Il Verona fa la partita e il Toro la pareggia

L’ Analisi di Gino Strippoli / Toro deludente per 66 minuti poi il gol di Zaza salva la partita

di Gino Strippoli

È un pareggio deludente per i granata. Ci si aspettava di più da questo Toro, almeno un’impennata di orgoglio ed invece per 66 minuti i granata non hanno fatto un tiro in porta, ma quello che è peggio e che i granata non hanno giocato. Giocare vuol dire triangolazioni, passaggi verticali, inserimenti, contropiede, ed invece il Toro ha ‘giocato’ solo con i soliti lanci lunghi per Belotti abbandonato sulla fascia sinistra del campo, dove tra l’altro nessun suo compagno ha mai accompagnato l’azione. Quando poi è successo che il Gallo andava in progressione e metteva al centro, sia Zaza che Verdi andavano insieme incontro alla palla dando quindi più possibilità alla retroguardia veronese di controllare i due. Poi certo dopo il bel gol di Zaza, su bel cross di Ansaldi, il Toro negli ultimi 15 minuti ha provato a vincerla e solo il legno ha impedito a Belotti di segnare su colpo di testa. Un Toro che è andato troppo ad intermittenza anche nella seconda parte della partita visto che il Verona comunque non si è mai accontentato del pareggio e ha giocato sempre il pallone.

LEGGI ANCHETorino-Verona 1-1, Longo: “Soddisfatti del punto. Rinnovo? Non ho ricevuto chiamate”

Sulla destra granata Lyanco è sempre stato in difficoltà con il veloce Borini che si è poi conquistato il rigore prendendosi una gomitata da Nkoulou. Tra l’altro la retroguardia granata si è sempre mossa singolarmente e non con movimenti di reparto agevolando le azioni pericolose in area da parte degli scaligeri. Non si riesce a capire come mai Belotti debba sempre defilarsi sulla sinistra portando palla per creare palle gol per i suoi compagni. Dovrebbe essere il contrario con Belotti più centrale. Oggi comunque un po’ di onore al bel gol da vero centravanti di Zaza che ha salvato il Toro da una brutta sconfitta.

LEGGI ANCHETorino, per De Silvestri infortunio alla spalla: si teme una lussazione

Il Lecce e il Genoa hanno vinto e hanno accorciato sui granata che distano a 6 lunghezze dai salentini e a 2 dall’Udinese (che deve ancora giocare) e dal Genoa. La salvezza adesso passa per forza di cose da Ferrara contro la Spal. Complimenti a Juric che ha fatto vedere un bel Verona spavaldo, messo bene in campo, che non butta mai via la palla ma la gioca sempre. Al Toro non si possono fare complimenti perché la prestazione è stata ancora deludente e non bastano quelle fiammate fatte vedere negli ultimi 10 minuti della partita.

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. MASSIMO64 - 3 mesi fa

    Finalmente.Concordo su tutto quello scritto dal buon Strippoli

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Luigi-TR - 3 mesi fa

    partita bruttissima…granata confusionari, approssimativi, fuori condizione
    per come è andata la gara un punto guadagnato
    per le possibilità che c’erano due punti persi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Granata - 3 mesi fa

    Il Verona ha goduto di 1 giorno di riposo in più e questo conta moltissimo. Vero, ha fatto la partita etc etc ma il Toro è riuscito a recuperare e se fosse entrata la palla di Belotti parlaremmo di altro. Siamo sempre stati rimontati e mai abbiamo recuperato quindi un aspetto positivo c’è. Spero che il prossimo allenatore non sia Giampaolo. Vorrebbe dire cambiare i 9 undicesimi della rosa attuale. Mancano tempo, soldi e capacità. In aggiunta vorrei evitargli di raggiungere il settimo esonero in carriera a poco più di 50 anni ( con pochissimi lustri da allenatore ) senza aver vinto alcunché.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy