Con Nicola è un Toro da rimonta

Controcorrente / Granata bravi a pareggiare dopo venti minuti in balia del vento atalantino

di Gino Strippoli

Il Torino visto contro l’Atalanta è sicuramente una squadra che non rinuncia a giocare e non si arrende mai. La rimonta, sotto di tre gol, è qualcosa di importante soprattutto dal punto di vista del morale e fa sicuramente crescere l’autostima nei giocatori. Addirittura si è anche sfiorata la vittoria nel finale con la punizione di Verdi . È un punto prezioso visto che dopo 20 minuti la partita sembrava già conclusa con una sonante sconfitta. Invece c’è stata una forza di reazione importante anche se l’Atalanta ci ha messo molto del suo quando in vantaggio per 3 a 0 ha iniziato a giocare con troppa sufficienza, perdendo molti palloni in fase di possesso palla che hanno permesso al Toro di respirare e fare anche delle ripartenze importanti. I gol di Belotti e di Bremer sono figli di una squadra che in attacco si è mossa bene rendendosi sempre pericolosa. Anche prima del gol del “Gallo” il Toro è sembrato sempre che potesse far male alla difesa nerazzurra, e così poi è stato. Poi la mossa di Nicola di mettere nel finale un Toro tutto votato all’attacco con l’entrata di Verdi e Bonazzoli ha portato il frutto del pareggio, meritatissimo.

BERGAMO, ITALY – FEBRUARY 06: Federico Bonzzoli of Torino FC celebrates after scoring their side’s third goal during the Serie A match between Atalanta BC and Torino FC at Gewiss Stadium on February 06, 2021 in Bergamo, Italy. Sporting stadiums around Italy remain under strict restrictions due to the Coronavirus Pandemic as Government social distancing laws prohibit fans inside venues resulting in games being played behind closed doors. (Photo by Emilio Andreoli/Getty Images)

Adesso veniamo alle note dolenti. Non è possibile, anche contro una squadra forte come l’Atalanta incassare in soli 20 minuti be tre gol da azioni manovrate. La corsia di sinistra occupata da Bremer e Murru è stata praticamente sempre saltata dal duo Gosens-Ilicic tant’è che i due gol su tre sono nati da quella parte. Poi il gol di Muriel ha condensato tutta la fragilità di una difesa andata subito in apnea. Ed è strano perché poi dopo aver subito il terzo gol i vari Izzo, Nkoulou e Bremer sono diventati poi invalicabili, giocando spesso d’anticipo. D’altronde per tutto il secondo tempo, eccezion fatta per il tiro di Miranchuk che è andato a sbattere sul palo, l’Atalanta non ha mai fatto tiri verso Sirigu. C’è sicuramente da lavorare sull’approccio alla partita che è stato davvero devastante in negativo per i granata. Anche il centrocampo era sempre scavalcato dalla velocità del gioco degli uomini di Gasperini e Mandragora come Lukic sono andati in tilt in quei fatidici 20 minuti. Tutto sommato poi il nuovo acquisto granata non ha fatto grandi cose però ha tenuto bene il campo e sul gol di Bremer ha preso anche una traversa-palo che avrebbe meritato maggior fortuna.

BERGAMO, ITALY – FEBRUARY 06: Federico Bonzzoli of Torino FC celebrates after scoring their side’s third goal during the Serie A match between Atalanta BC and Torino FC at Gewiss Stadium on February 06, 2021 in Bergamo, Italy. Sporting stadiums around Italy remain under strict restrictions due to the Coronavirus Pandemic as Government social distancing laws prohibit fans inside venues resulting in games being played behind closed doors. (Photo by Emilio Andreoli/Getty Images)

Una partita che ha visto Belotti raggiungere l’11° gol in campionato ma va visto e apprezzato il bel gesto sportivo del capitano granata quando al 34’ cade nei pressi dell’area nerazzurra mentre è rincorso da Romero. L’arbitro indica il fallo e l’ammonizione per il difensore atalantino mentre Belotti ancora a terra gli fa cenno con la mano di no, poi parla ancora con il direttore di gara, facendogli cambiare idea togliendo la punizione e anche l’ammonizione. Palla quindi scodellata con i granata che la restituiscono ai nerazzurri e si era sul 3 a 0 per l’Atalanta. Da sottolineare la prestazione di Singo per quanto riguarda la fase di attacco con lo splendido tiro di esterno destro che è andato a incocciare sulla traversa, un gesto tecnico da campione. Meno bene invece il 17 granata sulla mediana esterna dove ha regalato un paio di palloni per due ripartenze per l’Atalanta davvero pericolose. Tutto sommato nell’arco dei 94 minuti il Toro ha fatto la prestazione che doveva fare, ma occhio a questi approcci negativi alla partita perché non sempre si trovano squadre che hanno delle eclissi totali come si è verificato sabato a Bergamo e ti danno la possibilità di rimontare tre gol. Il pareggio, anche se positivo, non smuove più di tanto la classifica ed è chiaro che per salvarsi anche un Toro combattivo come quello visto contro l’Atalanta deve iniziare a vincere.

21 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. mp63 - 3 settimane fa

    L’Atalanta ha giocato al risparmio ma è stato un errore. Belotti riesce sempre a trovare il modo di dare fastidio anche se Zaza non si capisce con chi giochi. Certo che il grigione pensava alla coppa ed al Napoli ma a noi non interessa. La differenza in campo è notevole solo nella grinta e nella preparazione ( che mi lascia dei dubbi – corrono sempre come matti per tutta la partita, scalciano e spingono ma sono sempre freschi ). Certo che se parliamo di Ilicic e Gollini siamo su un altro livello ma gli altri sono di livello medio. Con Nicola hanno dimostrato di non mollare ma sono sempre disattenti in difesa. La faccia di gasperini quando è uscito era tutto un discorso. Ben ti sta, banfone di cacca.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. iugen - 3 settimane fa

    Mettessimo insieme i primi tempi di Giampaolo con le rimonte di Nicola saremmo primi in classifica

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Ardi - 3 settimane fa

    Ora, non è certo per difendere nessuno, anzi, tanto meno cairo che odio forse più dei gobbi, ma volevo dare delle statistiche giusto per far vedere che non è che siamo proprio fortunelli, lo so sarà una statistica che non rivelerà tutta la verità, però intanto è questa: il crotone che ha quattro punti in meno di noi ha la differenza reti a meno 28, il Parma che ha tre punti meno di noi è a meno 27, il Cagliari con un punto meno di noi, ha la differenza reti a meno 15 , noi con 16 punti fatti abbiamo la differenza reti a meno 9 , lo spezia che ha 21 punti ha la differenza reti a meno dieci, la viola con 22 punti meno 12, il benevento che ha 23 punti ha la differenza reti addirittura a meno 17 , quasi il doppio della nostra ed ha 7 punti più di noi, se a questa statistica aggiungiamo che Sirigu ha la media gol tiri in porta del 47% , mentre il miglior portiere di seria a di quest’anno, fino ad ora ce l’ha al 86% , indicativamente si può dire che, nella prima statista a molte squadre è andata meglio di noi di parecchio tra differenza reti e punti fatti, nella seconda statistica si evince, che al contrario degli altri anni Sirigu ci sta facendo perdere un mucchio di punti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Tommydado - 3 settimane fa

    e adesso 9 punti nelle prossime 3 partite e poi vittoria nel derby con nicola che grida in faccia al gobbo mollusco sulla panchina degli strisciati …campionato finito … Forza Toro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Gigiotto - 3 settimane fa

    Vedo molti elogi, ma qualcuno si pone la domanda se è successo tutto questo perché dovuto al fatto che l’ Atalanta si sia fermata pensando di avere vita facile e calando di motivxione non si è più ripresa?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. filippo67 - 3 settimane fa

      Aveva tutto il tempo per riprendersi e tornare a giocare come prima,se non l’ha fatto è stato merito del Toro che è riuscita a metterla alle corde,vale a dire 45 minuti piu’ recupero.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. stanislaobozzi - 3 settimane fa

    per un momento avevo letto è un toro da … monta 🙂

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Bacigalupo1967 - 3 settimane fa

      Anche io 🙂

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Marchese Granata - 3 settimane fa

        Perché avete sempre una cosa in testa!!! 🙂

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. spiritolibero - 3 settimane fa

          A me la rimonta non succede da anni

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. maxx72 - 3 settimane fa

            Be da monta…un pochino l’Atalanta l’hanno montata ben bene…vedere la faccia di Gasperini.

            Mi piace Non mi piace
  7. FORZA TORO - 3 settimane fa

    ok gran pareggio di cui essere fieri,speriamo sia il segno del nostro riscatto,ma l’ultima frase dice tutto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Toroperduto - 3 settimane fa

    Premesso che Nicola come Giampaolo hanno il mio appoggio io non riesco proprio a capire come vengano fatti i giudizi.

    Qua tutti gasati perché rimontiamo io sono preoccupato per come entriamo in campo invece pronti via sempre sotto contro Benevento Fiorentina e Atalanta, non mi sembrano grandi approcci alle partite.
    Poi se lo scrivi sei un gobbo di merda e va bene.
    Ma intanto analizzo le cose obiettivamente non a simpatia o antipatia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Mimmo75 #prexit - 3 settimane fa

      Scrivo la stessa cosa da dopo Benevento, ma ormai Cairo co ha ridotti talmente in basso che ci esaltiamo per dei pareggi in rimonta

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Toroperduto - 3 settimane fa

        Si lo so ti ho letto.
        È difficile commentare in questo momento perché il realismo pare a molti sconfinare nel pessimismo.
        È innegabile che un certo carattere si stia intravvedendo, tra l’altro sulla parte fisica o Giampaolo ha fatto la preparazione per uscire alla distanza o i giocatori non correvano apposta, perché certamente corrono un po’ di più ora.
        Sul resto il problema è che se continui ad andare sotto rischi poi di non recuperare.
        Spero di sbagliarmi.
        Tanto mi sembra che siamo tutti d’accordo che la prossima devi vincere se no è inutile continuare a parlare di svolta.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Mimmo75 #prexit - 3 settimane fa

          Esatto, la reazione è l’unico aspetto positivo delle rimonte, nessuno lo nega e il merito è tutto di Nicola. Tuttavia per dirsi tranquilli bisogna che alla reazione seguano le vittorie altrimenti si cola a picco, che con la media di un punto a partita non ci si salva.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. filippo67 - 3 settimane fa

        A Benevento hanno sofferto in molti,a bergamo nessuno avrebbe scommesso 10 delle vecchie lire per un pareggio,l’unica partita della gestione Nicola che si doveva assolutamente vincere era quella con la Fiorentina in 11 contro 9,per il resto sono d’accordo,col Genoa adesso le chiacchiere stanno a zero o si vince o si vince.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Héctor Belascoarán - 3 settimane fa

      Io ti appoggio: Genoa e Cagliari si vince… altrimenti dobbiamo ammettere che stiamo parlando della solita minestra.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. bordeauxgranata - 3 settimane fa

    Sabato servirà un Toro da MONTA…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Marchese Granata - 3 settimane fa

      Già. Almeno per le prossime tre!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. ALESSANDRO 69 - 3 settimane fa

    Comunque una cosa a questo punto è certa: non è la condizione atletica che difetta a questa squadra dato che tutte le rimonte sono avvenute nei minuti finali che ci ha visti in crescendo, a Bergamo addirittura abbiamo rischiato di vincerla e nel secondo tempo l’Atalanta, che corre più di tutte, non ha praticamente fatto un tiro in porta. Segno evidente che la preparazione atletica non è stata deficitaria, Nicola per quanto bravo non può far miracoli in pochi giorni. Evidentemente è proprio un fatto mentale e se recupereremo mentalmente Sirigu e Nkoulu, Nicola in questo è bravissimo, sono convinto che ci salveremo tranquillamente…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy