Chi era Sergio Barbero?

Nel Segno del Toro / Chi è Sergio Barbero? Per quali titoli editoriali è ricordato nella storia del Toro?

di Stefano Budicin

Chiunque di noi ha letto almeno un libro dedicato alla storia della nostra squadra del cuore. Ma quanti possono dire di aver letto titoli come Il Toro addosso, Granatissimo e L’allegra brigata granata: Viaggio nel mondo del Grande Torino? Ognuno di questi titoli evoca un periodo particolare nella storia del Toro. E lo fa con una perizia espressiva che solo ai grandi scrittori è data. L’autore dei libri in questione è Sergio Barbero, penna loquace, ironica e precisa.

Giornalista capace di evocare con la penna sublimi e graffianti arguzie, Sergio Barbero è uno di quei nomi che un appassionato del Toro non può non ricordare con un sorriso. Allegro, disinvolto, pacato e disponibile sempre a sdrammatizzare, Barbero era uno di quei volti che sapevano scrivere di tutto senza neanche sforzarsi.

Barbero si è spento il 21 gennaio 2020. Al Toro, il giornalista ha dedicato la maggior parte della sua vita professionale. Ho piacere a ripercorrere la sua carriera citando i libri sui granata da lui scritti più apprezzati e meritevoli di essere ricordati.

LEGGI ANCHE: Chi sono gli assi vincenti del Toro

IL TORO ADDOSSO – Un riepilogo della storia del Toro dagli albori ai giorni nostri. Ogni capitolo è preceduto da una breve nota introduttiva alla stagione prossima a essere raccontata. Ad accompagnare i testi sono foto dell’epoca.

L’ALLEGRA BRIGATA GRANATA – In questo libro Barbero racconta i campioni del Grande Torino al di fuori del campo da gioco. Un viaggio di grande valore storico nell’Italia dimidiata dalla guerra e dall’immediato dopoguerra, accanto ai ragazzi di Ferruccio Novo. Amori, giochi, sfide, vacanze, sponsor, hobby e passioni varie, per non parlare di invidie, litigi, rancori mai sopiti. Un melting pot di tematiche diverse di cui un appassionato granata non può non fare a meno.

Meroni

LEGGI ANCHE: Promesse mancate del calcio granata (e voi le conoscete)

GIGI MERONI: IL RAGAZZO CHE AMAVA I BEATLES E I ROLLING STONES – Un ritratto di uno dei più grandi calciatori di tutti i tempi. L’incursione nella vita di Gigi Meroni ne rende appieno la statura di campione. All’interno del libro sono narrati aneddoti, dettagli e scenette che un tifoso torinista non può farsi mancare. Lo stile asciutto, scorrevole e leggero della prosa rende la lettura facile e incalzante.

GRANATISSIMO – Una collezione di ritratti di 35 grandi che hanno militato tra le fila del Torino.

4 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. leo67 - 2 settimane fa

    Bellissimo “il toro addosso” ed anche la copertina con quella maratona che non c’è più….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. abatta68 - 2 settimane fa

    La penna di grandi giornalisti che hanno saputo raccontare l’epopea del toro e dei suoi personaggi rappresentano per noi la nostra cultura e il nostro pensiero filosofico, senza di questo saremmo uguali a qualsiasi altra squadra di calcio. Negli ultimo 20 anni ho letto sempre meno di tutto questo, con la scusa che il calcio è cambiato. La realtà è che è cambiato il modo di fare giornalismo, sempre più sensazionalistico e sempre meno capace di raccontare un evento. Alla lunga questo modo iper tecnicizzato delle immagini e del parlare, l uso di termini esagerati per commentare un gesto e l’eliminazione del senso di ciò che si è visto, non può che contribuire a svuotare di valori lo sport, oltre che a omettere la narrazione di una storia precedente. Questo succede quando non c’è più nessuno che sa scrivere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. BogaBoga - 2 settimane fa

    Uno che non avrebbe mai lavorato per questa redazione

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Topoloco - 2 settimane fa

    Splendida persona e grande tifoso granata. Ebbi il piacere di parlare con lui numerose volte imparando sempre qualcosa di nuovo sulla nostra storia. #FVCG #SFT

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy