I prestiti del Toro: Rauti, col Monza subito in gol. Poi la concorrenza lo frena

Focus on / Il centravanti ha lasciato Torino a gennaio, ma al Monza si è trovato a competere con altri quattro attaccanti per trovare spazio

di Alberto Giulini, @albigiulini

Una stagione a metà tra Torino e Monza. Dopo sei mesi trascorsi da fuoriquota con la Primavera di Marco Sesia,  Nicola Rauti ha scelto a gennaio di muovere i suoi primi passi nel mondo dei professionisti, aggregandosi alla squadra di Cristian Brocchi in Serie C.

LEGGI – I prestiti del Toro: Oukhadda, a Siena la stagione della consacrazione in C

IN PRIMAVERA – Prima del suo trasferimento a Monza, il centravanti aveva fatto la spola tra prima squadra e Primavera, presenziando in quattro occasioni in panchina, ad inizio stagione, agli ordini di Walter Mazzarri. Rauti poi è sceso in pianta stabile con la squadra di Marco Sesia, collezionando sette reti (frutto di una tripletta e due doppiette) in tredici presenze. Nel mercato di gennaio il Torino ha fatto una scelta votata a dare precedenza alla crescita del giocatore, con il trasferimento in prestito secco al Monza, capolista in Serie C nel girone A. Ma alla corte di Cristian Brocchi non è stato facilissimo ritagliarsi un proprio spazio.

I prestiti del Toro: Oukhadda, a Siena la stagione della consacrazione in C

GOL E CONCORRENZA – La squadra di Silvio Berlusconi, ampiamente al comando nel proprio girone, è stata infatti costruita con giocatori di altissima qualità. Rauti si è quindi trovato a insieme ad altri quattro attaccanti potenzialmente titolari a giocarsi due sole maglie nel reparto avanzato. Ma il centravanti, quando chiamato in causa, ha saputo dimostrare il suo valore: all’esordio, mandato in campo nel recupero, ha infatti trovato il gol al primo pallone toccato. Una rete che però non gli ha comunque assicurato un posto fisso nell’undici titolare: il bilancio complessivo parla di una gara da titolare, quattro spezzoni da subentrante e tre panchine. Col senno di poi, dunque, sarebbe stato più congeniale cercare una squadra che desse più garanzie di poter trovare spazio, in attesa di capire se e come riprenderà anche la Serie C.

LEGGI – I prestiti del Toro: Boyé, nella Serie B inglese una stagione deludente e sfortunata

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy