Toro, una vittoria per credere nella svolta

Editoriale / Anche se tutt’altro che entusiasmante, il successo contro il Carpi deve caricare i granata in vista del campionato e della corsa europea

di Lorenzo Bonansea, @BonanseaLorenzo

Diciamocelo, non è stato un Toro arrembante quello visto contro il Carpi. Certo, la vittoria è arrivata e il passaggio del turno c’è stato, ma i ragazzi di Mihajlovic – che ha scelto di schierare l’attacco (quasi) titolare – non hanno dato vita ad una partita spettacolare. L’impegno comunque è stato superato con successo, e una vittoria – a volte – è bene prenderla per quella che è, ovvero – con tutte le attenuanti del caso, vista la caratura dell’avversario – un successo. E un successo, a questo Toro, mancava da diverso tempo, e non può che fare bene per l’immediato futuro.

LEGGI: Le pagelle di Torino-Carpi: Belotti e Niang, segnali di ripresa

Il ritorno al gol di un Belotti ancora non particolarmente lucido sotto porta, poi, può e deve diventare una spinta a questa squadra, ora che il girone di andata volge al termine e la lotta per l’Europa è ancora più che aperta. Anche se non al top e ancora visibilmente invischiato in una sorta di problema più “psicologico” che fisico, il Gallo è pur sempre il Capitano oltre che il bomber di questo Toro, e il recupero del suo feeling con la rete è importante per il morale dell’intero gruppo granata, non solo per le ambizioni personali dello stesso. Adesso, il Toro è atteso da un rush di 5 partite che chiuderanno il girone di andata, e che probabilmente dirà molto sulle reali possibilità che questa squadra ha in dote per arrivare in Europa League: Atalanta, Lazio, Napoli gli scogli più difficili, Spal e Genoa le insidie da non sottovalutare.

La vittoria contro il Carpi – che sicuramente non può sorprendere vista la differente caratura dei valori in campo – può e deve spingere in alto il morale della squadra in questo momento chiave della stagione. In fondo, non è pur vero che vincere aiuta a vincere? Certo che è vero, l’auspicio è che sia così nel concreto. Da subito, perché sabato c’è già uno scontro diretto con l’Atalanta appaiata in classifica, e la svolta non può aspettare. Ancora.

11 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. rossodisera - 3 anni fa

    Ne farei a meno di “pompate” giornalistiche in questo momento, aspettiamo che ci siano prestazioni migliori e risultati positivi in serie prima di gioire. Come preventivato ho visto una squadra ancora in cerca di quell’amalgama che porta ai successi: ci sono margini di miglioramento in giovani-esperti e vecchi-nuovi ma lo devono dimostrare sul campo e non a parole. Una cosa che odio sono le risposte alle interviste di fine partita ai calciatori che parlano come se non fosse importante quando non vincono, non è questa chiaramente la partita in questione ma denotano quella mancanza di cattiveria agonistica che abbiamo perso.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Alberto Fava - 3 anni fa

    Ci mancava il “solito” user 12345678 vattelapesca, che viene qui ad insultare il Presidente.
    Bentrovato!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. user-13657769 - 3 anni fa

    Vittoria contro le riserve del Carpi…beh, c’è da essere ottimisti.
    Quando a fine andata, con i nostri 23/24 punti andremo a cercare i restanti 16 nelle prime dodici giornate, trotterellando per il campo e, come sempre, pensando ad una nuova squadrea ed allenatore…ma, aihmè, il presiniente sará sempre lo stesso.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Alberto Fava - 3 anni fa

    In tutti o quasi gli articoli pubblicati da TN si possono leggere a margine commenti che sono : A) stomachevoli , infarciti d’insulti ed improperi. B) ipercritici al limite della fissazione ipocondriaca, addirittura impreziositi da latino maccheronico ( lingua morta).
    Spettacolo, per dirla alla 46.
    Mi chiedo se questi strani personaggi non si riposino ma.
    Quanto al titolo ed al conseguente articolo, penso che una vittoria in una competizione come la Coppa Italia rappresenti sicuramente uno stimolo positivo, e contribuisca alla crescita dell’autostima.
    Inoltre per i Tifosi e’ sicuramente motivo di gioia.
    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Athletic - 3 anni fa

      Il risultato è stato positivo, senza dubbio, ed è motivo di soddisfazione. Anche i giovani impegnati hanno fatto bene. Ma detto questo, tenuto conto del livello non basso ma bassissimo degli avversari, tu hai visto a livello collettivo dei miglioramenti? Hai visto un gioco, schemi, movimenti senza palla, sovrapposizioni, uno due, verticalizzazioni, insomma hai visto qualcosa che si avvicina alla famosa svolta? Non è questione di essere critici o di insultare, il punto è che siamo sempre fermi nello stesso limbo. Poi se tu hai visto qualcosa di incoraggiante dimmelo, perché a me è sfuggito.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Alberto Fava - 3 anni fa

        Abbiamo concordato su risultato e sui giovani.
        Sui giovani io sono stato impressionato bene da Lyanco ed Edera, su Bonifazi ho delle riserve.
        Alla tua domanda specifica su triangolazioni, raddoppi, diagonali , sovrapposizioni, verticalizzazioni , ecc rispondo che non alleno, lascio il mestiere a chi è preposto ed ha sostenuto l’esame per il patentino, se vuoi potrò chiedere meglio a mio figlio che allena da 20 anni.
        Per quanto invece mi riguarda ti posso solo dirti che:
        1- 8 occasioni da gol.
        2- 1 rigore che manca.
        3- 2 gol segnati.
        4 – 2 assists di Niang.
        5- il ritorno al gol di Belotti ( spero ardentemente in maniera continuativa).
        6- infine la perla della punizione di Milinkovic.
        Per me sono stati più che soddisfacenti, o come dici te incoraggianti.
        Spero di esserti stato esaustivo , e comunque ti ringrazio per la domanda.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Athletic - 3 anni fa

          I punti da te citati, considerato che giocavamo contro le riserve del Carpi, io li vedo tutti o quasi come negativi, tranne l’ultimo e in parte il penultimo. Ma non importa, è questione di punti di vista, invece quello che mi interesserebbe, è il parere di tuo figlio sul “gioco” (tra virgolette perchè personalmente non lo ritengo tale) di Miha. Lui ha visto miglioramenti ieri, considerato il livello degli avversari ?

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Alberto Fava - 3 anni fa

            Chiederò a Federico e poi ti farò sapere.

            Mi piace Non mi piace
  5. Wendok - 3 anni fa

    il godere per lluna vittoria contro il carpi ( cn tutto il rispetto ), o l essere il regalo della maglia a bonucci jr nella partita contro il milan come fatto migliore della giornata granata, è sintomatico del nulla assoluto nel quale si trova il toro. tra l abulico calcistico, l approssimazione di gioco, e l ennesima annata di anonimato con campionato finito prima dell epifania. amen. così è, che piaccia o meno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Pimpa - 3 anni fa

    E daje con questa svolta.
    Anche l’informazione si è omologata da anni al clima mistificatorio messo in atto da un lustro dalla nostra società.
    Sono d’accordo con prawn sul fatto che il nostro campionato è già finito,anzi per essere precisa non era mai iniziato.
    Il motivo è presto detto: Ljaic Falqui Baselli Rincon Acquah Valdifiori Gustafsson Molinaro Moretti De Silvestri Obi Boye Berenguer Niang non sono giocatori da Europa come dimostra il fatto che nella loro fulgida carriera non ci hanno mai giocato se non per sbaglio. Nè mai ci giocheranno,non solo con noi ma anche con altre squadre. Forse,e dico forse,potrebbe fare eccezione Baselli.
    E’ ovvio che,rebus sic stantibus,dovrebbero giocare sempre da ora in poi Barreca Bonifazi Edera Lyanco (non Milinkovic Savic perché ha la vaga idea che sia un brodo anche quello).
    Ed è altrettanto ovvio che,proprio per quello,questi non giocheranno perché continueremo a sentire le solite litanie stomachevoli.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. prawn - 3 anni fa

    Credo che la svolta non ci sara’, faremo sei magari sette punti da qua alla fine del girone.

    Senza venire additato di negativita’ e di depressione, lasciatevi questi commenti sulla tastiera, obiettivamente ho guardato bene la partita ieri sera e ho visto niente piu’ niente meno il solito toro di quest’anno.

    Il Gallo sbaglia troppo sotto porta, e’ chiaro che e’ un problema di testa, con squadre grosse non ti puoi permettere di fallire due tre goals fatti a partita. Ha fatto delle belle accelarazioni, per cui il fisico c’e’.

    Niang ha stufato una volta e per tutte, ormai non resta che sperare che l’infortunio lo blocchi. Ma le alternative non sono niente di buono, per lo meno le alternative nello stesso ruolo, a sinistra.
    Si puo’ far giocare fuori ruolo Ljacic o Edera, ma non nominatemi gli altri, non sono giocatori da serie A. Punto.
    Ljacic dovrebbe giocare dietro il Gallo e Iago, quest’ultimo e’ l’unico che quest’anno sa offrire costante supporto, goal e prestazioni di spessore.
    Al centro non mi e’ dispiaciuto per niente Valdifiori, quando Obi non ce la fa, quando Rincon sa solo farsi ammonire secondo me il Valdifiori deve giocare di piu’. Acquah ha anche preso bei voti qui ma non mi pare un giocatore da Europa League. Baselli ok, ma anche lui ha bisogno di + lucidita’ sotto porta.
    Lyanco e Bonifazi sono il futuro del toro, una difesa cosi’ mi piace piu’ di vedere N’Kolou e Moretti/Burdisso. Per carita’, non avevano molto da difendere, ma Bonifazi riparte alla Maksimovic molto bene, deve diventare titolare, basta con questi anziani in difesa, TANTO IL TRENO PER L’EUROPA E’ PERSO, lanciamo questi talenti che abbiamo in panchina almeno.
    De Silvestri e’ un ottimo giocatore per la B, se non deve difendere corre bene sulla fascia. Molinaro e’ quasi riuscito a farsi le sue solite cappelle con il carpi.
    L’anno scorso demmo via Bovo a Gennaio, beh e’ ora di fare un po’ di spazio negli spogliatoi e magari grazie arrivederci molinaro.
    MSavic: grande personalita’, alto, piede buono, mani enormi.
    Ora si capisce come mai fosse finito anche nel mirino del Manchester UTD.
    C’e’ gia’ un dopo Sirigu. Da provare anche lui in campionato o nella prossima di coppa, per vedere come para.

    Miha e’ colui che dovrebbe sistemare i cervelli, del Gallo, di Niang che tanto ha voluto, un girone e’ quasi finito e non ci e’ ancora riuscito.

    Una nota particolare per Edera: abbiamo un Bernardeschi in panchina, considerando quanto pena fa 2/3 dell’attacco quest’anno e’ una bestemmia lasciarlo in panca.
    Ogni volta che gli e’ stata data una chance. OGNI SANTA VOLTA ha rischiato il goal e fatto un dribbling che nessuno nel TORO di oggi fa.

    E’ uno che puoi di nuovo riproporre il 4231 o far giocare Iago invertito a sinistra, o almeno quando Iago e’ cotto fallo giocare titolare.

    Ci sono tante lacune nel gioco e nel pensiero di Miha, ma non lanciare giovani cresciuti nel toro e’ imperdonabile.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy