Troise (IamNaples.it): “Belotti è l’attaccante italiano più completo, merita un altro contesto”

Intervista / Ci avviciniamo alla sfida contro il Napoli grazie alla voce di un collega che segue da vicino la squadra di Gennaro Gattuso

di Gianluca Sartori, @gianluca_sarto

Nella marcia di avvicinamento al fischio d’inizio di Napoli-Torino, non può mancare l’appuntamento con un cronista al seguito della squadra avversaria per commentare il pre-gara. A concedersi ai microfoni di Toro News questa volta è Ciro Troise, direttore di Iamnaples.it.

Buongiorno Ciro. Che spiegazione ti sei dato per il flop del Napoli contro la Lazio?

Hanno inciso moltissimo le assenze. Giocare senza Mertens, Insigne e Osimhen è difficile per chiunque visto che sono giocatori forti che giocano tutti in uno stesso reparto. E poi il problema all’occhio non ha certo aiutato Gattuso ad affrontare serenamente la partita. In generale, una partita storta può capitare. La Lazio ha vinto la partita sia dal punto di vista mentale, perché il Napoli non ha avuto l’approccio giusto forse per la sconfitta immeritata di Milano, sia dal punto di vista tattico. Non mi è piaciuta infatti l’idea di Fabian Ruiz regista, perché la Lazio ha ostacolato la manovra in uscita del Napoli con un pressing immediato ed efficiente. Il Napoli ha fatto dieci minuti discreti, troppo poco per impensierire la Lazio”.

LEGGI ANCHEGiampaolo contro Gattuso, i precedenti sorridono al napoletano

Quanto incideranno quest’oggi le assenze di Lozano, Mertens e Osimhen?

Tantissimo: Lozano era l’uomo più in forma del momento. Ieri ha lavorato un po’ in gruppo ma non credo ci sarà stasera, per rientrare poi nell’anno nuovo a Cagliari. Mertens è il miglior marcatore della storia del Napoli, senza Osimhen era l’unico riferimento per sviluppare gioco negli ultimi trenta metri. Osimhen poi è molto sottovalutato. Si parla sempre di cosa fa l’Inter se manca Lukaku e cosa fa la Juventus se manca Ronaldo, cosa fa il Milan quando manca Ibra. Non si parla mai di cosa fa il Napoli quando non c’è Osimhen, che non solo è l’acquisto più caro della storia del Napoli, ma è il passe-partout per la rivoluzione tattica. Il Napoli, con Osimhen, dava la priorità a un’altra idea di gioco. La squadra ha raggiunto livelli importanti con il culto del palleggio ma con lui cercava invece i duelli in campo aperto e in profondità. La massima espressione di questa filosofia è stata la grande vittoria contro l’Atalanta. Senza Osimhen gli avversari pressano alto più facilmente perché non hai l’uomo che può eludere la linea difensiva negli spazi. E’ una assenza che ha tolto tanto al Napoli specie nelle partite contro le grandi. Avrei voluto vedere il Napoli in campo contro Lazio e Inter con Osimhen”.

Che spiegazione ti sei dato per la stagione complicata del Torino?

Vedendo le cose dall’esterno, credo che Giampaolo sia un allenatore di concetti, e quando lo si prende bisogna costruirgli una squadra adatta. Ha bisogno della difesa a quattro, del regista di qualità davanti alla difesa, del trequartista che illumini il gioco. Forse c’è Verdi che può fare questo, ma non è mai riuscito a trovare continuità. E quindi credo che non sia stata costruita una squadra adatta per Giampaolo. In più, dalle difficoltà di Mazzarri, il Toro si porta dietro delle scorie nella fiducia, nella convinzione, nell’applicazione. Me lo fanno pensare le tante rimonte subite: questo accade quando non sei sereno mentalmente. E’ una costante, ricordo solo a memoria le partite contro Inter, Lazio e Sassuolo. Credo che ora bisogna fare una scelta: o si continua con Giampaolo, ma intervenendo a gennaio dandogli le pedine che servono anche tramite uscite importanti, o si cambia allenatore e si sceglie qualcuno che sappia essere più elastico”.

LEGGI ANCHE: Toro, Belotti sfida Insigne: duello tra compagni in Nazionale, amici e capitani

Pensi che Belotti sia il miglior attaccante italiano?

Credo sia il più completo. Forse Immobile è ancora più esplosivo nell’attacco alla profondità, ma Belotti è il più completo: sa far salire la squadra, si sacrifica in fase difensiva, sa riempire l’area, è forte di testa e in acrobazia. Ha anche mezzi tecnici non eccezionali ma buoni. Mi dispiace vederlo in una squadra in difficoltà, sarei curioso di vedere lui in un Torino forte e di grande livello che sappia metterlo più volte davanti alla porta facendogli risparmiare qualche chilometro di corsa. Oppure di vederlo, se Cairo lo riterrà opportuno, in un’altra squadra con ambizioni maggiori per capire che impatto avrebbe”.

Per chiudere, un commento riguardo alla sentenza CONI su Juventus-Napoli: verdetto giusto?

Giustissimo, non giusto. Ogni tesserato del calcio è prima un cittadino, non si può pensare che il Napoli potesse violare due provvedimenti, uno dell’Asl e uno della Regione Campania. Sarebbe stato un reato secondo il codice penale. Il campionato deve giocarsi con verdetti del campo e non a tavolino. E poi così facendo si è dato un input alla Lega affinchè si riveda il protocollo in certi aspetti, che va aggiornato con tamponi centralizzati, con linee guida uniche per tutti, con un percorso quanto più possibile stretto per evitare che il contagio si diffonda. Nessuno lo ricorda nel modo giusto: il Napoli veniva dall’aver avuto dei contatti con il primo vero focolaio del calcio italiano, quello esploso del Genoa, quindi non si sapeva la dimensione della questione, che danni potessero arrivare. Il grande errore che è stato fatto è stato non accogliere la richiesta di rinvio fatta da De Laurentiis ad Agnelli”.

29 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Alfredo - 1 mese fa

    Ciao scusate solo una riflessione. Io tifo Belotti nella misura in cui è un giocatore granata. Il giorno in cui non lo sarà più io resterò tifoso del Toro, non di Belotti. E sarà così sempre, come lo sarebbe stato con V.Mazzola se fosse andato all’Inter

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Gen-X Granata - 1 mese fa

    La cosa che mi lascia perplesso è come tra tutti giochiamo a non capire effettivamente cosa hanno scritto gli altri fratelli granata nei commenti precedenti e gli impeti populisti che insorgono contro i blasfemi.
    1) C’è chi scrive che il il Gallo farebbe bene ad andare via perchè così si punisce Cairo (ma punisci anche te) Per me pollice giù
    2) C’è chi dice che a meno che cambi l’assetto societario e tecnico della squadra, il Gallo potrebbe pensare di andare a giocare su altri palcoscenici. Perchè scandalizzarsi? E’un suo diritto nel momento in cui vede che la società continua ad essere mal gestita. Inoltre, attenzione, potrebbe essere costretto a farlo dalla stessa società che ha bisogno di rifinanziarsi. Per me pollice su non perchè me lo auguro (anzi), ma perchè un sano realismo ti permette di non avere delusioni ancora più brucianti
    3) C’è chi non vuole sentire parlare del fatto che il Gallo possa andare via e accusa chi lo pensa di non essere vero tifoso granata. Pollice su per la fede, ma ho tanti motivi per credere che la realtà potrà riservarci qualcosa di diverso e svegliarsi farebbe bene
    Quello per cui, invece, non me ne farò mai una ragione è vedere fratelli granata che discutono su temi che sarebbero superflui nel momento in cui il Toro avesse una società organizzata, con un’idea di pianificazione nel medio lungo periodo, con un po’più di sangue granata nelle vene al posto della deleteria improvvisazione a cui siamo sottoposti continuamente da troppi anni

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Forvecuor87 - 1 mese fa

    Chi porta il Maloox stasera???

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Toroperduto - 1 mese fa

      Tranquillo ci sono già supposte in arrivo una dietro l’altra…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Forvecuor87 - 1 mese fa

    Certo che merita un altro contesto e non questo schifo.
    Insieme al Gallo anche i tifosi meriterebbero semplicemente di più. E parlo di quelli che amano il Toro non quelli che tutto sommato in questa merda ci imparano a nuotare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Toroperduto - 1 mese fa

    L’unica e reale considerazione che va fatta a proposito del Gallo è che a Torino è stato sprecato, avremmo potuto e dovuto creare una squadra attorno a lui per ambire a qualche soddisfazione e invece l inettitudine che governa nella società ha fatto sì che nulla venisse creato ma anzi distrutto.
    Grande Cairo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. paulinStantun - 1 mese fa

    Non rispondo ad alcuni commenti altrimenti potrei venire accusato di turpiloquio, blasfemia e una mezza dozzina di altri reati causati dalle parole che rivolgerei a chi li ha scritti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. ilpalodiBeruatto - 1 mese fa

    Noi tutti vogliamo un bene immenso al Gallo. Lui non solo ormai è una bandiera ma è sempre stato onesto con noi e per questo merita altrettanta onestà. Le ipotesi sono due: 1.restiamo in A. A quel punto il ragazzo deve avere un sostanzioso ritocco all’ingaggio e una squadra costruita intorno a lui a partire dall’allenatore. La vedo difficile considerando il nostro amatissimo presidente. 2. Retrocediamo in B. Che si fa? teniamo Belotti in B con i Mondiali del’22? Sarebbe una vera cattiveria e a quel punto non credo nemmeno che il ragazzo accetti.
    Inoltre sta per diventare papà. Cosa faremmo noi? Ci trasferiamo all’estero con la moglie incinta? O avremmo preferito la stabilità? A me spiacerebbe un po’ vederlo nel nostro campionato ma in un’altra squadra giocare contro di noi un giorno. (E’ stato difficile per Darmian, figuriamoci per lui). Va all’estero? In Inghilterra? Sempre con la moglie incinta? Anche se parliamo di milioni sarebbe sempre difficile scegliere. Rendiamo grazie al nostro papa Urbano….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Kimi Forza Toro - 1 mese fa

      Tu hai seri problemi

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. ilpalodiBeruatto - 1 mese fa

        A te invece auguro un buon Natale . Sempre forza Toro! Un cordiale saluto.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Kimi Forza Toro - 1 mese fa

          Auguri anche a Te ❤️

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Willbull - 1 mese fa

    Tenere il Gallo a Torino è un crimine contro il calcio, se non cambiano le cose gli auguro tutto il bene in una squadra più consona a quelle che sono le sue possibilita

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Gallochecanta - 1 mese fa

    Mi sa che oggi Belotti ha dato un’occhiata a immobiliare.it di Napoli.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Kimi Forza Toro - 1 mese fa

    A tutti quelli che scrivono che st’elemento intervistato abbia ragione ad affermare che il gallo meriti altri palcoscenici.. dico di farsi un serio esame di coscienza sulla vostra Fede granata. Noi siamo il Toro, la situazione è quella che è. Per noi vincere non è l’unica cosa che conta. Andrea Belotti potrebbe ambire a squadre di alta fascia. E allora ? Sti ca**i. Fatemi capire c’è forse uno che vuole entrare nella nostra Storia ed essere una bandiera a prescindere dai risultati. E noi lo incitiamo a guardarsi attorno ? Il latte costa 1.80 euro anche per lui… e poi non penso che al prossimo rinnovo gli possa venire negato un aumento… Ergo grazie Andrea continuiamo la nostra storia insieme. Tu non sarai MAI uno qualunque.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Gen-X Granata - 1 mese fa

      Ciao Kimi, sono d’accordo con te solo nel momento in cui si verificassero determinate condizioni.
      Al Gallo non è possibile rimproverare nulla e su questo siamo tutti d’accordo, ugualmente non è piacevole sentire vari personaggi che consigliano una sua partenza a prescindere.
      Ma appunto non si può prescindere di capire cosa potrà essere il Toro a giugno.
      E’ evidente che se la squadra rimarrà in A con un’idea, finalmente, di programmazione e con una revisione di tutto l’assetto tecnico-sportivo, allora per il Gallo rimanere, immagino, non sarà un problema.
      Ma, diversamente, come fai a a pensare che un giocatore meraviglioso, nel pieno della sua maturità, al termine di un Europeo speriamo da protagonista preferisca rimanere in una squadra in perenne sofferenza e invece non provare a giocare una coppa europea assaggiata in precedenza solo perchè la sesta in campionato ha problemi col fisco o con il fair play finanziario?
      Troverei veramente carogna non dargli questa chance.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Kimi Forza Toro - 1 mese fa

        Indipendentemente da Giugno io e te saremo ancora del Toro

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Kimi Forza Toro - 1 mese fa

        ….e non ci pagano )))))) anzi

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Willbull - 1 mese fa

      Non sono d’accordo perché bisogna anche avere riconoscenza verso il ragazzo, ha dato e sta dando tutto a Torino e la società non costruisce neanche una squadra che possa ambire alla uefa, io anche se non lo conosco gli voglio bene e spero possa togliersi qualche soddisfazione sportiva magari un campionato una coppa italia… qui a torino a cosa potrebbe ambire? Io ho giocato a pallone e onestamente neanche lottare per non retrocedere, perché è questa la squadra oggi, non mi avrebbe fatto piacere avrei preso a botte i miei compagni. Poi se secondo voi lui è dello stesso livello di Ferrante o Lucarelli allora può anche stare a Torino

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Nero77 - 1 mese fa

      L esame di coscienza se lo devono fare i tifosi che difendono o propongono per il rinnovo a gp!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Kimi Forza Toro - 1 mese fa

        Mi fai scassare

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Madama_granata - 1 mese fa

      B R A V I S S I M O
      Kimi Forza Toro: così parla un Vero Cuore Granata!
      Vergognoso invitare Belotti ad andarsene, solo per potersi poi lamentare perché non abbiamo più il nostro Capitano!
      Lui “la barca che affonda”, per ora non l’ha abbandonata; tanti tifosi galleggiano ormai lontani sulla scialuppa..!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Madama_granata - 1 mese fa

    Troise (IamNaples.it): “Belotti è l’attaccante italiano più completo, merita un altro contesto”

    Madama Granata:
    “Belotti è un calciatote del Torino Calcio e l’attaccante italiano più completo, e merita di essere lasciato in pace qui dov’è”.
    Belotti sa di far gola a tutte le tifoserie, partenopea conpresa, ma “se”, anzi “se mai” un giorno triste e disgraziato volesse andare a giocare altrove, sarà perfettamente in grado di decidere lui dove e come, senza ascoltare la “sirena napoletana Troise”.
    Belotti oggi dove sta, sta bene: è amato (tradotto per il signore di Napoli: è voluto bene), rispettato e stimato da tutti.
    E il popolo granata merita che “quelli degli altri contesti” si preoccupino dei giocatori loro, pensino ai giocatori loro, si facciano i fatti loro, e non si interessino al nostro Capitano.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. zaccarelli - 1 mese fa

      .” Mi dispiace vederlo in una squadra in difficoltà, sarei curioso di vedere lui in un Torino forte e di grande livello che sappia metterlo più volte davanti alla porta facendogli risparmiare qualche chilometro di corsa”

      Ho solo copiato-incollato un pezzo dell’articolo.
      Anche a me inizialmente dava fastidio il concetto, invece leggendo l’articolo il giornalista afferma che il Gallo é sprecato in una società non adeguata, non mi sembra dica che debba andare via dal Toro, ma che QUESTO Toro ( giocatori e società non lo facciano lavorare al meglio)

      Juve e Lazio merd4 A tutti

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. policano67 - 1 mese fa

    Andrea e un ottimo attaccante nonche un bravo ragazzo.se vuole aspirare a qualcosa di meglio per la sua carriera deve anda via.puo restare solo se il magnate va via e vi sia un progetto per fare bene.con cairo perdera pure la nazionale

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. user-14287754 - 1 mese fa

    si è vero il nostro meraviglioso capitano merita di più ma con noi!! quindi Cairo e compagni di squadra e ora di dare tutto per il capitano e per noi tifosi per che noi ci siamo vedete di esserci anche voi!! FORZA TORO MIO..!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Toroperduto - 1 mese fa

    Anche noi meritiamo un altro presidente e invece abbiamo il peggiore di tutti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Il Vittoria - 1 mese fa

    Sarà pure vero… comunque, Troise, fatti i cazzi tuoi!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. stanislaobozzi - 1 mese fa

    anche noi meritiamo un’altro contesto… per andrea voglio il meglio, se lo merita e, purtroppo per noi, non potrà essere la cairese fc

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. Nero77 - 1 mese fa

    Dispiace dirlo,ma è la verità. ANDREA meriterebbe una società ambiziosa che possa soddisfare le sue ambizioni sportive.Grazie Urbanetto

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy