La scintilla

Prima che sia Troppo Tardy / Appuntamento natalizio con la rubrica di Enrico Tardy: “La partita di Napoli ha detto che un briciolo di compattezza di squadra esiste”

di Enrico Tardy
tardy

Siamo tutti depressi nel vedere il nostro Toro drammaticamente relegato in fondo alla classifica. Siamo lì da marzo per la precisione. Abbiamo i numeri peggiori come sappiamo.

Con il Napoli qualche timido segnale di ripresa si è intravisto, ma i punti persi per strada sono tanti. Il calcio è messo malissimo finanziariamente dunque a gennaio possiamo solo sperare in qualche scambio per riorganizzare qualcosa, diversamente si proseguirà con quelli che abbiamo. Oggi voglio pensare, meglio sognare, una scintilla emotiva che risvegli po’ di carica e fiducia in giocatori e tifosi.

LEGGI: La rubrica di Tardy post Torino-Bologna 1-1

In fondo il Milan pre Zlatan era inguardabile e di fatto, con la stessa squadra, oggi è in testa al campionato, magari potrà accadere anche a noi. Ed il cambiamento non è solo legato all’arrivo dello svedese e di Pioli (almeno spero, visto che quando andava male c’era Giampaolo). Il calcio è strano, a volte ci sono dinamiche che sfuggono a logiche quasi scientifiche e magari questa volta capiterà a nostro favore. D’altro canto certificare ed alimentare lo scoramento non porta nulla, meglio guardare avanti con un pizzico di ottimismo benché sia operazione da fachiri, lo so.

La gara con il Napoli ci ha detto due cose: che i calciatori sono con il tecnico (più con gli abbracci che con il gioco, ma sono con lui) che dunque verrà confermato, e poi che un briciolo di compattezza di squadra esiste. Non parlo del commovente gallo perché non ci sono più parole per descriverlo: eroico. Anche il portiere mi è parso più presente già solo dallo sguardo e da qualche uscita.

A Parma sarà dura, ma dovremo volere quei tre punti con rabbia e disperazione, saranno importantissimi.

In alto i cuori e Forza Toro!

 

15 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. microbios - 3 settimane fa

    L’unica scintilla doveva essere un cambio di allenatore.
    L’unica cosa che mi consola è che per il prossimo campionato di B abbiamo già molti giocatori.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Pedro - 3 settimane fa

    Gran brutto articolo. Uno dei più brutti in assoluto.
    Potrà far peggio riparlando di scintille quando saremo all’ultimo posto in serie B. L’importante è non nominare mai l’unico colpevole.
    Si nota che la scoliosi è fastidiosa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. leggendagranata - 4 settimane fa

    L’esempio del Milan (e lo riconosci anche tu, caro Tardy) non è per nulla di buon auspicio. Giampaolo era andato in confusione, metteva gli uomini sbagliati nei posti sbagliati e così in una società con una struttura professionale valida si è deciso di metterlo alla porta. Da noi è tutto più precario (tranne il presidente), la società è di cartavelina e così Giampaolo rimane, fa e disfa, un passettino avanti e due indietro, granitico nelle sue convinzioni, ma fino ad un certo punto. Basta riflettere un pochino e si capisce perchè siamo a questo punto, pur avendo (come aveva il Milan) un potenziale di squadra superiore alla magrissima classifica. Primo: la campagna acquisti, il fulcro sono 4 giocatori già allenati da Giampaolo (quindi evidentemente voluti da lui), tre mediocri e un attaccante potente, ma che non è ancora “sbocciato”. Secondo: il modulo, Giampaolo annuncia che adotterà il suo preferito (4-3-1-2), ma gli manca il regista (l’ unico che potrebbe farlo, Baselli è infortunato) e un trequartista valido (questo grazie al genio Mazzarri che si è liberato sia di Ljajic sia di Soriano), e così ha la trovata del secolo, trasformare il Gattuso del Torino (Rincon) in regista. Andiamo avanti in questa maniera per sette giornate ed il patatrac è servito: 1 vittoria, 2 pareggi e 4 sconfitte, perdiamo punti preziosi con Fiorentina, Cagliari e Crotone, incassiamo ben 15 gol. Giampaolo gioca col pressing alto, rapide triangolazioni, si passa per vie centrali e poco per le fasce, squadra offensiva insomma, Ma a questo punto “l’incorruttibile” (“vado avanti per la mia strada”, aveva dichiarato in più occasioni su Sky), si fa corrompere e cambia modulo e qualche uomo: ad esempio, con l’ Inter a furor di popolo e di critica sportiva (su questo sito ricordo il grido di dolore di Rampanti) inserisce Singo. Per 4 giornate torniamo al 3-5-2 di mazzariana memoria, addio al pressing a tutto campo, palla che gira lenta fra i piedi dei difensori (ma non era lui che cronometrava quanto i giocatori tenevano palla?), lancio lungo. Risultato: 3 sconfitte e un pareggio, ma è grave che in due partite casalinghe con la Sampdoria e l’ Udinese si faccia un solo punto. E allora, nuovo cambiamento di modulo: con Roma e Napoli si gioca con una sola vera punta, Belotti, col Bologna si torna al 4-3-1-2, ma quanto al 29′ esce Bonazzoli ed entra Verdi, Belotti rimane largo sulla fascia e Tiribocchi su Sky ironizza: “I difensori del Bologna sono ben contenti”. Formazioni: Giampaolo ha insistito molto sulla linea di mediana Lynetti-Rincon-Meitè, nonostante sia fragile, non sappia dare respiro alle manovre e tirare efficacemente in porta e così Segre (giovane reduce da un ottimo campionato nel Chievo, quindi da provare) scalda la panchina; in difesa è un touribllon continuo, tranne che per il “protetto” Rodriguez. Izzo finisce ai margini, Nkoulou entra ed esce. Sirigu fa posto al carneade Milinkovic Savic. Di nuovo Rampanti acutamente alza la voce: “Il Toro utilizzi i suoi senatori”, riferendosi a Sirigu, Izzo e ‘Nkoulou e in parte viene ascoltato. Le conclusioni le lascio trarre agli amici tifosi, con un barlume di speranza natalizia, da due giornate non si è più perso, e con un’invocazione: dentro Segre e fuori Lynetti o Meitè (o anche tutti e due)!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. PotenzaGranata - 4 settimane fa

    Caro Avvocato, vedo che c’è ricascato nuovamente e si è fatto ancora abbindolare dall’aria fritta di una singola partita.

    “Una rondine non fa primavera”.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. fabio.tesei6_13657766 - 4 settimane fa

    A gennaio servono e devono arrivare 10 punti, altrimenti non c’è più gnente da fare. L’allenatore i giocatori lì ha perciò sta a lui farli rendere al meglio.le scuse dei giocatori non adatti ai vari ruoli io non li comprendo, è lui che deve saper creare un gioco per i giocatori che ha. Sono comunque ragazzi che sono arrivati in serie A. Perciò si dia da fare insieme ai suoi collaboratori per venire fuori da sto casino. Altrimenti è meglio che tolga il disturbo, perché portare il Toro in B non gli farebbe molto onore. GP datti una lavata di faccia e comincia ha svegliarti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. pasastabala - 4 settimane fa

    Sono d’accordo. Il calcio è anche strano. Una scintilla potrebbe cambiare la situazione. La cessione di qualche mela marcia e soprattutto l’innesto di qualche giocatore di qualità, magari attualmente poco impiegato in squadra di valore potrebbero farci svoltare. Cairo ( mano al portafoglio ) e Vagnati ( attendiamo qualche buona intuizione ), spetta a voi. Gennaio risulterà decisivo per la vostra credibilità

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. eurotoro - 4 settimane fa

    Oramai e’ troppo tardy!…era a luglio che si doveva scambiare gli scontenti con qualcuno di pari valore ma contento!..magari in questi 5 mesi saranno andate avanti ste trattative di scambio( vecino/izzo…nkulu/x…sirigu/x…zaza/x…verdi/x…millico/x….edera/x)…magari no!…a me quello che destabilizza e’ partire col progetto 4312 per poi tornare al 532 senza avere gli interpreti giusti x entrambi i moduli…agghiaggiande

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Il_Principe_della_Zolla - 4 settimane fa

    L’unica scintilla che sia lecito sperare è quella che metaforicamente dia fuoco a tutto il baraccone Torino FC e rimetta a zero i contatori, per infine ripartire con un altro presidente, un’altra società, buona parte di altri giocatori. Solo così, solo così … altrimenti staremo a raccontarci amenità per altri 15 anni, in serie B per lo più.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. policano67 - 4 settimane fa

    Di positivo nn ce nulla.difficile almeno per me vedere positivo quando tt dice che mai squadra e stata piu negativa di questa.credere nelle ipotetiche scintille e pura follia.servirebbero fatti concreti a gennaio ma nn arriveranno di sicuro.ultimi in classifica e societa inesistente.cosa ci puo essere di positivo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone - 4 settimane fa

      Sono d’accordo con te.
      Vedere Izzo che è corso ad abbracciare GP francamente non me ne può fregare di meno.
      Preferirei 100 volte di più che tra allenatore e giocatori ci fosse odio ma arrivassero dei risultati che andare d’amore e d’accordo ed essere ultimi (da soli)!!

      C’è solo una cosa che conta: I RISULTATI, IL RESTO È FUFFA!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Olly - 4 settimane fa

    Forse gp era da esonerare dopo la sconfitta con l’Inter. Non comprendo molte cose i moduli. Se non ci sono gli uomini per giocare con la difesa a4 parti subito con la difesa a 3. Con singo e ora buongiorno sono sicuro che forse si potrà aver più velocità nella manovra. Importante non far più scendere in campo meite zaza e lianco. Ci metto pure linetti non mi piace per nulla spero di veder un RI trovato millico. Io non so fiducia per nulla a Gp spero di sbagliarmi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. TyrannoCairus Rex - 4 settimane fa

    Cairo-Vagnati hanno chiesto informazioni su Pruzzo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone - 4 settimane fa

      In veste di allenatore o giocatore?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. TyrannoCairus Rex - 4 settimane fa

        Giocatore, lol

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Simone - 4 settimane fa

          🙂

          Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy