso granata, rivolgo un sentito grazie a Massimo Bava per la sua professionalità e la sua dedizione alla causa del TORO. Alè TORO !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. suoladicane - 5 mesi fa

      il ruolo di direttore tecnico è manageriale-organizzativo ma presuppone una grande competenza in tutte le aree di una moderna società di calcio; da questo dipendono il direttore sportivo, la gestione della prima squadra, il settore giovanile, l’area scouting ecc… insomma tutta l’area tecnica fa riferimento al DT; dire che Bava sia pronto a questo è un grande azzardo perchè ha esperienza esclusivamente nell’area vivaio; vedrei come direttore tecnico il buon Ventura e credo che braccino glielo abbia pure proposto, ma se non ha accettato un motivo ci sarà pure……….
      SFT

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. ALESSANDRO 69 - 5 mesi fa

      Su Comi nel ruolo di DG posso anche essere d’accordo con la tua valutazione.
      Sul giocatore mi dispiace ma non condivido il tuo giudizio. Non sarà stato un fenomeno ma un serio professionista che ha avuto un’ottima carriera in serie A ,Da attaccante ha segnato i suoi gol e ha avuto una duttilità comune a pochi, ha giocato anche da trequartista e infine addirittura da libero e sempre con buoni risultati. I vari Parigini e Edera una carriera come quella di Comi ,che ha esordito in serie A a 19 anni e ha giocato 245 partite (quando il campionato era a 16 squadre passato poi a 18 ) ci dovrebbero mettere una doppia firma…..Sul resto sono d’accordo con te…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. maxx72 - 5 mesi fa

        Quoto Alessandro se si parla in quei termini di Comi giocatore mi spiace ma non lo si è mai visto giocare. Con lui centravanti titolare il TORO chiuse al quarto posto e poi si riciclo in un sacco di ruoli diversi. Attaccatelo per il suo ruolo attuale insignificante non per come ha giocato oppure se non sapete non parlate.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. LeoJunior - 5 mesi fa

    Bava non è mai stato il DS del Toro. Quando Petrachi ci ha mollati forse (e ripeto forse) abbiamo cercato qualche DS. Ma a mio avviso quello che è prevalso è la folle strategia di “tenere tutti” con un solo innesto. Voluta e avvallata dal genio WM che evidentemente non aveva il polso della situazione non capendo che molti dei giocatori volevano andarsene o non avevano stimoli. Dovendo fare un solo “colpo” Cairo ha messo Bava solo per tappare un buco. Ma sapeva bene (e penso anche Bava) che non sarebbe stato lui il DS del futuro.
    Bava torni a fare il responsabile delle giovanili e cerchiamo di darci una strategia che ci permetta di preparare qualche giocatore per la prima squadra. Giudicare le giovanili dalle posizioni nei campionati serve poco se poi arrivano al massimo alla B di medio livello.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Garnet Bull - 5 mesi fa

    Per me bava sapeva già dallo scorso anno che se fosse saltato fuori un’altro ds valido lui sarebbe tornato ad occuparsi della primavera o comunque avrebbe magari ricoperto il ruolo di direttore tecnico…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. maxx72 - 5 mesi fa

    Finira’ con un bel festino e con trenino finale stile capodanno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Bacigalupo1967 - 5 mesi fa

      E cairo a chiudere il trenino….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. maxx72 - 5 mesi fa

        Lui non può stare davanti…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Bacigalupo1967 - 5 mesi fa

          Eh no non può… Li ci mette Bava e Longo.
          Lui chiude la fila.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Mimmo75 - 5 mesi fa

    Ho l’impressione che l’articolo regali un’immagine distorta della realtà, come se Bava e Vagnati fossero protagonisti e Cairo spettatore. Io credo sia tutto già deciso e che l’incontro altro non sarà se non un passaggio di consegne ovvero (e lo spero perché vorrebbe dire che Bava è stato rispettato e non si naviga a vista ma c’è una evoluzione programmata) un punto di partenza nella collaborazione tra il neo DT (Bava) e il neo DS. In quest’ ultimo caso ritirerei immediatamente le critiche dure che da giorni muovo a Cairo sulla questione e gli direi “bravo”.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Roland78 - 5 mesi fa

      Magari fosse così, Mimmo, lo spetiamo tutti; ma Toronews mi sembra molto vicino alla società, per cui credo che se dicono che tutto si deciderà oggi da quest’incontro, è perché probabilmente sarà proprio così.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. NEss - 5 mesi fa

        Temo che tu li sopravvaluti (TN)

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy